Toro, 4 anni fa il miracolo granata al San Mamès: quando i sogni diventano realtà

Toro, 4 anni fa il miracolo granata al San Mamès: quando i sogni diventano realtà

Memorie granata / Il 26 febbraio 2015 la squadra di Ventura si impose a Bilbao conquistando gli ottavi: dopo cinque anni l’eco di quel successo non si è spento

di Redazione Toro News

“Nessuna squadra italiana ha mai vinto al San Mamès”. Questa fu la notizia prima della partita di ritorno dei sedicesimi di finale tra Torino e Athletic Bilbao, che all’andata era terminata 2-2 con una doppietta di Maxi Lopez per i granata. Quel giorno, quel 26 febbraio del 2015, il Toro affrontava gli spagnoli contro i pronostici, alla ricerca di una qualificazione quasi impossibile in uno stadio caldo e gremito di tifosi biancorossi.

Ma l’arma di Ventura, quella stagione, si stava scoprendo in vena di miracoli. Nella gara contro il Bilbao, bisogna segnare un gol in più rispetto agli avversari, e ad aprire le danze ci pensa Fabio Quagliarella, dopo che Vives aveva conquistato un calcio di rigore. La partita non è semplice, e gli spagnoli non vogliono rendere la vita facile ai granata: Iraola, a due minuti dalla fine del primo tempo, mette a segno il gol dell’1-1, che avrebbe mandato il Bilbao agli ottavi. Si sta per andare all’intervallo, quando a segnare ci pensa l’altro attaccante, quello in piena forma e con la bava alla bocca, Maxi Lopez: un esplosione granata che sa di qualificazione.

Il meraviglioso spicchio dei tifosi ospiti al San Mamès
Il meraviglioso spicchio dei tifosi ospiti al San Mamèsè

Il secondo tempo parte con i granata in cerca di chiusure difensive, per proteggere un risultato che li manderebbe avanti in Europa League, ma a mezz’ora dal termine la seconda doccia fredda e il ritorno all’inferno: segna De Marcos. Si prospettano in lontananza i possibili supplementari con questo risultato di 2-2, lo stesso dell’andata, ma dopo aver fatto questi calcoli, la palla lunga di El Kaddouri raggiunge il piede di Darmian in corsa, che sbatte il pallone in rete al 67′ trovando il gol del 2-3, che mette al sicuro i granata: agli spagnoli non basta più neppure segnare il 3-3.

Ma la partita finisce così, 2-3, con l’impresa del Torino che ancora riecheggia nella memoria di tutti i tifosi granata, che quando ripensano al San Mamès, lasciano scappare un sorriso per una partita divenuta leggenda.

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Santander Granata - 8 mesi fa

    Io quella sera c’ero: vivendo vicino a Bilbao, è stato un regalo della Dea Bendata quel sorteggio, poter vedere il mio Toro allo stadio, visto che non ci posso andare più di tanto adesso…non pensavo che fosse passato così tanto già…per me il ricordo è ancora vivo come se fosse ieri…l’ambiente, i fratelli granata nel bar “la Catedral”, posto di ritrovo degli ultras baschi ma invaso da tifosi del Toro…la pioggia, l’ambiente prepartita fuori e dentro lo stadio, i fumogeni, i canti, lo spicchio granata che si riempie e poi, solo una voce…la nostra. Io in mezzo ai tifosi dell’Athletic, il cantico di inizio partida, la pelle d’oca di 50.000 persone urlando “Athetic”…poi il rigore…non capivo cosa fosse successo…era rigore! Il pareggio ed i primi nervi…poi la Gallina di testa, imperiosa…la speranza spezzata dal loro pareggio…la paura dei supplementari e dei rigori…che non vinciamo mai…e poi, proprio sotto di me, San Matteo Darmian, di piatto, mi fa saltare dal seggiolino, con i tifosi Baschi che mi guardano stupiti…si incavolano ma non mi dicono niente…non potevo resistere…la gioia era troppa…il fischio finale, abbraccio mia moglie spagnola che mi ha accompagnato, mi ha fatto un gran regalo…e poi l’urlo “giuve giuve vaff…ulo” che parte dalla curva dell’Athetic e riecheggia dalla parte granata…con una bandiera del Toro in mano al loro capo Ultras, a petto nudo, nonostante il freddo…e la pioggia…molta pioggia…la festa fuori dallo stadio, insieme, tifosi del Toro e dell’Athletic…loro applaudendoci e noi a loro…una festa…una bellissima festa…ed un ricordo indelebile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 8 mesi fa

    4 anni sono decisamente troppi, Cairo puoi fare meglio. vediamo come va a finire quest’anno, altrimenti diventano 5

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il Poeta del Gol - 8 mesi fa

      Certo che mettersi in atteggiamento critico sempre e per forza anche quando si celebra il punto più alto del recente passato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sgarlatarobert_13661352 - 8 mesi fa

    San mames!!! e chi se la dimentica una trasferta cosi!! io con miei due fratelli ci siamo goduto tutto di quella fantastica trasferta.il tifo,la citta,la gente basca.per sempre nei nostri cuori granata!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. user-13973712 - 8 mesi fa

    le due vittorie con l’Atletic Bilbao e con i ladroni nel derby al Grande Torino sono state le più emozionanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy