Toro in numeri: Baselli mediano? E’ più incontrista di Rincon e non tira più in porta

Toro in numeri: Baselli mediano? E’ più incontrista di Rincon e non tira più in porta

Toro in numeri / L’analisi statistica sui giocatori del Torino secondo i dati di Whoscored.com e Opta

di Andrea Marchello, @AndreaMarchell0

Arriva il momento di analizzare le statistiche di Daniele Baselli, centrocampista del Torino, per il consueto appuntamento con Toro in numeri. Per lui finora 11 presenze in 12 giornate di campionato fin qui disputate, per un totale di 911 minuti giocati. Molto presente quindi nelle rotazioni del Torino, con Mazzarri che fa spesso ricorso alle sue qualità per mettere in campo il miglior Toro possibile. L’avvio di stagione di Baselli è caratterizzato da una identità tattica ben definita, quella di mediano puro davanti alla difesa, senza compiti da trequartista come spesso Mazzarri gli aveva chiesto la scorsa stagione. Anche per questo, il giocatore di origini bresciane è fermo a zero gol stagionali: qualcosa per lui di inconsueto.

Per quanto riguarda gli assist, notiamo come questi siano stati solo due, entrambi nella vittoriosa partita contro l’Atalanta. Non moltissimi, certo, ed è un dato in linea con la sua posizione – centrocampista centrale, malgrado si sia visto anche come mediano o trequartista -, una di quelle che mal si concilia con la figura di assist man. Pochi i tiri totali: soltanto tre in undici partite, di cui due nello specchio. Un peccato, perchè il tiro da fuori è sicuramente una delle armi migliori di Baselli, che con questo fondamentale ha segnato diversi gol bellissimi nei suoi quattro anni e mezzo al Torino. Dodici invece le occasioni create secondo Opta: qui Baselli è il migliore dei centrocampisti granata. Rincon si ferma a sei, Meite a cinque, Lukic a tre. Sono quattro giocatori che non stanno aiutando molto la fase offensiva della squadra di Mazzarri: Baselli ad esempio ha l’81.7% di passaggi riusciti, ma dei 476 suoi passaggi effettuati, solo il 30% è stato direzionato in avanti. 

Sono invece sicuramente migliori i numeri della fase difensiva di Baselli: Opta segnala venti intercetti palla (più di Rincon, fermo a 15) e il 52.9% di successo nei contrasti (anche qui, meglio del venezuelano, da tutti dipinto come il prototipo del mediano incontrista). Dati che spiegano bene il Baselli che stiamo vedendo: un giocatore che ha arretrato il suo raggio d’azione rispetto all’anno scorso con buoni frutti nella fase di non possesso, ma questo spostamento chiaramente gli ha tolto qualcosa in quanto a incisività nella metà campo offensiva.

 

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Maver - 10 mesi fa

    E come può tirare in porta se AGONIA proibisce qualsiasi iniziativa nella metà campo avversaria??? AGONIA VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. suoladicane - 10 mesi fa

    aver trasformato l’unico centrocampista con i piedi discreti e capacità di inserimento in mediano di rottura, è una delle più grandi cagate fatte da testadighisa
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. christian85 - 10 mesi fa

    @madamagranata @GlennGould

    scusatemi.. spero veramente di aver capito o letto male… ma seriamente dite che Baselli è da lodare per “l’attaccamento alla maglia” ^

    “E’ il nostro miglior centrocampista” ??

    Io rispetto le vostre opinioni e i vostri pensieri… ma voglio solo ricordarvi 2 cose su Baselli.

    Arrivato insieme a Zappacosta dall’Atalanta, monitorato e studiato già 2 anni prima da Ventura e Petrachi, scelto come quel centrocampista che avrebbe dovuto dettare i ritmi e alzare l’asticella ( dopo che abbiamo giocato con Gazzi, Vives e Basha ).

    Ok, tutti a bocca aperta dopo quell’eurogol contro la Viola, 3-1 per noi, e poi ? Baselli sparisce dai radar, brutte prestazioni e continui acciacchi..
    Nemmeno con Sinisa la musica cambia, nemmeno quando gli rimprovera di essere l’unico bergamasco senza palle che abbia mai visto.. e aveva pienamente ragione.

    Sono 5 anni che da Baselli ci aspettiamo quel salto di qualità ma soprattutto la continuità, invece niente; addirittura lo scorso anno è stato pure scalzato da Lukic ( che adesso tutti criticano perchè appena ripreso da una brutta e lunga pubalgia, ma questo nessuno forse lo aveva capito e nessuno forse sà cosa significhi avere una pubalgia di 1 grado ).

    Detto questo, parlato del lato tecnico del giocatore, ora vorrei dire la mia sul lato attaccamento maglia.
    Primo anno di Sinisa, il Toro andava a Milano a giocare contro il Milan ( persa poi 3-2 con la doppietta del gallo ), arrivo all’Hotel Visconti dove alloggiava la squadra; riesco a fermare il gallo per una foto con tanto di gesto condiviso della cresta, sorrisi e 2 battute velocissime.
    Scende Baselli dal pullman, faccia da funerale, triste; come se dovesse andare a fare i lavori forzati o a pelare le patate nei campi di concentramento.
    Qualche tifoso gli grida “dai Daniele!! Tira fuori le ball!” Due bambini volevano fare la foto con lui, ma lui guarda dritto e corre verso l’ingresso dell’hotel.

    Dettagli, certo, magari aveva litigato con la fidanzata oppure aveva avuto le sue cose quel giorno; rimane solo il fatto che Baselli potete dire quel che vi pare, ma per il suo carattere cosi cupo e triste, come un bambino bastonato, non potrà mai essere ricordato come quel centrocampista da Toro.

    Ferrini, Leo Junior, Asta per fare brevissimi esempi erano icone del centrocampo del Toro, che verranno sempre ricordati per la loro grinta e il loro modo di essere guerrieri.
    A oggi, l’unico che può avere questo complimento, Sirigu a parte, è Rincon. Lui sì che suda, lotta e si fa per 3 sputando sangue.

    Baselli a voi pare questo giocatore con questa personalità da Toro ?
    Se lo dite voi…..

    E’ vero che adesso gioca arretrato, davanti alla difesa, ma poco cambia.. ripeto da 5 anni credo siano state più le negatività che positività di questo giocatorino.. un peccato veramente perchè probabilmente le qualità le ha tutte, ma non è da Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toro Forever - 10 mesi fa

      Se bastasse l’attaccamento alla maglia, Rolando Bianchi giocherebbe ancora nel Torino. Invece ci dobbiamo “accontentare” di Belotti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Toro Forever - 10 mesi fa

      Anche Joe Hart era un portiere “stratosferico”. La colpa era della difesa che, ogni tanto, lasciava tirare gli avversari. E oggi ci tocca “sorbirci” Sirigu.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Madama_granata - 10 mesi fa

    Sono totalmente, assolutamente d’accordo con Glenn Gould: Baselli sempre e comunque da lodare x l'”attaccamento alla maglia”.
    Ma questo è solo un aspetto, dei tanti che, dati alla mano, può dimostrare che Baselli è a tutti gli effetti “il nostro miglior centrocampista”.
    – Gente che a gran voce chiedeva Lukic in campo perché di gran lunga superiore ai compagni di reparto. Sembrava che il centrocampo fosse non brillante a causa della sua assenza!
    – Gente che parlava del miracolo Meité e delle sue eccezionali doti.. Non certo quella di correre.. Scambio alla pari con Barreca: questo il suo reale valore. Nessuno ci regala niente!
    – Gente, e qui mi associo anche io, che loda ed esalta Rincon x la voglia, la grinta, la sua capacità nei contrasti!
    – Gente che critica Baselli, eccome lo critica, e pesantemente!
    Ora i numeri ci dicono che quando giocava avanzato faceva gol ed assist utilissimi alla squadra.
    Ma Mazzarri non sarebbe lui se non “cambiasse ruolo e posizione” ai giocatori.
    Ora Baselli gioca arretrato: mediano puro davanti alla difesa.
    Certo non si può pretendere che possa anche segnare, ma le statistiche ci dicono che è il nostro miglior centrocampista!
    Il migliore x le occasioni create (12).
    Il migliore x i passaggi riusciti.
    Il migliore x gli intercetti-palla
    Il migliore x i contrasti vinti con successo.
    Sono dati incontrovertibili, riportati dall’articolo, non il parere di una tifosa!
    Taluni co-tifosi vogliono “il salto di qualità: non si pretende un po’ troppo da questo ragazzo che non piace perché non invadente, non violento, non “mediatico”, e con la “faccia da bravo ragazzo”?
    Io credo che solo cambiando un paio di compagni, e rinforzando tutto il reparto di centrocampo, Baselli sarebbe messo in condizioni di rendere x quello che realmente vale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. TORO76 - 10 mesi fa

    Trasformato in mediano da quel genio che abbiamo in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Toro Forever - 10 mesi fa

    Non voglio criticare Baselli. Mi limito a rilevare, in questi ultimi anni, la crescita di tutte le Squadre nel settore di centrocampo. Fisicità e dinamismo uniti a grinta e velocità. Potrei fare molti esempi ma per brevità citerò solo l’Atalanta. Sono tutti giocatori strutturati e simili per caratteristiche tecniche. Prova ne sia che quando entrano in campo, uno per l’altro, non cambia nulla nell’atteggiamento e nella personalità della Squadra. E non è una questione di schemi. Nel Torino, se cambia un giocatore in mezzo al campo, cambia la partita in modo sensibile. Poca omogeneità e qualità complessiva. Un altro giocatore che conosciamo bene è Benassi. Non è andato in crisi lui, è migliorata la concorrenza nella sua Squadra e ora i suoi avversari lo superano sul campo per rendimento generale. Baselli non ha la personalità per reagire a questa tendenza. Resta un discreto giocatore, ma per il salto di qualità il Torino avrebbe bisogno di altro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. iugen - 10 mesi fa

    Io non capisco perché spostare Baselli indietro, quando è chiaramente l’unico centrocampista in rosa in grado di combinare qualcosa in fase offensiva. E ci ritroviamo con Meitè e Lukic “trequartisti” a partite alterne, incapaci di creare alcunché. Infatti poi si vedono i risultati. Se proprio di deve ostinare col 3511 almeno Baselli va schierato più avanzato, visto che ha sempre dimostrato di saperla buttare dentro, al contrario degli altri due

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Toroxsempre - 10 mesi fa

    Come in tutti gli sport, se sei un fuoriclasse lo dimostri già da giovanissimo, se invece vuoi diventare un grande giocatore lo diventi nel tempo crescendo e imparando da chi lo è già.
    Baselli innanzitutto nasce ed è una mezzala di inserimento, trasformato a centrocampista di contenimento, snaturando secondo me le sue doti tecniche, se poi consideriamo gli anni trascorsi fino ad ora al Toro, non vedo un solo centrocampista che possa avergli trasmesso degli insegnamenti per migliorare ulteriormente, o che possa trasmettergli la serenità delle giocare semplici che riescono solo quando giochi accanto a giocatori di alto livello.
    Penso che alla fine sia una promessa mai sbocciata, ma che oltre alle sue mancanze si debba dare anche la colpa alla società che non gli ha mai dato la possibilità di avere attorno centrocampisti di caratura tecnica elevata con cui giocare senza avere troppa pressione personale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. FVCG'59 - 10 mesi fa

    I numeri e le percentuali parlano da soli: una promessa mai cresciuta, anzi, in regressione. Delusione e causa di una squadra senza gioco, verticalizzazioni e assist, in un centrocampo di una modestia imbarazzante (da svendere e ricostruire completamente, se si vuole costruire qualcosa).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. GlennGould - 10 mesi fa

    Uno dei giocatori più attaccati al club in assoluto.
    Per me questo basta e avanza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Bischero - 10 mesi fa

    A me questa disamina convince fino ad un certo punto e rapportato a rincon non fa esaltare baselli ma fa riflettere sul scarso apporto che sta dando rincon in fase di non possesso. Non é lo stesso giocatore dinamico e cazzuti dello scorso anno. Anche a livello di ammonizioni siamo indietro rispetto allo scorso anno. Meno corsa, meno agonismo meno gialli.baselli lo vedo bene al Monza da Berlusconi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. tric - 10 mesi fa

    Baselli grande incontrista. Quest’anno i suoi interventi sono stati spesso determinanti per salvarci le terga. Solo i somari possono criticarlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 10 mesi fa

      Sarò un somaro, allora. Per me il fisico da interditore proprio non c è l ha. Lo fa nemmeno spesso volare via.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 10 mesi fa

        Lo fanno spesso volare via. Magari se ci fosse più qualità a centrocampo da parte dei colleghi, allora potrebbe essere quello che imposta il gioco.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Nidam - 10 mesi fa

    A me non dispiace nel ruolo di mediano. Piuttosto dovrebbe prendere più consapevolezza nell’impostazione. Rincon lo terrei come riserva facendo giocare 2 mezzali propositive una delle quali da acquistare. Per il resto la rosa a me piace.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 10 mesi fa

      Due centrocampisti che si inseriscono con buona tecnica e piedi buoni costano. Meglio buttare 25 milioni di euro per verdi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. prawn - 10 mesi fa

    Mai stato determinante ma ora pure rovinato completamente dal genio in panchina.
    rincon a impostare e baselli a filtrare…
    col fisichino che si ritrova

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy