Torino, Bremer acquisisce sicurezza: così può scalare le gerarchie

Torino, Bremer acquisisce sicurezza: così può scalare le gerarchie

Focus on / Il difensore brasiliano cresce di partita in partita e i suoi miglioramenti sono a tutto tondo, dagli aspetti tecnici a quelli mentali

di Redazione Toro News

Mazzarri e il Torino hanno nuovo punto di riferimento per la difesa ed è Gleison Bremer. Il difensore brasiliano arrivato la scorsa estate dall’Atletico Mineiro si sta conquistando, partita dopo partita, sempre più fiducia da parte del suo allenatore. Dopo il finale di stagione positivo dell’anno scorso, Bremer ha saputo farsi trovare pronto anche in questa situazione. Con Djidji e Lyanco indisponibili e il solo Singo pronto a subentrare, il difensore brasiliano ha saputo giocarsi le sue carte, mettendo in mostra una crescita importante e soprattutto delle qualità che, nella difesa a 3 ‘mazzarriana’, gli torneranno molto utili.

Europa League, domani il sorteggio dei playoff può indirizzare la stagione del Torino

ULTIME USCITE – Sia all’andata che al ritorno contro il Debrecen ha fatto vedere forza fisica, buone letture e una certa confidenza palla al piede (vedi il lancio per Ansaldi in occasione del 2 a 0 segnato proprio dall’esterno argentino ad Alessandria). Anche in terra ungherese si è ripetuto, lanciando quei segnali che Mazzarri non poteva che attendere: Bremer può essere investito di più responsabilità. E il merito non può che essere di tutti, del giocatore per l’applicazione e la pazienza, mentre per l’allenatore che ha saputo inserire con i giusti tempi un ragazzo che aveva bisogno di imparare. A tal proposito era intervenuto proprio lo stesso Bremer dopo la gara d’andata contro il Debrecen: “Ho imparato molto con Mazzarri, è un tecnico che aiuta molto” (QUI l’intervista completa).

CONCENTRAZIONE – E i frutti si vedono sempre di più. Se il suo esordio dal primo minuto in Serie A era stato macchiato da un errore di concentrazione, ora – nonostante gli avversari di turno non fossero sicuramente del calibro di Cristiano Ronaldo e compagni – sta dimostrando una crescita anche in questo aspetto. Nella gara d’andata aveva fatto vedere qualche incertezza, mentre in quella di ritorno è riuscito a ridurre al minimo le sbavature. Così Bremer è riuscito a scalare le gerarchie ed è diventato una valida alternativa a Djidji.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paolo - 3 settimane fa

    Gli sfugge Cristiano Ronaldo e allora è acerbo, gioca bene con il Debrecen e diventa il nuovo punto di riferimento della difesa… Non c’è bisogno di dare sempre giudizi, facciamoli crescere tranquilli questi ragazzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. eurotoro - 3 settimane fa

    Tutto passa dall’accesso ai gironi…abbiamo 6 centrali tutti affidabili chi piu chi meno…e schierarne 3 il giovedi e 3 freschi la domenica sarebbe un vantaggio enorme rispetto alla concorrenza…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Simone - 3 settimane fa

    Magari attendiamo di vederlo contro squadre di altro rango…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granatadellabassa - 3 settimane fa

    Lo avrei visto volentieri titolare in prestito in una squadra di serie A.
    Ma con Bonifazi sul piede di partenza (il suo rientro tardivo parla chiaro) e la coppia Lyanco-Djidji ai box, diventa indispensabile.
    Comunque piace molto anche a me.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FVCG'59 - 3 settimane fa

    Mi pare un brasiliano atipico: semplice, umile, con la testa sul collo, e i risultati si vedono ed apprezzano.
    Dallo scorso anno è cresciuto molto: molto forte di testa, più disciplinato in campo, non cerca di strafare ma dimostra che i piedi sono brasileri.
    Siccome è anche giovane, se continua su questa strada può diventare un grande difensore:una probabile grande e graditissima sorpresa!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Madama_granata - 3 settimane fa

    A me Bremer piace.
    Mi piace più di Singo, giovane ed immaturo per ora, che non immagino né in una competizione europea, né contro una “grande” in campionato.
    Bremer lo vorrei vedere in competizione con Lyanco. Siamo proprio sicuri che il suo compatriota, sempre salute permettendo, gli sia superiore?
    Djidji ha tutto il tempo di riprendersi dall’ intervento con calma: per me in Bremer ha un degno sostituto.
    Se riuscissimo a giocare in tutte e tre le competizioni, e vedendo come gli infortuni siano continui e ricorrenti, non venderei Bonifazi: ci sarà posto per tutti!
    Anche Nkoulou ed Izzo dovranno prima o poi rifiatare, potranno permettersi un’influenza o un mal di pancia, e subiranno qualche stop x somma di cartellini: inevitabilmente!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 3 settimane fa

      Gentile signora,
      La sua stilettata nei confronti di Lyanco non manca mai.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iugen - 3 settimane fa

        Beh non ha tutti i torti, è sempre rotto, non dà molta sicurezza, arrivasse un’offerta da 15-20 milioni ci penserei seriamente a vederlo, anche a costo di vedere la sua valutazione raddoppiata in un anno. I rischi che faccia un’altra stagione più in infermeria che in campo sono parecchi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Madama_granata - 3 settimane fa

        Chiedo scusa, ma non posso farci nulla: Lyanco, fino a prova contraria, non mi convince.
        Non l’ho mai bocciato a priori, solo aspetto di vedergli dimostrare in campo e con i colleghi le grandi qualità che sembra avere.
        Come tanti co-tifosi hanno dubbi su Edera e Parigini, su Bonifazi e Baselli e De Silvestri, io nutro dubbi su Lyanco!
        De Silvestri, Baselli, Parigini ed Edera hanno già dimostrato molto però, sia in campo, sia nello spogliatoio, con dedizione ed attaccamento alla maglia.
        Io, e tutti quelli che la pensano come me, Lyanco lo stiamo ancora aspettando!
        E, per il bene del Toro ovviamente, speriamo di trovare presto in lui un campione e un grande uomo.
        Quasi sempre concorde con lei sui vari argomenti, spero che anche questa volta riusciremo a concordare presto il giudizio su Lyanco.
        Saluti e buona domenica a tutti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Ardi - 3 settimane fa

          Lyanko a livello fisico non convinto neanche me. Forse ha ragione iugen se si vendesse, ma ad almeno 25 milioni rischierei di farlo anche a costo che raddoppi il suo valore. Ma solo a queste cifre. Poi l’auspicio più grande è che diventi un big da noi, ma ho paura per l’aspetto fisico

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. SSFT - 3 settimane fa

          De silvestri e baselli sicuro, ma che edera e parigini abbiano dimostrato più di lyanco proprio no. Pur con tutti i problemi fisici (e ricordo che tra infortuni traumatici alla caviglia e problemi muscolari non c’è correlazione) e senza numeri alla mano, è molto probabile che abbia fatto più partite da titolare lyanco in serie a che simone e vittorio messi insieme. Non a caso uno appena arrivato al bologna è diventato titolare, l’altro è finito dietro destro nelle gerarchie.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Ardi - 3 settimane fa

          Madama anche a me piacerebbe che parigini ed edera diventassero forti e titolari inamovibili. Il progetto ajax è quello a cui mi ispiro, ma non mi sembra plausibile dati i risultati

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        4. BACIGALUPO1967 - 3 settimane fa

          Un conto sono i problemi fisici avuti non imputabili alla professionalità del ragazzo, un altro è dare al ragazzo del vacanziero perché ha seguito il programma di recupero del professor TAVANA, o accusarlo di un eccesso di entusiasmo per la vittoria del Bologna sul toro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Torello_621 - 3 settimane fa

      Su Lyanco il dubbio ci può stare, ma Parigini e soprattutto Edera hanno dimostrato in due campionati meno di Millico in 15 minuti. E non parlo del goal dell’altro giorno, ma di una evidente dote naturale per il gioco del calcio che Vincenzo ostenta prepotentemente e chiunque veda le partite osserva, ciò che gli altri due non hanno minimamente.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy