Torino-Milan 0-0: nel primo tempo regna l’equilibrio

Torino-Milan 0-0: nel primo tempo regna l’equilibrio

Al 45′ / Meglio il Torino nei primi quarantacinque minuti di gioco, Milan pericoloso solo nel finale

di Nicolò Muggianu

Finisce 0-0 il primo tempo dell’Olimpico tra Torino e Milan. Una prima fase di match divertente e fino a questo momento degna delle premesse della vigilia. Si va nell’intervallo in parità e con grande equilibrio in campo.

Mazzarri si affida al collaudato 3-5-2 delle ultime uscite, con De Silvestri che torna regolarmente sull’out di destra. Il Torino parte meglio e fa vedere di essere subito in partita. Il primo brivido per il Milan arriva subito: batti e ribatti in area di rigore, ma De Silvestri è impreciso e sul più bello spedisce il pallone fuori. I ritmi sono sin da subito altissimi con l’Olimpico, in serata da grandi occasioni, che apprezza.

Torino parte meglio, con il Milan che fatica a prendere i giocatori di Mazzarri e si vede: in 10′ sono già tre le ammonizioni per i ragazzi di Gattuso. Suso, Conti e Paquetà: con il secondo che rischia il rosso per un intervento pericoloso su Ansaldi. Il primo vero tiro del match è di marca granata e arriva su calcio piazzato, ma lo schema (piuttosto curioso) di Ansaldi con Berenguer e Belotti non sortisce i risultati sperati. Per vedere il primo squillo del Milan bisogna attendere il 29′: destro secco di Suso, respinto da Sirigu di pugno. Il Torino risponde al 32′, ma De Silvestri non arriva per questione di centimetri sulla bella iniziativa di Berenguer. Ancora Toro pericoloso al 39′: schema su corner che libera Belotti, blocca però Donnarumma. Sirigu risponde al collega al 43′: ottimo intervento su Chalanoglu al termine di una bella azione da parte della squadra di Gattuso. Finisce così il primo tempo uno 0-0 figlio di un grande equilibrio in campo.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. AppianoGranata - 4 mesi fa

    Iago per Berenguer! E si vince.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mauro69 - 4 mesi fa

    Primo tempo deludente
    Per vincere bisognerà rischiare qualcosa, gettare il cuore oltre l’ostacolo, altrimenti accontentiamoci dell’ottavo posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatadellabassa - 4 mesi fa

      Se c’è una cosa che non è mancata è proprio il cuore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mauro69 - 4 mesi fa

        D’accordo e ci mancherebbe, ma per fare il salto di qualità serve qualcosa in più, è evidente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-13773864 - 4 mesi fa

    Tirare in porta no?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13722867 - 4 mesi fa

    Adani commentatore indegno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. prawn - 4 mesi fa

    Strigliata di WM, la scossa e magari Iago nel secondo e vediamo come va a finire

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy