Torino, futuro in bilico ma tanta grinta: Longo prova a ripartire

Torino, futuro in bilico ma tanta grinta: Longo prova a ripartire

Focus On / Tra difficoltà oggettive e indiscrezioni che lo vedrebbero già non confermato, il tecnico spera di poter dimostrare il suo valore

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Moreno Longo la immaginava diversa, la sua avventura alla guida del Torino. Nel senso che almeno avrebbe sperato di poter lavorare normalmente. Possibilità che come noto gli è stata tolta dalla pandemia coronavirus dopo sole tre partite alla guida dei granata, tutte perse. Oggi, oltre cinquanta giorni dopo l’ultimo allenamento diretto, sarà presente al Filadelfia: non potrà dirigere gli allenamenti, ma supervisionerà il lavoro dei suoi giocatori cercando di motivarli al meglio.

Barbieri (Italpress): “Con Vagnati vedo Semplici al Toro. E insieme faranno bene”

QUANTE DIFFICOLTÀ – Le difficoltà del lavoro di Longo sono oggettive: oltre a quelle in comune con tutti gli altri allenatori, ci sono quelle relative alla sua posizione. Il contratto rimane sempre in scadenza il 30 giugno e per ora è quello l’orizzonte; le proroghe di cui ha parlato la FIGC per ora sono solo sulla carta. Inoltre, il direttore che lo ha voluto sulla panchina granata, Massimo Bava, è stato di fatto esautorato dal presidente Cairo, che ha già raggiunto un accordo con il nuovo ds Vagnati. Il tecnico granata per primo sa che ci sono buone possibilità che non sia lui l’allenatore del Torino nel futuro. E infatti circolano da giorni indiscrezioni che affiancano diversi allenatori alla guida del Toro.

Incontro tra FIGC e Cts, nessun verdetto. Spadafora: “Spero allenamenti collettivi dal 18 maggio”

UNA POSSIBILITÀ – Ma in ogni caso, Longo ha l’obbligo di non pensarci: non si può fare altro che navigare a vista ragionando come se la stagione riprendesse sicuramente, contando sul fatto (ancora non sicuro) che dal 18 maggio possano tornare gli allenamenti e che a metà giugno il campionato possa riprendere. Se ciò accadesse davvero, Longo avrebbe ancora una possibilità, quella di dimostrare il suo valore nelle tredici partite che rimangono. E chissà allora che le carte in tavola non possano cambiare.

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14153144 - 5 mesi fa

    Buonasera a tutti i tifosi granata…ho letto mille articoli,mille nomi di allenatori futuri…io ho molta fiducia in Longo,un grande cuore granata anche se la mia fiducia deriva dal fatto che oggettivamente ha fatto dei bei lavori tra primavera,pro Vercelli e Frosinone…come se avesse vinto tre campionati…e lo riconfermerei subito senza aspettare il nuovo ds…penso che debba essere il nuovo ds ad imparare a lavorare con il mister e non sicuramente il contrario e/o trincerarsi con L arrivo di un allenatore “amico”come si dice tanto di semplici…senza togliere i meriti di semplici,naturalmente…
    In fondo poi penso che i giornali parlino un po’ a vanvera,giusto per riempire pagine di giornale….lo dico perché avendo visto il lavoro di Cairo mi sembra improbabile un cambio così repentino dopo che ha insistito tanto con Mazzarri…e mi sembra strano che voglia spendere almeno 50 milioni per gagliardini,fares e Bonaventura consapevole del fatto che tra Nkoulou e izzo può arrivare a 20 milioni,sempre se te li danno….considerando il fatto che Bonaventura fisicamente e un po’ cotto,fares deve dimostrare e tornare dopo un anno di assenza!gagliardini sarebbe ottimo acquisto ma costa tanto anche più di izzo per un eventuale scambio….quindi confermare Longo e fare acquisti mirati in b,i terzini migliori si trovano li e Longo potrebbe insegnargli a stare in campo e poi valorizzare il nostro vivaio e qui credo che solo Longo avrebbe il coraggio di buttarli in campo e se penso a parigini,barreca,rauti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mimmo75 - 5 mesi fa

    Dimettiti Moreno. Te lo dissi già in tempi non sospetti. Non meriti il trattamento che Cairo ti ha riservato sin dal primo giorno. Dimettiti, non penserò mai male di te, non sei tu il problema. Dimettiti e lascia a Cairo tutto il peso delle sue scelte scellerate che non ha esitato a scaricare sulle tue spalle. Un peso che hai accettato di portare ben sapendo che avrebbe finito per schiacciarti. Ora Cairo ha preso persino a fustigarti dandoti praticamente il benservito in corsa e inaugurando un nuovo corso con Vagnati. Non meriti tutto questo, dimettiti. Cairo deve assumersi la piena responsabilità delle sue scelte, non può continuare ad agire così impunemente facendosi scudo con la faccia degli altri. Sta mancando di rispetto al mondo del Toro, a te, a Bava e ad Asta. Dimettetevi, non siate succubi e complici. Fate qualcosa da Toro, fate qualcosa per il Toro: dimettetevi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Junior - 5 mesi fa

      Invece io non mi dimetterei anzi! Andrei fino alla fine cercando in tutti i modi di salvare la squadra dalla B. Darei così prova di essere uno di noi fino in fondo. Poi alla fine me ne andrei con stile dicendo quello che penso. Essere del Toro prescinde dai presidenti. La storia la fa chi è in campo. FVCG non mollate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 5 mesi fa

        Di certo c’è un gran fondo di verità in quel che dici. Io intendo solo dire che di fronte a scelte così irrispettose potrebbe essere utile un gesto forte anche se apparentemente in antitesi ai valori del Toro. Dimissioni e spiegazioni del gesto. L’immagine e la sostanza di Moreno ne uscirebbero intatte e Cairo resterebbe nudo. Un gesto forte e, se ripartisse il torneo, dalle conseguenze probabilmente ancor più negative di quella che è la situazione attuale. Ma se può servire a far crollare Cairo ben venga. Sarebbe un gesto che rimarrebbe nella storia in positivo. Un gesto per il Toro.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 5 mesi fa

          Mimmo dai dimettersi significa rinunciare a dei soldi! Ma tu lo faresti? Io dico di no…sai cuore toro di li e di la ma i soldi sono soldi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Mimmo75 - 5 mesi fa

            Io credo che non sia questione di soldi, peraltro molto ma molti pochi, e Moreno è nel calcio pro da più di 20 anni, non credo che qualche migliaio di euro in più o in meno faccia la differenza per lui. Credo sia puro coinvolgimento emotivo che è proprio la leva usata da Cairo per ingaggiarlo a condizioni vergognose. Per questo dico che Moreno e gli altri dovrebbero trovare la forza per capire che nessuno di certo non io) probabilmente gli rinfaccerebbe nulla, anzi, ne uscirebbero ancor più “granata” se denunciassero certe porcherie che danneggiano il Toro.

            Mi piace Non mi piace
          2. maxx72 - 5 mesi fa

            Ma figuratevi se Longo si dimette. I soldi sono soldi e a Longo non lo voleva più nessuno. E poi avrà anche un contratto vergognoso ma guadagna in un anno quanto me in tutta la vita. Si certo dimettersi

            Mi piace Non mi piace
        2. Bacigalupo1967 - 5 mesi fa

          Mimmo@ caro il cuore TORO non c’entra nulla. Longo dopo la fallimentare esperienza in serie A a Frosinone era ai margini del calcio che conta.
          Non è stato cercato in modo serio da nessuna squadra non dico di serie A ma neppure di B (il Benevento, ad esemoio ha preferito il pluriesonerato Inzaghi a lui).
          La chiamata di Cairo è stata per Moreno una vera benedizione tanto che ha accettato un contratto inaccettabile pur di rientrare nel giro. E secondo te uno che ha accettato un contratto del genere adesso da le dimissioni?
          Moreno se il campionato riprenderà proverà a fare i 12 punti che ci mancano e secondo me non ci riuscirà per limiti tecnici numerici e mentali della rosa e per i problemi ancira non risolti tra giocatori e società.

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy