Toro, contro tutto e tutti

Toro, contro tutto e tutti

Verso Torino-Parma / Voci di mercato, pressioni, malelingue, complotti: il Toro è superiore, il Toro è più forte

di Federico Lanza, @LanzaFederico

Hanno cercato di distruggerlo, annientarlo e cancellarlo, il Toro. Ma non ci sono riusciti. Non ci riusciranno mai, se lo mettano bene in testa. Perchè il Toro è immortale. E alla vigilia della partita della vita, quella che può marcare il confine tra una stagione straordinaria e una indimenticabile, c’è chi prova ancora a mettere il bastone tra le ruote del Torino, che vola sulle ali dell’entusiasmo verso un’obiettivo, l’Europa League.

VOCI DI MERCATO, VIETATA PENSARCI – Ciro Immobile è al centro di un vero e proprio intrigo di mercato che vede coinvolto, suo malgrado, il Torino (che al momento avrebbe altro a cui pensare), Juventus e Borussia Dortmund. Certo, vedere accostato il nome di un giocatore del Torino ad una grande squadra del calcio europeo non può che far piacere, ma è parsa del tutto inopportuna, quanto meno, la tempistica con cui i tedeschi e i bianconeri si sono incontrati per discutere del futuro dell’attaccante del Toro. Se poi abbiano parlato o meno del numero 9 capocannoniere della serie A, quello è un altro discorso. Lungi dal definire questi come “atti destabilizzanti”, il mercato non è la priorità del Toro che, al momento, ha i piedi sul prato dell’Olimpico e la testa alla partita contro il Parma. Che potrebbe dire molto, moltissimo. Chi vince, ha un piede nella prossima Europa League.

OLIMPICO ESAURITO – Ci sono certi stadi, come quelli della Premier League inglese, che incutono timore solo alla vista. Anfield Road, Old Trafford: templi di sport e tifo, vero e appassionato. L’unico stadio che può vantarsi di incutere timore in Italia, ahinoi, è quello della Juventus. Ma la passione va ben oltre l’architettura: la passione è stare insieme, e lo stare insieme genere forza e sicurezza. Quello che serve al Torino questo pomeriggio. Questo, forse, è la differenza tra un’accozzaglia e un popolo. Unire le forze e sudare assieme per un obiettivo comune. Il Parma non è un avversario facile, e statisticamente parlando, ostile ai granata. Il popolo granata, chi allo stadio, chi a casa, è pronto. All’Olimpico, i seggiolini sono tutti occupati. Un oceano di passione in un mare di tifo, diceva uno striscione. Oggi sarà così. Parma, fatti avanti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy