Torino, verso Frosinone: Djidji sta bene, ma sarà dura togliere il posto a Moretti

Torino, verso Frosinone: Djidji sta bene, ma sarà dura togliere il posto a Moretti

Focus On / Il difensore ivoriano ha recuperato dal problema al ginocchio, ma il veterano granata al momento ha più ritmo partita nelle gambe

di Luca Sardo

Koffi Djidji è pronto. Ma deve fronteggiare un Emiliano Moretti più in forma che mai. Domenica alle 15 contro il Frosinone il difensore ivoriano potrebbe tornare a giocare dal 1’, per quelle che sono le sue condizioni fisiche. Dopo la lesione parziale del menisco laterale del ginocchio destro rimediata lo scorso 10 febbraio nella sfida contro l’Udinese, il numero 30 contro il Chievo è finalmente tornato nella lista dei convocati di Walter Mazzarri. E’ rientrato in gruppo il 26 febbraio dopo aver svolto terapia conservativa e lavoro differenziato per due settimane e ora Djidji vuole dare tutto il suo contributo alla squadra per conquistare la qualificazione in Europa.

FROSINONE– Domenica i granata andranno in trasferta a Frosinone: allo stadio Benito Stirpe Djidji potrebbe tornare a giocare titolare nella difesa al fianco di Nkoulou e Izzo. Fisicamente ora sta bene anche perché ha sempre lavorato regolarmente in gruppo negli ultimi giorni. Però c’è un dubbio: Mazzarri sacrificherà Moretti? Il difensore italiano è in grande forma e sta giocando molto bene. Al momento ha sicuramente più ritmo partita nelle gambe rispetto a Djidji. Gli allenamenti di questa settimana serviranno al tecnico granata per sciogliersi ogni dubbio di formazione.

FONDAMENTALE – Escluse le prime giornate, Djidji è diventato piano piano un giocatore fondamentale per la difesa di Mazzarri. Arrivato questa estate in prestito dal Nantes, il difensore si è ambientato al campionato italiano e ormai è una certezza nella difesa a tre disegnata da Walter Mazzarri al fianco di Izzo e Nkoulou. Fino a qui ha totalizzato 15 presenze con la squadra piemontese (14 in campionato e 1 in Coppa Italia) senza ancora aver mai trovato il primo gol con la maglia granata, ma l’importante adesso è ritrovare la continuità delle prestazioni. Il problema al ginocchio destro ha interrotto momentaneamente la sua crescita ma, ora che è tornato, Djidji è pronto a riprendersi il suo posto nel Toro. Moretti permettendo.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Kieft - 7 mesi fa

    Moretti da quando è al toro ha saltato 13 giorni per operazione menisco ….è fatto d’acciaio?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. granatadellabassa - 7 mesi fa

    La vera domanda è se sia veramente guarito. Ma la risposta la può dare solo una partita da titolare e non certo gli allenamenti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13966263 - 7 mesi fa

    Moretti è più forte, giusto giochi lui finché ce la fa….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Tifoso da Malta - 7 mesi fa

    Koffi Djidji e un star emergente. Tanti auguri per lui.Ragazzo serio e dixxiplinato.
    Ma adesso il Toro ha bisogno di Emiliano Moretti… tanta esperjenza, maturita u cattiveria.
    Ecco l ispirito del team work; l ispirito di un gruppo compatto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. wendok - 7 mesi fa

    alla fine cambia poco. anche se per me djidji é piú forte di Moretti, piú fisico e piú veloce

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Garnet Bull - 7 mesi fa

    Diciamo che fargli riprendere il ritmo partita contro una squadra che, ammettiamolo, in fase offensiva almeno sulla carta non dovrebbe causarci disagi, sarebbe molto positivo. Però d’altro canto c’è il solito Moretti che da ormai 6 anni ci garantisce prestazioni fantastiche. Mi affido al mister

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Cecio - 7 mesi fa

      Beh in verità il Frosinone è ben più pericoloso del Chievo in fase offensiva (vedi i 2 gol dell’andata, i 2 gol fatti alla Roma ecc…)
      In ogni caso io farei rientrare Djidji (nonostante la mia stima infinita in Moretti) proprio per fargli riprendere confidenza col campo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Madama_granata - 7 mesi fa

    In difesa abbiamo 4 ottimi titolari, intercambiabili tra loro.
    Io, comunque, non avrei dubbi: Moretti, fino a prova contraria, con Djidji pronto a subentrare, se necessario.
    A inizio stagione partì Moretti, e quando Djidji gli subentrò, non lasciò più il posto.
    Ora, per me, si dovrebbe fare altrettanto.
    La “scusa” dell’età non regge: Moretti è in gran forma, corre come un ragazzino, mette tutta la sua esperienza, e gioca magistralmente!
    Con lui in campo, sarà una mia impressione, ma sembrano tutti più sicuri: Moretti infonde serenità e tranquillità ai compagni.
    A mio avviso, ad oggi, Moretti è ancora superiore a Djidji, che, come qualsiasi giovane, a fronte di una certa bravura, ha comunque mostrato ancora delle pecche.
    Troppo ovvio dire che “il domani” porterà il nome di Djidji, che per ora però, secondo me, può ancora attendere, imparando e migliorandosi.
    Confido nelle ponderate e spesso conservative scelte di Mazzarri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy