Torino-Milan, quanti incroci di mercato: Meité l’ultimo interesse rossonero

Torino-Milan, quanti incroci di mercato: Meité l’ultimo interesse rossonero

Incroci / I due club spesso rivali anche sul mercato: dal “no” del Toro per Baselli e Belotti alle voci su Cutrone

di Roberto Ugliono

Dai confronti sul mercato a quello, importantissimo, del campo. Torino e Milan sono legate da anni da reciproci interessi di mercato. Dall’interesse rossonero per Belotti a quello per Meité, passando per le voci (per ora non confermate) che accostano Cutrone al Torino. Le cronache di calciomercato degli ultimi anni sono state spesso caratterizzate da sondaggi od offerte tra le due società.

SPONDA MILAN – Il caso più famoso, probabilmente, è quello legato ad Andrea Belotti, che il Milan provò a prendere due stagioni fa, ma il tentativo di Mirabelli e Fassone non andò a buon fine. L’offerta dei rossoneri, infatti, non raggiunse i 100 milioni previsti dalla clausola rescissoria prevista dal contratto del Gallo e Cairo fu sempre deciso nel rifiutare proposte inferiori. Nella stessa finestra di mercato sempre la società milanese, fu tra i club che si interessarono seriamente anche a un altro granata in rampa di lancio: Daniele Baselli. Anche in questo caso, però, il giocatore rimase al Torino, grazie al rinnovo del contratto sino al 2022. L’interesse più recente, sponda rossonera, riguarda Soualiho Meité, per il quale si mosse Leonardo proprio nei dintorni dell’ultimo mercato di gennaio. Il sondaggio del dirigente milanista fu, anche in questo caso, rimandato al mittente da Cairo e Petrachi.

SPONDA GRANATA – Il Torino, invece, ultimamente è spesso accostato al giovane attaccante del Milan Patrick Cutrone. Il talentino rossonero è stato accostato più volte ai granata, considerati i pochi spazi nella squadra di Gattuso, ma poche settimane fa è arrivata la smentita del suo agente, Giovanni Branchini: “Sono false tutte quelle voci di accordi con altri club, in particolare quelli con il Torino. Non abbiamo parlato con nessuno, ma non sono in programma contatti neanche per il futuro“. Tra le tanti voci, l’ultimo affare di mercato concluso tra le due società è il passaggio di M’Baye Niang al Torino una stagione fa. L’esterno senegalese approdò a Torino per quasi 15 milioni, ma in granata non è riuscito a trovare il giusto feeling e la scorsa estate si è accasato in prestito con diritto di riscatto al Rennes, dove, ultimamente, si sta esprimendo su ottimi livelli.

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabio.tesei6_13657766 - 4 mesi fa

    Ci vogliamo i denari non le chiacchiere

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Bischero - 4 mesi fa

    Il Milan se non andrà in Champions non potrà avvicinarsi più di tanto…. Baselli se offrissero 15 milioni lo mandarei al volo per fare cassa. Senza ombra di dubbio é il big della rosa che si può cedere senza ombra di dubbio visti i scarsi risultati fino ad ora dimostrati. Cutrone penso che sarà trattato solo con la cessione del gallo e mi sembra il sostituto migliore in circolazione. Io dal Milan prenderei conti perché conosce il nostro modulo, ha piedi educati é giovane e si deve rilanciare. Penso anche si possa prendere con un prestito con diritto di riscatto per 13-15 milioni. Laxalt anche a meno.Con conti al posto di desilvestri avremmo più tecnica spinta e velocità. A quel punto si dovrebbe cercare il sostituto di baselli per far fare il salto di qualità alla squadra. (Benassi, Pereyra, vecino, zayc, Perotti)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Madama_granata - 4 mesi fa

    L’importante è che Belotti e Baselli rimangano qua!
    Questo è un “punto fermo”.
    Di Meité, a mio avviso, se ne potrebbe anche parlare, ma con la clausola che si riprendano pure Niang, se il Rennes non lo riscatta!
    Cutrone non mi spiace, ma sembra che il suo procuratore non sarebbe molto dell’idea!
    Noi abbiamo 2 gioiellini come Millico e Rauti: perché cercare giovani altrove, peggio ancora se all’estero, e pagarli fior di quattrini, anziché valorizzare quelli che
    sono cresciuti in casa nostra?
    Basta convincere Mazzarri a “buttarli nella mischia!”.
    E poi ci sono sempre Parigini ed Edera che a me piacciono e a cui darei fiducia, checché voi ne diciate!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. markmail200_96 - 4 mesi fa

    Vediamogli a caro prezzo Meité…dobbiamo ripagarli con il pacco che ci hanno rifilato con Niang!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GlennGould - 4 mesi fa

    Si si. Se non troveranno il modo di farlo arrivare quarto, e quindi niente Champions, altro che Baselli Belotti e Meite; Birsa Biraghi e Petagna. Se va bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone - 4 mesi fa

    Meite se ce lo pagano bene glielo darei all’istante

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy