Toro, in ribasso le quotazioni di Berenguer: con Verdi e Falque c’è poco spazio

Toro, in ribasso le quotazioni di Berenguer: con Verdi e Falque c’è poco spazio

Focus on / Dopo la bocciatura contro il Lecce nessuna gara da titolare. E con l’arrivo dell’ex Napoli e il rientro dello spagnolo le occasioni saranno sempre meno

di Alberto Giulini, @albigiulini

Da titolare quasi inamovibile a comparsa: è cambiata nel giro di pochi mesi la posizione di Alejandro Berenguer, che nelle ultime gare ha faticato a trovare spazio. Una situazione probabilmente prevedibile vista la grande concorrenza in attacco, ma l’avvio di stagione aveva aperto le porte anche a scenari differenti.

IL BUON AVVIO – Perché in estate Berenguer è stato grande protagonista nei preliminari di Europa League. Va detto che gli avversari erano di un livello molto basso, ma lo spagnolo aveva fatto intravedere giocate importanti, impiegato sia da trequartista che da mezzala. E anche in avvio di campionato non sono mancate alcune belle giocate, specialmente il bel gol contro l’Atalanta confezionato insieme a Meité. Ma da quel momento è iniziato il declino.

L’ARRIVO DI VERDI – Contro il Lecce, alla terza giornata, è arrivata la prima bocciatura: una sostituzione all’intervallo dopo un primo tempo caratterizzato da molti errori. Da lì nessuna occasione da titolare, solamente qualche spezzone di gara. Una situazione che probabilmente era anche preventivabile, considerato l’arrivo di un giocatore del calibro di Verdi nello stesso ruolo. Perché è proprio all’ex Napoli che Mazzarri si è affidato nelle ultime gare, con Berenguer che al contrario è un po’ uscito dai radar.

Amichevoli, Uruguay-Perù 1-0: gara dai ritmi alti, Laxalt entra nel finale

RIENTRA IAGO FALQUE – A complicare la situazione dell’ex Osasuna c’è ora anche il rientro di Iago Falque, altro giocatore che per caratteristiche andrebbe proprio a prendere il posto di Berenguer. Emblematica, in tal senso, l’ultima gara disputata contro il Napoli: fuori Verdi per Iago Falque, con il numero ventuno rimasto invece in panchina. Anche alla ripresa del campionato il rischio è che ci sia meno spazio per Berenguer, che avrà sì qualche occasione, ma dovrà essere bravo a sfruttarla a dovere.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. maxxvigg1968 - 5 giorni fa

    berenguer facilmente è al capolinea – nella sua posizione tra verdi e laxalt, e con una sola competizione, siamo a posto cosi

    mia opinione – a gennaio andrebbe scambiato con un centrocampista come si deve …..

    anche millico a gennaio dovrebbe andare a giocare da qualche parte in serie B – senza perderne il controllo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. prawn - 5 giorni fa

      ha senso avere un gennaio con molti prestiti, non so pero’ se lo daranno via, a mazzarri fa comodo un jolly che gioca praticamente ovunque.

      cmq chiaramente se alziamo l’asticella giocatori da 10o posto non sono parte del progetto

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy