Torino, la coppia Belotti-Zaza a Mazzarri piace a metà: “Meglio con due trequartisti”

Torino, la coppia Belotti-Zaza a Mazzarri piace a metà: “Meglio con due trequartisti”

Il punto / L’assetto a due punte non convince a pieno il tecnico granata

di Luca Sardo
Andrea Belotti e Simone Zaza, Debrecen-Torino 1-4

ZazaBelotti: promossi ma non troppo. I due attaccanti schierati insieme dal 1′ in attacco ieri sera contro il Debrecen hanno fatto la loro partita: due gol e un assist in due. Ma non hanno convinto al cento per cento Walter Mazzarri per l’effetto che il duo ha avuto sul gioco della squadra. In vista del terzo turno, da capire se il tecnico riproporrà o meno la coppia d’attacco, considerando comunque che mancherà Iago Falque.

INTESA – I due attaccanti, fin dai giorni delle amichevoli in ritiro a Bormio contro la Bormiese, il Merano e la Pro Patria, hanno dimostrato di avere migliorato la loro intesa. I primi segnali sono stati confermati anche nei due match con il Debrecen nel secondo turno preliminare di Europa League. L’attaccante di Policoro ha segnato il 3-0 allo scadere della partita di andata al Moccagatta di Alessandria e ieri sera ha sbloccato la gara di ritorno con un piazzato col suo sinistro sul secondo palo, e anche il Gallo ha fatto centro in entrambe le partite. Particolarmente bello poi il dialogo che ha portato al 3-1 in Ungheria: Belotti in contropiede ha servito sulla corsa Zaza che, di tacco, ha restituito immediatamente la palla al Gallo che ha potuto facilmente andare a rete.

Le pagelle di Debrecen-Torino 1-4: Zaza promosso, Sirigu custodisce la vittoria

MAZZARRI  Ma nonostante il miglioramento di Zaza e Belotti, il tecnico granata in conferenza non è parso convinto appieno della prestazione della propria squadra con loro due in coppia davanti: “Se Zaza e Belotti vogliono giocare insieme devono fare cose diverse. Non si può sempre andare in profondità; ogni lancio è una potenziale causa di allungamento tra i reparti. Anche per questo non si è giocato tanto bene come all’andata”. In sostanza il tecnico toscano preferisce al momento giocare con il 3-4-2-1 perché con due trequartisti la squadra ha più possesso palla e lega meglio il gioco, cosa che con due punte vere in avanti – ricercate continuamente in profondità dai compagni, il che fatalmente facilita lo scollamento tra i reparti – non succede. In prospettiva il 3-5-2, stando alle sue parole, sembrerebbe il modulo di riserva di Mazzarri: il tecnico per ora dovrebbe continuare a puntare sul 3-4-2-1.

38 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Cecio - 3 settimane fa

    Ha ragionissima Mazzarri, per giocare con 2 attaccanti centrali ci vuole una seconda punta che faccia l’elastico tra attacco e centrocampo per legare l’azione.
    Né Zaza né il Gallo hanno queste caratteristiche, perché per natura partono in profondità per dettare il passaggio e così si allunga la squadra perché non rimane nessuno sulla trequarti a dare una possibilità di passaggio in più al centrocampista o all’esterno.
    Questo non vuol dire che possano giocare insieme, ma se si vuol avere la squadra corta per fare pressing non si possono avere 2 attaccanti che fanno gli stessi movimenti.
    State certi che se ci fosse stato Iago (o chiunque altro con caratteristiche simili) ieri Zaza partiva dalla panca.
    Aggiungo anche che ormai nessuno gioca con 2 centravanti, anche pensandoci bene non mi viene in mente nessuna squadra in Italia o in Europa che lo fa…un motivo ci sarà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 3 settimane fa

    Ho letto che c’è un’alta probabilità di incontrare psv o eintracht francoforte ai playoff. Mi auguro che Cairo non aspetti per davvero la sicurezza di andare ai gironi per rinforzare la squadra. Ci sono tanti motivi per farlo di sicuro e il prima possibile. Dall integrazione dei nuovi al gioco di Mazzarri, al rischio altissimo di non superare i playoff numericamente contanti e probabilmente anche senza falque e comunque di sicuro non in forma. Al obbiettivo, in ogni caso, di migliorare la posizione in campionato dell’anno scorso e di andare avanti il più possibile in coppa Italia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 3 settimane fa

      Iago starà fuori 1 mese. Salta di sicuro le prime 2 di campionato e i restanti preliminari.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ribaldo - 3 settimane fa

      non “alta probabilità” ma possibilità si.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ardi - 3 settimane fa

    Penso che, anche vista la mancanza di falque, se arrivasse verdi o chi per esso prima del prossimo turno sarebbe utile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Carlin - 3 settimane fa

    Non mi piace il gioco di Mazzarri,pero’ qui ha ragione.Con 2 punte come Belotti e zaza,una pesta i piedi all’altra.Con zaza,Belotti sparisce all’ala,e,non fà testo la terza rete,per altro bellissima,ma in campionato non si fanno infinocchiare cosi.Percio’ al centro deve stare Belotti,epoi serve un attaccante di sinisra tra le altre cose

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ciccio Graziani - 3 settimane fa

    La squadra gioca più fluida con 2 trequarti e Belotti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bischero - 3 settimane fa

    Le prestazioni vanno analizzate in proporzioni agli avversari. Mazzarri sa benissimo che come abbiamo giocato ieri contro una squadra di serie a di media fascia avremmo perso. E quella che sembra una grande azione come il 3 a 0 del gallo non ci sarebbe stata. Abbiamo giocato il secondo tempo lunghi 60 metri fra difesa e attacco perché nessuno in questa rosa tolto Iago accorcia verso i centrocampisti per prendere palla e fare gioco.non lo fa baselli quando gioca alto, non lo fa Berenguer e non lo fanno zaza e Belotti. Certe caratteristiche le devi avere di natura. Oltretutto il gol del gallo é nato da una ripartenza classica dove lui era sul centrosinistra(dove ci sarà il giocatore nuovo)ma il difensore lo ha praticamente lasciato andare e non gli é stato dietro. E lì mi riaggancio al discorso Dell avversario che facevo all inizio. Servono i giocatori nuovi perché da cosa ho visto rincon ha giocato da fermo e sugli esterni non sovrapponevano come dovrebbero. Siamo in preparazione e stiamo forzando la mano senza ricambi. E infatti si stanno facendo male.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Madama_granata - 3 settimane fa

    Io non sono un tecnico come molti co-tifosi, e in tal senso non mi pronuncio.
    Dico però che a me Zaza e Belotti, insieme, piacciono tanto.
    Altrettanto mi è piaciuto l’ultimo spezzone di partita con Zaza e Millico: abbinamento che ha comunque portato un gol, realizzato dal “cit” in pochi minuti.
    Sono 40 anni e più che i tifosi del Toro sognano di riavere una coppia vincente, i nuovi “gemelli del gol”!
    Forse, e dico forse, stavolta potremmo farcela!
    Bisogna però che Mazzarri “trovi la quadra” per farli giocare INSIEME CON CONTINUITÀ, con il “cit” pronto a rilevare al bisogno uno dei due.
    Forse non si potrà fare in tutte le partite, ma in molte, sì!.
    Questo, a beneficio di alcuni co-tifosi, sempre, solo e naturalmente a mio modesto parere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Toro71 - 3 settimane fa

    Se al posto di Iago Falque ci fosse Verdi avremo un attacco stellare. Iago Falque da quando ha rinnovato il contratto non ha azzeccato una partita ed è sempre infortunato. Cairo prendi subito Simone Verdi.
    Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 3 settimane fa

      Ebbe’ certo se uno e’ sempre infortunato difficile ne azzecchi una…io non dimentico quello che ha fatto e fa jago quando sta bene! Forza jago riprenditi presto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. eurotoro - 3 settimane fa

    Il centrocampista di tecnica e sostanza ce lo abbiamo gia e si chiama soualiho meite!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Sapientino - 3 settimane fa

    Ma perche’ invece di spendere nel mercato non facciamo esordire un talentino come Ricky Vailatti? E’ giovane, forte ed e’ sempre stato un “Cuore Toro”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. granata - 3 settimane fa

    Ci sono tecnici che amano attaccare la profondità, con azioni ficcanti e veloci, altri che non vogliono rischiare, preferiscono far gocare male l’ avversario, fare il giro palla arretrato, secondo l’ antico (e a mio modo di vedere) un po’ stagionato principio: “Primo non prenderle”. Mazzarri si schiera (ma è una novità?) fra questi utltimi. Insomma, conferma la sua mentalità difensivistica. E’ da condannare? No di certo. Ma da tifoso del Toro dico che vorrei non vedere più le prestazioni noiose e scialbe della scorsa stagione (a chi avesse la memoria corta, direi di andarsi a leggere articoli, commenti e opinioni comparsi a suo tempo su questo sito e su altre testate giornalistiche). Con quale risultato? Un settimo posto, discreto, ma non proprio entusiasmante, visto che non è valso per la qualificazione diretta in EL. Ora io dico che bisogna migliorare quel risultato e che lo si può fare sfruttando le caratteristiche di potenza e di velcoità della coppia Belotti-Zaza, che ieri ha dato un saggio di che cosa potrebbe (il condizionale è d’ obbligo, nel calcio certezze granitiche non ce ne sono) fare. E ancor di più se si sfruttano le doti di esterno di fascia destra di Iago Falque, con compiti che una volta venivano affidati al tornanteE. ‘ questa la prima scelta (non la seconda), perchè altrimenti si rischia di nuovo di fare di Zaza un emarginato e, visto il carattere, di uno che negli spezzoni in cui viene utilizzato cerca di strafare e, quindi, compie errori per troppa foga. Aggiungo che, se si vuole fare un vero salto di qualità, bisognerebbe inserire a centrocampo, al fianco di Rincon, un giocatore di tecnica e sostanza, quello che ci è mancato la scorsa stagione (penso, solo a titolo di esempio, a un tipo alla Barella o alla Nianggolan).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

      L’ubriacone Nainggolan lasciamolo dov’è, per piacere.
      Giro palla arretrato????????????
      Ma stiamo parlando di Ventura?????
      Ieri il nostro giro palla era all’altezza del cerchio di centrocampo. Recuperavamo palloni soprattutto con Baselli nella metà campo avversaria. Solo quando ci siamo disuniti abbiamo perso metri su metri. Anche all’andata abbiamo giocato altissimi.
      Che cosa c’entrano le partite del girone di andata dell’anno scorso con la nuova consapevolezza e la propensione a soffocare il gioco avversario sul nascere?
      Il tuo è un elenco di pregiudizi su Mazzarri.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 3 settimane fa

        …concordo abbiamo visto la stessa partita…i meccanismi cominciano ad olearsi..presto giocheremo a memoria..e saranno czzi acidu x tutti!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. user_13544470 - 3 settimane fa

      ciao granata,
      premesso che a me ieri sera zaza e belotti sono piaciuti (e credo sia una soluzione da ripetere quando avremmo tanto spazio alle spalle dei difensori da attaccare), non credo si possa definire mazzarri “difensivista”.

      Il fatto di voler giocare due trequartisti e fa girar di più il pallone permette alla squadra di salire con tanti uomini, e nel momento in cui si perde palla di avere tanti giocatori in zona palla per poterla recuperare immediatamente, quando mazzarri parla di “non farli giocare” credo intenda questo: ovvero di recuperare la palla nella loro metà campo (vedi anche i centrali disposti in verticale con mitè molto alto per aggredire gli avversari e baselli più arretrato).

      Quando giochiamo con zaza e belotti attacchiamo molto la profondità e allunghiamo la squadra, in questo modo facciamo fatica ad accompagnare l’azione con tanti uomini (vedi meitè scoppiato dopo mezzoretta o il calo di berenguer nel secondo tempo) e cosi facendo non avendo uomini in zona palla dobbiamo recuperare la linea e non possiamo prenderli alti nella loro metà campo.

      Abbiamo più soluzioni offensive e questo è un bene per la squadra!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. iard68 - 3 settimane fa

        Se non è difensivista Mazzarri allora chi? A parte Trapattoni s’intende… ma ha cent’anni di più…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

          Non hai guardato bene i due match mi sa. E non hai seguito l’evoluzione del gioco della squadra nella seconda parte dello scorso campionato.
          Quando possiamo, ovviamente tenendo conto anche di chi abbiamo davanti, giochiamo molto alti impedendo le trame avversarie e recuperando subito palla. E’ un gioco aggressivo, a distruggere il gioco degli altri per proporre il nostro. Sempre con un occhio all’equilibrio della squadra, che non deve essere nè sbilanciata in avanti nè scollata tra i reparti perché in entrambi i casi si consente agli avversari o di giocare il contropiede o di costruire azioni ragionate.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. iard68 - 3 settimane fa

            Sarà… Vedremo Torino-Sassuolo quante volte arriveremo a tirare in porta… Io l’ho già detto alter volte, non pretendo di vincere sempre, nè di vedere calcio champagne o quant’altro. Vorrei divertirmi… Questo significa guardare la partita con la ragionevole speranza che la squadra possa fare dei gol e vincerla. Se la squadra, come in più o meno 30 delle 38 partite dell’anno scorso gioca solo di rimessa, con una punta abbandonata là davanti e Bereguer o Iago in appoggio (più o meno…) i gol arrivano solo per miracolo (o per culo) ed io non mi diverto! Anche se alla fine si vinciucchia 1-0.

            Mi piace Non mi piace
    3. FVCG'59 - 3 settimane fa

      Se si vuole fare il famoso salto di qualità, lo si deve fare anche come mentalità e Mazzarri è sicuramente un po’da aggiornare. Mi viene in mente il grande Gigi Radice:se non avesse inventato il suo nuovo e coraggioso modulo di gioco, lo scudetto e i Gemelli del gol ce li potevamo scordare! Nel calcio, come nella vita, bisogna osare! ma certo, non tutti hanno nel loro DNA questa qualità…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. DenisLaw - 3 settimane fa

    Si possono utilizzare, a seconda dei moduli tattici dell’avversario in certe partite o vedendo come si mettono le partite nel secondo tempo. Magari non sempre ma si possono utilizzare entrambi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. FVCG'59 - 3 settimane fa

    Forse allunghi la squadra ma costringi gli avversari a coprirsi ed arretrare, se li pressi. Bisogna essere bravi a non prendere ripartenze, questo sì.
    Ma i due trequartisti chi sarebbero? O intende due incontristi?
    Io Zaza e Belotti li farei sempre giocare:al tecnico fargli capire e provare movimenti e schemi “diversi” come sostiene lui…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granata - 3 settimane fa

      FVCG’59, sagge considerazioni. Sono perfettamente d’ accordo con te.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marcogol - 3 settimane fa

        Non ha forse piú ragione privilegiogranata qui sotto?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

      Come si possa fare pressing allungando la squadra è qualcosa di assolutamente innovativo nel calcio. Un concetto rivoluzionario, direi sconosciuto, anzi del tutto impossibile.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. eurotoro - 3 settimane fa

        …infatti!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. andrefio9_12968776 - 3 settimane fa

    Mazzarri è il solito difensivista…l’anno scorso abbiamo fatto partite dove non si è visto un tiro in porta, alla lunga non puoi sperare sempre di non prendere goal!! Zaza è in gran forma (l’anno scorso è arrivato alla fine e complice anche il gioco di Mazzarri ha trovato grandi difficoltà, ma le qualità il ragazzo c’è le ha eccome) e con Belotti formano una coppia con i contro cazzi!! Forse il trequartista in questo momento è di troppo, il centrocampo a 5 garantisce sicuramente più equilibrio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Luke90 - 3 settimane fa

    Io capisco poco, ma se si è sempre sostenuto che i due siano simili una ragione c’è… ora, simili, ha un suo significato quindi è normale che succeda quello che WM constata. A mio avviso se giochi con i due attaccanti puri anche il modulo e gli attori devono cambiare altrimenti ci sta che ciò che guadagni davanti lo perdi in fase difensiva..
    Molto dipenderà dall’avversario e dalla situazione
    Comunque sono contento di vedere che esiste un Gruppo. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. eurotoro - 3 settimane fa

    ..mma qual e’ il problema?…uno gioca il giovedi..l’altro la domenica..e siamo tosti uguale e czzi acidi x gli altri..e se ci girano..li mettiamo entrambi!!! Vamos toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. 1401637 - 3 settimane fa

    si profila mercato in uscita last minute ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 3 settimane fa

      Ah si?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

        Sì, stiamo per vendere 1401637 al Casal Pirlottese.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Andreamax - 3 settimane fa

    Saluti a tutti i fratelli di virus, non entro in disquisizioni tecnico-tattiche che non mi appartengono,ieri sera il Toro mi e’piacuto, cio’basta e avanza. FORZA VECCHIO CUORE GRANATA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. user-14272643 - 3 settimane fa

    Non mi ricordo, ma Pulici e Graziani allungavano la squadra?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

      Giocavano in un epoca in cui si andava ai 2 all’ora.
      Ora è tutto diverso, tant’è che ieri appena abbiamo lasciato campo alla corsa del Debrecen abbiamo incassato il gol e rischiato di prenderne altri due (San Sirigu veglia su di noi).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Mimmo75 - 3 settimane fa

    L’acqua caldaaaa….l’acqua caldaaaa….eureka….l’acqua caldaaaa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. PrivilegioGranata - 3 settimane fa

    Condivido pienamente. Dopo aver visto le due partite è evidente che i due trequartisti colmano tatticamente e tecnicamente gli spazi tra la punta e il resto della squadra, dando più equilibrio e mantenendo comunque alta la pericolosità dell’attacco.
    Viceversa, le due punte tendono a scollarsi dalla squadra e a lasciarla allungata, il che favorisce le trame avversarie. Dovranno imparare a fare movimenti diversi, non buttarsi entrambi in profondità, ma giocare a turno “da seconda punta”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy