Torino, Iago Falque torna in campo: giocherà domani con la Primavera

Torino, Iago Falque torna in campo: giocherà domani con la Primavera

La scelta / Il fantasista spagnolo è tornato dal lungo infortunio e ha bisogno di mettere minuti nelle gambe: domani sarà in campo con la Primavera di Sesia

di Nicolò Muggianu

Finalmente Iago Falque torna in campo. Per rivederlo con sulle spalle il granata della prima squadra però, bisognerà aspettare ancora qualche tempo. Il numero 10 del Torino infatti, dopo la lesione capsulo-legamentosa alla caviglia sinistra che lo ha tenuto ai box per oltre un mese, tornerà in campo domani ma lo farà con la maglia della Primavera di Marco Sesia.

LA SCELTA – Una scelta presa di comune accordo con la società, che già in altre occasioni (con Ansaldi per esempio) negli scorsi anni aveva deciso di appoggiarsi alla Primavera per accelerare il processo di reinserimento in prima squadra dei giocatori infortunati. E lo stesso accadrà per Iago Falque, tornato ad allenarsi regolarmente in gruppo da ormai una settimana, ma ancora non all’altezza del resto dei compagni dal punto di vista atletico. Lo spagnolo era infatti fermo dal 25 luglio scorso quando, in seguito a un intervento duro subito contro il Debrecen, fu costretto a chiedere il cambio.

OCCASIONE – Dopo oltre un mese di stop Iago, seppur con la Primavera, finalmente tornerà a calcare il campo da gioco. Un campo sul quale si troverà perfettamente a suo agio, favorito anche dal modulo di Sesia costruito – su espressa richiesta societaria – a immagine e somiglianza di quello della prima squadra. Così Falque avrà modo di testare la sua condizione nella posizione più congegnale per lui e per il Torino, con gli occhi di Mazzarri che continueranno a seguirlo anche da lontano.

25 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Granata - 2 giorni fa

    Un giocatore deve prima divertirsi, agli inizi soprattutto. Poi deve imparare una più che buona tecnica di base ed insistere sempre sempre sempre sui fondamentali. Poi deve imparare a stare in campo con tutti i moduli esistenti. Se si crescono così si avranno giocatori pronti a giocare dovunque con chiunque. Adoperare un solo modulo , è sbagliato !!!! Se Mazzarri fra 2 anni se ne va ed il Toro passa al 442 che fanno i giovani ? Si vendono?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BACIGALUPO1967 - 3 giorni fa

    E il modello Aiax.
    I giovani poi eccellono in prima squadra…. Quando poi vengono venduti faticano e molti si perdono.
    Speriamo capiti anche al difensore gobbo PDM che hanno strapagato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. palmiro - 2 giorni fa

      Ajax. “Aiax” è il detersivo liquido per i cessi che ti scoli alla sera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 2 giorni fa

        È vero Palmiro hai ragione.
        PS hai cambiato lavoro perché il boita nessuno ti saluta?
        Fai il correttore di bozze adesso?
        PS in ogni caso l’aiax ha sturato molto bene il merda stadium la scorsa stagione.
        Ciao ciao correttore di bozze!!
        Ps fatti anche tu un goccetto ogni tanto saresti più felice e magari in boita ti saluterebbero pure.
        Ciao malmostoso e saluta la capolista se ti ricordi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 2 giorni fa

          Ahahah Ahahah!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. maxx72 - 2 giorni fa

            Palmiro, l’uomo della steppa …simpatico come il maresciallo Zhukov…

            Mi piace Non mi piace
  3. Luke90 - 3 giorni fa

    Finalmente la primavera gioca come la prima squadra…
    Credo sia una scelta che non opera solo il Toro .. vorrei sbilanciarmi con qualche squadra spagnola ma vorrei prima informarmi meglio per sapere se è ancora così..
    D’altro canto giocare in modo di difforme dalla prima squadra non è funzionale e propedeutico per l’inserimento dei giovani … quindi, ben fatto. Famosa programmazione…
    Poi non capisco perchè giocando con un sistema di gioco analogo a quello della prima squadra non di dovrebbe giocare per vincere… questo deve essere sempre il fine sportivo, perchè è quello che consente ai giovani di mettersi in mostra…, ahimè, per chiunque oltre che per le nazionali giovanili.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. SiculoGranataSempre - 3 giorni fa

      Lo fa sicuramente l’Aiax e i risultati sono evidenti. Giovani di 20anni fanno la Champion. Anche in Spagna mi sembra…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 2 giorni fa

        Siculo@ attento che il correttore di bozze dr Palmiro bacchetta pure te per come hai scritto Ajax…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. SSFT - 3 giorni fa

      Beh, rimanendo in italia, l’inter primavera quest’anno sembra che giocherà a tre come fa conte in prima squadra per esempio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marchese del Grillo - 3 giorni fa

    E io me lo vado a godere dal vivo 😉

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Bischero - 3 giorni fa

    Forza Iago. Abbiamo bisogno di te!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bertu62 - 3 giorni fa

    Beh, da quello che si capisce dall’articolo è una NOVITA’ ASSOLUTA!
    A partire da quest’anno l’obiettivo della Primavera quindi NON SARA’ quello di giocare per vincere, ma giocare in funzione della Prima Squadra, che è TOTALMENTE DIVERSO!!!
    Onestamente? Non so è la strada giusta, di primo acchito non mi pare: come fai a dire ai ragazzi che la vittoria non sarà più l’obiettivo principale? Come faranno ad essere “motivati” a dare il 110% in funzione di una convocazione in prima squadra che forse avverrà e forse no mentre, nel frattempo, gli altri alzano trofei al cielo?
    A me pare che si stia percorrendo una strada “particolare” e non vorrei che il farlo “costasse troppo” in termini di vantaggi fra rinunce/benefici, comunque è fuori di dubbio che è comunque una chiara indicazione di “PROGRAMMAZIONE”, in risposta a chi dice che al Toro NON C’E’!
    FV♥G!! SEMPRE!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. toro52anni - 3 giorni fa

      io direi che invece è un ottima cosa.
      La primavera deve giocare come la prima squadra in modo che se hai bisogno prendi un giovane dal tuo vivaio che conosce già schemi e movimenti e non è una cosa da poco.Un grande giocatore che non sa come muoversi con la squadra non renderà mai come devrebbe, mentre uno più scarso ma che sa come muoversi coprirà il campo sicuramente meglio senza creare inferiorità o minore densità.
      E poi chi lo dice che cosi facendo non puoi vincere ?
      Per vincere ci vogliono buoni giocatori e che si adattino allo schema di gioco deciso per la squadra.
      Nell’ultima primavera scudettata inoltre quanti ex giovani hanno fatto il grande salto?
      1 o 2 ? forse.
      Quindi una primavera che vince non è detto che sforni grandi giocatori.
      Quindi è più utile giocare a specchio con la prima squadra e vedere se in qualche ruolo ci sono interpreti di valore da cui poter attingere in caso di bisogno.In Europa a parte l?italia far cosi è quasi la norma ed infatti ci sono molti far i 18 2 i 20 anni che giocano spesso anche in prima squadra.
      Secondo me cosi facendo la società dimostra lungimiranza visto che i trofei primavera non portano grandi soldi in tasca mentre i buoni giocatori si.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 3 giorni fa

        @toro52anni..fratello straconcordo con te..avrei scritto uguale..sono sicuro che le cose stanno edattamente cosi…se hai giovani campioni..emergono con qualsiasi modulo..la classe non e’ acqua…il mio cavallo di razza preferito e’ DeAngelis..vedrete che sfondera’..vediamo se ci azzecco

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. bertu62 - 3 giorni fa

      Contento di aver sollevato questione ma un piccolo disappunto per essere stato frainteso….
      Per come la vedo io la questione sta in questi termini: con Coppitelli e prima ancora con Longo l’obiettivo della Primavera era quello DI VINCERE, era GIOCARE AL MEGLIO DELLE POSSIBILITÀ DEI GIOCATORI A DISPOSIZIONE PER VINCERE….Da quello che invece di legge nell’articolo pare invece che da quest’anno la Società abbia dato chiare indicazioni a Sesia che l’obiettivo è quello di “formare” questi giovani calciatori ad essere “pronti” per “sostituire” i pari-ruolo in Prima Squadra….Oppure ho letto male? Non credo proprio, è così….E visto così pare proprio che la Primavera di trasformi in una sorta di “fabbrica di pezzi di ricambio”: si “rompe” Baselli? Pronto il “pezzo che lo sostituisce”…Si “rompe” Laxalt? Stesso discorso….Certo, magari ho “un pochino” estremizzato ma la sostanza pare sia questa e ciò vuol dire, a casa mia, che non importa se in questo “percorso” non si raggiungono risultati sportivi di rilievo (scudetto, Coppa Italia, final four ecc…ecc….) perché ciò che VERAMENTE importa è che “si formino” giocatori-sostituti” di quelli che formano la rosa della prima squadra….
      Se da un punto di vista strettamente logico PUO’ essere razionale, dall’altra però mi sorge un dubbio: se un giocatore della Primavera o peggio Under17/16/15 dimostrasse talento e fantasia MA NON FOSSE “inquadrabile/arruolabile” come “futuro-sostituto” che si fa? Lo si manda via?
      Semplicemente voglio sottolineare che percorrere QUESTA STRADA comporterà dei RISCHI: ne varrà la pena?
      Onestamente e personalmente sono dell’idea che bisognerebbe slegare le diverse realtà: i ragazzini, dato che giocano con dei pari-età, che abbiano I LORO obiettivi, di crescita e di vittorie che sono COMUNQUE importanti anche alla Loro età, mentre “i grandi” perseverino sulla Loro strada inseguendo i Loro obiettivi…Inoltre ribadisco un concetto espresso anche da altri fratelli: SE un giocatore HA COMUNQUE classe e tecnica superiori agli altri, se un giocatore HA I NUMERI per eccellere ALLORA LO FARA’, indipendentemente da come sia stato “instradato” da ragazzino!
      Infine una battuta: che ci sta a fare allora un DS, il Bava della situazione in prima squadra se tanto i “ricambi” arrivano dalla Primavera? Che ognuno faccia il Suo, perbacco! TUTTI FACCIANO IL LORO anzi, e che i piccoli Millico, Ferigra, Singo “CRESCANO” liberi di esprimersi al Loro meglio, senza restrizioni!!!
      FV♥G!! SEMPRE!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. enrico.santer_12964705 - 2 giorni fa

        capisco il tuo dubbio, però penso che la prima squadra a parte la difesa a 3 e il ruolo delle ali conseguente, sia molto adattabile come moduli da centrocampo in su. Tradotto in parole povere: per essere ‘bruciato’ uno dovrebbe essere o un terzino difensivo ‘vecchia maniera’, o un centrale che non riesce ad adattarsi a giocare a 3. Parlando di giovani, mi sembra che sia difficile che qualcuno sia precluso totalmente dal trovare una sistemazione nello scacchiere tattico della prima squadra. E forse, se un giovane è così poco adattabile è perché non riesce ad imparare. Non ne so molto di calcio, ma vale la pena puntare su un giovane del genere, calcisticamente parlando? Inoltre, se questo modo di lavorare informerà tutto il settore giovanile, le probabilità che questo si verifichi saranno praticamente nulle, perché già dall’inizio potrai insegnare i ruoli ‘giusti’ che verrano perfezionati nel tempo e troveranno i loro interpreti migliori da una categoria all’altra.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. enrico.santer_12964705 - 2 giorni fa

          sulla motivazione, poi, non sono comunque d’accordo: innanzitutto utilizzare il modulo della prima squadra non significa rinunciare a vincere, ma solo cercare di farlo in un certo modo. Perché un giovane dovrebbe sentirsi meno motivato? Al contrario, la possibilità di poter migliorare in QUEL ruolo che serve alla prima squadra per avere la possibilità di esordire in serie A mi sembra un ulteriore incentivo.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. enrico.santer_12964705 - 2 giorni fa

            un’ultima cosa e poi non rompo più: non trovate che giocare tutti nello stesso modo darebbe un’impronta molto cazzuta al Toro come squadra e come suola calcio? Facendo un voletto pindarico, si potrebbe ipotizzare un Mazzarri alla Ferguson, che segue la prima squadra, ma ha anche il polso delle giovanili etc.. (non so se Ferguson ne sapesse niente delle giovanili, ma il mio sogno ad occhi aperti ha preso questa piega…)

            Mi piace Non mi piace
    3. renato - 3 giorni fa

      Scusa Bertu ma non sono molto d’accordo con te, sposo piuttosto l’altra versione. Le tue osservazioni sono certamente logiche e sensate però non credo che le due versioni (vincere oppure copiare la prima squadra) siano incompatibili, come mi sembra di leggere dal tuo scritto.
      Credo che a Sesia sia stato detto che comunque l’obiettivo primario resta la vittoria; sarebbe bello se a questa vittoria (ovviamente desiderata ma tutt’altro che sicura) si abbinasse anche una “affinità” di gioco con la prima squadra. In questo caso la sperabile vittoria avrebbe un valore doppio, non credi?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. eurotoro - 3 giorni fa

    vamoooos Jagooool….si ma a che ora gioca la primavera?..la fa vedere sportitalia?…mah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bertu62 - 3 giorni fa

      Giocheranno alle 11:00 a Napoli, Sportitalia torna a trasmettere le partite del campionato Primavera ma ancora non è certo che la trasmetterà anche se questa fra Napoli e Toro è l’unica che si giocherà alle 11:00, le altre partite hanno orari diversi…
      FV♥G Fratello, SEMPRE!!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. al_aksa_831 - 3 giorni fa

        Sportitalia le trasmetterà tutte in diretta, su SI o SI calcio
        Tranquilli.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Marchese del Grillo - 3 giorni fa

        A Frattamaggiore, per essere precisi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. BACIGALUPO1967 - 3 giorni fa

          Grande marchese!!!
          Tifa per noi e fatti inquadrare!!

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy