Torino, ecco chi è l’RNK Split: il braccio armato di Tito

Torino, ecco chi è l’RNK Split: il braccio armato di Tito

Europa League / Croati sul destino del Toro: andata in trasferta, ritorno in casa. Occhio a captan Ivica Križanac: campione d’Europa con lo Zenit

di Redazione Toro News

L’avversario è stato sorteggiato: si tratta dell’RNK Split. Squadra croata originaria della città di Spalato, decisamente meno blasonata rispetto ai cugini dell’Hajduk.

Il club nasce dai vecchi operai dei cantieri navali di Spalato e negli anni si è ritagliato un certo spazio sul fronte politico, quando il sodalizio si era schierato con i partigiani di Tito.

Maglia rossa, come il ”sol dell’avvenire”, squadra operaia, senza nomi blasonati o altisonanti. Grandi lavoratori che mixano alla perfezione l’estro dei giovani con l’esperienza dei senatori.

Proprio per questo è arrivata quarta nell’ultimo campionato croato: compagine tosta che non vuole fare sconti. Un club particolare che ha cambiato 10 volte nome, nell’arco della sua storia: HRŠD Anarh, JNSK Jug, Slavija, Borac, HAŠK, JSD Split, SD Vicko Krstulovi?, SD Arsenal, RSD Split e quindi RNK Split.

Il tecnico Ivan Mati? punterà probabilmente sui giocatori con maggior caratura come il difensore capitan Ivica Križanac: campione (e poi anche Super Campione) d’Europa con lo Zenit.

Lo Stadio, il Park Mladezi, è piccolino e vanta meno di 4100 posti, motivo per cui la gara potrebbe giocarsi in un’altra struttura cittadina (come avvenne per la gara del terzo turno preliminare, contro il Brommapojkarna). La distanza da Torino non è certo abissale: Spalato dista 1000 km.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy