Lazio, la procura di Avellino chiede nuove analisi sui tamponi

Il caso / La procura del capoluogo irpino aveva proceduto al sequestro del materiale sabato sera, a proposito dell’indagine aperta a carico di Massimiliano Taccone, presidente del Cda della struttura sanitaria

di Marco De Rito, @marcoderito
Lotito

La procura della Repubblica di Avellino ha deciso di procedere con nuove analisi sui tamponi della Lazio “processati” al laboratorio Futura Diagnostica di Avellino. Lo riporta la Gazzetta dello Sport, la “controanalisi” verrà effettuata domani all’ospedale “Moscati” e sarà necessaria per valutare la correttezza delle procedure.

L’INCHIESTA – La procura del capoluogo irpino aveva proceduto al sequestro del materiale sabato sera, a proposito dell’indagine aperta a carico di Massimiliano Taccone, presidente del Cda della struttura sanitaria, riferimento della Lazio per i controlli molecolari dalla ripartenza della Serie A dello scorso giugno.L’inchiesta è nata con le ipotesi di falso, truffa in pubbliche forniture ed epidemia colposa.

Leggi anche: Taccone (Futura Diagnostica): “Strakosha, Leiva e Immobile potevano giocare contro la Juventus”

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Madama_granata - 2 settimane fa

    Escamotage molto furbo per “scaricare” tutte le colpe dalla Lazio: ora la colpa è solo del laboratorio di Avellino.
    Anzi, in questo modo la Lazio passa da carnefice a vittima:
    “non lo sapevamo – dirà la società lotitesca – siamo noi i danneggiati!
    Hanno fatto giocare i nostri calciatori, pur se malati, rischiando la loro salute!”.
    E naturalmente nessuno nel “calcio che conta” si porrà la domanda più banale, la più semplice:
    “Possibile che in tutta Roma, in tutta la Capitale, o meglio ancora in tutta la regione Lazio, non ci fosse un laboratorio serio, uno solo, in grado di eseguire i tamponi ai giocatori bianco-celesti?
    Non una ASL??
    Non un ospedale??
    Possibile che la Società laziale dovesse andare fino in Campania, fino ad Avellino, per fare eseguire i “suoi” test??
    PERCHÉ???
    PERCHÉ questa strana, assurda anomalìa?
    PERCHÉ non chiederne motivo e ragione alla società biancoceleste?
    PERCHÉ andare fino in Irpinia, perché scegliere questa strada così scomoda, disagevole e lontana?
    Ribadisco:
    scommetterei che la Lazio riuscirà ad uscire “indenne” da tutta questa brutta storia,
    che alla fine i laziali passeranno ancora x essere loro le vittime, ignare e danneggiate ingiustamente.
    Risultato?
    Nessuna penalità, nessuna multa, nessuna partita persa a tavolino.
    E alla faccia di tutte le società “oneste”!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. BiriLLo - 2 settimane fa

    Le analisi fatele fare a quella pucchiacchia di sua sorella.
    La soccola.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy