Torino, l’unità è un valore: altra cena di squadra per fare gruppo

Torino, l’unità è un valore: altra cena di squadra per fare gruppo

Focus on / Tutta la squadra ieri sera era a cena da Catullo, noto ristorante torienese

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Un grande gruppo, per essere tale, deve essere unito dentro e fuori dal campo. Così non è raro vedere i giocatori del Toro cenare tutti insieme, in modo tale da rinsaldare rapporti già profondi di stima e rispetto da un punto di vista umano oltre che professionale.

FAMIGLIA – Del resto il Gallo Belotti ha più volte sottolineato che una squadra è, per certi versi, come una famiglia, per cui una cena di squadra – specie se in un momento chiave della stagione appena iniziata dai granata come l’avvicinarsi del turno eliminatorio di Europa League – è un’ottima occasione per “fare gruppo“, integrando alla prima squadra anche i ragazzi che hanno preso parte al ritiro di Bormio (come testimonia la stories postata da De Silvestri, che vede lui e Rosati insieme alle nuove leve Gilli, Segre, Rauti e Millico).

CENA – La cena si è svolta ieri sera da Catullo, noto ristorante torinese sito in Corso Moncalieri, con vista sul Po. Una location d’eccezione nella quale c’erano proprio tutti, da Belotti ad Izzo passando per Baselli, Zaza e Rincon: giovani ed esperti insieme (come testimonia la stories che vede insieme Singo, Nkoulou e Djidji), perché operazioni di team building sono da sempre elemento fondante dei gruppi vincenti e professionali, oltre che elemento curato con sempre più dovizia dagli staff tecnici e dirigenziali delle società di alto livello. Non potevano mancare infine Parigini ed Edera, legatissimi anche fuori dal campo.

 

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paul67 - 3 settimane fa

    Nella foto nn si vedono bene i nuovi acquisti……

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Toro71 - 3 settimane fa

    Uniti si vince

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. BACIGALUPO1967 - 3 settimane fa

    UNITÀ tifoso obiettivo che da del fascista a chi non la pensa come lui sarà felice..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Tifoso Obiettivo - 3 settimane fa

      Do del fascista a chi non permette che si possa esprimere dissenso alla società e allo gnomo che le fa a capo, come te e il tuo braccio destro adolf privilegio.
      Mi fate schifo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. maxx72 - 3 settimane fa

        Ennesima vergogna tifoso obiettivo-subcomandante dare dell’adolf alle persone…rifletti prima di scrivere

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. BACIGALUPO1967 - 3 settimane fa

        Cocciante cantava….
        “povero diavolo che pena mi fai!!!”
        Con profonda disistima le auguro buona serata dottore

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      3. unasolafede - 3 settimane fa

        Il problema non è dissentire, quello è un diritto di tutti. Ma leggendo i tuoi scritti il tuo non è dissenso, è dissenteria….. mentale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Maroso Immenso - 3 settimane fa

    Se avessero avvertito sarei anch’io andato a cena con loro.
    Vabbè sarà per la prossima volta.
    Mangè poc che giobbia a jè da curi!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. crclaudio6_126 - 3 settimane fa

    Gilli, Segre e Rauti insieme non coprono la “massa” di De Silvestri! 🙂 🙂 🙂 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy