Toro, serve equilibrio nei giudizi

Troppe critiche dopo lo stop interno con la Samp e un fisiologico calo

di Roberto Maccario

 

L’ambiente granata, si sa, non è mai stato un esempio di equilibrio.

Fino a poche settimane fa, dopo la grande e inaspettata stagione disputata da Glik e compagni, l’entusiasmo intorno alla squadra era trascinante, si parlava di Europa League e anche giocatori dagli oggettivi limiti tecnici sembravano essere diventati dei fenomeni.

Ora, dopo un fisiologico momento di appannamento, lo scoramento e la delusione hanno cominciato a fare capolino, insieme alle critiche ingenerose per un gruppo che fin qui ha dato tutto andando anche oltre le proprie possibilità.

La rosa a disposizione di Ventura non è infatti di livello eccelso (a parte i due attaccanti Cerci e Immobile), e la squadra è stata costruita per salvarsi.

Il tecnico è però riuscito a creare, con il materiale a disposizone, un mix vincente, in grado di far veleggiare il Toro nelle zone alte della classifica. Come detto però è inevitabile che arrivi qualche inatteso e spiacevole sbandamento, come quelli contro Bologna e Sampdoria, e l’eccesso di critiche e la mancanza di equilibrio non fanno bene a nessuno.

Per concludere il campionato al meglio è infatti necessario che la piazza rimanga vicina alla squadra e la sostenga anche nei momenti più difficili, perché questo Toro ha dimostrato di meritarlo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy