Toro, riecco Barreca: prima da ex a Torino per il prodotto del vivaio granata

Toro, riecco Barreca: prima da ex a Torino per il prodotto del vivaio granata

Focus on / Il Toro lo aveva ceduto al Monaco nell’affare Meité, ora veste la maglia del Grifone

di Alberto Giulini, @albigiulini

Quella di questa sera sarà senza dubbio una partita non priva di emozioni per Antonio Barreca. Per il laterale sinistro si tratterà infatti della prima gara da ex a Torino.

L’ADDIO – Dopo aver percorso tutta la trafila delle giovanili in granata, Barreca ha salutato definitivamente il Toro nell’estate del 2018. Il terzino fu infatti sacrificato nello scambio con il Monaco che portò Soualiho Meité a vestire la maglia granata. Con i monegaschi Barreca non ha però vissuto una parentesi fortunata. E così, nel mercato di gennaio, è arrivato il prestito al Newcastle dove non è comunque riuscito a trovare spazio.

IL GENOA – In estate il trasferimento al Genoa, con la formula del prestito. Anche in rossoblu le cose non stanno però andando benissimo per il laterale. Fino a questo momento Barreca ha infatti raccolto solamente sei presenze. Un’ulteriore occasione dovrebbe però arrivare questa sera, con Nicola che dovrebbe concedergli una maglia da titolare sulla sinistra.

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FORZA TORO - 7 mesi fa

    era comunque un giovane promettente, come capita a molti poi si è un po’perso,speriamo non si ritrovi stasera

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Ricordo quando pareva non lo avessimo controriscattato dal Cagliari: il finimondo! Ricordo quando lo cedemmo: il finimondo! Ecco quanto vale Barreca. Riflettano quelli che vorrebbero i prodotti del vivaio in campo a prescindere. Chi è bravo gioca, chi si arrangia giochicchia, chi non vale arranca nelle serie minori. Il campo è giudice supremo e non esiste allenatore che lasci in panchina un talento pronto solo per partito preso.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BACIGALUPO1967 - 7 mesi fa

      Ricordi lo striscione
      “Barreca non si tocca?”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 7 mesi fa

        Certo. Ma ricordo anche gli strali per aver ceduto ragazzi come Gatto, Comi, Fiamozzi, Scaglia, Lescano, i fratelli Gomis, Danza….l’elenco è infinito: tutti già “pronti” per i tifosi e cattivo il mister di turno che non li faceva giocare e spietata la società che li vendeva pur di incassare 4 spiccioli. Ora tocca a Mazzarri la.parte dell’incompetente che non fa giocare inspiegabilmente Edera, Parigini, Millico e Bonifazi che sono “sicuramente meglio di chi gioca nei loro ruoli”. E già….perché il mister è incompetente e i tifosi sanno sempre tutto ma soprattutto NON SBAGLIANO MAI. È storia, no? Mamma miaaaaaaaaaaaaaaaaa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Mimmo75 - 7 mesi fa

        Aramu, Rosso, Mantovani…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. enrico - 7 mesi fa

      Quando un ragazzo arriva a giocare nelle giovanili del Toro si crede arrivato, poi se compare in prima squadra apriti cielo ….ed invece non sei nessuno!! Manca la voglia di arrivare di fare sacrifici. Invece bastano 4 soldi (che sono già troppi!) per sentirsi un Dio. Siamo in Italia….Fatica, sudore? non è cosa nostra la facciano i giovani del Barça, del Liverpool, dell’Ajax…
      Dunque basta con ‘ste stupidaggini del vivaio granata ecc. sono solo dei ragazzetti viziati con dei genitori illusi…. M

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. BACIGALUPO1967 - 7 mesi fa

        Non per tutti è così, ma purtroppo hai scritto una grande verità.
        La fame dei Bresciani dei Venturin, dei Dino Baggio, dei Carbone, di Sclosa, di Scienza, di Fuser, di Lentini di Bertoneri, di beruatto, di Ermini, etc etc sono sconosciute a molti dei nostri giovani frequentanti o meno le spiagge di Dubai.
        Quanti ci mancano l’avvocato Cozzolino, Vatta, Naretto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 7 mesi fa

          Eh sì fratello Baci ma quelli che hai nominato erano altra gente! Quelli a Natale andavano due giorni a Borghetto e poi subito ad allenarsi e a sudare. Anche altri tempi, irripetibili.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. GlennGould - 7 mesi fa

    La presenza di Barreca titolare fa capire quanto al Genoa della coppa Italia importi poco, vista la loro pericolante situazione in campionato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bela Bartok - 7 mesi fa

    Pensavo avrebbe fatto molto meglio invece non gioca titolare nemmeno in questo sgangheratissimo Genoa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. suoladicane - 7 mesi fa

    purtroppo si è perso; la pubalgia prima ed il credersi arrivato poi (probabilmente) lo hanno condizionato in negativo, ed è un vero peccato perchè avrebbe potuto crescere ancora molto, la stoffa c’era
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. DenisLaw - 7 mesi fa

    io lo riprenderei volentieri

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Granata69 - 7 mesi fa

    Non un fenomeno probabilmente, ma se penso che è stato scambiato alla pari con un sacco di patate e che al suo posto gioca un altro sacco di patate costato dieci milioni di euro, beh , mi cadono le braccia, per non parlare di altre parti del corpo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata227 - 7 mesi fa

      Per fare un paragone tra antonio e i due “sacchi di patate” servirebbe che il primo ogni tanto giocasse. Almeno meite e aina, con tutti i loro difetti, nelle rotazioni di una squadra da metà classifica riescono a esserci. Senza parlare degli infortuni, che se gli infortuni di barreca li avesse uno dei due passereste le giornate a chiamarli rotti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Granata69 - 7 mesi fa

        Se ci giocano quei due,significa che in serie può giocare chiunque, è solo questione di opportunità.
        Comunque ho premesso che non fosse niente di che,ma se in condizione , sicuramente meglio dei due stranieri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. r.ponzon_13686323 - 7 mesi fa

          La storia dimostra che il tuo pensiero è errato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. BACIGALUPO1967 - 7 mesi fa

          Barreca deve ancora entrarci nelle rotazioni di una una squadra di centro classifica.
          Aina è un calciatore dalle ottime possibilità, scommetto che avrà una carriera migliore di Barreca.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Granata227 - 7 mesi fa

          “Sicuramente meglio” lo pensate solo voi che esaltate chiunque passi dalle nostre giovanili. Noi comuni mortali ci rimettiamo alle scelte di chi è pagato per prenderle e che ha qualcosa da perdere quando sbaglia. Ma sicuramente hai ragione tu e torto mazzarri, miha, benitez, nicola, motta ecc

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. BACIGALUPO1967 - 7 mesi fa

            È un calciatore che per esprimersi al meglio deve giocare molto largo sulla fascia… Talmente largo da uscire dal campo e sedersi in panchina o sulle tribune, questo almeno hanno decretato tutti gli allenatori delle squadre professionistiche nelle quali ha militato.
            I difensori una volta capita la finta lo hanno neutralizzato

            Mi piace Non mi piace
          2. Granata227 - 7 mesi fa

            BACIGALUPO1967 ahahahah

            Mi piace Non mi piace
          3. maxx72 - 7 mesi fa

            Si è vero, buona questa ahahah Ahahah!

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy