Rinnovo Belotti, Cairo rilancia: “Lo vogliamo, non può che volerlo anche lui”

Il punto / Le parole del presidente del Torino fanno trasparire un cauto ottimismo, ma ora la palla passa ancora più nelle mani del giocatore

di Nicolò Muggianu

Belotti e il Torino: un matrimonio che deve continuare. Questo il messaggio rilanciato da Urbano Cairo, intervenuto nel corso della mattinata di ieri ai microfoni di Radio Rai a margine della trasmissione “Radio anch’io sport”. Tanti temi trattati dal patron granata, che si è però soffermato in particolare su un tema molto caro ai supporter del Torino in questo periodo: il rinnovo di contratto di Andrea Belotti.

CAGLIARI, ITALY – FEBRUARY 19: Urbano Cairo the president of Torino looks on during the Serie A match between Cagliari Calcio and Torino FC at Sardegna Arena on February 19, 2021 in Cagliari, Italy. (Photo by Enrico Locci/Getty Images)

CAIRO – L’attuale accordo tra la società con sede in Via dell’Arcivescovado ed il “Gallo” scadrà nel giugno 2022. La volontà del Torino è chiara: rinnovare il contratto del giocatore a cifre importanti, a prescindere dalla futura permanenza o meno del classe 1993. Anche in caso di prolungamento, infatti, Belotti non sarebbe vincolato alla permanenza sotto la Mole ma certamente permetterebbe sia al calciatore che alla società di interrompere il proprio percorso insieme a cifre economicamente convenienti per le parti. Premesso ciò, c’è però da fare i conti con la volontà di Cairo che nelle dichiarazioni di ieri ha dato l’impressione di voler allungare il contratto a Belotti con lo scopo di farne un simbolo e costruire attorno a lui il Torino che verrà. “Noi siamo convinti, deve esserlo anche lui”, aveva già detto Cairo qualche settimana fa.

REGGIO NELL’EMILIA, ITALY – OCTOBER 23: Andrea Belotti of Torino FC shankes hands with Torino FC President Urbano Cairo during the Serie A match between US Sassuolo and Torino FC at Mapei Stadium – Città del Tricolore on October 23, 2020 in Reggio nell’Emilia, Italy. (Photo by Alessandro Sabattini/Getty Images)

BELOTTI – E ieri ha rincarato la dose ribadendo con parole più nette lo stesso concetto. “Ne abbiamo già parlatoha detto Cairo -. Da parte nostra c’è tutta la volontà di rinnovare, credo che anche lui non possa che avere questa idea perché è da 6 anni al Toro, ha fatto molto per il Toro, ma anche il Toro ha fatto molto per lui, dando visibilità a un giocatore che ha fatto benissimo, ha fatto tanti gol con uno spirito da trascinatore“. Parole che se da un lato confermano la forte volontà della società di continuare con Belotti dall’altro passano la palla al giocatore. “Credo che sia stato un matrimonio positivo che deve continuareha concluso Cairo ai microfoni Rai -; da parte mia c’è tutta la voglia, spero di vederlo a breve, so che ci sta lavorando Vagnati e poi scenderò in campo anche io”. Su una questione così importante come il rinnovo di Belotti non c’è dubbio che l’ultima parola da parte del Torino sarà quella del presidente.

21 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. fandangogranata - 1 settimana fa

    Sta semplicemente preparando il terreno, per riversare tutta la responsabilità su Belotti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. CUORE GRANATA 44 - 1 settimana fa

    “Non può che volerlo anche Lui”Direi che in questo caso”repetita non iuvant”,anzi a mio parere è l’ennesima conferma di quanto sia “tartufesco” il Personaggio.Tartufesco nonchè incapace di un minimo di programmazione in quanto non si dovrebbe arrivare all’ultimo anno di contratto con il giocatore simbolo della squadra e qui…”casca l’asino”perchè è il primo a sapere che mai costruirà una squadra competitiva e sopratutto con una adeguata struttura organizzativa e strutturale ed allora ha “tirato a campare”nella speranza di fare “la plusvalenza delle plusvalenze”ma questa volta Urbano ha “inciuccato le quote” perchè comunque vada il Capitano,per tanti motivi compreso Covid”al massimo potrà “valere”diciamo una trentina di mln(una miseria rispetto ai suoi appetiti e se poi si dovesse retrocedere..)Ecco allora “la mossa del cavallo”:vogliamo rinnovare!Andrea è ragazzo serio nonchè esemplare professionista e penso che i danè non sarebbero la priorità(seppur con adeguamento) bensì l’inconsistenza della Società.Ritengo che in molti non vedano l’ora di cambiare aria.Tra Nicola e giocatori forse e stato raggiunto una sorta di “gentlemen agreement”:puntiamo decisi alla salvezza e poi ognuno per la propria strada(almeno chi ha mercato) lontani da questa Società di cartapesta.Anche i risultati ottenuti fin ora dal Settore Giovanile(un tempo ns.fiore all’occhiello) confermano,sempre a mio parere,tale dato oggettivo.Che poi “le truppe cammellate” di ALKAIRO abbiano altre opinioni..per carità.”.de gustibus”!.Sempre FVCG!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FuriaGRANATA - 1 settimana fa

    Cuntabale e abbindolatore seriale
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Gallochecanta - 1 settimana fa

    Ziiittoooo!
    Non ti sopporto più, davvero, perché mi hai rotto il k., davvero.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. FORZA TORO - 1 settimana fa

    nessuno scaricabarile,la scelta è di Belotti,se vuole resta altrimenti se ne va,se poi nel secondo caso ci sarà qualcuno che avrà da ridire,beh quelli è perchè hanno altri seri problemi,l’importante che se vuole andare se ne vada essendo sotto contratto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Torino Calcio 1906 - 1 settimana fa

    Grazie Presidente !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. pupi - 1 settimana fa

    Scaricabarile penoso! Che poi il Cairo abbia offerto 3,5 netti a stagione al gallo non ci credo, direi alla John Belushi…..non ci credo manco scannato! Se anche fosse non pareggia per nulla un ingaggio da top club, se non rinnova o lo svendi o va a scadenza e allora altro che 3,5.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Mimmo75 #prexit - 1 settimana fa

    Le parole di Cairo fanno trapelare ottimismo? Trattasi di scaricabarile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Iena - 1 settimana fa

    Le ambizioni di Belotti sono quelle di un giocatore importante, l’operato di Cairo è sotto gli occhi di tutti… con questi risultati e con questa classifica ti presenti al tavolo della trattativa con ben pochi argomenti.. Ovviamente il procuratore di Belotti dirà:

    Il mio assistito vorrebbe alzare qualche trofeo, visto che è il bomber della nazionale italiana e che in qualsiasi altra squadra farebbe scintille, quindi: o lo riempite di soldoni con un contratto di 5 anni o tanti saluti!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Francesco67 - 1 settimana fa

    Nel Torino Belotti è come un fiore nel deserto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. ferrante84 - 1 settimana fa

    Il fenomeno sta preparando il terreno per l’addio di Belotti, iniziando a scaricare la responsabilità sul giocatore. Ma non penso che gli riuscirà come operazione, ormai tutti (anche gli irriducibili difensori di Cairo) sanno che personaggio è.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. drino-san - 1 settimana fa

    Vai Gallo, l’anno prossimo 20 gol in Premier! Spacca tutto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Garnet Bull - 1 settimana fa

    La scelta è solo di belotti, nel senso che se davvero cairo dovesse offrire i 3,5 milioni di ingaggio dei quali si vocifera, praticamente pareggerebbe il potenziale stipendio di un top team, motivo per cui starebbe a belotti scegliere se non vincere nulla, non giocare pe coppe europee e rischiare di avere meno visibilità in ottica nazionale ma allo stesso tempo diventare una vera e propria leggenda del toro dal punto di vista personale e sportivo, per la scelta di cuore ma anche per i numeri, entro 4 o 5 anni con la sua media gol potrebbe tranquillamente superare pulici nella classifica marcatori all time, il tutto con dei compagni molto più scarsi di pupi… E poi comunque rimanendo al toro avrebbe poca pressione, vivrebbe in una città bellissima, avrebbe pa titolarità e il supporto assicurati , sarebbe l’idolo assoluto e guadagnerebbe uno stipendio molto molto alto, ma ripeto, cosa più importante, entrerebbe nella leggenda, perché nella storia ci è già entrato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 1 settimana fa

      Se Cairo avesse offerto 3,5 milioni stai tranquillo che sarebbe già di dominio pubblico perché il primo a sventolarlo ai 4 venti sarebbe lui.
      Il problema ripeto è che per rinnovare i contratti non si arriva l’anno prima della scadenza naturale, sono le basi della gestione professionistica del calcio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Iena - 1 settimana fa

      Sai quali sono le leggende?? Mazzola, Maroso, Pulici, Graziani, Meroni, Ferrini… e sai perchè li ricordiamo? Perchè oltre che onorare e combattere per la maglia l’hanno portata alla vittoria!!

      Scusa, ma che leggenda è uno che resta nel Toro a combattere tra la A e la B?? Va be che è un bravo ragazzo ma non credo sia fesso!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Garnet Bull - 1 settimana fa

        Onestamente non sono per niente d’accordo, i trofei o anche solo le soddisfazioni si potrebbero vincere con belotti punta di diamante e attorno a lui una squadra di livello, e se viene ricordato ferrante credo proprio che anche belotti potrà essere ricordato a lungo, non ti piace il termine leggenda? Allora usa un sinonimo ma il concetto resta uguale… Fesso? Ma cosa vuol dire? Fesso perché resterebbe nel toro alle condizioni che ho elencato? Mah… Opinioni personali 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. christian85 - 1 settimana fa

    Questa situazione rischia di spaccare in 2 la tifoseria, per quello che lo è già di suo, sulla questione Belotti.

    Molti scrivono ( giusto o sbagliato che sia ma legittimo ) che un campione del suo calibro non è giusto debba soffrire come un cane in una squadra guidata da una società inesistente ed incompetente.

    Andrea a 27 anni è nel pieno della sua maturità da calciatore e questo è l’anno della scelta :

    o rimanere al Toro e diventare ufficialmente a tutti gli effetti una bandiera, entrando di diritto tra i primi 10 beneamati del Toro, da Pulici, Zaccarelli, Ferrini e cosi via..

    oppure, lasciare il Toro per intraprendere una sfida professionale dove possa garantirgli più vittorie, coppe e soprattutto la famosa musichetta Champions.

    Dal canto nostro, sappiamo che Belotti, dipendesse da lui rimarrebbe anche ma qui dovremmeo entrare in gioco noi e non permettere che uno come Belotti possa rovinarsi la carriera, non vincendo mai nulla, finendo nel dimenticatoio europeo, se non forse per essere ricordato come il primo o secondo bomber di tutti i tempi del Toro.

    Noi del Toro non vorremmo mai che un nostro idolo si rovini la sua carriera per colpa di un presidente che non ha mai saputo rilanciare e costruire una grande squadra attorno a lui.

    Convincere Belotti a rimanere, seppur alzandogli l’ingaggio a 3 milioni, non serve a nulla.. qui sono in gioco altri fattori che Cairo non potrà MAI garantirgli..

    Che sia salvezza o che sia retrocessione, cambia poco perchè dopo 15 anni, scusatemi tutti, non ci credo nemmeno se mi pagano che Cairo si mette a fare una squadra da Europa.. possiamo dire che forse l’ha assaggiata con la stagione dei 63 punti, durata troppo poco.. ma l’Europa in ogni caso, per uno come Belotti, andrebbe pure stretta, a mio modestissimo parere.

    Non so quel che succederà, chiaramente sono il primo a sperare di vederlo in granata per sempre.. ma bisogna essere anche realisti e tifare a volte, più per la carriera di un nostro beneamato che al Toro ha dato veramente tutto, che in generale al nostro Toro.

    In ogni caso, comunque andrà, sarai sempre nei nostri cuori e sarai sempre parte del Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pectol - 1 settimana fa

      La situazione di Belotti è simile a quella che nel passato hanno dovuto affrontare altri giocatori, il primo che mi viene a mente è Gigi Riva, che a suo tempo, nonostante avesse la possibilità di andare a giocare in una delle grandi, fece una scelta di cuore, rimanendo al Cagliari dove è vero che vinse uno scudetto, ma niente altro.
      È una questione assolutamente di scelta personale, dove lui dovrà capire bene quale sarà la scelta giusta da fare, noi tifosi dobbiamo solo essere pronti ad accettare qualunque sia la sua scelta. Ovviamente se resta tutti contenti, vedremo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Nemo - 1 settimana fa

        Riva però a Cagliari ha vinto lo scudetto. Il Gallo lotta per non retrocedere. Direi che c’è una lievissima differenza

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. ilpalodiBeruatto - 1 settimana fa

    Mi spiace redazione. Ma credo proprio che questa volta l’ultima parola sia proprio di Belotti. Anzi il gioco dello scaricabarile delle responsabilità è già iniziato. Ho fatto il possibile ma non voglio tarpare le ali…. Darmian, Glik, Cerci Immobile eccc….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Il_Principe_della_Zolla - 1 settimana fa

    Per Belotti scende in campo il duo CaVagna, una garanzia (per tutte le pretendenti alle prestazioni del Gallo).

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy