Torino, ecco le tue possibili avversarie in Europa League

Torino, ecco le tue possibili avversarie in Europa League

Europa League / Dall’urna di Nyon uscirà l’avversaria del Toro che sarà una tra Fc Astra, Ac Omonia, Ksc Lokeren, Fc Aktobe e Rnk Split

di Matteo Gabiano

Grazie ai risultati di ieri sera il Toro arriva ai sorteggi per i play off di Europa League di oggi alle 13 come testa di serie. Essere testa di serie permette il ritorno della sfida in casa e, soprattutto, si evitare le squadre più blasonate e più forti.

SORTEGGIO – L’UEFA ha diviso tutte le squadre partecipanti a questo turno di play off in sei gruppi, cinque gruppi da dieci squadre e l’ultimo da dodici. In ogni gruppo ci sono metà delle squadre che sono testa di serie e l’altra metà che non lo sono. Il Toro essendo testa di serie si può scontrare solo con una delle squadre non testa di serie. Il Toro è nel gruppo quattro insieme a Celtic, Dinamo Mosca, Hull City e Lione tra le teste di serie. Tra le possibili avversarie del Toro, in quanto non teste di serie, ci sono RNK Split, AC Omonia, KSC Lokeren OV, FC Aktobe ed FC Astra. Tutte le squadre che partecipano a questo turno preliminare sono state divise in sei gruppi, tutti da 10 squadre ed uno da 12. In ogni gruppo metà delle squadre sono testa di serie e l’altra metà no. Gli accoppiamenti per i play off verranno fatti pescando squadre all’interno di questo gruppo.

RNK SPLIT – La prima possibile avversaria è l’RNK Split, squadra della città di Spalato molto meno nota e blasonata dell’Hajduk. La squadra nasce dai cantieri navali di Spalato ed ha sempre mantenuto un legame con il mondo politico schierandosi con i partigiani di Tito o partecipando alla guerra civile spagnola contro Franco. Inutile dire che il colore della maglia sia il rosso. La squadra non ha nessun grande nome, ma è arrivata quarta nell’ultimo campionato croato per cui è una compagine tosta che non fa sconti a nessuno. Il loro stadio è molto piccolo, meno di 4100 posti, ma all’interno di un piccolo centro sportivo usato anche da altre piccole formazioni locali. La distanza da Torino a Spalato è di 717 km.

AC OMONIA – Altra squadra del gruppo 4 è l’AC Omonia, squadra cipriota di Nicosia evidentemente ispirata al Panathinaikos per simbolo e colori sociali. Il suo periodo d’oro sono stati gli anni ’70 e ’80 con 13 scudetti in venti anni e l’acuto personale di Sotiris Kaiafas, calcaitore cipriota del secolo, nel 1976 con 36 gol all’attivo in una singola stagione. La squadra sta uscendo da una grave crisi economica che la ha colpita negli ultimi due anni finendo quinta in campionato, peggiore risultato degli ultimi cinquanta anni. Il loro stadio è il GSP Stadium, condiviso con i rivali cittadini di APOEL e Olympiakos Nicosia. L’impianto ospita fino a quasi 23000 persone. L’Omonia è la squadra più tifata di Cipro e la sua tifoseria, apertamente schierata a sinistra, è una delle importanti finanziatrici del partito comunista cipriota. Occhio al nuovo acquisto dei verdi Mickael Poté, giocatore del Benin con un passato in Francia, ed una discreta attitudine a segnare. La distanza, ovviamente in linea d’aria, tra Torino e Nicosia è di 2431 km.

KSC LOKEREN – Tornando sulla terraferma dall’urna può anche uscire il KSC Lokeren Oost-Vlaanderen, squadre belga della città di Lokeren, nelle Fiandre. Il loro stadio, il Daknamstadion arriva quasi a 10000 posti a sedere. Scarso il palmares, ma parecchie apparizioni in Europa per i giallo neri. Da quelle parti è passato anche il gigante ceco Jan Koller agli inizi di carriera nei primi anni ’90. Quinti nell’ultimo campionato entrano in questa Europa League direttamente in questi play off. La distanza tra Torino e Lokeren è di 724 km.

FC AKTOBE – Altra possibile trasferta insidiosa sarebbe quella per andare ad Aktobe in Kazakhstan per incontrare i bianco rossi dell’FC Aktobe. Squadra sempre nei primi tre posti in patria dal 2005, è presenza fissa nelle coppe europee dell’ultimo decennio. Stella della squadra è il brasiliano Danilo Neco, ex bimbo prodigio del Ponte Preta, ormai classico giramondo con il vizietto del gol. Il Central Aktobe Stadium ospita fino a 12805 persone. La distanza con Torino è di 3684, ma sarà senz’altro allungata per evitare di sorvolare l’Ucraina.

FC ASTRA GIURGIU – Ultima possibile avversaria del Toro è l’FC Astra Giurgiu, squadra del sud della Romania con i colori sociali poco simpatici alla gente del Toro. I bianconeri sono vice-campioni di Romania in carica e detentori della coppa nazionale, nonostante siano nella massima serie rumena continuativamente solo dal 2009. I tifosi non sono di quelli che si tirano indietro se c’è da usare la violenza, famosi i loro scontri con i tifosi del Petrolul Ploiesti o con alcuni gruppi del Rapid Bucarest. Occhi puntati sul keniano Kehinde Fatai, attaccante che con i colori dell’Astra ha sempre fatto molto bene. Lo stadio Marin Anastasovici è la loro casa, può ospitare fino a 8500 persone. La distanza tra Torino e Giurgiu è di 1453 km.

Le possibili avversarie sono tutte, sulla carta, alla portata del Toro, ma le difficoltà logistiche ed ambientali potrebbero trasformare qualsiasi partita apparentemente facile in un inferno.

L’appuntamento è alle 13 di oggi per il sorteggio di Nyon da dove uscirà l’avversaria del Toro, ma, restando in Italia, anche di Inter e Napoli.  

A proposito di Inter, i nerazzuri sono inseriti nel gruppo sei insieme a Feyenoord, Real Sociedad, Sheriff, Panathinaikos e Club Brugge tra le teste di serie, mentre le possibili avversarie sono i debuttanti assoluti dello Stjarnan, il Midtjylland, l’HNK Rijeka, il Grasshoper, l’FC Zorya Luhansk e l’FC Krasnodar. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy