Torino, Fabbri l’arbitro del ko contro la Spal. E quel contatto Zaza-Pellegrini…

Precedenti / Il fischietto di Faenza dirigerà per la decima volta una gara dei granata, sarà la quarta di questa stagione dopo Sassuolo, Cagliari e Spal

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Sarà Michael Fabbri a dirigere Milan-Torino. Il bilancio con il fischietto della sezione di Ravenna nel complesso è positivo per i granata: nei 9 precedenti il Toro ha raccolto 3 vittorie, 4 pareggi e 2 sconfitte. In questa stagione, Fabbri ha diretto già tre volte una partita dei granata, sempre all’Olimpico Grande Torino: l’esordio stagionale con il Sassuolo, conclusosi 2-1 per la squadra allora allenata da Mazzarri, il pareggio con il Cagliari firmato Zaza e la brutta sconfitta pre-Natalizia con la Spal (1-2).

PRECEDENTI – La prima occasione in cui Fabbri incrociò per la prima volta il Toro risale al 2015: i granata vinsero 3 a 1 contro l’Hellas a Verona grazie alle reti di Martinez, Quagliarella ed El Kaddouri. In seguito, oltre ad un pareggio a reti bianche con il Napoli, Fabbri è stato al centro di alcune polemiche in una gara giocata dai granata contro la Fiorentina nella stagione 2018/2019. Il fischietto di Faenza non ravvisò un contatto di Biraghi ai danni di Belotti, Mazzarri protestò eccessivamente e fu espulso, ma l’impressione fu che la decisione di Fabbri fosse corretta. In questa stagione invece, l’unico episodio contestato è quello accaduto all’ultimo minuto di Torino-Cagliari, in cui il team arbitrale segnalò un fuorigioco inesistente di Zaza che portò Fabbri a non fischiare un rigore all’ultimo minuto in favore dei granata per un contatto con Pellegrini.

ULTIMO INCROCIO – La direzione di Fabbri in Torino-Spal, invece, non fu oggetto di particolari contestazioni, ma i cartellini gialli estratti furono ben 9. Due di questi portarono all’espulsione di Bremer in avvio di ripresa e la cosa influenzò inevitabilmente la gara.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy