Toro, la Bundesliga insegna: con le porte chiuse addio al fattore campo

Toro, la Bundesliga insegna: con le porte chiuse addio al fattore campo

Approfondimento / Una brutta notizia per i granata, che al Grande Torino avrebbero giocato gli scontri diretti con Parma, Udinese, Brescia e Genoa

di Alberto Giulini, @albigiulini

In casa o in trasferta cambierà poco: nel calcio che si prepara a ripartire dopo l’emergenza coronavirus, il fattore campo è destinato a scomparire. Addio (o almeno, arrivederci) dunque alla spinta delle tifoserie più calde o al timore di giocare di fronte ad uno stadio tutto esaurito, i cambiamenti rispetto a qualche mese fa saranno radicali.

ADDIO FATTORE CAMPO – Le prime dimostrazioni concrete arrivano dalla Bundesliga, il primo tra i maggiori campionati europei a ripartire. I numeri parlano infatti chiaro: le vittorie casalinghe sono state solamente cinque, dieci i pareggi e addirittura tredici i successi esterni. Dati che già di per se sono molto significativi, ma che lo diventano ancor di più se paragonati a quelli del calcio prima del coronavirus. Prendendo in considerazione le gare disputate in Bundesliga, i successi interni sono scesi da una percentuale del 42,79% ad una del 18,51%, mentre le vittorie in trasferta sono salite al 44,44% rispetto al precedente 36,03%. Una dimostrazione evidente di come il calcio senza i suoi tifosi sia destinato a cambiare radicalmente, andando ad incidere anche sui risultati del campo.

UFFICIALE, niente Atalanta-Sassuolo il 19 giugno: Torino-Parma e gli altri recuperi il 20 o 21

GLI SCONTRI DIRETTI – Un effetto analogo a quello verificatosi in Germania potrebbe ripresentarsi anche in Serie A. Il protocollo per la ripresa del campionato ad oggi è infatti molto chiaro: divieto di accesso ai tifosi negli stadi. E così, salvo clamorosi e ad oggi lontani colpi di scena, il campionato è destinato a concludersi a porte chiuse. Una notizia che certamente non farà piacere al Toro ed ai suoi tifosi. I granata, chiamati a risollevare un campionato che stava iniziando a prendere una brutta piega, dovrebbero infatti giocare al Grande Torino quattro gare fondamentali contro Parma, Udinese, Genoa e Brescia. Tutti scontri diretti che metteranno in palio punti pesanti per la salvezza, ma il Toro non potrà contare sulla spinta della Maratona e del suo pubblico.

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Paul67 - 1 mese fa

    Anche in questo caso, dopo aver anticipato “il distanziamento sociale” dei nostri difensori, siamo più avanti, anche della Bundesliga, noi il fattore campo l’avevamo già azzerato, Lecce, Spal, ciclisti, hanno avuto vita facile al GRANDE TORINO, per nn parlare di merde varie strisciate quali Inter, giùve e dea.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy