Torino, Belotti si ferma? Via libera a Niang: il futuro è ancora da scrivere

Verso il match / Il Gallo si ferma, l’ex Milan può sfruttare l’occasione

di Marco De Rito, @marcoderito

Andrea Belotti ancora alle prese con i problemi fisici (leggi qui), questo finale per il Gallo è l’emblema di una stagione che non è andata per il verso giusto. Dalla mancata qualificazione per i Mondiali con l’Italia, al rendimento in granata che non è stato all’altezza anche per problemi fisici, si tratta del terzo stop per il capitano del Toro. Un campionato sfortunato compromesso sicuramente dai guai fisici, perché, come ha ricordato Urbano Cairo nel post-partita (leggi qui) settimana scorsa: “Avendo avuto tre mesi abbondanti d’infortuni non ha potuto giocare certe partite e poi, quando è rientrato, ha dovuto recuperare la forma“. Questo infortunio non preoccupa particolarmente, va detto: una distorsione alla caviglia che può essere recuperabile nel giro di qualche giorno.

Le speranza di vederlo in campo contro il Genoa sono veramente al lumicino. Non è da escludere a priori una sua convocazione per l’ultima gara del campionato. D’altro canto considerando che il match di Marassi, comunque vada, non cambierà la situazione in classifica per il Toro e che ci sono in ballo le convocazioni per la Nazionale con il nuovo CT Roberto Mancini: è verosimile che Walter Mazzarri conceda un turno di riposo all’attaccante azzurro, senza rischiarlo inutilmente. Un’altra motivazione che spinge Belotti verso la panchina è la voglia di riprovare, ancora una volta, M’Baye Niang.

SSC Napoli v Torino FC - Serie A

Il francese naturalizzato senegalese ha disputato una stagione sotto le aspettative. Era approdato nel capoluogo piemontese tra i migliori auspici, dopo un investimento consistente, e non ha reso quanto le aspettative. Il club di Via dell’Arcivescovado deve fare un bel ragionamento sul futuro dell’attaccante: decidere se puntare ancora su di lui o se, consultato Walter Mazzarri che conosce bene il calciatore, decidere di metterlo sul mercato e puntare su altri profili.

Torino FC v Bologna FC - Serie A

In ogni caso l’ex Milan, che contro il Napoli aveva giocato una prova deludente contraddistinta dal nervosismo, dove si è visto che non è riuscito a mettere in atto ciò che voleva; potrebbe aver ritrovato la giusta serenità dopo gli ultimi avvenimenti. La nascita della figlia (leggi qui) e la chiamata per il Mondiale (leggi qui), potrebbe aver infuso un po’ di tranquillità nell’attaccante. Niang contro il suo ex Genoa, nonostante non possa stravolgere il giudizio su un intero campionato, ha un’altra occasione per dimostrare di volere rimanere al Torino anche la prossima stagione. In ogni caso, la certezza è che sul futuro del senegalese non ci sono certezze.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. DARIOGRANATA - 3 anni fa

    vorrei che i “non mi piace” si spiegassero
    non considerano Niang un bidone?
    poveri noi, povero Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13746076 - 3 anni fa

    Niang da vendere basta…. Spero faccia giocare Edera e Bonifazi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13657710 - 3 anni fa

    Madama granata- spero ardentemente che il futuro di Niang si scriva altrove, X riprendere il titolo dell’articolo! Magari provare Edera come prima punta X vedere se potrebbe al bisogno sostituire Belotti? Un attacco con Ljajic, Falque , Edera, e eventualmente Berenguer (X me quello sì, da riprovare) non sarebbe più proficuo che non un caracollante Niang che, come dice il commentatore, pensa alla figlia ( tutti hanno avuto figli, ma non X questo è calata la loro resa!) e alla sua Nazionale? Prima del rendimento, X me sono determinanti voglia ed impegno, anche quando le capacità sono dubbie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Pimpa - 3 anni fa

    Se giocasse sarebbe l’ennesima scelta incomprensibile che,sono certa,domani si sommerà a quella di far giocare Moretti al posto di Bonifazi.
    Avanti così che andiam bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 3 anni fa

    Una parte di me (forse quella buona, che ha pieta’ per gli esseri umani, tutti, senza distinzioni) vorrebbe che Niang esplodesse in qualche modo, anche domani.
    Poi poco importa se quello aiuta a tenerlo o a venderlo.

    Ma ci scometterei due lire? Due si, ma non piu’ di 10 euro.

    Putroppo se uno non fa vedere niente di buono per ANNI e’ un po’ dura crederci.

    Il suo valore di cartellino putroppo e’ frutto del calcio marcio figlio di Raiola e simili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. DARIOGRANATA - 3 anni fa

    Niang titolare?
    Niang é un maleducato che entra in campo sbadigliando, atleticamente goffo, tatticamente incontrollabile
    assurdo il suo acquisto, facilmente prevedibile il suo fallimento dopo due campionati fallimentari
    un bidone da minus valenza sicura
    visto che il Pres Cairo non é un ingenuo, la verità é altrove

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. DARIOGRANATA - 3 anni fa

    Niang titolare?
    Niang un maleducato che entra in campo sbadigliando, un personaggio indegno caratterialmente della maglia granata, atleticamente la negazione del calcio, tatticamente incontrollabile
    deficiente chi lo ha comprato, acquisto inutile, misterioso e assurdo, come il prestito di Sadiq
    invendibile senza una importante minus valenza
    dato che Cairo non é scemo la verità dell’affare é forzatamente altrove
    non guardero” la partita, tanto non conta nulla
    il mio cuore resta granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy