Mazzarri annusa il pericolo: è un Torino che deve dimostrare qualcosa

Mazzarri annusa il pericolo: è un Torino che deve dimostrare qualcosa

Spesso i richiami del tecnico granata hanno portato a una scossa alla squadra, ultimo esempio la vittoria contro l’Inter

di Marco De Rito, @marcoderito

“Stamattina ho strigliato i ragazzi, non si può sbagliare”, così racconta Walter Mazzarri in conferenza stampa. Il tecnico ha poi continuato: “I ragazzi facevano qualche battuta di troppo, ma dobbiamo fare il salto di qualità”. nsomma, il tecnico vuole mantenere la tensione alta. Quando Mazzarri parla di salto di qualità non si riferisce tanto al gioco quanto all’approccio mentale. Il Torino spesso e volentieri questa stagione ha sprecato i primi tempi per un approccio alla gara sbagliato e, spesso e volentieri, ha toppato il salto di qualità. Sia Cairo che il mister, dopo la gara contro l’Inter, hanno ricordato: “La vittoria sarebbe inutile se non diamo continuità”.

LE STRIGLIATE – Continuità è mancata al Torino in questa stagione, e il problema appare mentale. Mazzarri, sin dal suo arrivo all’ombra della Mole, ha sempre precisato che ci tiene molto a questo aspetto e per questo ha richiesto una rosa composta da pochi elementi, in maniera da poter lavorare bene anche singolarmente con ognuno di essi. Le urla e richiami dell’allenatore toscano, hanno più volte funzionato e lo dimostrano anche i dati: il 37% dei gol granata è arrivato nei primi 15′ della ripresa, dopo che i giocatori si sono presi i richiami da parte del mister. La dimostrazione c’è stata anche con l’Inter, dopo un inizio 2019 claudicante, Mazzarri ha motivato i suoi ragazzi che nell’ultima gara hanno dimostrato di aver capito la lezione: “Eravamo concentrati, cattivi. Dopo la partita di Roma mi ero arrabbiato, anche per come siamo usciti con la Fiorentina. Oggi (domenica scorsa, ndr) invece i ragazzi erano molto attenti, concentrati a non fare errori banali ma meno sciolti nel gioco”.

LA CARICA – Le strigliate sono arrivate anche alla vigilia del lunch-match odierno, che è quasi una prova del nove per Belotti e compagni. Dopo alti e bassi, è arrivato il momento di effettuare il salto di qualità per tirare la volata per l’Europa League, obiettivo stagionale non dichiarato pubblicamente ma comunque chiaro. La speranza per Mazzarri è che i suoi richiami all’attenzione abbiano gli effetti sperati e che la squadra, in una gara complicata con una squadra in forma come la Spal, riesca a vincere e convincere.

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser - 8 mesi fa

    il momento di effettuare il salto di qualità per tirare la volata per l’Europa League, obiettivo stagionale non dichiarato pubblicamente ma comunque chiaro. La speranza per Mazzarri è che i

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser - 8 mesi fa

    quest e’ un’altra prova

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser - 8 mesi fa

    vediamo se funziona questo nick

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Io ne ho viste cose che voi umani non potreste immaginarvi: navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, e ho visto i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser - 8 mesi fa

    hi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Maroso - 8 mesi fa

    Ecco un altro indizio che a Mr. Mazzarri non manca la capacità di approccio psicologico con la squadra. Strigliare va bene, se prima si è parlato con i giocatori e questi non ascoltano. Ormai i giocatori possono essere curati uno ad uno? In questo senso bene, sperando che la coperta non sia corta. Mi auguro che al momento di scendere in campo non ci sia supponenza da parte di nessuno, che tutti sappiano che ci si trova di fronte una squadra in salute e pericolosa, ma che non è il Real Madrid (del resto il Toro non è il Barcellona….). Personalmente sono ottimista, soprattutto di vedere un buon approccio da parte dei Giocatori del Torino. Se sarà così, in assenza di papere, potrebbe arrivare una vittoria. Il condizionale è d’obbligo poichè si sa…. come la palla sia rotonda!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13693832 - 8 mesi fa

    ha già messo le mani avanti, intervista post non vittoria di oggi già pronta “io lo avevo detto alla squadra….” ridicolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. toroVB - 8 mesi fa

    Cairo vattene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. fabio.tesei6_13657766 - 8 mesi fa

    È una partita da vincere come tutte le partite da quando esiste il calcio. Gli ha dovuti strigliare altrimenti non se lo ricordano. Che genio. Adesso sono più tranquillo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco59 - 8 mesi fa

      …viste le sue innate “capacità” di strigliare, ha sbagliato mestiere: era meglio se faceva lo stalliere…!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Marco59 - 8 mesi fa

    …speriamo soltanto che oggi, annusando l’aria, non si senta la solita puzza di amebe e di zombies…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Marchese del Grillo - 8 mesi fa

    Mandate Cassardo a Ferrara, possibilmente con una buona scorta di shampoo!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy