Torino, Berenguer e il problema della continuità: ma lo spagnolo si rivela decisivo

Torino, Berenguer e il problema della continuità: ma lo spagnolo si rivela decisivo

Focus on / Dei 53 punti della squadra di Mazzarri, 9 portano la sua firma tra il gol al Frosinone agli assist con Chievo e Genoa

di Roberto Ugliono

Berenguer sì. Berenguer no. La stagione dello spagnolo è un po’ come fare “m’ama, non m’ama” con una margherita, perché l’esterno ex Osasuna alterna prestazioni di livello ad altre sottotono. Questo continuo oscillare, poi, si rivede anche all’interno di un singolo match e la partita con il Genoa è forse il miglior esempio.

DECISIVO – Proprio contro il Grifone, Berenguer ha giocato una prima frazione deludente. Partito sul centro-sinistra, dove ha incontrato parecchie difficoltà, è stato poi spostato da Mazzarri sul centro-destra e i risultati non si sono visti da subito. Per vedere il meglio dell’iberico si è dovuto aspettare la ripresa, durante la quale è salito il suo livello di gioco e ha così fornito l’assist decisivo per la rete di Ansaldi. Proprio in quell’occasione si è visto il potenziale del ragazzo, che ha protetto palla da centravanti per aspettare l’inserimento del terzino argentino e ha servito poi il compagno con un tocco dosato con la giusta forza e con la tempistica perfetta.

POTENZIALE – Questa giocata è l’ennesima dimostrazione delle capacità dell’esterno spagnolo, che, in questa stagione, ha portato 9 punti (sui 53 totali) al Torino tra assist e il gol con il Frosinone (potevano anche essere 12 con la rete di Udine). Per questo motivo, tenendo anche in considerazione la poca fantasia nella rosa granata, Berenguer potrà rimanere una pedina importante. La riflessione che viene scontata fare, allora, è che se il ragazzo fosse meno altalenante nell’arco di una singola partita, potrebbe essere ancora più decisivo per il Toro e i granata risolverebbero anche una parte dei problemi offensivi incontrati durante la stagione. Dunque l’interrogativo è: che giocatore potrebbe essere Berenguer se solo fosse più continuo?

23 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alètoro - 4 mesi fa

    Condivido pienamente sul fatto che la maggiore lacuna tecnica dello spagnolo Berenguer è la continuità di rendimento.
    Le sue prestazioni sono arricchite anche da giocate individuali di qualità, tuttavia, ribadisco, esse risultano troppo alterne a consuntivo della valutazione globale.
    Come Baselli, egli non è dotato di fisicità e questo fattore lo penalizza in un campionato italiano in cui l’aspetto atletico è di prioritaria importanza, quasi quanto quello puramente tecnico – tattico.
    Per quanto riguarda la posizione in campo, al termine della partita di Parma, egli affermò di prediligere il ruolo di trequartista anziché quello di esterno a sinistra.
    Nelle gerarchie del tecnico Mazzarri, pare che egli rappresenta la prima alternativa al connazionale Iago Falque.
    Personalmente gli preferisco Parigini, in quanto, a mio parere, Vittorio, pilastro della Nazionale Under 21,è dotato di maggiore esplosività fisica e quindi rapidità di movimento, nonché maggiormente abile nel saltare il diretto marcatore avversario creando quindi superiorità numerica. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Kieft - 4 mesi fa

    Condivido le tue critiche alla prestanza fisica di berenguer, anche se non vedo tutti questi errori nel gestire il pallone. Anzi è lui che si occupa dei calci piazzati perché con iago e baselli è il più bravo. Ho letto più volte la tua stima per de Silvestri, lui si che bisticcia con il pallone e quando deve far girare palla velocemente per aggirare le difese chiuse perde almeno un tempo per il controllo palla….però come te spero di vedere parigini titolare e anch’io difendo il nostro under 21..non bocciamo i giovani …hanno bisogno di tempo ….se dimostrano qualità fisiche o tecniche ma soprattutto impegno…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Madama_granata - 4 mesi fa

      Gira e rigira, sempre quello è il nostro assillo: pensare come e con chi poter migliorare il nostro Toro!
      Per ciò che riguarda poi i nostri giovani, sai che io sono sempre pronta a difenderli, e a spezzare una lancia per loro, ancor più se arrivano dalle “giovanili” e se tifano Toro!
      Parigini, per me, ha DIRITTO di giocare quanto tutti gli altri giovani, prima di essere giudicato. Berenguer, Aina, Meité hanno sempre la prova d’appello, nonostante gli errori, e non solo di gioco! Cose buone il torinese le fa vedere spesso, se e quando lo mettono in campo. Dimostrare chi sei e cosa vali dalla panchina o in un quarto d’ora è dura: per voler strafare, rischia di sbagliare. A maggior ragione dimostra di tenerci al Toro!
      A me di De Silvestri piace la persona e la figura del giocatore: serio, onesto, mai una lamentela o una contestazione, sempre pronto a sacrificarsi x il gruppo.
      In campo non è un campione, ma un discreto calciatore, che fa sempre il suo dovere, non si risparmia mai, e ce la mette sempre tutta.
      Spesso i giocatori, nelle loro dichiarazioni, o nei giudizi su se stessi, sono tronfi, supponenti e saccenti, non conoscono la modestia e non dimostrano affatto attaccamento alla nostra maglia, anzi (Acquah che voleva giocare in Inghilterra, o Cerci che voleva entrare “nel calcio che conta”: per loro, e per molti altri, il Toro non era abbastanza!).
      De Silvestri, dopo Moretti, è per me il miglior esempio per i nostri giovani.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Kieft - 4 mesi fa

        Condivido tutto …. però per migliorare la nostra classifica e soprattutto il nostro gioco in futuro non potranno bastarci i discreti calciatori seppur seri ma dovranno essere affiancati da giocatori talentuosi….non essere troppo severa con cerci …..non puoi fargli una colpa di essere stato ambizioso ….ha dato tanto al toro ….è venuto a Torino quando aveva molte altre opportunità e il toro era molto meno appetibile di oggi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Madama_granata - 4 mesi fa

    Berenguer non attacca l’uomo, si fa attaccare, e subisce; non difende il pallone, se lo fa portare via quasi sempre; non fa sgroppare a tuttocampo, non dribbla l’avversario, sbaglia molto spesso i passaggi, è impreciso nelle conclusioni e sciupa troppe palle.
    Per dirla con i cronisti, “non ci mette il fisico!”.
    Tutto sommato ha giocato molto nell’arco dell’anno: gare intere e molti “spezzoni” da 75 minuti su 90.
    Di mestiere fa l’attaccante: non trovo miracoloso, ma nemmeno solo buono, che abbia sparato fuori decine e decine di palloni e sbagliato infiniti passaggi.
    Poi, in tutto l’anno, ha centrato 1 volta la porta e fatto 2 assist: se andiamo a contare i punti (gol + assist) di Izzo o Nkoulou credo che superino quelli di Berenguer, eppure i 2 sono difensori puri!
    Per l’Europa, sempre a mio modesto parere, ci vogliono dei “mastini ringhianti e tenaci”, che non mollano mai l’osso (per stare in casa nostra gente come Rincon e Belotti) oppure dei giocatori “fini, ma sopraffini”, con una tecnica che, purtroppo per noi, Berenguer non possiede affatto ( Baselli, che comunque al suo confronto sembra un “toro”, oppure il miglior Iago Falque).
    Io non punterei su Berenguer,l’ho detto cento volte: o abbiamo i soldi x comprare un affermato campione, o insisterei su Parigini x il fisico, la corsa, la forza, la determinazione, la grinta.
    Due azioni ha fatto:
    – in una ha recuperato la palla, l’ha difesa, ha attraversato tutto il campo, ha dribblato gli avversari, e poi, in corsa, ha tirato sul portiere.
    – nell’altra ha seguito Belotti nella sua corsa verso la porta avversaria, ha atteso il passaggio, ha tirato e il portiere avversario ha parato, di nuovo!
    Che disdetta! Eppure i portieri avversari sono lì proprio x parare: quante azioni ha concluso così lo stesso Belotti?
    Da noi, in 10/20 minuti di gioco ed infinite panchine, può fare poco, ma almeno dimostra la voglia non solo di voler fare, ma di voler strafare!
    Non dimentichiamo che in Nazionale Under 21, dove ha il tempo per giocare ed esprimersi, Parigini fa sempre ottime prestazioni e numerosi gol.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

      La palla non passata da Parigini a Belotti in quel di Parma grida ancora vendetta.
      Under 21 e serie A sono due sport diversi, così come campionato primavera e serie A o anche solo serie B.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. DavideGranata - 4 mesi fa

        Gettar merda sui Giovani del Vivaio è proprio il tuo mestiere preferito.

        Non oso pensare che cosa inventeresti per screditare Parigini se avesse avuto la fortuna dei vari bidoni (ai quali viene sempre data la seconda, la terza, la quarta, la quinta opportunità), vale a dire quella di poter giocare con continuità almeno 8 partite.

        Anche se facesse un gol a partita o 2/3 assist a partita, diresti che è un brocco alla stessa maniera con cui lo giudichi per la partita di Parma.

        E con il Genoa non lo giudichi…???

        Ah già, è vero, a Genoa si è vinto, dunque lo hai “graziato” per il suo errore.

        Ma chissa come lo avresti caricato di imprperi se, per caso, il Genoa avesse pareggiato…!!!

        P.S.: Se mi metto ad elencare tutte le cazzate fatte da Berenguer, in fase di interdizione, di attacco, di creazione del gioco, di ultimo passaggio, ecc., potrei scrivere una enciclopedia.

        Non parliamo di Zaza, poi…!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. commercial_9666663 - 4 mesi fa

    Giocatori che possano migliorare questa squadra vanno dai 20 milioni in su se vuoi delle certezze… Te ne dico alcuni che sarebbero perfetti e che forse cambieranno squadra: Gagliardini Sensi Pereyra Rog… A meno che tu non faccia un colpaccio in uscita occorre sperare nelle capacità di Petrachi (qualche errore ma tante scommesse vinte) e, in caso di qualificazione UN acquisto forte, e sarei già contento

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Calogero - 4 mesi fa

    Speriamo solo che a fine campionato abbiano le idee chiare su chi cedere e su chi tenere a prescindere da quale sarà il piazzamento della squadra…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-14057417 - 4 mesi fa

    nel 433 lui potrebbe dare un buon contributo e potrebbe essere più continuo nel rendimento, ma prima di questo dovrebbe scomparire dai radar quel l’incompetente di mister polemica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. commercial_9666663 - 4 mesi fa

      Ah guarda è talmente incompetente che facciamo la migliore stagione da 25 anni a questa parte… Ah aspetta, sei di quelli che vogliono Stellone? No aspetta, De Zerbi! Ahhh noooo Longo!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

        Suggerirei Pippo Inzaghi…. O perché no il ritorno di mister 2-2-6 il grande stratega Sinisa con Lombardo vice!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-14057417 - 4 mesi fa

    berenguer andrebbe benissimo x il 433,e giocando con co tinuita’si e in un ruolo appropriato si potrebbe vedere se arriverebbe quella continuità di rendimento che finora non c’è stata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. granatadellabassa - 4 mesi fa

    Berenguer è un attaccante esterno, mettilo in un 4-3-3 e la musica cambia.
    Da noi è sacrificato come del resto Parigini e Iago.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. patricio.hernandez - 4 mesi fa

    è un giocatore da calcetto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Bischero - 4 mesi fa

    Stesse parole che ho dedicato Nell altro articolo per parigini. Desilvestri Berenguer parigini baselli. Cedendo questi portiamo a casa 30 milioni a cui dobbiamo aggiungere i 12 di niang i 6 di ljaijc i 6 di boye. In tutto siamo sui 50 milioni per comprare sti 3 o 4 giocatori che servono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. commercial_9666663 - 4 mesi fa

      Ah guarda i giocatori da 7/8 milioni fanno la differenze di solito
      Madonna mia ma perché sto a leggere ste cavolate…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 4 mesi fa

      Solo baselli ne vale 20

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. SiculoGranataSempre - 4 mesi fa

    Tecnica non sufficientemente elevata per sopperire ad un fisico non adatto al calcio moderno. Contro le squadre con terzini puri o esterni fisici non ha scampo. Sono d’accordo che può essere un valido rincalzo ma a noi in quella zona di campo serve un talento vero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mirafiori64 - 4 mesi fa

      hai ragione, tecnicamente è forte ma se pesi 20 kg bagnato o hai i piedi di messi o e veramente dura

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

        Mandiamolo dove in 4 mesi Kean ha messo su 20 kg di muscoli….
        Chissà come avrà fatto….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. wendok - 4 mesi fa

    berenguer nn ha il fisico da serie A. e non ha quelle.doti tecniche che vi possano sopperire. Iago nn ha il fisico ( x esempio ) ma ha doti tecniche di tutt’altro livello. berenguer un utile rincalzo. tutto qua

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Tifoso da Malta - 4 mesi fa

    Il problema di Berenguer é che lui é troppo delicato.
    Berengeur manca la soliditá e la robustazione di altri giocatori.
    É ideali per calciare corner e altri calci fissi. Ma anche qui lui ha bisogno di molto technica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy