Torino-Juventus, il derby per riaccendere la scintilla

Torino-Juventus, il derby per riaccendere la scintilla

Verso il match / Per I bianconeri in dubbio la presenza di Pjanic, i granata senza Nkoulou

di Roberto Ugliono, @UglionoRoberto

Sabato sera sarà la volta del derby della Mole. Torino e Juventus si affrontano all’Olimpico Grande Torino con i granata in piena crisi di risultati e prestazioni, mentre i bianconeri – seppur a volte zoppicando – ancora imbattuti in campionato. Una partita che storicamente annulla differenze tecniche e di classifica e può riaccendere la scintilla laddove sembra essersi affievolita, se non addirittura spenta.

Non è più il Toro di Mazzarri

COME ARRIVA IL TORINO – In casa granata può essere quindi l’occasione per ritrovare quella cattiveria che la scorsa stagione aveva portato a un girone di ritorno di altissimo livello. La partita contro la Lazio è stato sicuramente il punto più basso della gestione Mazzarri e ha palesato – se ce ne fosse bisogno – le difficoltà attuali del Torino. I granata contro i biancocelesti oltre a sembrare in crisi dal punto di vista del gioco, non sono riusciti neanche a far vedere la cattiveria messa in mostra nella ripresa con il Cagliari. Motivo per cui la squadra è stata mandata in ritiro per preparare il derby. Nella stracittadina non sarà presente Nkoulou, che è stato espulso contro la Lazio, e il Torino dovrà cambiare la propria organizzazione difensiva. Come se non bastasse rimangono dubbi anche sulla presenza di Rincon, in tribuna contro i biancocelesti per un problema muscolare.

COME ARRIVA LA JUVENTUS – Anche la Juventus potrebbe arrivare con due assenze. Una è sicura ed è lo squalificato Rabiot, che contro il Genoa è stato espulso per doppia ammonizione dopo essere subentrato. L’altro tassello che potrebbe mancare è Miralem Pjanic. Oggi il bosniaco ha ancora svolto lavoro differenziato e la sua presenza rimane in dubbio. Maurizio Sarri, però, può sorridere per il ritorno di Gonzalo Higuain. I bianconeri ritrovano uno dei giocatori più positivi di questo avvio di stagione e pedina fondamentale per il gioco che l’allenatore ex Chelsea e Napoli vuole costruire. Seppur Sarri non sia ancora riuscito dare chiaramente la sua impronta, sta portando a casa risultati importanti. Contro l’Inter è arrivata una vittoria importante e nelle ultime gare, seppur con qualche affanno, i bianconeri sono sempre riusciti a evitare la sconfitta. Il problema dei ragazzi di Sarri, al momento, è principalmente legato alla finalizzazione, visto che contro Lecce e Genoa non sono riusciti a cogliere quanto costruito. Insomma, al derby si presenta una squadra solida, che è cresciuta nella costruzione del gioco, ma che per ora non è ancora riuscita a sfruttare a pieno quanto fatto.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SteGranata77 - 5 mesi fa

    Al di là di come arriviamo al derby: quando c’è il fischio di inizio ci credo sempre, ogni santa volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. toro52anni - 5 mesi fa

    Se mister e giocatori vogliono il perdono hanno la serata giusta.
    Vincete contro i gobbi e facciamo un reset.
    Questa sarebbe la la vera svolta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Esempretoro - 5 mesi fa

    “…se la sorte ti ha dato in dote di essere innamorato di una squadra come il Torino…beh!Allora avrai la ragionevole certezza che quel tuo amore non sarà mai angustiato dalla monotonia, ma da qualsiasi altra possibile condizione dell’anima…inevitabilmente SÌ.” (Cit.)
    Non aggiungo altro,spesso il silenzio assorda più di mille parole. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Max63 - 5 mesi fa

    La situazione è difficile per tutti. Non credo a giocatori che si risparmiano piuttosto oggi i nostri sono storditi da un pseudo-allenatore-trafelato che ne ha limitato le capacità. Questa squadra non inferiori ad altre squadre, ma senza un’idea nn si va da nessuna parte.
    Cmq sabato forza toro per tutto il derby

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Granatissimo1973 - 5 mesi fa

    Già così è una partita scontata…non rendiamo la cosa ancora più comoda ai gobbi iniziando subito a contestare e fischiare i nostri.

    Si fa i tifosi perché questo siamo. Cioè si sostiene la squadra sino alla fine della partita.

    Poi dopo se c’è da fischiare e contestare ok

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. mjgiailevr_737188 - 5 mesi fa

    per me sabato dovremmo entrare allo stadio e cantare fino a quando entrano in campo i giocatori, dopo dovremmo smettere di cantare e uscire dallo stadio per 10 minuti, per far capire a queste merde di chi e davvero il toro. senza i tifosi nessuna squadra vele un euro…e tantomeno il toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. alexku65 - 5 mesi fa

    Trattasi di scintilla di detonazione detto anche battito in testa.

    Esistono molte cause che portano a questo fenomeno, che è dato da una combustione incontrollata della miscela scazzo -mediocrità. Una delle principali è l’errata carburazione della squadra, una pressione psicologica eccessive è una compressione dei maroni causa il malfunzionamento della centralina semi elettronica seduta in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. fedeltoro49 - 5 mesi fa

    Io avrei scritto : ” Il derby per spegnere la candela”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. byfolko - 5 mesi fa

    Già, questa è proprio la partita giusta per riaccendere gli entusiasmi…ahah

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mario66 - 5 mesi fa

    Andiamo incontro ad un’altra umiliazione. Sembriamo il Titanic mentre inerorabilmente affonda l’orchestra continua a suonare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. fra_grant_3447307 - 5 mesi fa

      Hai ragione, e inoltre abbiamo i timonieri che continuano a dire che la nave è inaffondabile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. morassut.maur_9001655 - 5 mesi fa

    E bruciarci miseramente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. BACIGALUPO1967 - 5 mesi fa

    #SPACCHIAMO il culo a sti stronzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy