Torino, dal Canavese al granata: la scalata del trio Bava-Sesia-Fabbrini

Torino, dal Canavese al granata: la scalata del trio Bava-Sesia-Fabbrini

Giovanili / Nonostante la rivoluzione nell’organigramma, il Settore giovanile granata riparte da un trio che già si conosce bene

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Sono state due settimane di fuoco per il Settore giovanile granata, caratterizzate da una vera rivoluzione. Nel giro di 10 giorni sono cambiati il ruolo di Responsabile del settore giovanile (da Bava a Fabbrini) e di tecnico della Primavera – con l’addio di Coppitelli sarà Sesia a ricoprire questo ruolo – e per questa categoria sarà ancora Bava a svolgere le funzioni di Responsabile. Come scritto nei giorni scorsi, il trio Bava-Fabbrini-Sesia si conosce da tempo, ovvero da quando nella stagione 2008-2009 si trovavano tutti al Canavese. Anzi si può dire che per il neo direttore sportivo granata, gli altri due sono veri e propri uomini di fiducia, essendo stato lui a portarli al Torino.

Esordio in Europa League, conferme da Alessandria: apertura totale al Torino

RODAGGIO – Il rapporto che c’è già tra i tre potrebbe essere un fattore di vantaggio per il Settore giovanile, che è chiamato a ripetere gli ottimi risultati degli ultimi anni. Di certo, per ora, c’è che, avendo lavorato insieme in passato, Bava, Fabbrini e Sesia non avranno bisogno di un periodo di rodaggio. D’altronde i tre conoscono i rispettivi metodi di lavoro e questo potrebbe ottimizzarne i risultati.

RADICATI – Inoltre c’è un altro aspetto da non sottovalutare. Tutti quanti sono esperti del panorama calcistico piemontese, dai dilettanti ai professionisti. Il Torino potrà quindi ripartire da un trio che conosce molto bene il territorio, avendo avuto a che fare con diverse realtà ed essendo ormai radicati in Piemonte. I risultati ottenuti negli anni ne sono solo una piccola dimostrazione.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user_13544470 - 4 mesi fa

    Bava è un fuoriclasse, a Cuneo insisteva molto sul creare un gruppo dirigenziale molto affiatato che non facesse uscire niente all’esterno, una società forte è alla base di ogni successo.
    Sta creando uno Staff(tutti passati per la “sua” Canavese) di persone fidate, al di là dell’aspetto tecnico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13958142 - 4 mesi fa

    Ragazzi per chi usa l’applicazione: io nella maggior parte degli articoli per vedere i commenti devo andare sul sito di toronews e inoltre non si vedono i pollici in su e in giù nell’applicazione, anche voi avete questo problema?comment_parent=0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Il_Principe_della_Zolla - 4 mesi fa

    Bava ministro senza portafoglio, la vedo dura. Forza e coraggio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. GlennGould - 4 mesi fa

      Fosse solo quello il problema.
      E detto da me, che spesso e volentieri difendo la società, ce ne va..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Mestregranata - 4 mesi fa

    Spero che le persone nuove entrate nel mondo Toro quest’anno abbiano competenze e qualità perché deficitano in esperienza.Una stagione ed un mercato più importante ed impegnativo ci aspetta. Cairo ha promosso Bava e spero quest’ultimo sappia cosa fare.Vedremo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. eurotoro - 4 mesi fa

    la scalata e’ appena iniziata!..e molto ripida pure!…dai Bava…il calciomercato quando inizia?…2 soli esterni difensivi arruolabili ed il preliminare a breve…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. GlennGould - 4 mesi fa

    Ma parliamo di Vatta e Naretto? Perché visto il contenuto dell’articolo..
    Ah no, si parla di Fabbrini e Sesia..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 4 mesi fa

      Grande Naretto,
      Ha formato i giocatori che poi con Serino vinsero campionato e Viareggio, gente come Albino, Delli Carri, Ferina, dona’ baggio, Carbone.
      Un grande maestro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata - 4 mesi fa

        Voglio pensare che il meno sia di qualche individuo che ce l’ha con te perché se lo ha messo per il commento definirlo gobbo è poco. Di sicuro è un poveraccio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy