Serie A: i “fuggitivi” di Inter e Juventus potrebbero allungare i tempi della ripresa

Campionato / Juventus e Inter hanno maggiori difficoltà a causa della partenza di alcuni giocatori tornati nel loro paese per stare con le proprie famiglie durante la quarantena

di Luca Sardo

Quando riprende la Serie A? Difficile ora come ora rispondere a questa domanda. Molto dipenderà ovviamente da come si evolverà la situazione coronavirus in Italia nei prossimi giorni. I decessi in questi giorni stanno aumentando e oggi in particolare la protezione civile ha pubblicato – come succede quotidianamente – la lista aggiornata di contagiati, decessi e guariti (QUI i dettagli). Dunque gli allenamenti della squadre di Serie A e di conseguenza il campionato potrebbero riprendere una volta terminata (o comunque abbassata di parecchio) la diffusione del Covid-19. Prima di riprendere a giocare le partite ufficiali ovviamente tutte le squadre di Serie A dovranno svolgere una sorta di preparazione 2.0 considerato il lungo periodo di stop, ma la situazione di Juventus ed Inter potrebbe allungare maggiormente i tempi.

Serie A, Cairo chiede lo stop: il partito si rafforza, ma lo scontro è aperto

LA SITUAZIONE – Come ormai è risaputo, anche i giocatori ovviamente devono restare a casa per evitare la diffusione e il contagio del virus. Ma alcuni giocatori di Juventus ed Inter – una volta effettuati i tamponi ed essere risultati negativi al Covid-19 – sono stati autorizzati dalle rispettive società a tornare a casa propria nel loro Paese per svolgere la quarantena con i propri familiari. Questo è avvenuto nella Juventus per Cristiano Ronaldo, Douglas Costa, Higuain, Khedira e Pjanic e nell’Inter per Godin, Brozovic, Handanovic, Eriksen, Lukaku, Moses e Young. Il problema principale riguarda poi i tempi di ripresa degli allenamenti: una volta decisa la data questi giocatori dovranno svolgere i famosi 14 giorni di quarantena obbligatoria e dunque Juventus ed Inter avranno più difficoltà a ritornare ad allenarsi in breve tempo.

LA RIPRESA – Nelle prossime assemblee di Lega in videoconferenza sicuramente – tra le altre questioni in ballo – si parlerà sicuramente di questo argomento. Considerando che le restrizioni contro il coronavirus dovrebbero prolungarsi ulteriormente, è da vedere come affronteranno le due società questa situazione per evitare di procrastinare maggiormente i tempi di ripresa degli allenamenti. Una volta deciso il giorno di ripresa (sempre che succeda) bisognerà vedere cosa accadrà e se questo fattore influirà negativamente sulla ripresa di questo campionato di Serie A.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy