Toro, il lavoro è sugli esterni

Toro, il lavoro è sugli esterni

Focus / Con l’arrivo di Peres e con Sanchez Mino sempre più vicino Petrachi parte dalle fasce per costruire il Torino che verrà

di Redazione Toro News

Il Toro sembra aver messo mano agli esterni. Una zona del campo che durante questo campionato ha creato non pochi problemi al tecnico Ventura. Il tecnico genovese infatti prima si è visto partire D’Ambrosio nel mercato di gennaio e poi, come se non bastasse, ci ha pensato la Dea Bendata a giocare un bello scherzetto ai granata.

Con gli infortuni di Masiello e Pasquale infatti Ventura si è ritrovato con Darmian, unico terzino universale, e con Vesovic che però non ha ancora convinto del tutto. In quella situazione d’emergenza Darmian è stato dirottato sulla sinistra e Maksimovic (che esterno non è) è stato testato sulla corsia destra. Una soluzione che ha convinto ma che comunque ha obbligato la società di Via Arcivescovado ad operare sul mercato.

Con l’arrivo di Peres e con Sanchez Mino che sembra sempre più vicino Ventura può davvero iniziare a lavorare per la prossima stagione. Il brasiliano classe 90′, è infatti un esterno destro che potrebbe benissimo rappresentare un’alternativa a Matteo Darmian che potrebbe finalmente ritornare sulla propria fascia di competenza. Senza dimenticare che il verdeoro è molto duttile e può giocare anche sulla mediana.

Sanchez Mino invece, esterno sinistro può davvero colmare quel vuoto sull’out di sinistra che tanto ha fatto preoccupare Ventura durante questo campionato. Senza dimenticare che il 24enne oltre che sull’esterno può anche giocare sulla trequarti. Sicuramente questi saranno solamente i primi tasselli del Toro che verrà ma considerando che il prossimo anno i granata saranno impegnati in tre competizioni, Ventura avrà bisogno di una panchina lunga e soprattutto di giocatori duttili utili per più testare più situazioni possibili.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy