Calciomercato, l’Ajax: “Younes non è in vendita”. Ma il problema è il prezzo

Calciomercato, l’Ajax: “Younes non è in vendita”. Ma il problema è il prezzo

Calciomercato / Il ds olandese Overmars toglie dal mercato i pezzi pregiati della squadra. Il Torino adesso studia la situazione

9 commenti

Realtà o pretattica? Arrivano quasi come una sentenza le parole di Marc Overmars dall’Olanda: “Amin Younes non è in vendita”. Il direttore sportivo dell’Ajax ha provato così a mettere fine alle voci di mercato riguardanti l’esterno tedesco fresco vincitore della Confederation Cup con la Germania di Joachim Löw. Il messaggio lanciato alla stampa olandese sta già facendo eco in tutta Europa ma, visti i precedenti, pare che le parole dell’ex centrocampista possano avere una differente chiave di lettura. Senza andare troppo a ritroso negli anni, infatti, già in altre occasioni l’Ajax si era esposto mediaticamente sbandierando l’incedibilità di alcuni suoi pezzi pregiati; poi ceduti, sistematicamente, a una cifra molto alta.

Anche in questo caso la tattica attuata dal club olandese potrebbe essere la stessa. Basti pensare al 20 luglio 2007 quando nei campi di allenamento dell’Ajax si stava già stappando lo champagne perchè, Wesley Sneijder, nonostante l’interesse di Valencia, sembrava dovesse rimanere un’altra stagione ad Amsterdam. Tre settimane più tardi però, il 10 agosto, arrivò l’offerta del Real Madrid da 24 milioni di euro e il giocatore si trasferì in Blancos. Un epilogo piuttosto ricorrente che si è ripetuto ancora una volta lo scorso anno quando fu Arek Milik a trasferirsi a Napoli dopo che l’Ajax aveva provato a toglierlo dal mercato ricorrendo addirittura all’utilizzo di un comunicato stampa. Dunque, ad oggi, nessun giocatore della compagine olandese sembrerebbe essere incedibile.

GELSENKIRCHEN, GERMANY - APRIL 20: Amin Younes of Amsterdam celebrates the second goal during the UEFA Europa League quarter final second leg match between FC Schalke 04 and Ajax Amsterdam at Veltins-Arena on April 20, 2017 in Gelsenkirchen, Germany. (Photo by Christof Koepsel/Bongarts/Getty Images)
GELSENKIRCHEN, GERMANY – APRIL 20: Amin Younes of Amsterdam celebrates the second goal during the UEFA Europa League quarter final second leg match between FC Schalke 04 and Ajax Amsterdam at Veltins-Arena on April 20, 2017 in Gelsenkirchen, Germany. (Photo by Christof Koepsel/Bongarts/Getty Images)

Ciò che è ancor più certo però, è che il Torino per poter sperare acquistare uno dei giocatori-chiave dell’Ajax dovrà pagare, e molto. I granata infatti si sono già visti rifiutare con un secco “no” una prima offerta da 12 milioni fatta recapitare intorno alla metà del mese scorso. Le richieste dell’Ajax, al momento, sono ferme a una cifra che si aggira intorno ai 18-20 milioni. Davvero tanti per un esterno che, nonostante ottime doti tecniche, va ancora inquadrato sia dal punto di vista tattico che fisico. Ora spetterà alla dirigenza granata il difficile compito di valutare il da farsi e prendere in considerazione un eventuale rilancio per un giocatore che, nonostante tutto, continua a piacere parecchio.

Petrachi è ancora a caccia di un’ala sinistra per il 4-2-3-1 di Sinisa Mihajlovic e il nome di Amin Younes non è ancora del tutto tramontato. Il Torino però, per tutelarsi, sta battendo anche le piste che portano ad Admir Mehmedi del Bayer Leverkusen: giocatore dal costo del cartellino sensibilmente più basso ma dalle caratteristiche simili. L’Ajax prova a mettere i bastoni tra le ruote, che farà il Toro?

 

9 commenti

9 commenti

Inserisci qui il tuo commento

  1. peter1 - 3 settimane fa

    Questo sì sarebbe un autentico colpo di mercato. La Germania under 21, recente campione d’Europa, ha diversi tipini interessanti che potrebbero essere adatti al Toro. Quattro nomi su tutti: Dahoud del Borussia MG, Haberer del Friburgo, Amiri dell’Hoffenheim e Platte dello Schalke 04. Peccato che Selke e Gnabry siano già stati venduti da Lipsia e Werder Brema. Tutti irragiungibili per le casse del Toro? Forse. Però gli affari migliori li fai lavorando sottotraccia, se non vuoi che si scateni un’asta sul giocatore e il prezzo lieviti alle stelle. Poi se hai una vera strategia di mercato è meglio prendere due giocatori di qualità che quattro tappabuchi all’ultimo secondo dell’ultimo minuto di calciomercato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Kaimano - 3 settimane fa

    Ma veramente credete ke Cairo sia disposto a spendere così tanto x un giocatore? Ma secondo voi un Nazionale Tedesco, ke ha la possibilità di fare la CL il prossimo anno nell’Ajax, accetta di venire da noi? Siamo realisti e nn sogniamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. T-Wolf - 3 settimane fa

    Personalmente, penso che prima di scegliere i giocatori si debba scegliere il modulo. Il citato 4-2-3-1 contro alcune squadre(molte) non è proponibile;chi gioca con un centrocampo a 3, ti mette in inferiorità numerica e abbiamo visto lo scorso anno che i risultati scarseggiavano. Considero il 4-3-3 molto più proponibile anche nella versione con il trequartista (Ljajic-Aramu). Anche se il mio sogno sarebbe quello di spostare il nostro numero 10 in cabina di regia con ai suoi lati Baselli e Benassi, così i tre avanti potrebbero essere Belotti affiancato da Iago e uno tra Younes o Mehmedi. Considerando il tesoretto di 35 milioni provenienti dalle cessioni di Macksimovic,Peres,Janson,Martinez e Tachsidis, oltre a quelle che dovranno venire di Obi,Ajeti,Avelar,Carlao e Maxi, qualcosa di buono può arrivare non certo Paletta!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. abatta68 - 3 settimane fa

    Mah… se compri Younes, Zapata o Simeone e un buon centrocampista ti servono 50 milioni. A bilancio in attivo ce ne sono la metà… gli altri 25 devono saltare fuori dalle cessioni di Benassi, Gaston Silva, Obi, Maxi Lopez e Avelar… questo dovrebbe essere il mercato, ma fino ad ora mi pare tutto bloccato…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. GranataFinchèCampo - 3 settimane fa

    Cifre esagerate, praticamente fuori dalla nostra portata: non perchè manca il contante ma a causa sia della concorrenza che degli ingaggi che saranno di conseguenza.

    L’importante tuttavia è che, alla fine della fiera, di tutti questi “Il Torino per tutelarsi stà battendo anche altre piste” che vedo di recente associati ad alcuni nomi si arrivi a qualcuno.

    Ci sono certamente di mezzo anche tante sparate giornalistiche. Quindi, fiducia a Petrachi e attendo con pazienza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. daunavitagranata51 - 3 settimane fa

    IO VIVO IN OLANDA E DEVO DIRE CHE HO UN PO SEGUITO IL GIOCATORE DEL AJAX SQUADRA CHE IO SIMPATIZZO, BE`QUESTO RAGAZZO È [A MIO PARERE ] PROPRIO BRAVO BUON TIRO, DRIBLA CHE FÀ UN PIACERE VEDERLO, ASSIST PENNELLO, TRASCINATORE ECC…..MAGARI VENISSE AL TORO,

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. daunavitagranata51 - 3 settimane fa

      MA MI SÀ DI CHIMERA

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. rocket man - 3 settimane fa

        …Perchè urli?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. davide.ratti1973@gmail.com - 3 settimane fa

          Perchè scrive dall’Olanda, è distante e forse pensava non lo sentissimo 😀

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy