Torino e Atalanta, Bonifazi e Barrow: l’intreccio di calciomercato si scalda

Torino e Atalanta, Bonifazi e Barrow: l’intreccio di calciomercato si scalda

Lo scambio / Il club granata sorpassa il Bologna per l’attaccante gambiano

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Kevin Bonifazi all’Atalanta e Musa Barrow al Torino? Una possibilità concreta. La società orobica si è portata avanti nei discorsi col Torino da giorni; il difensore, nonostante a Bergamo non ci sarebbe il posto da titolare assicurato, si trasferirebbe volentieri alla corte di un tecnico come Gasperini che gioca con la difesa a tre e sa far crescere i giovani, in una squadra che è ormai una big del calcio italiano. E il Torino approfondisce il dialogo perchè l’Atalanta ha in uscita quel Musa Barrow che il direttore sportivo granata, Massimo Bava, segue con interesse da quando diede spettacolo alla prima partita ufficiale del campionato Primavera giocata al Filadelfia, quel Torino-Atalanta finito 0-2 nel 16 settembre 2017. Barrow è valutato 15 milioni dall’Atalanta, all’incirca lo stesso prezzo che il Torino chiede per Bonifazi. Lo scambio di cartellini è quindi un’opzione concreta. Ma non si può (ancora) parlare di affare in via di definizione: perchè Bonifazi è seguito da diverse altre società, Fiorentina in primis, ma non solo.

Gasperini, infatti, per il rinforzo in difesa che l’Atalanta cerca accoglierebbe più volentieri quel Mattia Caldara, oggi di proprietà del Milan, che fece esplodere lui stesso a Bergamo. Dal Torino il tecnico di Grugliasco accoglierebbe piuttosto Iago Falque, elemento che ha allenato con successo al Genoa. Ma ad oggi il club granata non ha messo in vendita lo spagnolo, nonostante sia reduce da un 2019 pieno di infortuni. Invece – dietro offerta congrua – libererebbe Simone Zaza, che a Roma è rimasto in panchina e che è richiesto, tra le altre, anche dal Besiktas. Il lucano libererebbe così il posto per Barrow, che sembrava ad un passo dal Bologna: ma la trattativa si è improvvisamente bloccata nelle ultime ore (segnale). Lo scenario di mercato, insomma, è in evoluzione.

32 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Pesce - 7 mesi fa

    Non capisco perché scambiare Bonifazi con Barrow e nello stesso tempo cedere in prestito Millico. Secondo me Millico può valere Barrow (due giovani ancora tutti da scoprire) e forse anche di più. Inoltre Millico se si gioca 343 o 3421 potrebbe tranquillamente essere provato al posto di Berenguer o Verdi. ma se qualcuno in panchina è testardo come un mulo e continua a considerare Bonifazi la sesta scelta in difesa e non offre a Millico nemmeno la metà delle opportunità offerte a Berenguer e Verdi….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. microbios - 7 mesi fa

    Sarebbe un bel colpo, sopratutto in prospettiva.
    Come tifoso dispiace per Bonifazi, ma come operazione di mercato ci sta, anche perchè libererebbe Zaza.
    A proposito di centrocampisti di qualità, se qualcuno ha contatti con Bava, gli consigli di fare una telefonata all’agente di Younousse Sankharé. Svincolato, più forte di Kurtic, che viene accostato al Toro. In alternativa, Markus Henriksen, in scadenza di contratto, più forte di entrambi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Temitayo Olufisayo Olaoluwa Aina - 7 mesi fa

    Io penso che Bonifazi, così come Edera, siano da tenere e valorizzare. Sono tra i pochi buoni giocatori che emergono dalla primavera. A proposito, che fine ha fatto Parigini? Mazzarri, visto che non è che ci siano dei fenomeni nella rosa, perché non puntare di più su questi giovani??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 7 mesi fa

      Il problema é che i fenomeni non ci sono nemmeno nel vivaio! Dopodiché bonifazi è un buon giocatore e io me lo terrei… anche perché non è che abbiamo questo gran numero in difesa, al netto che lyanco deve ancora dimostrare di essere ok fisicamente con la continuità e che bremer è… beh, è bremer!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. commercial_9666663 - 7 mesi fa

      Bah, perché Edere le chance che ha avuto le ha sprecate tutte? Ero a vedere Roma Toro anno scorso quando partì titolare.. Veramente poca roba… A Bologna voluto da Miha in una ottima annata partito titolare poi solo panca… Se si recupera per me Lyanco meglio di Bonifazi, questo naturalmente se trova l’acquirente giusto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. commercial_9666663 - 7 mesi fa

        PS grazie a Dio c’ero anche quest’anno!!! FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Simone - 7 mesi fa

    Barrow, come Zaza, non mi sembra il partner ideale del Gallo.
    A lui serve uno con cui duettare ed essere messo davanti la porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. RFgranata - 7 mesi fa

      Infatti serviva Caputo ( o uno come lui) FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. commercial_9666663 - 7 mesi fa

      Verdi domenica l’ha messo davanti alla porta

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 7 mesi fa

        Ti risulta abbia fatto l’assist Verdi?
        E cmq Verdi è un trequartista non la propriamente la spalla con cui dovrebbe duettare il Gallo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. WGranata76 - 7 mesi fa

    Personalmente penso ancora che si debbano definire meglio le strategie a più lungo termine, ma ipotizzando (come sembra) che Mazzarri sarà ancora il nostro allenatore nel prossimo anno, allora penso quanto segue:

    – Bonifazi non è funzionale al gioco di Mazzarri che predilige giocatori fisicamente più agili e meno statici rispetto a Bonifazi. Il nostro giovane potrà essere un discreto giocatore per la serie A e rendere molto bene in difese più fisiche come l’atalanta, che tra l’altro non è una diretta concorrente al momento e quindi si potrebbe anche monetizzare. Una valutazione ragionevole al giorno d’oggi è tra i 10 e 12 milioni, difficile ottenere di più al netto della forma fisica dubbia per un giocatore così strutturato e della quasi totale assenza di prestazioni sul campo negli ultimi 6 mesi.

    – Falque, che personalmente stimo e mi spiacerebbe veder partire, è oggettivamente afflitto da molti infortuni nelle ultime due stagioni; nonostante l’età mantiene pur sempre un buon mercato e discreta valutazione, quindi sarebbe opportuno monetizzare per investire a centrocampo che è carente oggi. Così anche per il giocatore ci sarebbe probabilmente più spazio e continuità per ritrovare la forma.

    – Barrow è un bel prospetto, ma ha ancora tantissimi limiti e non solo di esperienza. Come tanti altri giocatori dell’atalanta spesso sono facilmente sopravvalutati per via dell’ottimo gioco a memoria di Gasperini. Inoltre vedendo come ragiona la società bergamasca, che spesso investe sui giovani e vende solo a fronte di cifre importanti, mi sovviene il dubbio che magari questo profilo non è così fenomenale.

    – Lyanco, personalmente dopo tanti infortuni e con le carenze mostrate in una difesa a 3, mentre in quella a 4 è molto più forte, valuterei una monetizzazione a partire dai 10 milioni in su. Anche perchè in casa Bremer e Singo hanno un ottimo potenziale.

    – Centrocampo, siamo sempre e comunque corti in quantità e scarsi in qualità. Dobbiamo investire su un regista basso che faccia da metronomo in mezzo e sono tutti profili costosi, ma finchè non si deciderà di investire seriamente per ottenere risultati sportivi, non credo che prenderemo mai in considerazioni profili simili.

    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. spelli_446 - 7 mesi fa

      Caspita che disamina dettagliata, con valori di mercato e tutto… Complimenti potresti proporti come DS del Toro..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. renato (quello vero) - 7 mesi fa

      Confesso che rimango sempre molto perplesso di fronte ad affermazioni del tipo “il giocatore Tizio non è funzionale al gioco dell’allenatore Caio, ecc.ecc.”.
      Per esperienza diretta di vita (ahimè sono un po’ avanti negli anni..) mi sono reso conto che se uno è bravo lo utilizzi sempre, non c’entra molto se è funzionale o meno, se sei bravo tu come allenatore riesci a sfruttare le sue doti al meglio.
      Senza andare a scomodare l’attuale Gasperini (che non mi sembra abbia una rosa eccezionale ma ottiene risultati decisamente superiori alle sue stesse aspettative) mi viene in mente ad esempio Ventura, ultimamente tanto bistrattato ma che ha avuto il grande merito seconndo me di riuscire a far apparire dei fenomeni giocatori che fenomeni non lo erano proprio. Siamo ritornati in Serie A con una squadra di semisconosciuti e l’abbiamo tenuta direi decorosamente. Lasciamo perdere l’ultimo suo anno ma guardiamo quelli precedenti. Non voglio far nomi ma tutti quelli che poi Cairo ha venduto a caro prezzo non mi sembra che abbiamo continuato sullo stesso rendimento una volta finiti altrove.
      Per tornare al caso in questione (sempre secondo me naturalmente) gente come Bonifazi o Millico deve assolutamente rimanere. Sta all’allenatore di turno adattare il gioco ai protagonisti e non viceversa.
      Da noi mi sembra invece che si ragioni al contrario, inseguendo sempre il “nome” che dovrebbe farci fare il cosiddetto “salto di qualità”. Continuando a ragionare in questo modo si rischia di avere una girandola di persone che di fatto non hanno neppure il tempo (ammesso che ne abbiano la voglia…) di adattarsi all’ambiente.
      Cerchiamo (cioè, cerchi l’allenatore…) di capire se una persona è valida o meno IN ASSOLUTO, non in relativo.
      Restando nella zona difensori di Bonifazi ho già detto, un altro giovane che mi sembra molto bravo e promettente è Singo. Lo porterei in prima quadra e all’occorrenza gli farei fare qualche partita per valutarlo a fondo. Lascerei perdere invece i vari Meitè, Verdi, Aina, Bremer e company che mi sembrano tutto fuorchè fenomeni.
      I centrocampisti della Primavera non li conosco e quindi non posso esprimermi ma sembra che qualcuno valido ci sia.
      Se poi si vuole infarcire la squadra di stranieri (per me sono già troppi così) bisogna pensare di tenerli alcuni anni, altrimenti se ne vanno appena trovano qualcuno che da loro quattro soldi (beh, quattro si fa per dire…) in più e ti salutano con allegria e passione e magari anche qualche lacrimuccia di circostanza.
      Uno straniero che va a lavorare in un paese che non è il suo lo fa ESCLUSIVAMENTE per soldi, non certo perchè è attratto dal blasone di Toro, juve, inter, roma, sassuolo, lecce, ecc. ecc.
      Per fidarmi di costui ho soltanto due srade: o riesco a farlo “innamorare” della squadra, della città, dell’ambiente oppure prendo un italiano, almeno questo rimane in patria e non lo costringo ad imparare il turco o il greco per lavorare…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. renato (quello vero) - 7 mesi fa

        Volevo dire “strade”…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. WGranata76 - 7 mesi fa

        Per mia esperienza e conoscenza, seppur non così avanti con gli anni, posso dire che concordo solo in parte con l’affermazione “se uno è bravo lo faccio giocare sempre” e la reputo vera di fronte a giocatori davvero molto forti e questi non sono certo gente come Bonifazi, con tutto il rispetto per il giocatore. Quando si dice che l’allenatore deve far rendere chiunque è vero, ma non si può prescindere completamente dal progetto tecnico di un allenatore e un direttore sportivo, altrimenti basterebbe prendere un mucchio di giocatori eccezionali e metterli in campo più o meno bene per vincere. Quello di cui parli è un modello più da grande società dove spesso si scelgono campioni ben consci che qualsiasi allenatore sarà in grado di lavorarci, ma perché si tratta di allenatori di alto livello.
        Inoltre Mazzarri è un discreto allenatore, ma non uno dei migliori sulla piazza e quindi è importante valutare bene quali profili sono più adatti al suo modello di gioco, così da facilitare la resa dell’intero progetto.
        Gasperini come ho detto anche io non ha giocatori superlativi ed anzi la resa è proprio superiore perchè giocano a memoria e inoltre ha una selezione di giocatori estremamente ben confezionata per il suo gioco. Se si guarda già al suo vecchio Genoa col 3-4-3 si vedono molte analogie in mediana e sugli esterni, sia per interpreti che tipo di gioco. Poi ci sono chiare evoluzioni che dimostrano anche come Gasperini sia migliorato ed abbia migliorato diversi aspetti di gioco e schemi, portandolo ad utilizzare anche uno e ben due trequartisti che in passato non prendeva quasi mai in considerazione.
        Da quel che ho visto sinora della dea i giocatori in difesa sono molto fisici e statici, perché supportati da un pressing a tutto campo, da due esterni di grande atletica che ripiegano sempre molto efficacemente per 90′ (anche grazie a cambi equivalenti), oltre a un centrocampo di grande corsa e il/i trequartisti che arretrano creando una sorta di 5-4-1 in fase difensiva. Per questo il pacchetto di centrali non si trova quasi mai in condizioni di 1 contro 1. In questo Mazzarri e la rosa a disposizione è molto diverso. Noi innanzitutto non abbiamo a disposizione 4 esterni di pari valore atletico e poi abbiamo un filtro di mediana piuttosto fisico e poco rapido che spesso lascia l’onore dell’uno contro uno ai nostri centrali difensivi.
        In base alle caratteristiche del nostro allenatore vedo Bonifazi meno utile di un Bremer o Singo, anche qui concordo molto sul suo potenziale.
        FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. renato (quello vero) - 7 mesi fa

          Caro Granata76,
          innanzitutto apprezzo la pacatezza e la chiarezza della tua replica, una delle poche educate e non volgari che leggo su questo sito.
          A parte ciò, forse non mi sono spiegato bene. In buona sostanza tu dici che se ciò che affermo fosse sempre valido basterebbe avere in squadra i migliori in assoluto e un ottimo allenatore e si vincerebbe sempre.
          Capisco che le mie parole possano essere interpretate così però volevo dire qualcosa di diverso.
          Volevo dire che se un giocatore è buono (ma non è un fenomeno, però raggiunge la “sufficienza”) un bravo allenatore lo sa far rendere al meglio. Molte volte i giocatori “buoni” sono molto meglio dei “molto buoni” anzi, ti dirò che personalmente preferisco i primi rispetto ai secondi perchè li ritengo più disponibili a seguire le mie direttive. A volte i secondi (quelli molto bravi) rischiano di essere un po’troppo anarchici e presupponenti.
          Una squadra è un po’ come un’orchestra, ciò che conta è l’affiatamento e il remare tutti nella stessa direzione.
          Questo volevo dire. Poi è ovvio che un po’ di qualità la si deve comunque avere, con i troppo scarsi non si va da nessuna parte.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. WGranata76 - 7 mesi fa

            Ringrazio anche te, perchè è davvero bello ogni tanto potersi confrontare sul tecnico con gente che, come intuisco dalle tue parole e probabile percorso professionale, è molto competente.
            Grazie del chiarimento e concordo sulla disponibilità dei giocatori più “normali”, ci siamo capiti meglio.
            Sul rendere al meglio purtroppo vedo che Mazzarri è abbastanza abile nel far crescere buoni incontristi e difensori con già spiccate abilità nel piazzamento, ma la mia impressione è che sia limitato nel migliorare altri aspetti. Ad esempio Lyanco che si è dimostrato ottimo nella difesa a 4 non ha saputo rendere bene nella difesa a 3, perchè a mio avviso non è cresciuto dal punto di vista del piazzamento, che è fondamentale per il centrale a 3 che deve sempre valutare la posizione due compagni di reparto, anticipare uscendo quando serve e impostare la linea diagonale quando l’offensiva arriva da un lato del campo o scegliere quando arretrare calamitando i compagni per permettere il rientro del centrocampo. Se Mazzarri non è riuscito ancora a plasmare Lyanco (vuoi anche la complicità degli stop) credi che riesca a far rendere Kevin in modo efficace con il suo concetto proprio di difesa? Io personalmente lo credo arduo e per questo penso che Kevin si troverebbe meglio (ahinoi) in un squadra differenti (la dea era solo un esempio). Inoltre per lui è meglio giocare piuttosto che non avere chance da noi e a noi verrebbe un guadagno economico notevole.
            Penso in termini di società, rosa attuale, ma resta intenso che fosse per me vorrei più investimenti ed un allenatore che punta ad un gioco un pò più propositivo, ma ho seri dubbi sulla volontà della proprietà attuale.

            Mi piace Non mi piace
  6. Garnet Bull - 7 mesi fa

    Allora, io al momento sono super dubbioso. Bonifazi è forte e può crescere molto ma per il tipo di gioco di Mazzarri è svantaggiato, se mai dovessimo giocare come contro la roma con bonifazi al posto di djidji, l’italiano avrebbe la peggio poiché svantaggiato nell’uno contro uno in campo aperto, per cui le valutazioni da fare sono molte. Di contro anche barrow è forte e di prospettiva e avendo già un fenomeno in attacco l’idea di avere un giovane che da belotti potrebbe apprendere oltre alle capacità tecniche anche delle “risorse umane” sarebbe molto interessante….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ardi - 7 mesi fa

    Leggo di un interessamento della viola per meite. Magari fosse vero, certamente andrebbe trovato un sostituto di qualità, altrimenti non servirebbe a niente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. bertu - 7 mesi fa

    Il centrocampo. Manca qualità a centrocampo; e qualcuno parla di vendere Falque…pazzesco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 7 mesi fa

      Si sarebbe incredibile, oltretutto, solo otto milioni di valutazione da parte di cairo, ho letto. Spero sia un fake

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. commercial_9666663 - 7 mesi fa

        Ma qualcuno si è accorto che da 2 anni è sempre rotto?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. toro52anni - 7 mesi fa

    Io Zaza non lo venderei, e Bonifazi(che a me non fa impazzire) aspetterei per vedere se restano Izzo e Nkoulu perché con il mafioso Raiola non si sa cosa succede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Mimmo75 - 7 mesi fa

    Barrow lo danno al Verona come imminente. Il Toro avrebbe inserito Bonifazi nella trattativa ma la Dea avrebbe rifiutato

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Granata - 7 mesi fa

    Barrow deve dimostrare ancora molto. È giovane con grandissimi margini di crescita. Non è ancora un grande calciatore ma è il tipo di giocatore che servirebbe al Toro. L’anno scorso avrei preso Kouamè e Barrow si avvicina molto come tipo. Se arriva , a me, va benissimo. Bonifazi via ? Detto che in prospettiva futura il Toro ha molti giovani promettenti nel ruolo, metto in conto oltre alle opportunità, anche i gusti personali. Non a tutti piacciono gli stessi giocatori e non perché uno non piace si è incompetenti o peggio. Sono scelte che si possono fare. Importante è chi arriva e se arrivasse Barrow, sarei contento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. suoladicane - 7 mesi fa

    vendere BONIFAZI E FALQUE sarebbe un errore enorme: il secondo è il giocatore più tecnico che abbiamo in rosa e messo nel tridente con il gallo e verdi darebbe un grandissimo peso all’attacco; il secondo rappresenta il futuro della difesa, anche perchè ormai lo sanno pure le pietre che Nokoulu e forse anche Izzo il prox anno salutano.
    se bisogna sfoltire venderei Zaza (doppione del Gallo e ignorato dal tecnico) bremer oppure didji, e Meite che comunque non sono riusciti a dimostrare molto
    MAZZARRI VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 7 mesi fa

      Parole sante, non capisco la pioggia di meno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. grup_8223689 - 7 mesi fa

      Tutto é opinabile…
      Fosse per me Falque sarebbe il primo ad essere ceduto….
      Quasi trentenne fisicamente leggerino, non salta mai l’uomo e sempre rotto…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 7 mesi fa

        si guarda, dimentichi mi pare 10 goal e altrettanti assist il primo anno al torino fc, e mi pare 12 e 10 il secondo, così per dire mica uno qualunque; poi che non sia un trequartista ma un’ala D’ATTACCO lo sanno anche i seggiolini del comunale, ma il testadighisa lo fa giocare seconda punta oppure trequartista……..
        MAZZARRI VATTENE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Madama_granata - 7 mesi fa

      Anche io non venderei né Bonifazi, né Falque.
      Ma non darei via neppure Djidji.
      La difesa per il prossimo anno potrebbe essere;
      Izzo (se non se ne va), Djidji, Bonifazi, Lyanco.
      Sono necessarie almeno 4 figure di spicco, intercambiabili.
      Data x certa la partenza di Nkoulou, Bremer lo manderei in B a farsi le ossa, come Buongiorno, Ferigra e molti altri giovani, che ricoprono vari ruoli.
      Tanto, Bremer a parte, Mazzarri i giovani non li farà mai giocare!
      Falque e Verdi ai lati, con Belotti (o Zaza o Millico) in mezzo, continua, per me, ad essere un trio dal grande potenziale, con ottime prospettive.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 7 mesi fa

        la penso come lei, credo occorra cambiare schema di gioco e puntare sulla difesa a 4, due ali vere ai lati del gallo e tre centrocampisti, due mediani ed un regista/rifinitore che detti i tempi e faccia girare la squadra; certo occorrerebbe cambiare anche il mister………..
        Se le voci di calciomercato fossero corrette vorrebbe invece dire che il mister rinnoverà, a scanso di sfracelli negativi, non voglio nemmeno pensare ad altri due o tre anno con testadighisa…….
        MAZZARRI VATTENE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Héctor Belascoarán - 7 mesi fa

          Ci manca solo più il rinnovo di Grande Punto!

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy