Torino, Verdi riparte dalla Pro Vercelli: primo test come trequartista con Giampaolo

Torino, Verdi riparte dalla Pro Vercelli: primo test come trequartista con Giampaolo

Verso l’amichevole / Il tecnico granata osserverà come il classe 1992, nell’amichevole contro la Pro Vercelli, si destreggerà nel suo 4-3-1-2

di Marco De Rito, @marcoderito
verdi

Simone Verdi pronto alla prima prova da trequartista nello scacchiere di Marco Giampaolo. L’occasione sarà l’amichevole di oggi alle ore 18 contro la Pro Vercelli, allo stadio “Olimpico Grande Torino”. Sarà la prima uscita stagionale per l’ex Napoli e Bologna che aveva saltato le prime due amichevoli contro Novara e Pro Patria. Il motivo era una distrazione all’adduttore lungo della coscia sinistra dalla quale ormai ha recuperato. Negli ultimi due giorni ha lavorato in gruppo e oggi, salvo sorprese, sarà a disposizione del tecnico.

Leggi anche: Cairo su Torreira: “Non è l’unico che seguiamo, ci sono anche altri nomi”

IN TRE PER UNA MAGLIA – Come noto, il modulo che il tecnico granata predilige è il 4-3-1-2 e il trequartista riveste un ruolo fondamentale nelle trame d’attacco offensive. Nella rosa granata ad oggi sono in tre a giocarsi il ruolo dietro alle punte. Oltre al già citato Verdi, anche Alex Berenguer e Iago Falque hanno ricoperto nelle precedenti amichevoli quella posizione in campo. Per tutti e tre tuttavia non si tratta del loro ruolo naturale: in comune hanno il fatto di prediligere il partire defilati per accentrarsi e tirare. Verdi ha dato il meglio da attaccante spostato sulla destra con Longo del 3-4-3, mentre Walter Mazzarri l’anno scorso lo ha voluto nella squadra che aveva immaginato come trequartista di destra del 3-4-2-1.

Leggi anche: Calciomercato, il Fulham su Ola Aina: possibili sviluppi per il laterale

LE RICHIESTE DI GIAMPAOLO – Nel 3-4-3 come esterno Verdi ha dimostrato di sapersi destreggiare bene. Nonostante le problematiche di inizio stagione, nel finale di campionato, in occasione della gara contro la Spal, ha trovato l’eurogol effettuato con il sinistro all’incrocio contro la Spal che ha sancito la salvezza per il club granata e ha giocato alcune ottime partite come quelle contro Brescia e Juventus. Moreno Longo però l’ha anche provato come trequartista e anche in quella posizione si è espresso egregiamente, facendo intravedere che può interpretare bene diversi ruoli anche per la capacità di usare bene entrambi i piedi. Giampaolo chiederà al classe 1992 di lavorare tra le linee in posizione centrale e che possa giocare a rimorchio dei due attaccanti. Verdi deve dimostrare di sapersi calare nella parte. Sulla carta parte in testa nelle gerarchie ma nulla è scontato e la titolarità tutti devono guadagnarsela sul campo, altrimenti non sono da escludere ulteriori interventi sul mercato.

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. TOROPERDUTO - 2 settimane fa

    Ho capito,
    Si prova ad adattare qualcuno che abbiamo in quel ruolo, dopodiché se nessuno andrà bene su interverrà l’ultimo giorno di mercato prendendo un trequartista che non sarà tale ma che si cercherà di adattare ugualmente a quel ruolo.

    Taaaaac….

    Dopo Lillie e il vagabondo benvenuti alla versione moderna di Comi e il Vagabondo, seguendo la ribattezzatura di Cairo data da bischero 😀

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. AppianoGranata - 2 settimane fa

    In quel ruolo temo GP si troverà a far le nozze coi fichi secchi.

    Vi dirò, se nel vertice basso arrivasse Torreira, mi preoccuperei molto meno del 10. Oltre a Verdi io valuterei attentamente anche Iago e, soprattutto, Lukic. Spero il mister ci stia pensando.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 2 settimane fa

      Da provare ne abbiamo un’infinità, anche meite

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. eurotoro - 2 settimane fa

    allora come la vedo io il trequartista nel rombo di centrocampo deve partecipare costantemente alla fase difensiva ed avere buona resistenza e forza fisica..con verdi jago e berenguer siamo ai minimi termini oltre al fatto che a loro riesce meglio giocare piu sull’esterno…ognuno di loro puo essere la seconda punta al fianco del gallo o di zaza..urge vero trequartista alla zaccarelli o beppe dossena…questi che abbiamo sono tutti dei pinga!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bischero - 2 settimane fa

    Allora. L anno scorso uno dei compiti di verdi nel gioco di Mazzarri era comunque manovrare l azione e legare centrocampo e attacco. Pur giocando in una zona di campo a lui congeniale cioé decentrato non é riuscito Nell intento. Arrivato longo ha giocato in zona centrale dietro 2 punte e non ha cambiato nulla a livello di manovra. Quindi il problema quale sarebbe? Giampaolo con una formula magica o un incantesimo trasformerà il ranocchio in un principe azzurro a differenza di Mazzarri e longo che con 2 interpretazioni diverse hanno ottenuto il medesimo risultato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. eurotoro - 2 settimane fa

      ..infatti! verdi jago e berenguer possono fare solo la seconda punta al fianco di belotti o zaza…il trequartista dietro 2 punte deve essere molto molto centrocampista…tornare indietro a dialogare con le mezzali o farsi trovare libero appena si recupera palla e far ripartire l’azione! ahhhh martin vazquez…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 2 settimane fa

        Io non capiró nulla di calcio. Ma mi sembra evidente. Aggiungo ancora una cosa… Visto il cambio di modulo e i giocatori in rosa le priorità erano il regista e il fantasista o i giocatori presi subito come i terzini e la mezzala? Perché terzini ne avevamo visto che aina(piaccio o no é un terzino a 4)e desilvestri mandato in svincolo c erano. lukic e segre non sono mezze ali?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. eurotoro - 2 settimane fa

          ..da quando leggo toronews considero i tuoi commenti tra i piu competenti..io ho giocato 1 anno in c2 da ragazzetto e fatti tanti allenamenti e menate varie degli allenatori ne ho viste..fondamentale x giampaolo trovare subito la quadra..presto che è tardi!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Bischero - 2 settimane fa

            Grazie. Allora capisci cosa intendo.

            Mi piace Non mi piace
    2. spiritolibero - 2 settimane fa

      Bischero io aspetterei a giudicarlo L’anno scorso doveva legare un centrocampo inesistente qualitativamente all’attacco Speriamo che alla fine del calciomercato ci si ritrovi un centrocampo di livello superiore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bischero - 2 settimane fa

        Ok. Ma cominciamo a dire che il centrocampo è lo stesso più linetty. Buon giocatore ma non é Kross. Ma il succo del discorso mio é un altro. Non si muove come un10. Quante volte lo vedi andare verso il pallone? Il problema non é la tecnica ma l interpretazione del ruolo. Lui come molti altri scappa dalla palla. Non detta il passaggio ma lo riceve. Poi mi sbaglieró io…. Ma se 2 allenatori e 2 moduli diversi non l hanno fatto diventare un 10 non vedo come possa riuscirci Giampaolo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. spiritolibero - 2 settimane fa

          Mi sembra che dopo il lockdown qualcosa si sia visto anche nell’andare incontro alla palla ed il muoversi tra le linee Mi aspetto molto da lui ma deve essere accompagnato da un centocampo di altra levatura rispetto a quello che abbiamo ora

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Tommydado - 2 settimane fa

    Le qualità del giocatore sono indiscusse non lo si deve sicuramente valutare con una partita amichevole contro la Provercelli….spero

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Pavl73 - 2 settimane fa

    Si ok
    Ma che vada bene o male che facciamo, lo giudichiamo x un match di preparazione?
    A parte il ruolo, è la sua discontinuità

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy