Torino, Longo non molla: telefona a tutti i giocatori per tenerli sulla corda

Focus on / Così il tecnico granata prepara la ripresa delle attività insieme ai granata

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Tutta Italia è impegnata a combattere contro il coronavirus e il calcio è completamente fermo da settimane. Chi, pur rimanendo a casa, di fermarsi un attimo non ne ha intenzione è Moreno Longo, l’allenatore del Torino, che sta continuando a preparare la ripresa delle attività per farsi trovare pronto in qualsiasi momento. Un’attività certamente molto complicata visto e considerato che è impossibile programmare compiutamente un lavoro, non sapendo se e quanto il campionato riprenderà.

STUDIO – Longo, che sta trascorrendo l’isolamento nella sua casa di Rivoli, dedica gran parte della sua giornata a studiare la squadra, sempre in contatto con il suo staff: l’approfondimento con i filmati è all’ordine del giorno, attività utile per conoscere a fondo gli errori – compiuti sotto la sua gestione e nella precedente – ai quali rimediare quando ci si potrà ritrovare di nuovo al Filadelfia per allenarsi. Il tecnico è determinato a fare tutto il possibile, lottando contro tutte le difficoltà di una situazione imprevedibile e imponderabile.

Decameron granata – L’idolo d’infanzia: “Si chiamava Giorgio, veniva da Trieste ed era il mio supereroe”

CURA DEL GRUPPO – L’ attività del Longo-mister è incentrata soprattutto sulla cura delle relazioni con i propri giocatori. Il mister è solito chiamare infatti ogni singolo calciatore, per essere aggiornato con informazioni di prima mano circa le condizioni, gli avanzamenti negli allenamenti individuali e la salute di ciascuno. Oltre alle chiamate ai giocatori, all’ordine del giorno ci sono le videoconferenze con i collaboratori, altro momento importante della giornata di Longo che si tiene al mattino: il momento in cui si studiano le tabelle di esercizi, quotidiane e personalizzate, da mandare a Belotti e compagni. Insomma, il mister continua le sue attività senza sosta, e la permanenza forzata in casa non lo ha demoralizzato, nell’attesa di poter dimostrare le sue qualità sul campo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy