Torino, è Belotti-dipendenza: il Gallo vale un terzo della produzione offensiva granata

Approfondimento / I dati testimoniano l’importanza capitale di Belotti per il Toro

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Semplicemente imprescindibile. Se manca Andrea Belotti, il Torino rischia di non calciare verso la porta avversaria. È ciò che è successo nel match contro il Crotone ad esempio: con Belotti in giornata no, la produzione offensiva del Torino di Marco Giampaolo si è praticamente azzerata. E la spiegazione è semplice, guardando i dati: il Toro è Belotti-dipendente. Il contributo del Gallo va oltre i sei goal e l’assist di queste prime sette giornate. Fa particolarmente impressione, infatti, il rapporto tra i dati di Belotti e quelli generali. Praticamente il capitano granata è più di metà Torino dal punto di vista realizzativo e vale un terzo della produzione offensiva granata: un’enormità.

IN CIFRE – Tradotto in numeri: il rapporto tra i tiri tentati da Belotti e quelli tentati dal Toro è 21 su 65. Il 32,3% delle volte in cui il Torino calcia verso la porta avversaria, è Belotti a farlo. Per renderla più semplice: ogni tre tiri del Torino in campionato, uno è del capitano. Ciò che deve far preoccupare Giampaolo è la percentuale di partecipazione ai goal: 7 su 12 totali tra reti e assist, rappresentano il 58,3% del totale. Lukic, Linetty e Bremer non bastano, il Torino deve necessariamente trovare altre vie per andare in goal. Altri dati emblematici: 20 duelli aerei vinti, più di ogni altro giocatore in rosa. Il secondo, Bremer, ne ha vinti 12 da difensore centrale. 29 invece i falli subiti, classifica in cui il Gallo domina da anni in Serie A: sinora è record in campionato.

LEGGI ANCHE: La Stampa: “La via del gol senza Belotti. Al Toro servono le alternative”

ALZARE IL LIVELLO – Sono numeri interpretabili in due modi, questi. Da un lato il Torino deve tenersi stretto il suo Capitano, che già da tempo sta trascinando praticamente da solo la baracca, dall’altro però, sia l’allenatore che la società non sono ancora stati in grado di alzare il livello e ridurre il divario tra Belotti e il resto della squadra. Anche per questo il Toro è Gallo-dipendente e non può fare a meno di un attaccante diventato ormai un’icona per i tifosi granata.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bertu62 - 3 settimane fa

    La situazione addirittura è anche più complessa e “grave” di quanto viene descritta nell’articolo, ed è figlia di diversi genitori…
    Partendo da Belotti e parlando quindi dell’attacco del Toro Belotti non solo è fondamentale ma anche la Sua condizione lo è: se Andrea non è al 100% in modo che possa dare, COME SEMPRE, il 110& allora sono guai! Non c’è Lukic che tenga, anche se si sta rivelando un buon 3/4rtista da solo non può risultare determinante per il risultato, esattamente come purtroppo non lo è MAI Verdi, non lo è ancora Bonazzoli e di Zaza e Millico se ne sono perse le tracce perché non abbiamo utilizzato la struttura di Avellino per i test del COVID-19 sennò a quest’ora erano “abili ed arruolati” come ci insegna Lotito (scherzo, naturalmente: quello che hanno combinato “interpretando” i test è da penale…)..
    Ma è tutta la situazione attuale ad essere “drammatica” perché siamo in una fase di “passaggio”, da squadra che gioca con difesa a 3 centrali, improntata a bloccare il gioco avversario “distruggendolo”, a squadra che gioca a 4 con 2 terzini e 2 centrali, palleggiatori in mezzo più regista basso e alto e 2 punte: al momento abbiamo in squadra solo 6 giocatori DI RUOLO, i 2 centrali (Bremer e Lyanco), i 2 terzini (Vojvoda e Rodriguez), 1 mezzala (Linetty) ed 1 punta (il Gallo), tutto il resto sono “adattati”, alcuni bene (Lukic) altri meno (Meitè, Rincon) altri completamente male (Verdi)… Alla fine della fiera, se ci fate caso, giocano sempre gli stessi, e guarda caso sono anche quelli che non possono approfittare della sosta per le Nazionali perché sono sempre convocati: Belotti, Sirigu, Rincon, Linetty, Vojvoda (adesso anche Gojak), Lukic, Rodriguez, Lyanco, sono OTTO i nostri “titolari” che continueranno a giocare mentre gli altri staranno a casa ad allenarsi ed a migliorarsi sugli schemi e moduli, oltre al fatto che aumenteranno le possibilità di infortunio e di contrarre il Virus (il cielo ci scampi!!!)…
    La situazione di classifica che stiamo vivendo in parte è dovuta proprio a questo “consumo eccessivo” delle nostre risorse che già di suo sono in alcuni casi “limitate”, certo che un Rincon “adattato” a play basso è una bestemmia calcistica ma questo era evidentemente il meglio che Giampaolo poteva fare e se continuerà a “svolazzare” sopra l’Oceano per giocare con il Venezuela è chiaro che non potrà essere al meglio dopo che dovrà giocare con noi contro Inter e Gobbi (e Samp..)!! E questo vale per tutti quanti!!
    Che sarebbe stato un campionato di passione e sofferenza era chiaro, non si può “starvolgere” una squadra in una sola sessione di mercato, però QUESTO mercato così “particolarmente inflazionato” per colpa della Pandemia PIU’ le varie positività che ci hanno bloccato a più riprese sia completamente che adesso singolarmente ci sta facendo trovare lungo, lungo e penoso questo cammino di trasformazione….
    Mi auguro che questi 15gg servano a Giampaolo e a chi resterà per migliorare e ottimizzare le risorse che abbiamo, a partire da Bonazzoli Zaza Millico là davanti, proseguendo con Meitè e Murru e Bremer, finendo con Segre e Milinkovic-Savic, mentre su Verdi ho perso completamente le speranze, non è più un giocatore proprio come Ansaldi anche se per Ansaldi i motivi diversi, per Lui è un discorso “fisico”, di tenuta atletica e di troppi infortuni mentre per Simone è solo una questione di testa e lì, Balotelli insegna, c’è poco da fare, dall’esterno, se non giri Tu l’interruttore….Ci sarebbe anche Edera in rosa ma credo che sia come se non ci fosse, chissà però che non cambi qualcosa anche per Lui….
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ginmark - 3 settimane fa

    La mia formazione ideale con quello che abbiamo:

    Sirigu

    Singo Bremer Lyanco Ansaldi

    Rincon
    (Segre)
    Lukic Linetty

    Gojac
    (Verdi)
    Bonazzoli Belotti
    (Millico)

    Ditemi il vostro parere grazie!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BiriLLo - 3 settimane fa

      Io vedrei Vojvoda e Singo su due fasce, Rincon interditore puro e Segre regista.
      Bonazzoli mi piace ma è acerbo.. Dovrebbe rientrare Zaza, che detesto ma darebbe fiato al Gallo e pensiero agli avversari.
      Verdi mezzala, Lukic pure.
      Ma GP farà a modo suo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. BiriLLo - 3 settimane fa

      Poi su Millico..
      Avrebbe una gran classe e un piede d’oro, l’ho seguito molto e incensato, mi pareva il nuovo Lentini per il dribbling ma con un piede sudamericano per i goal.
      Poi purtroppo aveva ragione Granata, non rientra, non difende.
      Io lo aspetto ancora, ma due anni di cadetteria gli sarebbero serviti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Filadelfia - 3 settimane fa

      Ansaldi vale più di Rodriguez e Murru messi insieme. Su questo sono d’accordo con te. Serve come il pane il rientro di Baselli mentre io stravede dai tempi del Piacenza per Naingollan. Alzerebbe il livello di qualità del centrocampo ma Cairo ha voglia di investire nel rilancio del Torino? Pare di no.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BiriLLo - 3 settimane fa

    L’ultimo dei Mohicani..
    Grande guerriero.
    Se si stufa lui sono cazzi.

    Cairo fai qualcosa del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BiriLLo - 3 settimane fa

      E se non puoi… VENDI!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Filadelfia - 3 settimane fa

    Ovvio non si è pensato alle alternative. Bonazzoli non è ancora pronto. Serviva Joao Pedro ma il DS del Cagliari ci ha ridicolizzati quando ha detto che il Torino voleva scambio e loro volevano solo cash.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. lucabenzoni7_8317634 - 3 settimane fa

    SEI NELLA NS. GRANDE STORIA ….. FT

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy