Cosa pensare di questo Toro?

Il Granata Della Porta Accanto / Sconfitte cocenti, strategie oscure, immobilismo generalizzato: c’è un muro comunicativo ormai tra società e tifosi

di Alessandro Costantino

Alzi la mano chi ha capito nelle ultime settimane quali sono le strategie, sportive e non, del Torino. No, seriamente, vorrei che qualcuno mi spiegasse cosa sta succedendo in casa granata perché io dall’umiliante sconfitta con l’Atalanta, la peggiore, in casa, in quasi 114 anni di storia, ci ho capito ben poco. E il (non) mercato di riparazione non ha fatto altro che rendermi ancora più perplesso.

In un gennaio che ha visto compromettersi in maniera serissima praticamente tutti gli obiettivi stagionali (tracollo in campionato ed eliminazione dalla Coppa Italia) qualunque reazione che mi sarei aspettato dalla società, alla fine non c’è stata. Perché?

Perché Mazzarri non è stato cacciato dopo quella sconfitta che ha segnato un punto di rottura insanabile tra il tecnico toscano e l’ambiente a prescindere da ciò che avverrà nel resto della stagione? Perché Cairo non ha dato disposizione di operare (con criterio, chiaramente… ) sul mercato non solo per dare rinforzi, peraltro necessari a questa squadra, ma anche per dare una risposta mediatica positiva alle mille critiche piovute da tifosi e stampa? Perché ultimamente l’uomo immagine del Torino è diventato Comi che viene intervistato ogni tre per due dopo che per anni ha tenuto il cosiddetto low profile? E come mai, al contrario, il nostro DS appare raramente in TV o sui giornali e svolge il suo ruolo esclusivamente da dietro le quinte come se non ricoprisse davvero quel ruolo? Dopo quindici anni come fa a non essere ancora chiaro al presidente che un club di calcio non si può gestire come una qualunque casa editrice?

Toro: non c’è mercato senza obiettivi sportivi

È disarmante constatare come stagione dopo stagione e mercato dopo mercato al Toro le dinamiche siano sempre le stesse, compresi i risultati che variano solo per casualità derivate da variabili esterne non controllabili (come ad esempio l’esclusione dalle coppe della squadra che ci precede).

Ci raccontano che i tre giocatori che sono andati via non influiscono sul rendimento della squadra in questa stagione, salvo poi riflettere che la partenza di Laxalt e Bonifazi sconfessa i due terzi del mercato estivo di rafforzamento e quella di Falque, giocatore che aveva dimostrato grande attaccamento alla maglia, cassa definitivamente quello che era stato il presupposto dell’acquisto più oneroso della storia granata (Verdi) cioè il tridente Falque-Belotti-Verdi.

Si naviga a vista, senza strategie chiare agli occhi di noi tifosi. Quest’ apparente smobilitazione (ricordiamo che fino all’ultimo minuto di mercato si è tentato di vendere anche Zaza, secondo acquisto più oneroso di sempre… ) non ha senso da qualunque parte la si voglia guardare. Cairo vuole cedere il Torino in un futuro prossimo? Allora perché dovrebbe depauperarlo di valore se vuole spuntare il massimo del prezzo in un’ipotetica trattativa? Mazzarri non sarà più l’allenatore nella prossima stagione? A maggior ragione non si dovrebbe accontentarlo allontanando quei giocatori che gli sono sgraditi perché non è detto che lo siano anche al futuro tecnico. Non ci sono più obiettivi sportivi per questa stagione? Bene, invece di smobilitare avrei comprato giovani promesse per iniziare ad inserirle nell’ossatura della squadra del domani.

Insomma, io continuo a non capire quale strategia ci sia dietro questo atteggiamento quasi atarassico della società: accade di tutto, eppure Cairo non fa nulla per reagire agli eventi. E non credo c’entri la vicenda Blackstone perché il presidente con la mossa della manleva si è messo al riparo da possibili richieste di risarcimenti personali milionari.

Credo che a Lecce ci si giochi molto di più che tre punti in campionato: un’eventuale sconfitta porterebbe il presidente a dover per forza fare una mossa e ad abbandonare questo immobilismo “talebano”. Ovviamente ci si augura che dal Salento si torni con dei punti, anche perché, stante la situazione attuale, è meglio raggiungere il più in fretta possibile quota 40, onde evitare pericolose derive primaverili. Chi vivrà vedrà. Certo che nel 2020, nell’era della comunicazione ad ogni livello, dei social e del wifi ovunque, una banalissima conferenza stampa avrebbe evitato che questo senso di distacco tra la società e i tifosi si ingigantisse sempre di più. Il tempo è galantuomo, si dice, fra un po’ capiremo. Peccato che nel frattempo a soffrire siamo sempre solo noi tifosi…


Da tempo opinionista di Toro News, do voce al tifoso della porta accanto che c’è in ognuno di noi. Laureato in Economia, scrivere è sempre stata la mia passione anche se non è mai diventato il mio lavoro. Tifoso del Toro fino al midollo, ottimista ad oltranza, nella vita meglio un tackle di un colpo di tacco. Motto: non è finita finchè non è finita.

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

81 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. SIMOLINCE - 9 mesi fa

    Sono stato critico sul non mercato del toro, però effettivamente la frase dell’articolo – Bene, invece di smobilitare avrei comprato giovani promesse per iniziare ad inserirle nell’ossatura della squadra del domani- è ciò che è stato fatto, pur partendo dalla primavera, e portando in pianta stabile i millico adopo singo in prima squadra, è stato fatto ciò che io ho sempre reputato strategia. I titolari campioni affermati, la loro riserve I primavera migliori. Certo, mancano i campioni dopo belotti nkolou e sirigu, e i giovani che già dovevano essere buttati dentro erano parigini e bonifazi, almeno quest’ultimo. E tutto questo comunque significa resa per le posizioni Europa league. Vedremo cosa succede.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ddavide69 - 9 mesi fa

    54 milioni sono tutti gli stipendi del toro FC, E SONO LORDI NON NETTI !!
    Belotti prende 1.8 milioni,
    È quello più pagato. Il lordo sarebbe 3,6 milioni, se tutti e 23 i giocatori prendessero 3.6 milioni lordi si arriverebbe a 82 lordi. Secondo voi i vari berenguer ,meite , de silvestri…prendono questo stipendio?
    Non so come si possa pensare che il lordo degli stipendi del toro sia 100 milioni di euro. Ahahaha

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Maver - 9 mesi fa

    Fratelli questa sera aperitivo con una bella figa, niente TORO.. è iniziata la cura alla fantastica malattia che mi affligge da quarantacinque anni e devo ringraziare due luminari: “direi bene” e AGONIA IL SOMARO.. sarà un percorso difficile ma doveroso.. mi sono rotto i coglioni, il mio sistema nervoso ha pagato un prezzo troppo alto!!! Un altro tifoso “non vero” (parole di un pover’uomo senza dignità, tal uolter la cloaca) si allontana e tenta di guarire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. dennislaw - 9 mesi fa

    Se vogliamo ragionare seriamente perchè scrivere fake news? Vero ddavide69 ? Il monte ingaggi del Torino , come scritto su siti attendibili ( Mediaset sport o Foxsport) è proprio di 54 milioni ( al lordo sono quasi il doppio). Dire che sono solo 24 significa giustificare gli scarsi risultati. Invece squadre con molto meno, fino 20 milioni in meno e anche più (vedi Parma Sassuolo o Atalanta ferma a 36) ci stanno davanti e hanno un gioco decisamente migliore. La Lazio non è irraggiungibile ( 72) se ci fosse un filotto di buoni piazzamenti, con l’aumento dei diritti televisivi. Il problema , come sempre, è spendere bene ma per farlo occorrono professionalità e competenza, cose mai viste nell’era Cairo. Al massimo abbiamo avuto i Ventura e i Petrachi, ma anche loro hanno preso cantonate non da poco ( ne ricordo solo alcune per carità di patria: Sanchez Mino, Milinkovic Savic, Prcic, Ruben Perez, Martinez ecc ecc).Così vale per gli allenatori da Zaccheroni a Mazzarri, sicuramente sopravvalutati. Non capisco come un imprenditore che in altri campi ha avuto così successo non si renda conto di tutto ciò: ma il calcio è un mondo strano dove il narcisismo è di casa e non solo fra i calciatori. Fossi Cairo , se vuole restare e non vendere il Torino, ci penserei bene e ripartirei dalla società.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Hai letto male , caro dennisalaw, i 54 milioni sono lordi e non netti, altro che fake news,.leggi il monte stipendi 2019 2020 ad esempio sulla alto sito del toro. Se fossero 100 milioni lordi come dite voi significherebbe che le 30 persone che fanno parte della società percepirebbero un lordo annuo medio a testa di 3.3 milioni di euro!!! Pensaci

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Toro71 - 9 mesi fa

    Buongiorno a tutti. Sono contento per quel tifoso della Roma che entra in questo forum granata e ci insulta pesantemente: ieri è stata una giornata fantastica la squadra Primavera ha perso in casa 1-2 proprio col Toro e ieri sera la Roma ha perso 4-2 a Sassuolo. Toronews dovrebbe bannarti pseudo-tifoso romanista.
    Forza Toro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. IlGrandePolicano - 9 mesi fa

    Questo NON è il Toro.
    …non c’è altro da aggiungere.
    CAIRO VATTENE!
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Paul67 - 9 mesi fa

    Cosa pensare di questo “Toro”? Carissimi Signore e Signori, che questo nn è il TORO, punto.
    É nn lo sarà mai fino a che al timone ci sarà il CIARLATANO di Masio, mi rendo conto che molti fratelli conoscono solo l’era Cairota e del decennio precedente, ossia una mediocrità e pena a cui nn riesco e nn voglio rassegnarmi.
    Il TORO é molto di più di ciò che stiamo vedendo e ci viene proposto è inutile addentrarsi più di tanto in moduli, allenatori, dirigenti, giocatori, tutto parte dalla proprietà, dai suoi obbiettivi che nel nostro caso sono solo di Cairo e che nn coincidono con quelli de popolo GRANATA, siamo dovuti arrivare alla sconfitta più umiliante della storia per far aprire gl’occhi a molti che da sempre giustificano l’operato del CAV. dei premi patacca, lo 0-7 casalingo rimarrà per sempre ed è stato ottenuto da una squadra difficilmente migliorabile, cit.
    Con Cairo NO PARTY.
    Occorre scalzare questa costola Berlusconiana, perché lui nn se ne andrà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. prawn - 9 mesi fa

    Sono molto d’accordo con Kieft, ci siamo un po’ tutti stufati e siamo accecati dall’odio per questa dirigenza e allenatore ma la verità è che anche in passato, in altre stagioni, mi ricordo commentare, finiamo la stagione voi giovani, tutti gli obiettivi sono compromessi.
    Gli acquisti cari non hanno avuto un ritorno sull’investimento, per cui hanno cercato di piazzare Zaza (che pare abbia rifiutato l’Inter!), meglio uno dei nostri adattato che un Laxalt prestato, via Iago che ha un ingaggio troppo alto, via Parigini e Bonifazi che non sono mai candidamente esplosi (millico è già esploso per quel poco che si è visto).
    È Mazzarri l’allenatore giusto per lanciare questi giovani?
    No, per ora non si è visto ma magari ha un contratto a termine ora, sa già quale sarà la sua ultima ora e dovrà seguire certi dettami societari.
    È assolutamente possibile che il ciclo Bava parta dalla primavera e dai giovani, ma ci vorrà tanto tempo, troppo per una piazza ormai stremata.
    I quattro campioni che abbiamo in squadra lasceranno a fine anno visto che non centreremo l’Europa? Credo di sì, e via a ricostruire, allenatore nuovo, magari quel Longo che ha già lavorato bene con Bava.
    Magari fra cinque altri lunghi anni siamo dove è l’atalanta.
    Magari la gente tornerà a tifare toro.
    Sembra tutto molto lontano, difficile.

    La mia ultima ipotesi è che Cairo non vuol pagare la dipartita di Mazzarri e lo sta portando all’esasperazione e alle dimissioni.
    Rimane infatti il dubbio che il rinnovo si stato fatto e che pesi troppo pagare WM per un altri 2 anni a 2 milioni o più a stagione.
    Vedremo, comunque bastava un’onesta conferenza stampa, invece hanno pure saltato quella solita del pre partita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. byfolko - 9 mesi fa

      Zaza ha rifiutato l’Inter perchè Conte in allenamento gli fa fare un culo cosi’.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. user-14165930 - 9 mesi fa

    Penso anche che ieri sera vedendo il Sassuolo mi è venuto ancora più male. Squadra con alcuni ottimi giocatori ma con altri di media categoria nonché dei giovani. Tanto gioco, tanto cuore quando c’era da soffrire.
    Tutte cose che con il Toro di oggi (Mazzarri e Cairo) non ci sono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. ddavide69 - 9 mesi fa

    Non ci farà andare in b, non gli conviene. I soldi dei diritti tv che perderebbe sono tanti. Ci farà galleggiare, come stiamo facendo da anni, magari in una posizione un po’ più bassa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Thor - 9 mesi fa

    Stanno pilotando la squadra verso la serie B, secondo un piano di disinvestimento che capiremo fra qualche anno, magari con qualche inchiesta.
    La conferma arriverà a fine stagione con la cessione di Belotti e Sirigu.
    Insomma questo Toro è azzoppato, e invece di curarlo, gli stanno praticando l’eutanasia.
    I tifosi sono solo spettatori, come se fossimo al festival di Sanremo. La giuria è ben altra e sta prendendo tutt’altre decisioni alla faccia nostra.
    Insomma, dopo aver manifestato debolezza implicita, ora la caduta è pilotata esplicitamente. Non è certo qualche sporadico colpo di reni a tirarci su per bene: avete mai visto come scalcia un animale ferito prima di morire?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Torello di Romagna - 9 mesi fa

    Costantino non vorra’ mica essere licenziato ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. leggendagranata - 9 mesi fa

    Secondo me una certa logica questa c’è nelle ultime scelte societarie. Cerco di spiegarmi. 1) Nelle ultime tre stagioni Cairo ha allargato i cordoni della borsa, dopo aver recuperato il pesante deficit accumulano nelle stagioni precedenti (60 milioni di euro circa). Ma acquisti sbagliati o non graditi all’ allenatore di turno (Mazzarri). 2) L’ oneroso investimento su Verdi è stato finora un flop (anche per via dell’ ingaggio da top player per il Toro) e, allo stato attuale dei fatti, è impensabile che il Toro lo recuperi; 3) Il monte ingaggi è cresciuto in modo sensibile (54 milioni di euro netti, cioè per la società circa 100 milioni). E’ dunque iniziata col mercato di gennaio l’ operazione ridimensionamento spese (tra la merce messa in vendita c’ era anche Zaza, che però ha rifiutato il trasferimento): recuperare soldi, abbassare il monte ingaggi. Si punta sui giovani, pensando che in questo campo Bava sia la persona giusta. Politica rischiosa, spesso le promesse non sbocciano e i club si trovano in serie difficoltà. Comunque, ragionando a tempi brevi (cioè l’ attuale campionato) la rosa è diventata ancora più corta e le partenze di Iago Falque, Laxalt e Bonifazi potrebbero pesare. Certo che se si giudicasse Mazzarri per l’ utilizzo dei nuovi arrivati (Zaza, Soriano, Verdi, Laxalt, Bonifazi), per i giocatori mal sfruttati (Verdi e Iago Falque in primis), per la resistenza a dare spazio a qualche giovane talento (Millico) la bocciatura sarebbe inevitabile. Per tornare alle strategie societarie, secondo me risentono della scarsissima professionalità o esperienza dei nostri dirigenti. Cairo – così attento ai propri collaboratori nel mondo dell ‘editoria e della pubblicità – farebbe bene a cambiare registro, a meno che non sia già con un piede fuori dalla porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 9 mesi fa

      Guarda che per il 2019 2020 il monte ingaggi netto non arriva a 24 milioni netti, da raddoppiare per ottenere il lordo. Quindi circa 48 milioni. Secondo te cairo pagherebbe 50 milioni di tasca sua ogni anno? Ma se non tira fuori 5 euro da anni! E aggiungo, i 60 milioni che ha dovuto cacciare fuori all inizio per aver comprato a zero uno scatolone vuoto e per i primi anni in perdita in serie b , se li è già ripresi tutti da tempo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. ALESSANDRO 69 - 9 mesi fa

    Kieft , io posso anche condividere in linea di principio il tuo ragionamento. Bene ha fatto a non esonerare Mazzarri soprattutto perché c’era da preparare la partita di coppa Italia con poco più di 48 ore di tempo e in tali condizioni era pura follia cambiare guida tecnica soprattutto se non si ha idea di chi chiamare a sostituirlo ,proprio qui sta però il punto grave : questa società non ha idee chiare ne ora e nemmeno ,temo , a Giugno.Non ha un organigramma definito, non si sa chi si occupa di cosa.Sui giocatori che sono partiti ,a parte Iago che davvero fatico a capire, non mi straccerei le vesti ma almeno un centrocampista e un uomo di fascia secondo me andava cercato e preso non fosse altro perché la stagione non finisce domani,rimane un intero girone di ritorno e se si infortuna qualcun altro voglio vedere che cazzo ci si inventa.
    Chiudo il commento con un appunto a tutti noi : Lunedì ho avuto occasione di recarmi qualche giorno a Torino ,abito a 500 km , quindi mi sono recato a Superga, ebbene mi ha fatto piacere vedere fra le foto dei nostri eroi anche quella di Emiliano Mondonico. Mi è dispiaciuto però non vedere quella di Gigi Radice .Non pensate che sarebbe un gesto doveroso avere le due foto di Emiliano e Gigi una accanto all’altra come ricordo dei due allenatori che hanno vinto una coppa Italia e uno Scudetto , cioè gli unici due allori conquistati dal 1975 a oggi ..???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft - 9 mesi fa

      Ciao Alessandro, trovare giocatori che ci facciano fare un salto di qualità è difficile a gennaio ….a conferma di quello che dici c’è sicuramente l’incapacità di trovare buoni giocatori all’estero per cifre ragionevoli come ha fatto l’Atalanta che ha probabilmente un parco osservatori più attento o più considerato del nostro. Condivido il ricordo di Radice e Mondonico.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. Maxilopez - 9 mesi fa

    Ormai lo strappo tra tifosi e società è impossibile risanarlo… ho come l’impressione che Cairo voglia sfidare noi tifosi, della serie mi contestate ed io ve la faccio pagare! Unica via di uscita sarebbe la messa in vendita del nostro amato TORO, ma che lo vendesse ad un buon acquirente… temo invece che ci lascerà nella melma più totale, così la sua vendetta e nello stesso il suo fallimento nel mondo del calcio saranno ricordati per sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. granata63 - 9 mesi fa

    Chiunque sia ad indossare la maglia rappresenta il Toro. Quello che non ci rappresenta e Cairo. Di Mazzarri non dico niente. Non voglio essere offensivo. Certo che i quattro giocatori mandati via sono un segnale chiaro di smobilitazione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Fede Granata - 9 mesi fa

    Penso che non navighiamo più nell’oro come fino allo scorso anno. Che per tenere i conti a posto non si può comprare nessuno ne’ prendere un altro allenatore fino a giugno. Cairo ha paura e aspetta la storia di Blackstone. Penso che Petrachi andandosene con Pantaleo Longo ha lasciato un bel “casino”. Cairo non ha sopperito a nulla per non voler ( o poter) pagare. Abbiamo in società persone troppo incompetenti per lavorare nel mondo del calcio a livello serie A. Come dice Ciccio Graziani: vorrei vedere questa squadra in mano ad un altro. Anche io la penso così. Sono sicura al 100% che ci sarebbe un miglioramento….altrimenti è il progressivo declino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. cervix - 9 mesi fa

    Molto meglio non pensare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. BACIGALUPO1967 - 9 mesi fa

    Penso sia totalmente inutile disquisire su Mazzarri, sull’assetto tattico, se Djidji sia meglio di Bonifazi e se Parigini sia più forte di Berenguer.
    Se anche venisse Klopp cambierebbe poco senza un progetto serio di crescita.
    Cairo deve fare chiarezza se non lo farà nessun allenatore potrà fare alcunché.
    Il non mercato invernale volto a ridurre le spese fisse con la vendita di Bonifazi e Parigini i prestiti di Jago ed il fine prestito di Laxalt dimostrano la smobilitazione ed il disinteresse della proprietà a progredire o quantomeno provarci. La totale assenza di dichiarazioni della società dopo il mercato e la mancata conferenza stampa di Mazzarri sono pessimi segnali per tutto l’ambiente.
    L’impatto per la squadra potrebbe essere devastante, qualcuno inconsciamente e qualcun’altro scientemente tirerà indietro la gamba per preservare i contratti che i loro procuratori hanno già in tasca.
    Speriamo di fare 12 punti il più in fretta possibile, altrimenti non sarà certo un Longo qualsiasi a salvarci.
    Amaramente Fvcg

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. maxx72 - 9 mesi fa

      Chiarissimo Amico Baci, ho letto tutto e hai ragionissima. Se la proprietà rimarrà questa il futuro purtroppo non ci sorridera piu’. Mia umile opinione.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Kieft - 9 mesi fa

    Buongiorno a tutti, io difendo l’operato di Cairo nel non esonerare Mazzarri alla vigilia dell’importante partita contro il Milan e i fatti gli hanno dato ragione perché abbiamo sfiorato il passaggio del turno nonostante gravissime defezioni come Ansaldi, Baselli e Zaza che avrebbero potuto portarci in semifinale. Detto ciò ho sempre criticato Mazzarri dal primo mese in cui ha messo in panca Ljiaic per berenguer…..in due anni ho visto giocare bene il Torino per una intera partita solo a Genova contro la Samp l’anno scorso. Ma difendo Cairo se non acquista giocatori perché penso stia valutando finalmente la possibilità di cambiare guida tecnica e quindi non imbottire La Rosa di giocatori che non sarebbero apprezzati dal nuovo allenatore e invece valorizzare giovani come millico , edera ,singo e adopo….a oggi allenatori importanti liberi non ve ne sono …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. subcomandante - 9 mesi fa

    Basta. E colpa del campo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. barrieradimilano - 9 mesi fa

    Cosa succede? Succede che i nodi sono venuti al pettine, dopo 15 anni di “galleggiamento” dove costi e ricavi si sono equivalsi grazie anche a buoni collaboratori (vedi il vituperato Petrachi che, non saprà parlare italiano ma il suo lavoro lo sa fare) quando si è trattato di provare a fare il salto di qualità è mancata la volontà o la capacità o forse entrambe le cose. Quando ormai un anno fa già era chiaro a tutti che il DS sarebbe andato alla Roma la società (il presidente) avrebbe dovuto muoversi subito e fare un investimento importante per portare a casa un nuovo DS di esperienza poi a fine stagione partendo dai buoni giocatori che già avevamo (un Capitano da Toro, il miglior portiere italiano ecc.ecc.), con la concreta possiblità di essere ripescati in EL, si doveva investire nell’acquisto di un paio di centrocampisti con i fiocchi. Ora oltre a non fare nuovi investimenti non c’è più la volontà da parte del presidente neanche di chiudere la stalla dopo che i buoi sono scappati, oltretutto adesso che è seriamente preoccupato da vicende extracalcistiche che manleva o no rischiano di compromettere la sua attività imprenditoriale. Penso che nel mercato di gennaio abbiamo assistito ad una piccola anteprima di quello a cui assisteremo a fine stagione e sinceramente non posso dar torto a quei giocatori che, pur volendo bene al Toro, andranno via in cerca di quelle soddisfazioni professionali che noi non abbiamo mai dato e purtroppo tanto meno daremo in futuro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. lcaroggi_920 - 9 mesi fa

    Certo la sconfitta di oggi della Roma ridimensiona un po’ il nostro 1-2 a Sassuolo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Maxilopez - 9 mesi fa

      Allora ridimensiona anche la nostra vittoria a Roma!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Madama_granata - 9 mesi fa

    Disamina eccellente: credo che, con garbo ed educazione, ma anche con molta chiarezza, l’articolista abbia messo pienamente in luce quali sono i pensieri, i timori e le apprensioni, persino le angosce, della stragrande maggioranza dei tifosi granata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. FuriaGRANATA - 9 mesi fa

    CAIRO VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Junior - 9 mesi fa

    Non credo ci sia molto da dire. Rimescoliamo sempre la stessa….. i fatti sono davanti a noi. La partita di Lecce dirà molto sullo stato dello spogliatoio, seppur alleggerita la squadra, la partenza di tre giocatori ha avuto il suo impatto. Quindi non ci resta che stare alla finestra e aspettare gli eventi. Brutto a dirsi ma è la verità. Ciò che non bisogna mai fare è abbandonare i nostri ragazzi. SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. byfolko - 9 mesi fa

    Cosa pensare? Che Toro e Cairo sono 2 parole che non si possono leggere nella stessa frase. Vai via, il fondo lo abbiamo già toccato, scavare abbiamo già scavato, che altro vuoi ancora?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Mario66 - 9 mesi fa

    Con un un’articolo del genere da domani Costantino non scriverà più per questa testata.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. torofabri - 9 mesi fa

    Sono del 68 e per fortuna di Toro vero ne ho vissuto, e ancora ne vivo nelle cene con ex calciatori dei quali manco uno è mai stato chiamato in società ad insegnare cosa vuol dire essere del Toro e giocare con questa maglia, come insegnava Ferrini ad esempio. Questo presidente, che ritengo il colpevole in assoluto, ha sempre fatto parole, la sua migliore qualità, ma non ha mai voluto fare fatti concreti, anzi, ed eccoci qua come ogni inverno, senza stimoli e obiettivi. Mazzarri mi ha deluso, ma penso che neanche Guardiola sarebbe in grado di far fare 4 passaggi di fila a questi giocatori, perché più di questo non sanno dare, a parte i soliti noti. La struttura societaria non esiste, Comi non ha nulla di granata, neanche il passato, ringrazi Radice di averlo preso sottobraccio alla Roma. Non azzecchiamo mai un talento da 2 soldi che diventa un campioncino, quelli della primavera sono in perenne prestito o venduti, neanche Millico riescono a far giocare.. Facciamo sti 40 punti che è meglio, mi fa ridere sentire in TV che che siamo in lotta per l’Europa, come direbbe Totó, ma mi faccia il piacere..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. highlander1960 - 9 mesi fa

    Solo due parole: gli ACCORDI se non si vogliono/possono rispettare per lo meno si ridiscutono!!!!!! CHI SA SA e CHI VUOL CAPIR CAPISCA!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. Toro Forever - 9 mesi fa

    Pensavamo di avere un Corpo Dirigente. Invece abbiamo un Corpo Digerente. E molto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. fabrizio - 9 mesi fa

    CAIRESE. non chiamatelo TORO. Il TORO e’ un altra cosa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Madmax76 - 9 mesi fa

    Vendere a giugno Belotti, Sirigu, Nkoulou (almeno), e ricavare sui 120-150 mln, poi vendere il Toro a 60-80 mln. Questo per me è l’obiettivo di cairo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. SiculoGranataSempre - 9 mesi fa

    Ma almeno un’intervista a Toro News il pres. potrebbe concederla. O almeno che TN ci provi. C’è tanta pubblicità che un po’ serve anche a Cairo. Perché TN è emanazione della Gazzetta dello sport e quindi è sua. Qualcuno ci provi! Sartori dove sei?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. Mimmo75 - 9 mesi fa

    Io so solo che Mazzarri è un grande, punto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AndreaSilenzi - 9 mesi fa

      Ci mancava il minus habens che sparava la cazzata della buonanotte!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. byfolko - 9 mesi fa

      Solo io ho capito che il tuo è sempre stato cinico sarcasmo per palati fini…? Altrimenti il tuo atteggiamento sarebbe un caso clinico affascinante.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 9 mesi fa

        La mia stima verso Mazzarri è profonda e radicata negli anni ma non mi impedisce di riconoscere e addebitargli le sue responsabilità, come ho già fatto e spiegato più volte. Queste non scalfiscono minimamente la considerazione che ho del mister perché reputare positiva e valida una persona non mette quest’ultima al riparo da errori. Ma sbagliare non vuol dire essere cattive o negative persone. Conosci qualcuno che non ha mai sbagliato? Tu non sbagli mai? Cerchiamo di essere seri! Infine, è verissimo (anche questo ho spiegato più volte) che con lo slogan ci scherzo provocando un po, solo cho non vuol capire non lo capisce, non servono palati fini. Ma preferisco scherzarci su piuttosto che offendere il mister fino ad arrivare a parlare di impiccagione e altre bestialità simili che il solo pensarle squalifica a vita chi le ha scritte.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. pep4x4 - 9 mesi fa

          Mimmo, sei un grande(?)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. QuellidelToro - 9 mesi fa

          “Errare humanum est, perseverare autem diabolicum”.

          Se tu non avessi gli occhi e le orecchie chiusi dalla parzialità, dall’orgoglio e dalla testardaggine, avresti ammesso che non solo ha sbagliato (e questo è assolutamente ammissibile, come dici tu), ma che sta perseverando negli errori e nel suo comportamento di aziendalista prono a Cairo.

          Ha iniziato a sbagliare quando ha avallato la orrenda campagna acquisti di quest’estate, senza discutere, ha continuato con la mancata qualificazione in EL e tutt’ora prosegue con il campionato.

          “Il saggio dubita spesso e cambia idea. Lo sciocco è ostinato, non ha dubbi. Conosce tutto fuorché la sua ignoranza”.

          (Akhenaton)

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Kieft - 9 mesi fa

      Mimmo ma tu lo guardi giocare il toro di Mazzarri ? Siamo penultimi nei tiri in porta? Non creiamo mai azioni in attacco con più di tre passaggi ma solo lanci lunghi per belotti defilato sulla fascia….il 90 % dei nostri goal viene da situazioni da calci piazzati…..non si può solo guardare la classifica …e non si può solo parlare di grinta ….bisogna giocare con il pallone !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 9 mesi fa

        È una delle critiche che gli muovo da quando è al Toro: siamo brutti a vedere. Ripeto, un conto è la stima figlia del soppesare pro e contro (nessuno è perfetto) di una persona e di un professionista, altro la lucidità nell’ammettere comunque ciò che non va di quella stessa persona. Dico da sempre che siamo brutti e che in un ipotetico progetto che par prendere forma, un ritorno al passato che veda di nuovo il Toro puntare su giovani sconosciuti, ho i miei dubbi sull’idoneita’ di Mazzarri a gestire il tutto, privo com’è di quella dose di sana incoscienza che ti porta ad assumerti dei rischi come accade quando devi allenare e mandare in campo una squadra piena di giovanotti da sgrezzare.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Kieft - 9 mesi fa

      Ciao Mimmo, rispetto Mazzarri ma stimo gasperini che ha trasformato zapata che era uno zombie alla Samp in un ira di Dio, faceva giocare bene addirittura niang a Genoa e sta trascinando la dea in Europa, giocando bene e dando sberle a tutti ….noi compresi . Oppure Conte che ha trasformato l’Inter…. io voglio un allenatore così…non uno qualunque per mandare via Mazzarri adesso ….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 9 mesi fa

        Sono d’accordo: Gasperini è meglio di Mazzarri in tutto.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Come un pugno chiuso - 9 mesi fa

    innanzitutto: per me, nato nel 64, il Toro è stato quello di Pupi e Ciccio, Junior, Dossena, Mondonico … chiamare Toro questa squadra è come chiamare leone un gattino spelacchiato

    siamo di fronte ad una società che è un mix di dabbenaggine, fanfaronaggine, meschinità, mediocrità, opportunismo, cialtroneria, pusillanimità, grettezza, incompetenza e provincialismo (nell’ordine che preferite); che Dio ce ne scampi e liberi al più presto e ci ridìa per favore anche solo una briciola dello spirito di un tempo

    grazie Alessandro per il contributo di avvicinamento alla verità

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Kieft+Bresciani - 9 mesi fa

      Condivido ed apprivo ogni parola del tuo commento.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 9 mesi fa

      Mimmo ma tu lo guardi giocare il toro di Mazzarri ? Siamo penultimi nei tiri in porta? Non creiamo mai azioni in attacco con più di tre passaggi ma solo lanci lunghi per belotti defilato sulla fascia….il 90 % dei nostri goal viene da situazioni da calci piazzati…..non si può solo guardare la classifica …e non si può solo parlare di grinta ….bisogna giocare con il pallone !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. AndreaSilenzi - 9 mesi fa

    Il solo pensiero che sorge spontaneo è che ci siamo rotti le palle di 15 anni di nulla, con il giornalaio che ha profittato della sacra Maglia per farsi i cazzi suoi. VATTENE VATTENE VATTENE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. gianni bui - 9 mesi fa

    Devono fare cassa e stanno preparando la liquidazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. ciscomarco8_14322509 - 9 mesi fa

    Penso solamente che siamo rovinati , anzi ci hanno rovinati dal presidente al nostro mazzarri
    Senza metà
    Che tristezza, sono deluso , è sempre un ansia vedere il toro giocare …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. user-13967438 - 9 mesi fa

    Bella domanda.
    Ma nei fatti penso sia racchiusa la risposta.
    Personalmente ne penso ogni male possibile, perché un’accozzaglia societaria/squadra come questa non si può tifare.
    La si può solo contestare finché non si sveglino a raggiungere il risultato massimo di questa stagione, ovvero riuscire a salvarsi sul campo.
    Mi fanno schifo, dal primo all’ultimo.
    Fossi in un giocatore ormai avrei messo le mani addosso all’allenatore che vuole una tattica che ci fa giocare in modo ributtante.
    Come gioco, viste almeno una volta tutte le altre avversarie, siamo di gran lunga i peggiori della serie A, e con certezza ci sono squadre in B che giocano meglio.
    Ergo, domani vado a sciare, e faccio tardi anche per vedere la partita in tv.
    Sarà anche troppa considerazione per loro la notifica automatica sul cellulare dell’app di Eurosport con il risultato finale.
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. granata-veneto - 9 mesi fa

    Qualsiasi parola sarebbe inutile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. Fantomen - 9 mesi fa

    Un toro vuoto …..che non è toro senza progetto e futuro ….giocatori che non credo nella società (e come dargli torto ) tifosi che non credono nella società e un presidente che non crede alla società……..questa è una delle rare volte che ,soprattutto dopo il caso iago , la squadra disapprova la società la sua inesistenza prepotenza è inaccettabile incapacità di gestione…….cairo dopo questi anni ha fatto lo stesso errore che molti presidenti fanno …..tipo campedelli con Sartori zamaparini con foschi ecc…..pensano di poter fare da soli tutto diventano presuntuosi ……il vuoto di una società inesistente lo vedremo pericolosamente per i prossimi due anni……senza belotti sirigu e nkulu chi ricostruirà la squadra…..non di certo un dilettante che ha venduto laxalt pensando di avere un sostituto che invece non c’era……..è snervante vedere un uomo che con i suoi limiti imprenditoriali spegne un sogno ai tifosi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. SemperFidelis - 9 mesi fa

    Il peccato originale è stato il mancato esonero dopo la sconfitta con la spal. Era il momento giusto si poteva correggere la squadra per il nuovo allenatore,l’insperata e casuale vittoria a roma ha portato alla scelta della conferma di mazzarri. Le sconfitte di sassuolo atalanta e milan hanno decretato la fine della stagione e la scelta di rimandare tutto a giugno.
    A Cairo rimprovero il mancato coraggio dell’esonero a dicembre, sbagliata quella scelta condivido la scelta della società di non fare mercato per
    un allenatore che a giugno saluta e visto anche la decisione di zaza di svernare a Torino con i soldi che prende almeno che giochi qualche spezzone per non essere del tutto svalutato.
    Per quanto riguarda Iago non avrebbe potuto coesistere con verdi sopratutto per le idee di mazzarri meglio farlo giocare e ritrovarlo a giugno.
    Voto al mercato Toro 5,5 voto alla stagione Toro 4 voto a Mazzarri 2 Voto a Cairo 4,5

    Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. AndreaSilenzi - 9 mesi fa

      Minchia quanto sei generoso!!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. rb27 - 9 mesi fa

    IMHO invece di porsi domande inutili (inutili perché non troveranno mai risposte o cmq non ne troveranno di sincere ed esaurienti) quelli che hanno realmente a cuore le sorti del Toro si impegnino con fatti concreti e di coraggio civile, affinché l’attuale ed invisa, anzi per nulla gradita proprietá del Torino FC senta l’obbligo di passare la mano, di cercare nuovi ed affidabili acquirenti. Perché questo ambiente totalmente depresso e sfiduciato (con lo 0-7 contro l’Atalanta punta dell’iceberg, il quale pesa e peserá sempre come un macigno nella storia del Torino FC) possa tornare almeno a guardare il domani a testa alta, senza doversi piú sentire addosso tutta quella negativitá scaricatagli dalla gestione targata U. C. da troppi anni a questa parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. eurotoro - 9 mesi fa

    E’ vero non so cosa pensare..nessuna critica costruttiva si puo fare piu…le abbiamo scritte tutte…come tifoso mi sento molto provato!.. mi prendo una pausa..a volte meglio staccare la spina per un po..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Il_Principe_della_Zolla - 9 mesi fa

    Non è il Toro. Punto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. marione - 9 mesi fa

    Quale Toro? Questo di Toro ha solo la maglia, il resto è la Urbano Cairo FC. Mi auguro che sparisca al più presto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. Follefra Granata - 9 mesi fa

    Bella ed ovvia analisi. È evidente che ci sia un difetto di comunicazione. Se messi a conoscenza del progetto saremmo pronti a remare tutti insieme nella stessa direzione. Così Cairo divide i tifosi dalla squadra e dalla società. Che non sia quello il suo intento?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. michelebrillada@gmail.com - 9 mesi fa

    il fenomeno di incapacità che si chiama mazzarri non fa neanche piu l’intervista prima della partita siamo proprio allo sbando totale (non che se ne senta la mancanza delle solite balle e prese per il culo) però è indice di quanta pochezza ci sia in questa società

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. Simone - 9 mesi fa

    “Ci raccontano che i tre giocatori che sono andati via non influiscono sul rendimento della squadra in questa stagione”
    È stato Fidel Cairo Sartori a raccontarcelo proprio stamane nel pietoso tentativo di edulcorare l’immobilismo della società

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BogaBoga - 9 mesi fa

      Fai il bravo Simone

      Lascia in pace Fidel Castro

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Simone - 9 mesi fa

        No problem 😉

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. maxx72 - 9 mesi fa

    Io quest’anno ci credevo, sembravamo sulla strada giusta e poi gli ultimi avvenimenti mi hanno fatto cascare le balle. È tempo di aria nuova, di nuovi dirigenti e anche di nuovi giocatori. Ormai dopo tutti questi anni sarebbe lecito chiedere queste cose quindi io chiedo a Cairo di vendere il TORO. Noi tifosi del TORO tutto questo non ce lo meritiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. subcomandante - 9 mesi fa

      Giusto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. Granata69 - 9 mesi fa

    Cosa pensare del Toro….dunque…
    La società consiste di:
    – un braccino accentratore, con la testa altrove per la spada di Damocle Blackstone
    – dei figuranti inetti in ruoli fittizi
    – un allenatore testardo che non accetta di aver fatto il suo tempo
    – molti scarpari senza arte nè parte
    – tre, forse quattro Giocatori: il Gallo, Sirigu, Ansaldi, Rincon
    Fine. Questo è oggi il Toro. Nessun orizzonte, nessuna strategia. Tirare a campare è la parola d’ordine.
    Fuori i mercanti dal tempio!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Granata69 - 9 mesi fa

      Il meno è di Bava, presumo. Bene, abbiamo almeno un indizio che esiste!!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Granata69 - 9 mesi fa

      Ciao Antonio, grazie anche per il tuo meno. I panini sono sul tavolo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. user-14165930 - 9 mesi fa

    Sarebbe meglio non pensare. Non lo vedo diverso per buchi e rosa scarsa da quello che andó in B.
    La cosa più grave è il senso di distacco dovuto al giornalaio che alberga nella ns sede

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. user-14554814 - 9 mesi fa

    Bravo Alessandro . Finalmente leggo un articolo che cerca di indagare e non fa ricorso alle solite idee e frasi da propaganda. Detto questo cosa pensare ? Io penso che che il destino del Toro sia segnato a cadere costantemente nell’oblio nel provincialismo nella mediocrità . La società vedrà sempre meno bambini tifare questa squadra. Non si può tramandare un mito di fronte ad un presente si questo squallore . Siamo distanti anni luce da ogni standard europeo. Siamo una nullità provinciale e continueremo ad esserlo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. QuellidelToro - 9 mesi fa

    Lo chieda a Sartori: lui ha sempre una risposta che serve a giustificare Cairo e società, ogniqualvolta scoppia un bubbone.

    Oggi, poi, si è superato nel giustificare l’immobilismo di mercato del presiniente.

    In termini circensi, ha fatto un triplo salto mortale carpiato con avvitamento per giustificare, per l’ennesima volta, l’operato sportivo inesistente di un personaggio veramente vergognoso e privo di scrupoli.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. Granatanero - 9 mesi fa

    chiedetelo a cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. pupi - 9 mesi fa

    Cosa pensare di questo Toro? Il peggio possibile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  58. Martin Vazquez - 9 mesi fa

    Avete altre domande?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy