Torino, impara dall’andata: ritmo e pressing per battere lo Spalato

Torino, impara dall’andata: ritmo e pressing per battere lo Spalato

Verso Torino – RNK Split / Gioco veloce, pressing alto e cattiveria sottoporta: così il Toro potrà superare i croati e raggiungere i gironi di Europa League

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Non c’è dubbio, il Toro non avrà vita facile domani sera, in quella che non è un’esagerazione definire un match decisivo per le sorti della stagione granata. Ma non ci sono dubbi neanche sul fatto che il gap di qualità tra Torino e Spalato esiste ed è tutto a favore dei granata. La vittoria è alla portata di questo (pur ancora in fase di rodaggio) Toro di Ventura: ma i granata dovranno mettere in campo quel qualcosa in più, imparando da ciò che a Dugopolje non è andato nel migliore dei modi.

VELOCITÀ, RITMO, PRESSINGVentura e il suo staff hanno sviscerato la partita di andata in video-analisi e in questa settimana hanno lavorato per far sì che la squadra metta in campo domani quegli accorgimenti che saranno necessari per vincere. Il Toro dovrà far valere la maggiore qualità di cui è capace, applicando il suo consueto gioco palla a terra, ma con maggior velocità rispetto a quanto fatto in Croazia, perché lo Spalato è squadra attenta dal punto di vista tattico e non sarà una passeggiata perforare la sua difesa. Sarà anche molto utile, in fase di non possesso, alzare il pressing nella metà campo degli avversari: la qualità del palleggio degli uomini di Bilic non è eccezionale e sarà importante provare a rubar palla vicino alla loro area di rigore.

CONCRETEZZA IN AREA – Inoltre, molto banalmente, sarà necessario trovare maggior concretezza in fase di conclusione. Il Toro, proprio come successo nella partita di andata, avrà le sue occasioni per fare gol, ma questa volta non potrà non sfruttarle. Ci vorrà maggior cattiveria sottoporta per fare un gol in più dello Spalato: dote che sicuramente non manca a un certo Fabio Quagliarella, che domani si caricherà sulle spalle l’attacco granata.

Insomma, la sensazione è che imparando dalla partita di andata, il Toro riuscirà a vincere domani una partita che è alla sua portata. Le condizioni per fare bene ci sono: Ventura potrà schierare la formazione-tipo, il meteo fino a domani sembra garantire che non ci saranno precipitazioni su Torino (in modo che il terreno di gioco sia in buone condizioni) e lo stadio sarà pieno di tifosi vogliosi di festeggiare l’ingresso nei gironi di Europa League. Ora, tocca agli uomini di Ventura…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy