Torino, Lukic esempio di disponibilità e intelligenza. Ora gli manca il gol

Torino, Lukic esempio di disponibilità e intelligenza. Ora gli manca il gol

Focus on / Il serbo a Genova ha giocato nuovamente in un ruolo non suo ed è stato autore di una prova molto dispendiosa in fase di non possesso

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Non è da sottovalutare la prestazione di Saša Lukić, che nella vittoria del Torino per 1-0 contro il Genoa ci ha decisamente messo del suo. Un lavoro di sacrificio ed abnegazione, che ha contribuito ad aiutare la squadra in un momento difficile. Poca attitudine a incidere in fase offensiva, ma tanta corsa in fase di non possesso che è risultata utile alla squadra.

DUTTILE – Il serbo, abituato a giocare come centrale di centrocampo, o al più come mediano o mezzala, contro il Genoa è stato schierato di fatto da seconda punta, proprio dietro Berenguer nel 4-4-1-1 che diventava 3-4-2-1 in fase di possesso. Non è la prima volta: lo si ricorda in quella posizione anche contro il Napoli in casa. Lukic, oltre a confermarsi quindi come un profilo duttile, è un esempio di giocatore capace di sacrificarsi per la squadra accettando un ruolo non suo, mettendosi in gioco in prima persona in una situazione non facile. Non è scontato che un calciatore accetti così di buon grado una collocazione tattica differente dalla sua naturale.

Toro senza punte e operaio: così Mazzarri porta via tre punti da Genova

IMPORTANTE – Lukic ha fatto ciò che Mazzarri chiedeva, indipendentemente dagli esiti delle sue giocate, dando una grande mano in fase di non possesso pressando alto sull’impostazione avversaria, anche se nel secondo tempo è poi parzialmente arretrato verso una posizione a lui più conosciuta. La gara di sabato conferma quello di Lukic come un profilo tattico di grande utilità. Che ha anche margini di miglioramento. Ad esempio per quel che riguarda la lucidità e la precisione in fase offensiva.

Genoa-Torino 0-1, le statistiche: granata imprecisi, numeri da pareggio

COSA MANCA –  Già, perchè ciò che manca al nazionale serbo è l’appuntamento con il goal. Il Torino è la squadra che tira di meno in Serie A dopo il Brescia e Lukic è tra coloro che più faticano a prendersi la responsabilità di tentare giocate pericolose, in primis proprio il tiro in porta: se nel bagaglio tecnico aggiungesse la capacità di siglare 5-6 gol a stagione, ciò lo renderebbe un calciatore di primaria importanza. Non è impossibile, come attesta il fatto che nel finale della scorsa stagione il serbo ha messo a segno due reti. Sia Mazzarri sia il ragazzo stanno lavorando su questo e a Genova infatti Lukic ha tentato il tiro due volte. Con esiti rivedibili, ma tentare è il primo passo per riuscire negli obiettivi. Proprio perché, ad un calciatore ricettivo alle sperimentazioni del tecnico e duttile come lo è Lukic, non è poi chiedere molto.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. miele - 1 settimana fa

    Quelle del titolo sono belle doti, ma sufficienti solo per un giocatore come ce ne sono tanti. Il livello tecnico e non è accettabile, ma per essere veramente all’altezza, specie a centrocampo, ci vuole personalità, inventiva e grinta, doti che il nostro non ha e difficilmente acquisirà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Simone - 1 settimana fa

    Temo che a Marchello sia capitata la stessa partita avariata di Mazzarri e ha iniziato a sparare castronerie.
    Improvvisamente Lukic è diventata una mezzapunta a cui manca solo gol.

    Per favore: “LEVATEJE ‘R VINO”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. abatta68 - 1 settimana fa

    Non so, non capisco… quando facciamo partite disastrose vuol dire che nessuno fa quello che il mister aveva preparato in settimana, quando il risultato arriva è perché tutti si sono dati disponibili, anche a giocare fuori ruolo. In questo senso di esempi ne abbiamo tanti, ultimi lukic esterno e berenguer centravanti! Risultato? Giochiamo di merda! Almeno speculassimo sui risultati… nemmeno quello, prendiamo tanti goal e abbiamo una media punti imbarazzante, a -10 dai nostri obiettivi. Ripeto: mazzarri deve prendersi delle responsabilità! Non può costruire una squadra sugli esterni senza mettere verdi e berenguer o iago vicini a belotti! Mazzarri deve far funzionare l attacco, perché così lo ha voluto! È l unico modo che ha per salvarsi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. prawn - 1 settimana fa

    Ma che ha fatto?
    Per poter vedere il campo con il re mida (solo che trasforma l’oro in merda) in panchina bisogna negare il calcio, ascoltarlo e seguirlo in tutto, ed ecco i vari edera, parigini, millico, zaza (ma anche ljacic) scomparire dalla formazione, i baselli diventare interdittori, persino gli aina e i laxalt sono troppo sbruffoni per giocare col matto in panca.
    Lukic: puoi giocare da attacante, certo capo, obbidisco, senno’ non vedo piu’ la palla e perdo il posto in nazionale

    ma vergogna

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. leggendagranata - 1 settimana fa

    Abnegazione e sacrifcio sì, discreta tecnica, ma per il resto non mi pare che brilli. E’ uno sgobbone senza grande estro: non ha la capacità di saltare l’ avversario, di calciare a rete con potenza e precisione, di fare assist decisivi. E’ vero che è giovane, ma su di lui bisognerebbe lavorare per migliorarlo. Certo che a Genova la “genialata” di Mazzarri lo ha condizionato parecchio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy