Torino-Inter, da Ansaldi a D’Ambrosio: tutti gli ex della sfida al Grande Torino

Torino-Inter, da Ansaldi a D’Ambrosio: tutti gli ex della sfida al Grande Torino

Verso il match / Anche Kwadwo Asamoah è passato da Torino prima di approdare all’Udinese

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

Giocare contro la propria ex squadra, si sa, ha sempre un sapore particolare. Quella tra Torino e Inter è una partita che mette in palio punti importanti per la rincorsa dei granata e per la corsa scudetto dei nerazzurri. Ma per alcuni degli ex di Toro e Inter ci sono motivazioni in più per conquistare la vittoria. É il caso di Cristian Ansaldi e Danilo D’Ambrosio: entrambi, per motivazioni diverse hanno qualcosa da dimostrare ai propri ex tifosi.

TORINO – Tra le fila dei granata ci sono soltanto due ex. Il primo non scenderà in campo a causa dell’infortunio rimediato contro l’Argentina: parliamo di Diego Laxalt, approdato in Italia proprio grazie all’Inter. Opzionato nel gennaio del 2013, arrivò a Milano nella stessa estate per disputare la tournée e poi trasferirsi subito in compartecipazione al Bologna. Poi Empoli, Genoa, Milan e ora Toro. L’altro ex è Cristian Ansaldi che in nerazzurro non è mai riuscito ad essere determinante come nel resto della carriera: 26 presenze complessive nella stagione 2016/2017 e poi il trasferimento al Torino.

INTER – Sul fronte nerazzurro ci sono tre ex granata: Daniele Padelli è stato il titolare dell’EuroToro di Ventura e si è trasferito all’Inter per fare il secondo di Handanovic: 6 presenze negli ultimi 4 anni, di cui solo 2 in Coppa Italia con i nerazzurri. In pochi lo sanno ma anche Kwadwo Asamoah è tra gli ex della sfida: 4 presenze con la Primavera del Toro nel 2008 prima di esplodere con l’Udinese. E infine Danilo D’Ambrosio, che deve buona parte della sua ascesa nel calcio professionistico ai granata e all’ex ds Petrachi. Il Toro lo pescò nel gennaio del 2010 in Serie C2 dalla Juve Stabia: in granata 123 presenze, 10 goal e 8 assist, fondamentali per la transizione del Toro dalla Serie B all’Europa League. Il divorzio tra i granata e D’Ambrosio non fu dei migliori: il terzino campano non rinnovò con il Torino e si trasferì a Milano nel gennaio del 2014 a prezzo di saldo, 3 milioni di euro e la metà del cartellino di Benassi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy