Galli (Assoagenti): “I giocatori in scadenza possono rifiutarsi di giocare”

Galli (Assoagenti): “I giocatori in scadenza possono rifiutarsi di giocare”

La situazione / Tiene banco la questione dei giocatori col contratto in scadenza al 30 giugno

di Redazione Toro News

Tra le varie questioni da risolvere, per la ripresa del campionato, c’è ancora quella relativa ai giocatori con i contratti in scadenza al 30 giugno 2020. Quale futuro per loro? Potranno continuare a giocare con i rispettivi club o si libereranno? Al momento non c’è ancora una soluzione, ma a farla da padrona è l’incertezza. Sul tema di è espresso Beppe Galli, presidente di Assoagenti, ai microfoni di Radio Punto Nuovo: “In questo momento qualsiasi giocatore in scadenza al 30 giugno può lasciare il club. La Federazione dovrebbe intervenire sul prolungamento dei contratti, ma finora sono arrivate solamente parole. I giocatori come Callejon in teoria possono rifiutarsi di giocare oltre la scadenza del proprio contratto”.

Torino, il coronavirus e la Primavera: quale futuro per i giocatori?

Galli ha quindi spiegato il punto di vista degli agenti: “Noi abbiamo fatto diverse richieste e stiamo aspettando un incontro con la Federazione. Finora zero risposte, hanno parlato tutti, gli agenti non sono mai stati interpellati. Il giocatore è tutelato dall’agente, non da altri personaggi, quindi la Federazione dovrebbe fare un po’ di attenzione in tal senso”. La situazione, insomma, è ancora lontana da una situazione.

LEGGI: La Serie A oltre il mese di giugno: non è la prima volta. Ecco i precedenti

 

12 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bertu62 - 4 mesi fa

    Assoagenti contro AIC, Galli contro Tommasi: ma sti poveri (??) calciatori, CHI li tutela veramente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. bertu62 - 4 mesi fa

    Se Beppe Galli e l’Assoagenti di cui è Presidente l’unica a tutelare i calciatori, allora Damiano Tommasi e l’AIC cosa fanno?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. bertu62 - 4 mesi fa

    Mi sfugge (fra le tante) una cosa: ma se a tutelare il calciatore c’è solo l’agente (parole di Beppe Galli) allora Damiano Tommasi e tutta quanta l’AIC (Associazione Italiana Calciatori) cosa fa?
    A me in tutta sta storia sembra tanto che NESSUNO voglia restare con un pugno di mosche in mano, TUTTI cercano QUATTRINI, SOLDI, DENARO!
    Intanto GLI UNICI veramente con le mutande in mano sono i calciatori dilettanti, quelli della Serie D, guarda caso la categoria più numerosa, quella dove nascono i calciatori (sì perché TUTTI, inevitabilmente, all’inizio passano di lì…) ma anche quella meno “calcolata”, quella meno “tutelata” proprio perché NON GENERA PROFITTI, NON DA’ SOLDI: basta leggere le parole di Renica, 2 scudetti vinti col Napoli di Maradona, per vedere che QUESTO CALCIO della BANDA BASSOTTI non è più uno sport “popolare” come vanno dicendo in giro per riempire le teste (vuote) di chi ancora ci crede, altrimenti TUTTO il calcio Italiano sarebbe ad un altro livello, BEN PIU’ ALTO che l’attuale…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. christian85 - 4 mesi fa

    eh si. Mi pare giusto poverini.. bisogna comprenderli.

    Anche io al mio capo gli ho detto che mi rifiuto di venire a lavoro e lui mi ha pure risposto “ti dò anche aumento di stipendio se non vieni a lavoro !!!”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. grup_8223689 - 4 mesi fa

      Veramente si parla di giocatori che dal primo di luglio saranno senza contratto…
      Come se il tuo capo non ti rinnovasse il contratto e tu ti presentassi a lavoro ugualmente…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bertu62 - 4 mesi fa

        Corretto, e questo in un certo senso ti da “la misura” delle cose: Ti pare che Gravina & C. si siano tanto “sbattuti” per ripartire SENZA pensare ai contratti, a come e quando iniziare e finire TUTTI i campionati, a sistemare una volta per tutte il calcio con una bella riforma che parta DA ZERO, dagli stadi, dagli impianti sportivi, dalla ripartizione EQUA delle risorse, ecc…ecc…?
        Vedrai che alla fine O sistemeranno le cose “all’Italiana” O si sgonfierà tutta la bolla però INTANTO la parte degli EROI potranno raccontare di averla fatta…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. christian85 - 4 mesi fa

        grup_8223689

        ma spero tu stia scherzando ????
        con uno stipendio base ( il piu’ minimo e’ di 150 mila euro a stagione ), pensi che e’ un problema per loro ??????

        Ma non diciamo fesserie per piacere.
        Si rifiutano di giocare che cosa ?

        Scarpate sui denti

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. grup_8223689 - 4 mesi fa

          Ma quanto guadagnano non conta…. Parliamo di persone che dovrebbero giocare privi di un regolare contratto..

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. christian85 - 4 mesi fa

            Ok….. Ma se appunto non avessero un regolare contratto, per chi dovrebbero scendere in campo ?

            O e’ spiegato male l’articolo oppure non ha senso.
            E comunque, il calciatore in scadenza di contratto anche non dovesse trovare una sistemazione, non muore di fame….

            Mi piace Non mi piace
      3. christian85 - 4 mesi fa

        Ma poi che discorso e’ scusa ?
        Si possono rifiutare di scendere in campo se non appartengono piu’ a una determinata societa’. Ma se entro il 30 giugno sono di proprieta’ di una societa’ e sanno che non verranno confermati devono scendere e zitti.

        Tanto (a meno che non siano scarponi di massimi livelli) una sistemazione vuoi non la trovano ?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. maxx72 - 4 mesi fa

          “Scarpate sui denti” bella questa…Ahahah

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. christian85 - 4 mesi fa

            ciao fratello Maxxx
            ahahahahah eh si scarpate sui denti

            Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy