Torino, chi è Marcos Paulo: il talentino considerato “predestinato” in Brasile

Calciomercato / Conosciamo meglio l’attaccante classe 2001 che potrebbe arrivare al Torino dalla Fluminense: in passato lo cercò anche la Juventus

di Nicolò Muggianu

Ha soltanto 19 anni, ma di lui in Brasile si parla già un gran bene. Marcos Paulo è finito nell’orbita del Torino, a caccia di almeno un attaccante da regalare a Marco Giampaolo in queste ultime ore di calciomercato. Ma cosa si sa di preciso su questo talentuoso attaccante di proprietà della Fluminense, che sembrerebbe vicino a vestire la maglia granata?

RIO DE JANEIRO, BRAZIL – AUGUST 29: Marcos Paulo of Fluminense controls the ball during a match between Fluminense and Vasco da Gama as part of 2020 Brasileirao Series A at Maracana Stadium on August 29, 2020 in Rio de Janeiro, Brazil. (Photo by Buda Mendes/Getty Images)o

IDENTIKIT – Classe 2001, Marcos Paulo Costa do Nascimento nasce l’1 febbraio a Niterói, comune facente parte della mesoregione Metropolitana di Rio de Janeiro. Attaccante moderno, dotato di una buona velocità e di una stazza fisica imponente (187 cm di altezza), Paulo comincia a giocare a calcio sin da giovanissimo tra le strade del suo quartiere di appartenenza prima di essere notato dalla Fluminense.

RIO DE JANEIRO, BRAZIL – SEPTEMBER 13: Marcos Paulo (L) of Fluminense fights for the ball with Gabriel (R) of Corinthians during the match between Fluminense and Corinthians as part of the 2020 Brasileirao Series A at Maracana Stadium on September 13, 2020 in Rio de Janeiro, Brazil. (Photo by Luis Alvarenga/Getty Images)

GIOVANILI – Il processo di crescita con la maglia Fluzão subisce una brusca accelerata intorno al 2015, quando comincia a farsi notare da sottoleva con la selezione dell’Under 17. Gol e ottime prestazioni per Marcos, che ottiene anche la chiamata della Seleção brasiliana Under 17. A livello giovanile nel corso degli anni dimostra di essere in grado di fare la differenza, vincendo il titolo di capocannoniere con la maglia della Fluminense nella Taça BH Sub-17 da sottoleva. Il 31 gennaio 2019, dopo aver già attirato su di sé le attenzioni di molti dei principali top-club europei, esordisce con la prima squadra della Fluminense ad un giorno di distanza dal suo diciottesimo compleanno. Tra il 2019 ed il 2020 ha già collezionato con la maglia Fluzão un totale di 35 presenze nel Campeonato Brasileiro Série A, mettendo a segno complessivamente 4 gol e 5 assist. Il suo valore di mercato, ad oggi, si aggira intorno ai 10 milioni di euro.

RIO DE JANEIRO, BRAZIL – SEPTEMBER 02: Evanilson (C) of Fluminense celebrates with Marcos Paulo (L) and Nene after scoring a goal during a match between Fluminense and Atletico GO as part of 2020 Brasileirao Series A at Maracana Stadium on September 02, 2020 in Rio de Janeiro, Brazil. (Photo by Buda Mendes/Getty Images)

“PREDESTINATO” – In patria è considerato un predestinato, uno dei talenti più limpidi della sua generazione. Nelle scorse sessioni di mercato era già stato nel mirino di molte squadre italiane – Juventus e Roma (con il ds Petrachi che lo seguì da vicino) nel 2019, Atalanta e Parma quest’anno – ma soltanto oggi i tempi sembrano essere maturi per un suo passaggio in Serie A. Un passaggio reso ancor più facile dal doppio passaporto comunitario (brasiliano-portoghese) di cui è in possesso classe 2001, che dal 2019 ha deciso di rispondere presente alle convocazioni della nazionale U19 del Portogallo.

13 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ardi - 2 settimane fa

    dbGranata peccato che cairo abbia mandato via milanetto e il suo Entourage. Altra dimostrazione di dolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ardi - 2 settimane fa

    Visto che costa dieci milioni arriva se il Gallo va aa sostituire chiesa alla viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Nero77 - 2 settimane fa

    Urbanetto tira fuori 10milioni?!Cari Fratelli Granata,attaccatevi al caxxo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. granatasky - 2 settimane fa

    Certo, certo.

    Il mandrogno non ha tirato fuori 9 testoni per Vera e, improvvisamente, ne tirerebbe fuori 10 per costui.

    Paiasu, feve furb.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. f_p_b_qsv_14554814 - 2 settimane fa

    Un talento puro , da Barça. Campioncino stellare erede di Pelé. Per quello VUOLE venire da noi è per questo noi lo prenderemo sicuramente … gli altri sono solo gobbi di merda a fine carriera… gente finita come lo era Papu, come Ilicic, come Ribery… noi non siamo fessi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. granatasky - 2 settimane fa

      Gaute la nata, stasi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. BiriLLo - 2 settimane fa

    Sembra che Petrachi lo seguisse da anni, per la Roma, anche se lavorava ancora per noi.
    Ci vedo poco ma alla fine leggo.
    Che il giovane sia talentuoso non metto voce, ma un insulto in più al ex DS è necessario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. FORZA TORO - 2 settimane fa

    ho visto un paio di video,per quello che possono valere,ha numeri pazzeschi,ma non credo arriverà mai da noi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. LeoJunior - 2 settimane fa

    Forse hanno trovato qualche copia della lista trafugata da Petrachi?! …. ma 10 milioni per uno di 19 anni Cairo non li spenderà mai.
    Vorrei sapere se i nostri grandi esperti avevano mai sentito parlare di Lammers. Quelli dell’Atalanta sì e se lo sono andati a prendere con largo anticipo. Noi stiamo inseguendo Inglese…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. TOROPERDUTO - 2 settimane fa

      Noi siamo poliglotti ci piacciono le lingue in passato cercavamo italiano, adesso inglese, chissà domani….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. fedeltoro49 - 2 settimane fa

    Sono proprio questi i prospetti che con Cairo non avremo mai!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. dbGranata - 2 settimane fa

    Chiaramente non lo conosco, ma mi sembra un’ipotesi più affascinante di qualunque nome circolato sino ad ora. Un giocatore “finito” o all’ultima tirata in carriera mi scalda poco, perché sai già cosa aspettarti.

    Secondo me il Toro, volente o nolente, può crescere solo con scouting, plusvalenze e valorizzazione dei giovani. Non colpi alla Torreira e Verdi, per intenderci. E le offerte rifiutate per N’Koulou e Izzo 2 estati fa ci fanno anche capire che spesso una plusvalenza ampia non è da sottovalutare, perché ti permette di reinvestire su giocatori di esperienza e su scommesse sempre migliori.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. marione - 2 settimane fa

      Eh ma se hai Vagnati e Comi lo scouting lo fai in parrocchia

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy