Torino: l’attacco è il settimo più produttivo della storia. E l’obiettivo top 5…

Torino: l’attacco è il settimo più produttivo della storia. E l’obiettivo top 5…

Approfondimento / Il reparto offensivo granata ha qualcosa di storico quest’anno: servono 16 gol per entrare nella Top 5

di Gualtiero Lasala, @LasalaGualtiero

Il reparto offensivo, in questa stagione, è stato per il Torino assolutamente spumeggiante: grazie soprattutto al contributo di Belotti, Iago Falque e Ljajic (44 gol nel complesso), ma anche alla spiccata mentalità offensiva imposta da Mihajlovic, tecnico che vuole un Torino più orientato al segnare che al non far segnare, la squadra granata è arrivata ad avere il quarto miglior attacco del campionato in coabitazione, al momento, con l’Inter di Stefano Pioli. Ma da sottolineare non c’è solo il buon risultato ottenuto in questa stagione, per quanto l’obiettivo dell’Europa League sia sfumato, perché la formazione di Sinisa Mihajlovic si sta ritagliando un piccolo spazio nella storia del Toro, grazie alla mole di gol realizzati in questa stagione.

CAGLIARI, ITALY - APRIL 09: Belotti Andrea of Torino celebrates his goal 1-2 during the Serie A match between Cagliari Calcio and FC Torino at Stadio Sant'Elia on April 9, 2017 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)
CAGLIARI, ITALY – APRIL 09: Belotti Andrea of Torino celebrates his goal 1-2 during the Serie A match between Cagliari Calcio and FC Torino at Stadio Sant’Elia on April 9, 2017 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

SETTIMO ATTACCO – Infatti il Toro ha in questo momento il settimo attacco migliore della storia granata (riferendosi alla giornata numero 33) e il migliore degli ultimi 56 anni. La squadra del serbo Mihajlovic si trova a confronto con i reparti offensivi di squadre che hanno giocato nella prima metà del ‘900, quando a vestire la maglia granata c’erano dei mostri sacri come gli Invincibili. Al primo posto, alla trentatreesima giornata, infatti troviamo la squadra del 1928-1929 (115 gol), seguita da quella del Grande Torino nella stagione 1947-1948 (100 gol). Sul terzo gradino del podio troviamo ancora Mazzola e compagni, nell’annata ’46-’47 (84 gol): medaglia di legno per la squadra della stagione 1927-1928 (71 gol). In seguito ci sono le squadre della stagione ’49-’50 (68 gol) e ’48-’49 (66 gol) prima di trovare il Toro di Mihajlovic, con 63 reti.

VERONA, ITALY - APRIL 23: Iago Falque Silva of Torino FC celebrates his goal during the Serie A match between AC ChievoVerona and FC Torino at Stadio Marc'Antonio Bentegodi on April 23, 2017 in Verona, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)
VERONA, ITALY – APRIL 23: Iago Falque Silva of Torino FC celebrates his goal during the Serie A match between AC ChievoVerona and FC Torino at Stadio Marc’Antonio Bentegodi on April 23, 2017 in Verona, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

OBIETTIVO – Il primo obiettivo che questo Toro di Mihajlovic può provare a centrare è quello di entrare nella Top 5 dei migliori attacchi del Torino, e per centrarlo servono almeno 16 reti. Infatti, a fine campionato, troviamo dei numeri ancora più pazzeschi: inarrivabile la quota di 125 gol realizzata nell’annata 1947-1948 dagli Invincibili. Lo stesso discorso vale per i 115 gol della stagione 1928-1929 e per i 104 del Toro del 1946-1947. Difficile pensare di arrivare a quota 80 reti, come nella stagione 1949-1950, ma per la potenza di fuoco che possiede la squadra di Mihajlovic non è del tutto utopico pensare, nelle cinque partite che mancano, di segnare 16 reti e raggiungere, quindi, quota 79 e diventare il quinto attacco migliore della storia granata, dato che nelle stagioni ’27-’28 e ’48-’49 il Torino si fermò a 78 gol.

# Gol 33ª giornata Gol fine stagione
Torino 1947-1948 100 125
Torino 1928-1929 115 115
Torino 1946-1947 84 104
Torino 1949-1950 68 80
Torino 1927-1928 71 78
Torino 1948-1949 66 78
Torino 2016-2017 63
1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. prawn - 3 anni fa

    E la difesa come si classfica?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy