Un anno di Toro – 3

(prosegue)

15 Giugno. Franco Lerda, già in parola con il Sassuolo per diventarne nuovo tecnico, rivela a TN: “Il Torino però mi ha contattato…e io direi di sì. Anzi, credo che firmerò tra poche ore

17 Giugno. Ci vuole un po’ di qualche ora, ma alla fine viene siglato l’accordo: Lerda é il nuovo allenatore del Toro. “Da…

di Redazione Toro News

(prosegue)

15 Giugno. Franco Lerda, già in parola con il Sassuolo per diventarne nuovo tecnico, rivela a TN: “Il Torino però mi ha contattato…e io direi di sì. Anzi, credo che firmerò tra poche ore

17 Giugno. Ci vuole un po’ di qualche ora, ma alla fine viene siglato l’accordo: Lerda é il nuovo allenatore del Toro. “Da piccolo sognavo di giocare in granata, e l’ho fatto; quindi ho sognato di allenare, e ora lo farò”, dichiara il mister cuneese. A fine conferenza, viene lasciato spazio anche alla lettura di un comunicato della tifoseria organizzata che chiede a Cairo garanzie di impegno

20 Giugno. Se ne va Roberto Rosato, un grande calciatore diventato tale nel Toro, prima di trovare la consacrazione nel Milan. Cordoglio generale per “Faccia d’angelo”

24 Giugno. Viene presentato un nuovo progetto di ricostruzione del Filadelfia presso l’assessorato allo sport. Sbriglio: “Interessante, e non é l’unico

24 Giugno. Matteo Lauriola é il nuovo capo degli osservatori del Torino FC. “Sono emozionato”, dice a TN. Proviene dal Manfredonia, con lui porta un giovane difensore centrale, Gaetano Carrieri

24 Giugno. Danilo D’Ambrosio viene riscattato dal Torino (l’altra metà del cartellino era della Juve Stabia). Era stato il primo acquisto invernale, é il primo “acquisto” estivo, ha il significato di prima pietra del nuovo progetto tecnico Lerda-Petrachi

25 Giugno. Nuovo Toro, si chiude con le comproprietà: persi Barusso e Arma, rimangono Loviso e Salgado

30 Giugno. Il Centro Coordinamento Toro Clubs e le due Curve emettono un comunicato congiunto molto duro nei confronti di Urbano Cairo: “Capolinea!”. Comunicato che segna la ripresa della contestazione nei confronti del presidente, sopita nei mesi precedenti

1 Luglio. TN anticipa che da Vicenza arriveranno due colpi: il difensore Di Cesare e l’attaccante Sgrigna. Ci vorranno poi alcune settimane perché questi si traducano in realtà, ma il progetto tecnico si delinea comunque

2 Luglio. Continuano a piovere voti per lo Stadio Filadelfia nell’ambito dell’iniziativa biennale “I luoghi del cuore”, promossa dal Fondo per l’Ambiente Italiano, che potrebbe consentire la raccolta di fondi mirata alla salvaguardia dello storico impianto

5 Luglio. Matteo Sereni viene ceduto al Brescia. Il portiere lascia dopo tre anni, il Torino si libera del suo pesante ingaggio. Ma lascerà, tra i pali, un vuoto tanto grande che colmarlo tutto é impresa finora non riuscita

8 Luglio. Agostino Garofalo, da Siena, affida a TN la sua preghiera: “Voglio tornare al Toro, fate il possibile e l’impossibile, perché non c’é nient’altro che io desideri in questo momento per la mia carriera

8 Luglio. La contestazione di parte della tifoseria nei confronti di Urbano Cairo diventa itineranete: fogli con il volto del presidente e la scritta “Cairo vattene” vengono affissi un po’ dappertutto in giro per l’Italia

12 Luglio. Antimo Iunco diventa un giocatore del Toro. Primo vero acquisto estivo di Petrachi, prima mossa per regalare a Lerda un attacco disegnato in quella maniera particolare che é cara all’allenatore

14 Luglio. Ancora un lutto nella grande famiglia granata: “Chico” Locatelli, che cinquant’anni fa legò il proprio nome e la propria carriera al granata, muore

17 Luglio. Si conclude, in Svezia, la Dalecarlia Cup, maggior torneo internazionale dedicato alla formazioni per disabili. Trionfa il Torino FD, che sommerge di gol tutte le avversarie fino a travolgere, in finale, anche il Chelsea

17 Luglio. Prima uscita amichevole del nuovo Toro; torna Garofalo, arrivano due giovani talentuosi dal Genoa (Cofie e Lazarevic), mentre diventa una vera telenovela l’affare-Gabionetta, il brasiliano desiderato da Lerda ma al centro di un intrigo internazionale che viene svelato da TN: fatta chiarezza, ma i fatti sono davvero complessi

22 Luglio. Un altro dolore: ci lascia l’avvocato Lievore, che aveva visto crescere nel “suo” vivaio tante giovani speranze granata subito dopo la tragedia di Superga

22 Luglio. E c’é anche un dolore attuale; non muore nessuno, ma lascia il Toro quel Simone Benedetti che era, appunto, una giovane speranza. La precedente dirigenza non gli aveva proposto un prolungamento contrattuale, così il ragazzo dice “sì” alla proposta che giunge nientemeno che dall’Inter (in cambio arriva Stevanovic). E’ una sconfitta

28 Luglio. Si delinea, con ritardo, la squadra di Lerda, ma é sempre più chiaro anche che rimarrà un piccolo gruppo di “indesiderati” sul groppone

29 Luglio. Ecco i due colpi da Serie A: il portoghese Filipe dal Parma ed il nigeriano Obodo dall’Udinese. O almeno, sulla carta; perché, nei fatti, saranno due delusioni

30 Luglio. Un noto quotidiano ha provato a riaccendere la speranza che la multinazionale Red Bull fosse interessata al Torino; TN ha la fortuna di vantare contatti con la dirigenza austriaca, e presto svela come -purtroppo- non ci sia nulla di vero

8 Agosto. Nella nuova Under 21 di Pierluigi Casiraghi, vengono convocati Angelo Ogbonna e Danilo D’Ambrosio: un po’ di granata in azzzurro

14 Agosto. Sono mesi di molti lutti per la famiglia Toro: é la volta di Bruno Tardito a dire “addio”. Se ne va lo storico massaggiatore granata

15 Agosto. Nel giorno di Ferragosto, primo impegno ufficiale della stagione: in Coppa Italia arriva il Cosenza allenato da Stringara e capitanato da Fiore. I granata vincono, pur se con fatica ed ai supplementari, applausi per Obodo

19 Agosto. Arriva finalmente la firma di Alessandro Sgrigna, oggetto del desiderio granata. In cambio, al Vicenza va Abbruscato, e stavolta l’addio a Torino di Elvis è definitivo

20 Agosto. Pre il ruolo di vice-Bianchi, bel colpo di Gianluca Petrachi: dalla Serie A arriva Marco Bernacci. Ma durerà poco, pochissimo

23 Agosto. Finalmente, arriva la prima di campionato. Ma é uno shock: nel posticipo del lunedì, la neopromossa Varese espugna l’”Olimpico”, e lo fa pure con merito. Si spera in un passo falso non indicativo dei reali valori

25 Agosto. Finisce il lungo corteggiamento al Siena per riavere Gael Génévier: il francese infatti si infortuna gravemente, a centrocampo giocherà quindi Daniele De Vezze, giunto da Bari

26 Agosto. Incredibile: Bernacci lascia il calcio. TN svela la natura dei “motivi di salute” addotti ufficialmente: si tratta di una grave forma di depressione che colpisce il 25enne romagnolo. Ci sono poche ore per trovare un altro attaccante, visto che Bianchi continua ad essere ko: Petrachi tessera rapidamente l’ex-mantovano Pellicori

28 Agosto. Seconda di campionato, il Toro cade (ancora una volta) a Cittadella. Già arriva lo sconforto. Bianchi riceve, e rifiuta, un’offerta dalla Bundesliga; tra i pali, Morello compie una papera e mezza e viene accantonato. Sarà per sempre

31 Agosto. Al suo posto arriva Rubinho, che il Palermo dirotta all’ultimo dall’aereo che lo stava portando a Roma (sponda giallorossa). Di Michele torna a Lecce, Colombo va a Reggio Calabria, a sorpresa viene ceduto Gorobsov al Cesena in cambio del capitano dei bianconeri, Giuseppe De Feudis. Intanto, D’Aiello viene convocato in sede, illuso e poi mollato

1 Settembre. Si chiude il mercato, nuovamente in granata anche Gigi Scaglia, mentre Gabionetta resta in Brasile (pur rimanendo un tesserato del Crotone). Cairo dichiara che la squadra “é la più forte degli ultimi cinque anni”, dichiarazione che in futuro gli verrà a volte rinfacciata con sarcasmo  (3 – continua)

 

(foto M.Dreosti)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy