Torino, finalmente Verdi torna al gol: ma deve essere un punto di partenza

Torino, finalmente Verdi torna al gol: ma deve essere un punto di partenza

Focus on / L’esordio di Longo non è stato felice, ma il n. 24 ha finalmente trovato la prima rete della sua esperienza in granata

di Lorenzo Chiariello, @lorechiariello

Nonostante l’entusiasmo suscitato, la prima di Longo sulla panchina granata non ha portato i risultati sperati da presidenza e tifoseria. Il Toro ha patito le solite defaillance difensive ed una tenuta atletica non delle migliori. In un’altra serata negativa però, c’è chi ha finalmente visto la luce in fondo al tunnel. Dopo quasi un anno, Simone Verdi ha ritrovato la marcatura in Serie A e con essa il primo sigillo in maglia granata dopo 1410 minuti spalmati su 22 presenze. Per il classe 1992 trovare la rete infatti è stato più complicato del previsto: solo Rolando Mandragora (45) aveva effettuato più tiri dell’esterno granata senza insaccare nel campionato in corso. Ora, con la fine di questo periodo di sterilità realizzativa Verdi potrebbe trovare maggiore confidenza dare un decisivo contributo alla manovra offensiva del Toro.

LIBERAZIONE – Prima del mancino sporco, ma rapace di ieri sera, l’ultima rete in Serie A firmata Verdi era datata 31 marzo 2019. Per 314 giorni, la porta è stata nemica dell’esterno ex Napoli che proprio con i partenopei era andato in gol contro la Roma prima del prolungato digiuno. L’aver portato in vantaggio i granata davanti al pubblico dell’Olimpico Grande Torino, al di là del risultato finale, potrà senz’altro essere un’iniezione di fiducia per le partite a venire. Longo infatti lo ha schierato sulla destra in un tridente vero e proprio, non alle spalle di Belotti come successo fin ora. Così, il n. 24 ha ritrovato il senso della posizione e il cinismo che sembravano essersi spenti in questa stagione. La caparbietà nel gettarsi nello spazio sul suggerimento di Bremer e l’astuzia cercata e trovata per anticipare Audero non possono che far ben sperare.

RISORSA – Nonostante una stagione fin qui deludente, le immagini dal tunnel tra un tempo e l’altro: l’esterno lombardo, reduce da una prima frazione titubante e forse troppo defilata, a tu per tu con Longo, con il tecnico che gli si è rivolto in maniera molto energica per spronarlo a dare di più. Un’inequivocabile prova del fatto che le aspettative sull’ex Napoli siano ancora molto alte, nonostante una stagione fin qui non sempre al top. Verdi, che sotto la gestione Mazzarri ha più volte faticato a condividere il ruolo di trequartista con Berenguer, ha invece dimostrato di potersi adattare alla fase offensiva voluta dal neo tecnico granata, ripagando nel migliore dei modi la fiducia concessa dalla società e da Longo stesso. Solamente il tempo potrà dare risposte, ma ora più che mai Verdi avrà il compito di garantire costanza al Toro e la prestazione offerta contro la Sampdoria potrà essere il primo gradino della sua crescita.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Jalo - 5 mesi fa

    Resto convinto che valga i 25 milioni spesi. Quest’anno non lo riesce a dimostrare, perché quando il gruppo gioca male è difficile per un singolo emergere, ma sono sicuro che appena ci sistemiamo sarà chiaro a tutti che li vale. Quest’anno è pure sfigato, un gol e almeno tre pali, e metà delle (poche) occasioni del Toro passano comunque dai suoi piedi. Io continuo ad essere fiducioso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. sigfabry - 5 mesi fa

    Verdi ha giocato quasi tutte le partite sotto la sufficienza , non ci sono dubbi
    Ma non dargli il merito sul gol di ieri ,vuol dire che per alcuni di voi il pallone è quadrato e magari qualche commento in meno e qualche riflessione in più prima di scrivere sta marea di sciocchezze pallonare sarebbe di giovamento per tutti .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. eurotoro - 5 mesi fa

    error community id not found…e tutti a fun cool

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. r.ponzon_13686323 - 5 mesi fa

    Però bisogna ammettere che si sbatte tantissimo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Thor - 5 mesi fa

    A quando “finalmente Verdi torna in panchina”?
    No per capirci…ne liscia 9 su 10 e la 10’ la manda di cülo in gol. Ah, e grazie ancora per lo svarione che ha dato il via alla rimonta del Milan in coppa Italia. Grazie Verdi, con te siamo al verde. Fai almeno in modo di tornare sul mercato e farti vendere a un prezzo di realizzo. A noi servono altri colori, anche a costo di prendere svincolati con palle e voglia di battersi per ben figurare. Ci farebbe bene come squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Simone - 5 mesi fa

    Error: Community ID Not Found

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paul67 - 5 mesi fa

    Dopo 22 giornate 1 gol é una miseria, ma diamogli le attenuanti dell’essere arrivato a fine mercato con conseguente ritardo d’ambientamento e anche dello scarso rendimento generale della squadra, però nn capisco come nn abbia i 90 minuti, é l’unico che nn ha fatto i preliminari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 5 mesi fa

      Ma infatti e una cazzata la storia della condizione alta causa dei preliminari…dopo sei mesi poi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Daniele abbiamo perso l'anima - 5 mesi fa

    A Mio parere il gol di Verdi è stata una disgrazia. Per come ha giocato male magari con il Milan sarebbe partito dalla panchina invece ce lo ritroveremo di nuovo titolare a perdere 29 palloni su 30 che ne tocca…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Hert - 5 mesi fa

    Gli altri combattono, noi siamo passivi. I ciucci che ci rappresentano sono scarsi e presuntuosi. È molto critica, io credo che è molto dura fare almeno 10 punti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. mirafiori64 - 5 mesi fa

    verdi non è un fenomeno e non vale assolutamente i 25 mln spesi, pesano su di lui come un macigno quei soldi, pero mi piacerebbe vederlo giocare nella sua naturale posizione, esterno alto dx, a bologna nella sua unica stagione da protagonista giocava in quel ruolo, da trequartista lo vedo anonimo. Longo per favore basta! Non snaturiamo i giocatori in nome di astrusi tatticismi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gallochecanta - 5 mesi fa

      Tra l’altro mi pare che anche da noi venne con il ruolo designato di ala destra d’attacco che fu preso perché il primo anno Ventura faceva il 4 2 4. Se non sbaglio in serie b fece la riserva di Surraco(!) e Stevanovic (!!!), mentre l’anno successivo era chiuso da Cerci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. bullgoal - 5 mesi fa

    Comunque vada #iostocomoreno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Andreamax - 5 mesi fa

    Calma e gesso, fratelli, il pessimismo non aiuta e non bisogna mai anticipare gli eventi;le partite andranno giocate, calma e gesso, FORZAVECCHIOCUOREGANATANEVERGIVEUP!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy