Torino, il pagellone di fine anno: Berenguer 6,5, spirito di adattamento e sprazzi di qualità

Torino, il pagellone di fine anno: Berenguer 6,5, spirito di adattamento e sprazzi di qualità

I voti / Flessibilità è la parola d’ordine: Mazzarri lo definisce un Jolly importantissimo

di Redazione Toro News

Ha cominciato come rincalzo per terminare la stagione come titolare, anche complici i guai fisici di Falque. Quando Mazzarri chiama, Alejandro Berenguer c’è sempre. Partito come esterno, Berenguer si è poi adattato come mezzapunta, per conquistare infine il pubblico granata come trequartista nel ruolo di mezzapunta dietro il Gallo. Qualità e dedizione sono le qualità che lo contraddistinguono, pronto a farsi da parte quando serve e a giocare titolare se il contesto lo richiede., tanto che lo stesso Mazzarri lo ha definito un Jolly fondamentale per la squadra. Complessivamente ha dimostrato di essere un giocatore molto utile, pur se privo, per ora, delle stimmate del leader. Per lui il voto complessivo al termine della stagione è 6,5.

PARTITA TOP – La gara in cui lo spagnolo ha brillato di più durante il campionato è Torino-Milan. Concretezza e gioco, ecco le armi messe a disposizione da Berenguer per coprire ogni area del campo. Suo il merito di aver trovato cambi gioco geometrici e ricercate strategie per mettere in difficoltà gli avversari, ma soprattutto è sua la seconda rete dell’incontro, un destro fantastico che ha fatto sognare i tifosi granata.

PARTITA FLOP – Tra le partite peggiori di Berenguer va sicuramente segnalata la gara in trasferta contro l’Empoli. Il numero 21 ha concluso davvero poco nei 90′, perdendo anzi ogni duello fisico prima ancora di riuscire a individuare dove fossero i compagni. Pochi gli spunti dello spagnolo, che ha finito con l’essere vittima di anticipi e di facili letture da parte degli empolesi. Prestazione decisamente negativa.

Immagine

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. granatadellabassa - 3 mesi fa

    Titolo quanto mai azzeccato. Il ragazzo si è dovuto adeguare a ruoli non suoi ma ha mostrato giocate di classe. È un esterno d’attacco, ruolo da noi non previsto.
    Ma il finale di stagione mi fa sperare che possa giostrare con profitto da trequartista.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. PaoloSWE - 3 mesi fa

    Secondo me, il suo lo ha fatto, anche se lo considero un po’ “vaporoso”, voto forse leggermente troppo positivo, dire 6 o 6+
    Ma non è il titolare di cui abbiamo bisogno là davanti.
    Un po’ leggerino, ma anche l’unico insieme a Iago (che è migliore) in grado di saltare l’uomo. Ecco riserva di Iago, non di più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mole_Granata - 3 mesi fa

    E’ uno dei pochi a provare a saltare l’uomo, poi magari qualche volta sbaglia ma almeno ci prova. Ha una buona tecnica cosa che nel centrocampo del Toro non è che abbondi. Secondo me è da tenere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. PrivilegioGranata - 3 mesi fa

    E’ un ragazzo che ha qualità.
    Paga un po’ sul piano fisico, ma riesce a dare vivacità alla manovra e anche a far ammonire i difensori avversari.
    Non rompe e il suo lo fa. Per me si può tenere e credo che Mazzarri lo apprezzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 3 mesi fa

    Sei e mezzo ma senza di lui non arrivavamo dove siamo arrivati, un gran bel goal e un ottima crescita giocando in almeno tre ruoli diversi.
    Meglio di tanti altri precedenti sulla fascia sinistra, Iturbe, Boye, Martinez i casi più recenti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ToroShakty - 3 mesi fa

    Per me non merita più di un 5. Spero le vendano presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. r.ponzon_13686323 - 3 mesi fa

      meno male che non sei Cairo !

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy