I tifosi granata e quei fischi a Pasquato: altri ex Juve hanno avuto più fortuna

Il tema / Da Quagliarella, Immobile e Rincon a Sorrentino e Bruno fino a Gabetto: ecco i celebri passaggi dal bianconero al granata

di Andrea Calderoni

24 marzo 2020: sono passati esattamente 8 anni da un 6 a 0 del Torino rifilato al Gubbio nel campionato di Serie B, poi culminato con la promozione degli uomini allenati da Gian Piero Ventura. E quindi direte voi, dove si vuole andare a parare? Ebbene quel 24 marzo 2012 esordì in maglia granata un giovane Cristian Pasquato e fu subissato di fischi, complice il suo lungo trascorso con la casacca della Juventus, società dalla quale si era trasferito in prestito. Oggi Pasquato ha 30 anni e gioca al Campodarsego in Serie D, ma allora fu un motivo di attrito nella piazza del Torino, perché passare dalla sponda bianconera a quella granata della città della Mole non è mai banale e segna inevitabilmente la carriera del giocatore che compie il transito.

Kamil Glik: “Coraggio Italia, ti rialzerai come il mio Toro”. E sull’idea ritorno…

TERZO MILLENNIO – Il più celebre dei trasferimenti dalla Juventus al Torino risale all’epopea granata: Guglielmo Gabetto nell’estate del 1941 cambiò club per l’unica volta in carriera ma rimase nella stessa città, Torino. Dopo quasi un decennio alla Juventus con quasi 90 gol, Gabetto andò al Torino dove entrò nella leggenda divenendo uno degli Invincibili. Storia pazzesca la sua, appartenente però ad un’altra epoca. Nel terzo millennio, a parte alcuni giovani passati da una parte all’altra, tra cui anche Vincenzo Millico, passato nelle giovanili della Juventus prima di sbarcare 14enne al Torino, la Primavera e adesso la Prima Squadra granata, sono noti i casi dell’attuale capocannoniere del campionato di Serie A Ciro Immobile nella stagione 2013/2014 e di Fabio Quagliarella nel 2014/2015. Anche un attuale elemento della rosa di Moreno Longo è approdato al Torino attraverso la Juventus: Tomas Rincon. Hanno, invece, fatto il percorso inverso, inimicandosi per sempre la tifoseria del Torino, Federico Balzaretti e Angelo Ogbonna.

Pulici ricorda l’esordio in granata: “Gigi Riva mi diede la sua benedizione”

DECENNI PASSATI – La storia si arricchisce di altri celebri e discussi trasferimenti dalla Juventus al Torino negli anni addietro. Negli anni Novanta hanno seguito tale strada Pasquale Bruno (100 presenze in bianconero, 103 in granata) e Stefano Sorrentino, che nell’estate 1998 scelse il Torino dopo non aver mai esordito con la Juventus nella stagione precedente. Sul finire degli anni Cinquanta da segnalare anche i passaggi del centrale Tony Marchi e di Rino Ferrario. La storia dei sopra citati insegna che quasi mai l’ex juventino non è stato accettato dal tifoso granata, anzi al contrario gente come Bruno, Sorrentino o Immobile sono esplosi con la maglia del Torino e sono divenuti idoli del popolo granata. Dobbiamo ricordare, infine, che negli anni Novanta i vari Dino Baggio, Luca Fusi, Robert Jarni e Gianluca Pessotto attraversarono metaforicamente il Po ma in senso inverso: dal granata al bianconero, proprio come Aldo Serena nel 1985.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy