Toro, nulla è perduto

Toro, nulla è perduto

Inter-Torino 1-0, commento al primo tempo / Alla fine del primo parziale di gioco, il Torino è sotto. Decide, per ora, un gran gol di Rodrigo Palacio

di Redazione Toro News

Dopo i k.o con Juventus e Sampdoria i granata fanno visita ad un Inter capace di fermare la Roma la scorsa settimana. Un impegno probitivo per i granata che si presentano a San Siro in piena emergenza. In difesa senza gli squalificati Glik, Maksimovic e Bovo, Ventura si affida a Darmian, Rodriguez e a Moretti, al suo rientro dopo l’operazione al menisco.

Primi minuti in granata per Marko Vesovic mandato sulla fascia destra. Ventura lascia in panchina El Kaddouri preferendogli Kurtic che agisce dietro al tandem Cerci-Immobile; sulla sinistra invece il tecnico si affida a Farnerud. L’Inter parte bene con nel tentativo di gestire la gara ma il Toro non si scompone e al quarto d’ora trova il primo squillo: Vesovic prova l’affondo sulla fascia destra e fa partire un cross disinnescato da Nagatomo che mette in angolo. Dagli sviluppi del calcio dalla bandierina il pallone arriva a Immobile che da posizione centrale fa partire un destro che però finisce alto.

La squadra di Mazzarri però vuole i tre punti e si stabilizza nella metà campo granata spaventando i granata prima con un destro a botta sicura di Guarin murato da Vives e poco dopo con un colpo di testa di Palacio, sul quale Padelli compie un mezzo miracolo. Ma è il preludio del gol perchè alla mezz’ora un colpo di testa, sempre di Palacio permette ai nerazzurri di sbloccare il risultato.

Il Toro sembra patire troppo le incursioni sugli esterni, soprattutto dal lato di Farnerud che fatica a controllare Guarin. La partita si mette in salita ma con più convinzione e soprattutto con più coraggio la partita si può ancora recuperare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy