Toro, la Coppa Italia nell’era Cairo: granata mai oltre i quarti di finale

Toro, la Coppa Italia nell’era Cairo: granata mai oltre i quarti di finale

Focus on / Il tabellone può aiutare il Toro, che negli ultimi anni non è andato bene in Coppa

di Silvio Luciani, @silvioluciani_

La scorciatoia per l’Europa League, un trofeo che manca dal 1995, quasi un tabù per il Torino sotto la presidenza di Urbano Cairo. Domani torna la Coppa Italia, una competizione che il Toro dovrà prendere sul serio soprattutto in questa stagione: il tabellone è quasi ideale. I granata entrano direttamente negli ottavi di finale in virtù del settimo posto conquistato nella scorsa stagione, incontrando il Genoa e, nel caso in cui passassero, la vincente tra Milan e SPAL. Un percorso decisamente alla portata, almeno fino alla semifinale, mai raggiunta dal Torino nell’era Cairo.

RISULTATI – Nei primi anni di Serie A, i granata partivano sempre dal terzo turno e spesso era lì che si fermavano. Nel 2006/2007, stagione del ritorno in A, addirittura al secondo turno. Il primo accesso agli ottavi di finale (ancora andata e ritorno all’epoca) risale al 2007/2008: il Toro venne eliminato dalla Roma (poi vincitrice del trofeo) nonostante il 3-1 dell’andata. Dopo gli anni di B, in cui il miglior piazzamento è stato il quarto turno, i granata hanno raggiunto gli ottavi di finale in altre quattro occasioni e i quarti in una sola occasione, nel 2017 grazie alla vittoria sulla Roma all’Olimpico e alla sconfitta nel derby che costò la panchina a Mihajlovic.

BILANCIO NEGATIVO – Un bilancio estremamente negativo, se non impietoso, in una competizione in cui il Torino ha collezionato 5 vittorie nella propria storia. Nell’era Cairo la Coppa Italia è stata spesso snobbata o non considerata importante come il campionato e alla crescita dei risultati in Serie A non è corrisposto un miglioramento dei risultati in Coppa. Il Toro deve puntare fortemente su questa competizione: innanzitutto perché vincendo 5 partite si troverebbe un trofeo in mano (manca da 25 anni) e poi perché la qualificazione in Europa League passa anche e soprattutto da lì.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fabrizio - 7 mesi fa

    un altro gioiello nel palamres di UC…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. avvopal_14171626 - 7 mesi fa

    Mai come quest’anno però ci si può provare….nei quarti avremmo il Milan che certo non è una corazzata…e si giocherebbe a fine gennaio. Poi probabilmente le merde o i lupi…con gare di a/r e quindi non proprio perse in partenza….insomma, vinciamo col genoa e poi cerchiamo di crederci un pò di più del solito…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Torello di Romagna - 7 mesi fa

    E’ vero che questa competizione negli ultimi anni è stata spesso snobbata dal Toro ma è altrettanto vero che questa formula di torneo , che avvantaggia i club più ricchi permettendogli di “entrare” ai quarti , se non nelle semifinali giocando a primavera quando , per alcuni top club non rimane altro che la coppa Italia salvare la stagione …..
    Infatti fino ai quarti , generalmente , si gioca partita secca in casa del più forte e l’andata e ritorno solo dalle semifinali con finale in gara unica a Roma aldilà della presenza dei club della capitale … come si fa a non pensare male ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ToroMeite - 7 mesi fa

    “Un bilancio estremamente negativo”: a questo ho il dovere di aggiungere, una delle fotografie piú nitide dell’incuranza perenne nella gestione del Torino FC.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy