Non facciamo confusione

Il Toro nella Testa / Torna l’appuntamento con la rubrica di Marco Cassardo: “Avete presente la pietosa parabola del Genoa ostaggio di Preziosi? Ecco, difficile immaginare qualcosa di diverso con una società come la nostra”

di Marco Cassardo

Le ultime tre vittorie consecutive non hanno certo cambiato il mio pensiero sulla gestione Cairo. Sono sempre più convinto che una società che per tirchieria e dabbenaggine omette di rizollare il campo di gioco e di costruire una mensa al Filadelfia sia una roba da “Scherzi a parte”. Così come ormai mi sembra superfluo rammentare il disgusto provato per l’esperimento sociale in Primavera. Insomma, non voglio ripetermi, la preoccupazione è tanta perché in tutti noi è presente lo spettro di una deriva inarrestabile. Sappiamo che, con una società priva di ambizione, il destino è di scendere qualche gradino alla volta e ritrovarsi ben presto (temo già il prossimo anno in caso di dipartita del Gallo e di Sirigu) a lottare per la retrocessione. Avete presente la pietosa parabola del Genoa ostaggio di Preziosi? Ecco, difficile immaginare qualcosa di diverso con una società come la nostra.
Però mi sembra giunto il momento di fare distinzioni precise tra società, staff tecnico e giocatori perché respiro, allo stadio e sui social, aria di infantilismo, come se la situazione ci stesse sfuggendo di mano.
Dunque, dev’essere chiaro a tutti che l’obiettivo della contestazione in atto è Cairo, in particolar modo “l’esperimento sociale” fatto in Primavera in occasione di Torino-Napoli e Torino-Inter e proseguito, in modo diverso, anche successivamente. Non è un caso che in Primavera, nonostante sia desolatamente vuota di cuori granata, continuino ad abbondare steward e recinzioni e divieti. Gli amici presenti domenica scorsa mi hanno parlato di un clima di controllo degno della Cambogia ai tempi di Pol Pot. Dopo lo scandalo, siamo al ridicolo.
Cairo, dunque, è il responsabile unico della depressione e della rabbia che in questi ultimi tempi ha fiaccato la tifoseria granata. Ma non facciamo confusione, ragazzi. La squadra deve essere sostenuta con tutte le nostre forze e con il colore e il calore di cui siamo capaci. Certo, Sirigu e il Gallo forse dimenticano che li abbiamo applauditi anche dopo sconfitte ignominiose, ma il loro grido d’allarme va ascoltato con serenità e realismo per una serie di motivi:
1) proviene da due fenomeni degni di entrare nella galleria dei “grandi” della storia del Toro
2) dobbiamo fare di tutto per convincerli a sposare la causa granata nonostante una società che non lascia spazio ai loro (e nostri) sogni
3) La loro rabbiosa esultanza al fischio finale di Torino-Bologna è l’unica “cosa granata” che ci rimane; denota senso di appartenenza e passione
4) non è colpa di Meitè e di Ola Aina se dispongono di piedi non esattamente angelici
5) Non è colpa né di Mazzarri né dei giocatori se in quattordici anni Cairo non è riuscito a costruire un centrocampo degno di questo nome
6) Non è colpa né di Zaza né di Verdi se Cairo li ha acquistati per un totale di 40 milioni circa mentre Lotito con la stessa cifra ha portato a casa Immobile, Milinkovic Savic, Luis Alberto e Lazzari
7) Il mister piace a pochi. La sua propensione per rosa corta, Fila chiuso e alibi fa venire l’orticaria. Il riferimento a Chiellini è stato un autogol clamoroso, ma Mazzarri è comunque un grande lavoratore e, soprattutto, ha la squadra con lui (basti pensare all’abbraccio di Ansaldi dopo il gol di Verona). Cosa serve contestarlo e fischiarlo ad ogni occasione? Assolutamente a nulla, tanto il suo destino è segnato e a fine stagione se ne andrà.

L’insostenibile grigiore di chi non sa amare

Dunque lasciamo stare la squadra, sia in campo sia fuori campo. Ho trovato sgradevole, ad esempio, l’irrisione di Izzo colpevole di aver citato Bukowski. Evitiamo di fare le portinaie rabbiose sempre pronte a spiare dal buco della serratura e a parlar male dei condomini. Sosteniamo un gruppo che, nonostante evidenti limiti qualitativi e quantitativi, sta dando tutto quello che ha nel serbatoio. I fatti, al momento, parlano di un Toro ancora in corsa sia per la Coppa Italia sia per un posto valido per l’Europa. La contestazione facciamola pure, prima e dopo la partita, nell’intervallo, quando vogliamo, ma evitiamo di contaminare di negatività i novanta minuti della partita e, soprattutto, individuiamo il bersaglio giusto, perché altrimenti facciamo come quei mariti che, accecati dalla rabbia, per fare dispetto alla moglie si tagliano le palle.
Non solo i tifosi, ma tutte le componenti del mondo granata si stanno avvitando in una spirale puerile in cui ci si fa i dispetti a vicenda; puerile Mazzarri, che continua a imporre gli allenamenti a porte chiuse il primo giorno della settimana quando toccherebbe a lui per primo, capo del gruppo, un gesto di distensione; puerili i giocatori, che da qualche domenica fanno gli offesi e dopo la partita non vanno più sotto la curva a salutare i tifosi.
Facciamo gli adulti, non facciamo confusione ed evitiamo autolesionistiche banalizzazioni; tutti, ma noi per primi, che teniamo alla maglia granata (l’unica cosa che realmente conta) mille volte di più di quanto ci tengano società, allenatore e giocatori.

Riflessioni sulla gestione Cairo

PS ogni volta che scrivo un articolo per Toro News qualche tifoso si diverte ad attaccare la redazione dichiarandosi sbalordito che un pezzo critico nei confronti della società abbia superato la censura oppure pensando che torno a scrivere perché ho espiato la pena inflitta dal Torino Fc alla redazione. Le cose non stanno cosi; non ho alcun contratto con Toro News; gratuitamente e quando ho qualcosa da dire invio articoli i quali, in due anni, non sono mai stati modificati nemmeno di una virgola. E’ la gioia di non essere a libro paga di nessuno, bellezza.


Marco Cassardo, esperto in psicologia dello sport e mental coach professionista.
E’ l’autore di “Belli e dannati”, best seller della letteratura granata

Disclaimer: gli opinionisti ospitati da Toro News esprimono il loro pensiero indipendentemente dalla linea editoriale seguita dalla Redazione del giornale online, il quale da sempre fa del pluralismo e della libera condivisione delle opinioni un proprio tratto distintivo.

175 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. dattero - 10 mesi fa

    aggiungo,le insinuazioni sparse dai paladini/e,tristemente risibili

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. dattero - 10 mesi fa

    la morale di questo proprietario,non è molto differente da quella del presidente lazuiale,molto piu’ titolato e competente.cambia disco.
    le argomentazioni di Cassardo precise e semplici,le nefandezze del proprietario visibili e costanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nopainnogain - 10 mesi fa

    #cairovattene è uno slogan che va molto di moda. Peccato non serva assolutamente a nulla. Non serve soprattutto perché non regge assolutamente la favoletta che occorrerebbe mettere la società in vendita per far uscire allo scoperto eventuali acquirenti. Se sono interessato ad acquistare qualcosa che appartiene a qualcun altro, semplicemente faccio la mia offerta e vedo come il proprietario reagisce. Non c’è bisogno che lui dica “vendo”. O mi sono perso qualcosa e ci sono soggetti migliori di Cairo (dove per migliori si intende più motivati verso il Toro e con maggiori capacità di investimento) che tanto vorrebbero comprarci ma non possono perché il presidente non vende? per favore….Sarebbe ora di introdurre nuovi hashtag, tipo #cairocreaunastrutturasocietaria, #cairocomperadeicentrocampistiseri, #cairocompletailfiladelifia,…etc.
    In ultimo, quando sento nominare Lotito come esempio di riferimento, mi vengono i brividi: ma come? ci piace tanto fare i belli e puri, quelli per cui sono meglio 100 sconfitte da Toro che una vittoria con un’altra maglia, perché noi siamo diversi e il mondo non ci può capire…e poi…poi vorremmo come presidente un soggetto simile? affarista losco e sgrammaticato, la cui morale ha più volte dato becere prove di sé??? per favore (numero 2)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 10 mesi fa

      Lotito credo venga citato per la sua capacità di darsi obiettivi sportivi credibili e di raggiungerli
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Toro Forever - 10 mesi fa

    Premetto che ognuno può scrivere ciò che vuole, ma questo non toglie che sia importante capire quello che si sta commentando. Cassardo non ha paragonato Cairo a Preziosi nella gestione della Società, ma due figure, comunque controverse, che tengono in “ostaggio” le proprie tifoserie mantenendole in un perenne “limbo” basato sulla sopravvivenza e nulla più. A quanto pare, questi “rapitori”, esercitano sui loro tifosi il fascino del “meglio che niente”. La Sindrome di Stoccolma. Esiste, eccome.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 10 mesi fa

      Bella questa, molto ‘calzante’

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Madama_granata - 10 mesi fa

    Per me sicuramente migliore il commento di Fabio 19 che non tutto l’articolo del signor Cassardo.
    Singolare come questo stimato professionista in ogni suo scritto “sfidi” a singolar tenzone Urbano Cairo, per lui
    fonte di tutti i mali, e
    reo /responsabile di tutti gli errori.
    Assolti i giocatori, assolti tutti i tecnici, assolto “persino” Mazzarri, definito infelicemente (spero burlescamente) “puerile” per i suoi assurdi comportamenti…
    Aggettivo, “puerile”, che, se accostato da uno di noi tifosi all’allenatore, avrebbe raccolto “valanghe” di ironie, derisioni, battutine sarcastiche , prese in giro!
    Ma il signor Cassardo può permetterselo: da lui accettiamo anche questo..
    Ci dice l’esperto:
    “Non è colpa di Meitè e di Ola Aina se dispongono di piedi non esattamente angelici”.
    Ma, domando io, non è forse colpa dell’ostinazione dell’ “ingenuo” Mazzarri il volerli mettere costantemente in campo,lasciando fuori compagni più capaci?
    No, anche questo è colpa di Cairo.
    E ancora:
    “Il mister piace a pochi. La sua propensione per rosa corta, Fila chiuso e alibi fa venire l’ortica”.
    Anche “questo”, anzi queste tre bizzarre “propensioni” sono “colpa di Cairo”…
    E così di seguito, x ogni punto “negativo” trattato.
    Ma non è che questo signor Marco Cassardo, “esperto in psicologia dello sport e mental coach professionista” “stia soffrendo” il fatto che Cairo non abbia affidato a lui il ruolo di “mental coach” della squadra granata??

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 10 mesi fa

      Ognuno ha le sue ossessioni. Chi il presidente chi l allenatore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alex71 - 10 mesi fa

    Una cosa e’ certa…senza noi tifosi il business calcio neanche esisterebbe. Quindi i veri offesi siamo noi. Tutto il resto e’ il nulla cosmico.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Veyser - 10 mesi fa

    Bravo Cassardo, fai così tifa Genoa e rompi le scatole a Preziosi che di gufi finti tifosi si sono già stufati Sirigu e Belotti…… poi complimenti per la precisazione che gli “articoli” vengono scritti a titolo gratuito… ci mancherebbe pure essere pagati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Bischero - 10 mesi fa

    Complimenti. Condivido tutto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. lucapecc_908 - 10 mesi fa

    Io faccio il tifo per il Toro sempre e comunque.
    C’è una cosa che non si vuole capire, noi tifiamo, andiamo allo stadio, guardiamo la TV per passione e amore.
    I presidenti pensano solo ai propri interessi e per ognuno di loro, soprattutto in Italia, la squadra di calcio spesso serve a coprire porcate varie.
    I dirigenti, gli allenatori e i giocatori lo fanno di mestiere, chi bene, chi male, ma non credo con l’intenzione di farlo male perchè in ballo c’è il proprio benessere personale.
    Poi ci sono agenti e procuratori che sono il vero disastro perchè non vivono e guadagnano di quello che fanno loro, ma di quello che fanno i propri assistiti e per migliorare la condizione dei propri assistiti, quindi la propria, ne combinano di “ogni” e spesso distorcono anche la realtà.
    Questo è il calcio nel 2020.
    E non è quello che ha vissuto la mia generazione negli anni 70-80 e volendo anche ’90.
    Detto questo, è lecito contestare il presidente, ma è lecito anche che i giocatori, fischiati ad ogni errore, ne abbiano i coglioni pieni di andare sotto la curva, e che l’allenatore, insultato per tutta la partita, svolga allenamenti a porte chiuse.
    Ognuno fa le proprie scelte in base al ruolo che ha.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 10 mesi fa

      Domanda: secondo te, chi tiene in piedi la baracca che permette ai presidenti di fare i proprii interessi, ai giocatori di fare (bene o male) il loro mestiere e in più di averne i coglioni pieni, agli allenatori di chiudere e aprire i campi di allenamento e ottenere risultati se va bene, altrimenti è lo stesso?
      Sono quelli che tifano, vanno allo stadio, pagano gli abbonamenti tv creando di fatto la torta dei diritti, comprano merchandising agli store, …
      E costoro, noi, i tifosi, per passione, per amore e per pecunia cosa dovrebbero fare? Starsene zitti, continuare a applaudire e incitare le ballerine di prima, seconda e terza fila, e sovente i clown e gli equilibristi: sono queste le scelte del tifoso, in “base al ruolo che ha”?
      O forse ha il sacrosanto diritto di essere incaxxato, stufo, deluso, disilluso, soprattuto quando la propria società e squadra è la pallida controfigura di quanto lo ha indotto alla passione e all’amore di cui sopra?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 10 mesi fa

        bravissimo, ti quoto principe!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. uiltucs.pesar_12159015 - 10 mesi fa

    CONDIVIDO OGNI RIGA!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Karmagranata - 10 mesi fa

    Si, caro Cassardo. Io sono uno di quelli che crede fortemente nella censura di TN. Poi sono felicissimo di restare meravigliosamente sorpreso di fronte alla prova provata che non (sempre) è così. Vivaddio! Almeno la speranza, almeno una fiammella di speranza per continuare a coltivare un sogno che era iniziato tanto tempo fa e che dopo quindici lunghi anni si è mostrato nel terribile vuoto di una pia e nefanda illusione. Io credo che Cairo se ne andrà. E quando leggo pezzi come questo mi convinco sempre di più. SSFT!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. bergen - 10 mesi fa

    Al solito, disamina lucida.

    Difficile anche dissentire rispetto alla necessità di sostenere la squadra, anche se in questo momento la leva del senso di colpa é maliziosamente utilizzata per alleggerire le responsabilità.

    Dovrebbe essere Cairo il primo a comprendere che il circolo vizioso é dannoso per gli interessi di tutti, e soprattutto suoi.
    Ma cascare in piedi é una delle prerogative da lui più ricercate.

    L’attenuante generica del tifoso é però la prestazione a tratti imbarazzante di questa squadra che in questi mesi é andata oltre le incertezze del duo Aina-Meitè.

    Ho cercato di chiedere senza pregiudizi ai più esperti una spiegazione del fatto che quasi tutti i giocatori negli ultimi due anni abbiano avuto un calo di rendimento, in alcuni casi una vera e propria involuzione.

    L’unica cosa si cui dissento é il parallelo con il Genoa perché se é vero che Cairo ha aspetti tignosi del carattere che ne fanno (insieme al resto) non il più desiderabile dei proprietari, difficilmente il Toro con lui conoscerà il dissesto che sta per condurre il Genoa al baratro.
    Il Toro di oggi potrebbe essere venduto ad una cifra interessante ed a Cairo potrebbe fruttare qualche copertina importante.

    Se però al calo di desiderio si può anche rimediare, quel che non riesco proprio a metabolizzare é la questione dell’esperimento sociale.
    Martin Luther King disse che nulla é più pericoloso al mondo di un’ignoranza sincera e di una stupidità coscienziosa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. tafazzi - 11 mesi fa

    Mmmm certo che per paragonare Cairo a Preziosi bisogna essere accecati dall’odio.
    Prima di scrivere certe cose consiglierei una chiaccherata preventiva con qualche genoano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Karmagranata - 10 mesi fa

      False fatturazioni e false dichiarazioni nel bilancio delle proprie società può bastare?..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. tafazzi - 10 mesi fa

        Non mi risulta che la societa’ sia mai stata accusata di fatture false, plusvalenze gonfiate ecc. , pero’ puoi sempre illuminarmi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Karmagranata - 10 mesi fa

          Ti illuminò? No, più che altro ti invito a leggere gli atti della procura di Milano dove il magnificum ha chiesto ed ottenuto un patteggiamento. Indovina di quali capi di imputazione doveva rispondere il vate? Buona lettura. SSFT!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. tafazzi - 10 mesi fa

            Cosa centra con il Toro?

            Mi piace Non mi piace
        2. ddavide69 - 10 mesi fa

          Non c c’entra con il toro, ma dimostra chi presidente non è proprio uno stinco di santo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Gallochecanta - 11 mesi fa

    Dott. Cassardo, avanza per caso delle fatture da Cairo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. VM70 - 11 mesi fa

    Condivido la lucida e chiara analisi.
    Credo però che anche nei confronti dei giocatori una sana contestazione non sia ingiustificata e soprattutto possa essere proficua. Ricordo un Toro Sassuolo nel novembre 2014 che finì tra i fischi assordanti di tutto lo stadio, ma che diede l’impulso per uno scatto d’orgoglio che portò il Toro a vincere al San Mames e a battere il Venaria dopo 20 anni.
    E aggiungo che forse, quando Sirigu e Belotti parlano pubblicamente del campo disastrato, lo fanno per “parlare alla suocera perché nuora intenda”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Andrea63 - 11 mesi fa

    Grazie Cassardo!!! Vattene via bottegaio metti in vendita la società!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. gio_67 - 11 mesi fa

    rido per non piangere:
    leggendo i commenti (qua o su qualsiasi articolo di fb) sembra che si stia parlando di squadre come lecce genoa o spal…tutti col palato fino, magari il braccino corto (più del “presidentaccio”)ma il palato, no, quello è abituato bene.
    intanto abbiamo meno abbonati di squadre che fanno la A un anno e la B l’altro. Intanto quelli degli altri son sempre i più buoni. Intanto (per dirne una fresca fresca) oggi a vedere la fiorentina c’erano più di 10000 persone, alle 15 di mercoledì, e giovedì scorso eravamo 4 gatti, dopo cena… ma si sa, la fiorentina è reduce da un GRANDE campionato, ha fatto un GRANDE mercato, ha un GRANDE allenatore che fa calcio champagne, e soprattutto quest’anno naviga in zona champions….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 10 mesi fa

      Noi abbiamo quasi 21000 persone che di media vanno allo stadio che ne ospita 27000, col Genoa a momenti uscivamo ed è penultima in campionato, quindi di che parli?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. gio_67 - 10 mesi fa

        Sorvolando sul fatto che abbiamo già giocato in casa con inter milan juve e napoli (che, converrai, alzano un po’ la media) ne abbiamo meno di genoa (squadrone da anni che lotta per il vertice) e lecce (idem). La fiorentina ne ha 35000, e leggo sempre sui ns social che è la squadra col presidente top ed i giocatori top che tutti noi vorremmo: lo scorso anno si è salvata di culo alla ultima giornata, quest’anno, se non cacciava (ah no, le partite le cacciamo solo noi…) la vittoria con la spal era di nuovo in zona retrocessione. ecco di cosa parlo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

          Magari le statistiche non diamole tanto per comodità per avvalorare tesi a piacimento.
          Prendi i risultati della fiorentina degli ultimi 15 anni non l’ultimo che fa molto comodo.

          Poi non mi risulta che a nessuna tifoseria sia stato fatto quello che è stato fatto a Torino e continuate ad ignorarlo e considerarlo un dettaglio

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. ddavide69 - 10 mesi fa

          La fiorentina ne ha 35000 con uno stadio da 42000 , intanto , e poi è appena arrivato un nuovo presidente .
          Noi al ‘delle alpi’ in serie B avevamo una media di 25000 spettatori a partita , uno stadio grande il doppio di quello attuale dove non si vedeva un cazzo (come quello attuale) , ma dove c’era una speranza di fare qualche risultato in prospettiva… oggi , dopo 15 anni , che prospettiva è riamsta ?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. gio_67 - 10 mesi fa

            Esatto: “eravamo” “avevamo” “tifavamo”
            Non si rompeva tanto i coglioni… eppure in campo c’era gente che adesso non giocherebbe manco fuori quota con la Berretti. Fammi capire le speranze in prospettiva con calleri Vidulich ecc ecc, dai su.
            La rosa di adesso (pur con enormi limiti, ma tutto è relativo) vale tutte quelle dal 1995 al 2005 messe insieme

            Mi piace Non mi piace
        3. suoladicane - 10 mesi fa

          nelle finali play off di B del 2005 e del 2006 al delle alpi 60000 paganti, dove sono finiti? ti sei chiesto perchè non riempiamo lo stadio? non è che lo spettacolo misero c’entri qualcosa?
          SFT

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Dan - 10 mesi fa

            Quelli sono i famosi tifosi da bollino sulla targa che vanno solo a una partita “importante”.

            Mi piace Non mi piace
  18. TOROPERDUTO - 11 mesi fa

    C’è solo una cosa da dire….

    “Che confusione sarà perché tifiamo….”

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele abbiamo perso l'anima - 11 mesi fa

      E The answer is blowing in The Wind

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Héctor Belascoarán - 11 mesi fa

        War is over, if you want it.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. TOROPERDUTO - 10 mesi fa

        Vabbè allora adduce w la figa

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. nopainnogain - 11 mesi fa

    ah…quindi questo sarebbe un articolo utile a spegnere le polemiche??? con tutti i limiti di Cairo, il paragone con Preziosi è da reparto psichiatrico (oltre a rappresentare la gufata del secolo…)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Gud_74 - 11 mesi fa

    Caro Sig. Cassandro Cairo con Preziosi non c’entra nulla ( ma questo probabilmente lo sa anche lei ).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Héctor Belascoarán - 11 mesi fa

    Marco Cassardo: ti stiro e ti ammiro! 🙂

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. Pacman - 11 mesi fa

    Ritengo che i propri livori personali siano da risolvere in altre sedi: un buon psicologo questo lo sa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. altoro - 11 mesi fa

    Ritengo che l’analisi dell’opinionista è assolutamente condivisibile.
    Personalmente ritengo che egli è sostanzialmente apprezzato dalla Redazione di ToroNews. Al contrario, anche nel recente passato, il sottoscritto si è visto censurare alcuni post espressi semplicemente con ironia, ma con altrettanta civiltà e educazione. A questo proposito i parametri di valutazione e di filtraggio della varietà di libere opinioni dei tifosi granata in questo forum, applicato dalla medesima, mi lasciano estremamente perplesso. Aldilà di queste considerazioni personali, inoltre e infine intendo precisare che l’esatto nickname personale è lo stesso con il quale firmo i post personali al termine degli stessi ossia il seguente : Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Daniele abbiamo perso l'anima - 11 mesi fa

    Solo due cose:
    1 – Toro news non censura nessun articolista e che io sappia nessun utente (a meno che non si degeneri con i commenti insultando a destra e manca, in cielo e in terra ) quindi bene ha fatto Cassardo a puntualizzarlo perché qui si sta diventando davvero paranoici e iper complottisti, (mi riferisco alla contestazione acquistata da Cairo per dividere e pian piano annientare il Torino)

    Però aspetta …
    Fila sempre chiuso.
    Interisti e Napoletani in curva Primavera
    I migliori giocatori (Sirigu e Belotti ) che entrano in conflitto con i tifosi
    Un allenatore per nulla empatico con la piazza granata.
    Accantonamento dei nostri giovani (Millico – Parigini – Bonifazi etc )
    Vuoi vedere che il complotto esiste davvero ?
    Sembra il Pendolo di Focault di Umberto Eco …a forza di credere al complotto questi si realizza realmente ..

    2 – Un’ambiente così guastato non lo vedevo nemmeno nel 2005 durante il fallimento, quando al contrario i tifosi si unirono in marcia. E nemmeno durante gli anni di B di Cairo, perché almeno all’epoca i tifosi erano più o meno tutti uniti in subbuglio “.
    Oggi neanche questo.
    C’è chi contesta. Chi contesta i contestatori. Chi contesta chi non contesta. I giocatori che contestano i contestatori.. il mister che contesta l’esistenza di una contestazione nei suoi confronti. Un presidente che non vede la contestazione o fa finta di non vederla.
    Uno schifo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 11 mesi fa

      A me fa appunto pensare che ci fosse per certi versi meno casino nel 2005 quando eravamo in mezzo a una strada, piuttosto che adesso che partiamo con l obiettivo Europa. Che a qualcuno dia fastidio e molti geni nostri non lo capiscano?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 11 mesi fa

        non sai di che parli, eri sicuramente in spiaggia a giocare con paletta e secchiello nell’agosto 2005

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Dan - 11 mesi fa

          Tanto per cambiare non hai capito una mazza. Nel 2005 speravo in un futuro molto migliore anche se non ero una mente semplice da esaltare Papa Urbano come magari eri tu. Adesso però che una realtà parecchio migliore a quella del 2005 ce l’ho, di certo non ci sputo sopra.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. suoladicane - 11 mesi fa

            cero lo esalti adesso dopo 15 anni di nulla, mente superiore!

            Mi piace Non mi piace
  25. amoidoors69 - 11 mesi fa

    Ringrazio Marco di aver espresso molti concetti che condivido nella maniera più chiara possibile.
    GRAZIE e stiamo vicini al TORO !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. Fabio19 - 11 mesi fa

    Ho già avuto modo di esternare la mia poca simpatia per Urbano Cairo quale imprenditore mediatico che stipendia personaggi televisivi schierati politicamente con il “potere”. Questa poca simpatia però non deve offuscare il mio pensiero che, umanamente, potrebbe esser sempre a lui avverso. Voglio pertanto ricordare che noi tifosi abbiamo la predisposizione all’immaginazione ed al perenne desiderio di avere sempre qualcosa di più, cosa lecita, solo fino a quando il desiderio non si trasforma nell’obbligatorietà della sua concretizzazione. Vogliamo una squadra forte rinnovata in almeno 8 undicesimi perché troppi sono gli elementi che col calcio hanno poco a che fare. Vogliamo non solo la parte sinistra della classifica ma la sistematica qualificazione in zona coppe. Vogliamo lo stadio di proprietà ultra moderno e ultra comodo, vogliamo il Filafelfia fatto a regola d’arte, vogliamo in quell’area la presenza di spazi per tifosi, del Museo Granata e di tutte le strutture ricettive per gli stessi che, potrebbero frequentarla liberamente. Vogliamo il Robaldo pronto in pochi mesi e così bello da far arrossire di vergogna Zingonia, vogliamo le giovanili vincenti in ogni categoria. Vogliamo una presidenza di provata fede, vogliamo un organigramma societario di prim’ordine, vogliamo collaboratori tecnici super preparati e strutture tecniche all’avanguardia, vogliamo bilanci in ordine, zero passività ma investimenti miliardari. Vogliamo e pretendiamo e se non siamo accontentati contestiamo. Forse tutto questo stando dalla “parte sbagliata” potrebbe esser possibile ma quella è la parte sbagliata anche se riesce a trasformare in realtà i sogni dei propri clienti/tifosi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Il_Principe_della_Zolla - 11 mesi fa

      Se della lista che cosi’ minuziosamente hai redatto si avverasse il 20%, saremmo i più felici del mondo. Il fatto è che siamo allo 0%. Cosa facciamo, scendiamo in piazza a fare caroselli e stappare champagne, festeggiando il nulla cosmico?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. bogianen - 11 mesi fa

    Avete presente la pietosa parabola di quello scrittore che dopo aver pubblicato un ottimo libro non ne ha più azzeccata una? Ecco, difficile immaginare che possa scrivere un articolo diverso da questo: demagogico, populista, maramaldeggiante sull’ovvio capro espiatorio ma cieco-sordo-muto sulle lacerazioni interne al tifo Granata, ridondante manierismi e paragoni suggestivi quanto poco obiettivi (la Lazio ha speso 40 milioni per comprare Immobile, Milinkovic Savic, Luis Alberto e Lazzari? Bravi. E Cairo ne ha spesi 12 per comprare Belotti, Sirigu, Nkoulou e Ansaldi) e, qua e là, condito di qualche apprezzabile, ancorché lapalissiana, spruzzata di mero buon senso.
    I problemi con Cairo (ottimo nel risanare aziende in crisi – magari averlo avuto al posto di Calleri! – probabilmente meno bravo nel portare all’apice aziende sane), con Mazzarri, con certi giocatori (sui piedi di Meité e Aina dissento, la palla la sanno trattare. I problemi mi sembrano più di testa), anche col campo di patate (visto che Cassardo ha fonti attendibili che gli dicono che Mazzarri se ne andrà potrebbe anche farci sapere i motivi di tali precarie condizioni del terreno di gioco) sono risaputi e direi consolidati.
    Invece quel che in questo periodo sta veramente turbando l’ambiente è la situazione ambientale, vale a dire la caduta verticale e, pare, irrefrenabile del tifo Granata. Su questo, due paroline di circostanza dal Prof. Cassardo, un “fate i bravi, sostenete la squadra” ma nessuna analisi seria, nessun tentativo di individuare i problemi, nessuna domanda o presa di posizione scomoda.
    Quel che secondo me dovrebbe fare Cairo adesso non è (solo) comprare un centrocampista ispirato, ma convocare i Club organizzati e cercare di risolvere la questione. Sono consapevole che il presidente non dovrebbe intervenire in questioni di tifo, ma non riesco a individuare nessun altro che possa farlo, a meno che totem come Pulici, Claudio Sala, Zac o altre vecchie (e carismatiche) glorie vogliano impegnarsi in tale ingrato compito (stiamo pur certi che certi “tifosi” saranno prodighi di insulti e fischi anche per loro, se le loro fantasiose pretese non venissero soddisfatte). Anche delegare Moretti sarebbe una buona idea.
    La faccenda, volenti o nolenti, dovrà includere anche la questura e i suoi spotter, che a mio avviso vogliono gestire la questione via proxy, tramite frange di tifo a cui lasciano fare di tutto mentre gli altri appena si spostano dal seggiolino assegnato vengono daspati per mille anni. Specialmente quello spotter soprannominato Poncharello deve essere destinato ad altri incarichi, sembra abbia il potere di far daspare chiunque non gli vada a genio.
    E nelle curve deve essere fatto un repulisti completo.
    Via i ‘professionisti’, gente che campa vendendo biglietti omaggio e facendo la cresta sulle offerte per le scenografie (che, tra l’altro, sono sempre più scadenti). Sono certo che in TUTTI i Club ci sono giovanotti molto più validi e creativi di quelle specie di lanciacori che ci sono ora, e che potrebbero, in tempi ragionevoli, far tornare le curve agli antichi fasti. Chissà, forse da qualche parte c’è anche un nuovo Geninetti.
    Sono cose che dovremmo fare noi autonomamente, ma evidentemente non ne siamo capaci. E allora insultiamo Cairo e Mazzarri, contestiamo Sirigu e Belotti. Aggraviamo i problemi invece che eliminarli.
    E Cassardo, che credo abbia entrature politiche e sociali che noi non abbiamo, che fa? Articoletti blandi, prevedibili e inconsistenti come questo!
    Ma cuntacc! Faccia qualcosa, cerchi sponde, crei un gruppo, smuova coscienze e portafogli, si opponga alla ripresa del potere degli ovini, che dopo la cessione della Fiat cercano altri campi di espansione e, guarda caso, nel loro tipico stile sovietico fanno terra bruciata attorno ai rivali con lobbying serrato e campagne stampa.
    E invece di reagire noi che facciamo?
    Ci uniamo al coro.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Andreamax - 11 mesi fa

      Concordo in toto, saluti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Dan - 11 mesi fa

      Chi ragiona con la sua testa non di unisce il coro, peraltro stonato.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. suoladicane - 11 mesi fa

      ti ricordo solo due cose:
      1. Pulici li chiama “quelli di adesso” ah capito tutto prima di tutti
      2. cairo in lega vota sempre insieme agli ovini, con cui da parecchio fa affari d’oro extracalcistici
      a me basta questo per essere contro questa proprietà
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. eurotoro - 11 mesi fa

    3 anni in serie b! miriade di allenatori esonerati..idem i direttori sportivi!.. ogni anno vendita dei migliori! ora che da 2 anni si tengono i migliori(1 anche a forza)..si spende anche 25 milioni x un solo giocatore…ora che manca pochissimo x avere una rosa all’altezza delle nostre aspettative non riesco proprio a capire questa frattura! paradosso agghiaggiande…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. Dan - 11 mesi fa

    Se Cairo gli pubblica qualche altro libro scriverà che è un gran presidente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. Simone - 11 mesi fa

    Gentilissimo sig. Cassardo, ci può dire che fine abbia fatto il suo collega Chiarizia che come lei ha avuto il “coraggio” di criticare la società?
    Perché di lui non si hanno più notizie da novembre…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 11 mesi fa

      Sarà uno di quelli che si sente in diritto di criticare tutti, ma se qualcuno critica lui fa l offeso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Andreamax - 11 mesi fa

        Ci manca solo piu’ Chiarizia, ci manca!!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. suoladicane - 11 mesi fa

        mente superiore, Chiariza non collabora più con TN da mesi ed il perchè lo sai benissimo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Andreamax - 11 mesi fa

          Spiegamelo tu, illuminato

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. suoladicane - 10 mesi fa

            non rispondevo a te ma a DAN

            Mi piace Non mi piace
  31. Andreamax - 11 mesi fa

    Cominci lei Cassardo a non farla, io mi adeguero’, grazie.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. dennislaw - 11 mesi fa

    L articolo mi pare troppo benevolo nei confronti di Mazzarri e del management. Si sono commessi errori colossali negli anni scorsi,penso al non riscatto di Immobile,alla svendita di Quagliarella, a quella di Ljajic a troppi carneade acquistati da Petrachi e anche all ingaggio troppo elevato dell ultimo mister che sta svalutando molti calciatori in rosa. Può essere Cairo l unico responsabile? Zaza, Verdi, Soriano , Falque sono tutti diventati brocchi? Perché il mister non ha mai chiesto un centrale regista o rifinitore? Perché il sui gioco è penoso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 11 mesi fa

      Chi ha paralizzato il mercato estivo focalizzandolo su di un unico giocatore?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. Marchese del Grillo - 11 mesi fa

    Come al solito, e non per partito preso, condivido ogni parola, caro Marco.Come già scritto commentando altri articoli, il confronto, lo sfogo, i chiarimenti (possibilmente) dovrebbero avvenire al Fila che dovrebbe tassativamente essere aperto almeno un giorno a settimana. La società (?) dovrebbe imporlo. Si eviterebbero un mare di problemi in una giornata, il lunedì, ad esempio, normalmente adibita al solo scarico. E invece…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. FVCG69 - 11 mesi fa

    Cairo è arrivato al punto di non ritorno essendo un buon imprenditore presto venderà i pezzi pregiati accusando noi tifosi di aver reso l’ambiente invivibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. FVCG69 - 11 mesi fa

    Cairo GAME OVER

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. Ardi - 11 mesi fa

    Sono d’accordo completamente con l’articolo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. verarob_701 - 11 mesi fa

    Visto che il sig. Cassardo si è evidentemente risentito per alcuni commenti vado a spiegargli una cosa.
    In un mondo normale, questapagina si dividerebbe in
    – un ” relatore “, che esprime dei concetti in un articolo, riguardanti un argomento in cui è specializzato, e una serie di personaggi che, oltre a leggere, commentano l’articolo.
    Come ci tiene a sottolineare nella sua presentazione il Sig.Cassardo è :
    “esperto in psicologia dello sport e mental coach professionista”.
    Se il Sig. Cassardo usasse l’intelligenza, e un pizzico di umiltà, si renderebbe conto che aldilà di quel ramo specifico, lui scrive come persona comune, tifosa del Toro.
    Quindi la serie di argomenti che va ed elencare, che sono idee del tutto personali, che in alcuni casi sono decisamente ovvie, in altre totalmente errate, sono giudizi da bar che dovrebbe esprimere come noi tutti, dalla parte dei commenti.
    Se vuole commentare la campagna acquisti, lecito ma non tocca a lui scrivere un articolo,paragonare oggi il mercato della Lazio con le 4 Stelle a quello del Toro con Zaza e Verdi mi fa ridere (non mi risìcordo i primi 6 mesi di Luis Alberto così entusiasmanti) oltretutto è sbagliato nelle cifre ( fonte Transfermarkt 43.5 contro 37, quando potrei citare che la Lazio ha preso Durmisi,Berisha e Vavro spendendo 25 milioni…
    Quello che personalmente consiglerei alla redazione è, solo il richiederle questo, scrivere di cosa è specializzato, onde evitare in futuro di leggere suoi consigli su come migliorare il pesto alla siciliana, o su che genere dovrebbe cantare Madonna nel prossimo disco.
    Poi ribadisco se vuole scrivere da tifoso, ha assolutamente diritto di esprimere tutte le sue idee, solo….scenda dalla cattedra

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. verarob_701 - 11 mesi fa

      sorry per gli errori

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 11 mesi fa

      Per dirla tutta, ” .. lui scrive come persona comune, tifosa del Toro….idee del tutto personali, che in alcuni casi sono decisamente ovvie, in altre totalmente errate …” , aggiungerei almeno che in alcuni casi sono totalmente giuste.

      Non è che quelle ovvie (per te) sono giuste , tutte le altre sono errate, esistono anche quelle che non condividi ma che a me per esempio possono essere corrette .

      Questo per onestà…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. verarob_701 - 11 mesi fa

        Nessuno dice che siano sbagliate le sue, le tue o le mie idee….se vuole farsi un acco con il suo nome e esprimerle, niente da dire, se espone le sue idee da una ” Cattedra” deve essere titolato in qualche modo a farlo, e una testata seria dovrebbe farglielo notare ,sia che scriva che Cairo è un grande, sia scriva che Cairo è un pirla….
        Ha scritto sciocchezze come ho segnalato sui prezzi dei giocatori, ( e sono dati e non idee) elogiando la Lazio per questo e tacendo dei flop ( Vavro,Durmisi,Berisha) di cui ho scritto, ha scritto che Meitè ha piedi “cattivi”, quando in Meitè non sono certo i piedi il problema, piuttosto la supponenza nelle giocate, ha scritto del Toro “ostaggio” di Cairo come il Genoa di Preziosi, evidentemente ha anche doti divinatorie…
        Nessuna di queste affermazioni rientrano in “esperto in psicologia dello sport e mental coach professionista.”

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. user-13797744 - 11 mesi fa

      Tutti facciamo errori dott Ferrauto o chi per esso .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Cast25 - 11 mesi fa

    Condivido l’articolo
    forza TORO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. Sentenza - 11 mesi fa

    Purtroppo l’insofferenza verso la Scatola Vuota Effecì porta all’insofferenza verso tutto ciò che ruota le ruota intorno, giocatori compresi (giusto o sbagliato che sia).
    Il fatto che le lagne poi siano arrrivate dai giocatori simbolo, gli intoccabili di questo Nulla, aveva il sapore di un mandato firmato Cairo Urbano, e i vaffa pure a loro non mi stupiscono, anzi…A volte si sbaglia il colpo (ma di poco eh) ma l’obiettivo principale è nel mirino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 11 mesi fa

      “aveva il sapore di un mandato firmato Cairo Urbano”è prprio vero il mondo è bello perchè è avariato,come diceva qualcuno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Sentenza - 11 mesi fa

        ‘ardlo sí ‘l pì bon ‘d tuij! Tut bin? Sono gombloddisda e maicuntent, il peggio che c’è, ‘t ciamu scüsa!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. IlGrandePolicano - 11 mesi fa

    Condivido l’articolo al 100%.
    Nulla da aggiungere.
    FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. ddavide69 - 11 mesi fa

    Sono d’accordo su tutto con Cassardo , anche per queanto riguarda i fischi.

    Tranne che per una cosa , secondo me non andremo in serie B , per 2 ragioni , e la seconda è conseguente alla prima :
    finche ci arriveranno 45-50 milioni di euro l’anno dai diritti tv con i quali si pagheranno gli stipendi il problema non si porrà , e questo è properdeutico al fatto che in ogni caso a Cairo non conviene andare in B perchè ci smenerebbe un sacco di soldi , quindi cercherà di farà galleggiare a metà classifica senza investire nulla ma solo facendo girare i soldi che ci sono. Quando si sarà stufato e il Toro non gli servirà piu’ , venderà a qualcuno e ci farà una bella plusvalenza personale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 11 mesi fa

      Per la precisione 54,1 milioni di diritti tv. C’è scritto su un articolo di questo sito

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 11 mesi fa

        dipende cosa misuri… qui c’è gente che i soldi che arrivano dai diritti tv non li considerano , forse pensano che sia cairo ad elargirli con il suo portafoglio a differenza di quello che facevano i presidenti prima di lui e fino al 2009 lui stesso … infatti facevamo l’altalena tra serie A e serie B…. Finora abbiamo assistito ad una ‘partita di giro’ , questi gli investimenti che fà Cairo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Dan - 11 mesi fa

          Ma mica solo lui. Tutti i presidenti hanno dei soldi per i diritti TV. Di loro vi mettono niente o quasi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 11 mesi fa

            mah…
            i gobbi hanno appena fatto un aumento di capitale da 400 milioni.

            All’inter Suning ha cominciato a mettere soldi ‘freschi’ altrimenti con piffero che facevano mercato a gennaio.

            Lo stesso vale per il Milan che continua a mio parere a spenderli male e và avanti con i paghero’…

            La Roma uguale , anzi adesso cercano pure un nuovo presidente.

            E comunque , volevo dire che se non ci fossero i diritti tv con Cairo staremmo a lottare per non finire in B , non doveva essere lui il salvatore ?

            A questo punto per fare girare i soldi dei diritti e del player trading basterebbe un commercialista.

            Mi piace Non mi piace
          2. Dan - 11 mesi fa

            Mi immagino la gioia dei soci di Exor per la ricapitalizzazione e l’emissione di un bond. Tuning si autosponsorizza con altre sue società. Ma poi davvero paragoni la potenza economica di un Suning a Cairo? Ma sei serio?

            Mi piace Non mi piace
          3. ddavide69 - 10 mesi fa

            La potenza no, ma Cairo non tira fuori un soldo ,UN SOLDO CHE SIA UNO ! Ora mi vuoi dire che non potrebbe fare un investimento di 30-40 milioni ? Io per questo dico che così basterebbe un commercialista.

            Mi piace Non mi piace
  42. Paolo71 - 11 mesi fa

    Dico la mia…Paragonare Cairo a Preziosi non regge…Preziosi appena un qualunque giocatore e’ vendibile con margine lo fa…Cairo ha detto..tengo tutti e fatto.
    Ricordate che si e’ messo di traverso x il super campionato…( x i gobbi sarebbe stato oro)
    C’e un disegno x intaccare la passione dei tifosi del Toro…(Tuttosport docet)..ragazzi non abbocchiamo come dei lucci

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ardi - 11 mesi fa

      Si è messo contro la super lega, non perché sia un eroe, ma perché restandone fuori calerebbero gli introiti di molto. Ed ha ragione, ma non prendiamo la cosa come fatto di amore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. Stufodellamediocrita' - 11 mesi fa

    Ancora una volta mi trovo d’accordo con Cassardo: come vado dicendo già da un po’ la squadra va sostenuta sempre, al massimo si può legittimamente e civilmente esprimere il proprio disappunto dopo debacle clamorose come quelle con Lecce o Spal. Ma l’obiettivo vero rimane la Società, del resto priva di figure autorevoli in grado di affrontare e spiegare anche i problemi. Fino a pochi mesi fa c’era almeno Petrachi, che comunque il suo lo ha sempre fatto, anche commettendo errori marchiani o seguendo i dettami del padrone ma almeno mettendoci spesso la faccia. Ora chi rappresenta la Società?
    Cairo, con le sue frasi piene di granatismo di maniera e sempre stucchevoli?
    Comi, che ripete, con minor penetrazione e capacità dialettica, i concetti del presidente? Mazzarri, che scuse ne accampa e manca di capacità autocritica ma almeno la faccia ce la mette sempre?
    Da Bava invece nulla, magari lavora così sotto traccia o talmente a fari spenti che ce ne accorgeremo solo a giugno…
    Quello che più mi urta è però trovare in ogni articolo decine di commenti da fans adolescenti nei confronti del presidente: per me è oggettivo che NON ha impedito il ns fallimento così come NON ci farà fallire un domani ma, perseguendo innanzitutto un proprio interesse che è stato quello di acquisire quella visibilità che gli ha consentito una concreta crescita imprenditoriale, è riuscito, non so se colposamente o dolosamente in un altro obiettivo: privarci della nostra identità, portando tanti tifosi, non solo giovani p giovanissimi, ad accontentarsi di quest’aurea mediocritas dei suoi 15 anni di presidenza come se fosse il massimo a cui aspirare a fronte di Cimminelli, Goveani, Calleri o Vidulich vari. Il non conseguire alcun risultato sportivo in 15 anni rappresenta di per sé un fallimento: se poi lo condisci con asset societario azzerato, immagine quasi del tutto assente, marketing inesistente, tifoseria disamorata e, da ultimo, gioco troppo spesso ai limiti del decoroso ecco che scattano le contestazioni. Per ricompattarsi servono mosse concrete della Società, in tal senso anche le testate giornalistiche come Toronews dovrebbero spingere il Presidente a confrontarsi su temi seri senza sfuggire ogni volta con frasi di circostanza: io, personalmente, non ho paura che lasci domani o dopo domani, sono stufo di questa lenta agonia cui, chi in maniera consapevole e chi meno, siamo ormai confinati da 15 anni di gestione approssimativa e senza obiettivi concreti, da un vivere alla giornata che non si può accettare nella vita e tanto meno nello sport.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. lello - 11 mesi fa

    Condivido l’ articolo. Forza Toro, ritroviamo unione e forza di tifare Toro , Sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. mattia19_9_1530065 - 11 mesi fa

    La contestazione alla quale alcuni di noi stanno assistendo e altri partecipando, a mio modo di vedere é tanto Giusta quanto Confusionaria, Inefficace e Controproducente…non lo dico io, lo dicono i fatti accaduti nelle ultime tre settimane..
    Giusta… per i motivi conosciuti da tutti e sostenuti da molti…curva primavera, cairo, filadefia chiuso,museo, robaldo eccetera eccetera eccetera….
    Confusionaria…sentire i giocatori lamentarsi di una contestazione che non dovrebbe riguardarli e percepirli distanti come non mai per un qualcosa che, mi ripeto, non dovrebbe riguardarli dimostra quanto si stia colpendo qualcuno che non vorremmo e dovremmo colpire…
    Inefficace… chi sta attivamente contestando é anche chi crede fermamente che Cairo sia al Toro solo ed esclusivamente per interessi personali e che eliminare certe frange del tifo sia uno dei suoi obbiettivi… siamo davvero sicuri che disertare lo stadio possa indebolirlo, infastidirlo o danneggiarlo…..?!
    Controproducente…si ricollega a cio che scrivevo precedentemente… l´unico risultato che pare aver portato questo modo di contestare é il completo distacco tra squadra e popolo…la Cosa piu triste che possa accadere nel nostro mondo…e si forse qualche centinaia di euro in meno nelle tasche del Torino FC e qualche articolo contro il suo presidente (come se gliene importasse qualcosa…)
    Detto ció probabilmente mi sentiró dire che se ci unissimo per davvero tutti in questa contestazione i suoi risultati sarebbero differenti..ed é sicuramente vero.. ma allo stesso tempo credo che questa contestazione con questo campionato e questa maglia non debba aver nulla a che fare… che risposta daremmo a Sirgu, Belotti e tutti quelli che giustamente “criticano” l attuale situazione del tifo granata riempendo il settore ospiti a sassuolo e il grande Torino la settimana seguente?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Athletic - 11 mesi fa

    Preziosi non ha mai fatto quello che ha fatto Cairo negli ultimi anni, quindi il paragone, almeno per il momento, non ci sta … per il resto sono ovviamente d’accordo, la squadra va sostenuta dalla lettura delle formazioni al fischio finale, sempre.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. sergiovatta70 - 11 mesi fa

      Con Preziosi Genoa 5° nella stagione 2008/09 e 6° nel 2014/15.
      Non mi sembra un paragone così azzardato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. clauss - 11 mesi fa

        e il Genoa di Preziosi, qualche derby l’ha vinto…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Marchese del Grillo - 11 mesi fa

          si, ma dall’altra parte c’è una normale squadra di calcio e non l’eccellenza della N’drangheta internazionale (per di più con molti interessi condivisi con il nostro “One man show”)!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 11 mesi fa

            In ogni caso il Genoa , dal 2006 a oggi ha vinto contro i gobbi 3 partite e ne ha pareggiate 4 …. già meglio di noi….

            Mi piace Non mi piace
          2. Athletic - 11 mesi fa

            Davide hai ragione, però c’è da dire che se i gobbi “mettono in conto” di poter perdere o pareggiare una partita, di certo non lo fanno in occasione del derby, nonostante non debbano faticare più di tanto, comunque in un modo o nell’altro il derby lo vogliono vincere per i tifosi. La volta che sono deconcentrati e non vincono, è meglio che capiti con Genoa, Sassuolo ma comunque non nel derby. Ma questo non dico che sia un dettaglio, ma conta sino a un certo punto, così come il 5° o 6° posto, quello che secondo me è importante è il fatto che la società non viene gestita come potrebbe esserlo, con uomini capaci, presenti, autorevoli, competenti. Con gente così allora tutti avremmo ben chiaro dove vogliamo andare, cosa vogliamo ottenere. Poi puoi arrivare 5° 6° o 7° ma non hai la sensazione che si navighi a vista, che gli acquisti vengano fatti da Cairo a seconda del pallino che ha in quel momento. Per esempio, quando ha comprato Aina e Meitè due anni fa, disse che quello era ciò che doveva fare il Toro, prendere giovani dal costo intorno ai 10 milioni, sicuri prospetti (al di là che per il momento si sono rivelati tutt’altro che sicuri). Poi è passato al non vendere nessuno perchè così hanno fatto per costruire il Grande Torino, poi ha speso 25 milioni per Verdi, fermo da un anno e con una stagione buona all’attivo. Non c’è un senso logico in tutto ciò, sembra che a seconda di come ti svegli al mattino fai. Essenzialmente io contesto questo a Cairo e secondo me questo dovrebbe essere il primo problema da risolvere, prima del Fila, del Robaldo, dei daspo e di tutto il resto.

            Mi piace Non mi piace
  47. user-13967438 - 11 mesi fa

    Io ancora non sono capace di credere che ci siano tifosi e sottolineo la parola tifosi, contenti di una società che ha fatto delle cose lasciate a metà il suo marchio di fabbrica.
    Evidentemente non sono tifosi, il cui compito dovrebbe essere quello di sognare e volare alto, ma banali consociati di comodo.
    Gente che non sa che vincere è il dna del Toro, ma che si fregia di additare la “sfiga” come dna del Toro.
    La storia ha dato gioie e dolori, ma il Toro ha sempre vinto qualcosa.
    È il digiuno di vittorie che comincia a essere lungo, e non si vede come una società improvvisata (o meglio perfetta solo quando deve fare delle incompiute), accentratrice ed egoriferita possa mai interrompere questo digiuno.
    Perché la squadra, che è lo specchio della società, si vede bene che ha lacune organiche.
    Ci rendiamo conto che domenica Laxalt ha fatto l’interno di centrocampo per oltre mezz’ora, e ha passato tutto il tempo a cercare di mettersi solo scolasticamente nella posizione giusta (salvo poi finire sempre fuori posizione andando sull’esterno, dove è il suo ruolo?).
    Le certezze sono queste, perché l’anno passato la stessa cosa di questi tempi la fece Ansaldi.
    È che non si vede la fine di questo pressapochismo.
    Papillon

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 11 mesi fa

      Sono già più tifosi questi di quelli che “preferirei 10 anni di B” cit.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 11 mesi fa

        turulu , dilla tutta se sei onesto intellettualmente e non come il nostro presidente : IO PREFERISCO ANDARE IN B 10 ANNI , MA VINCERE UNO SCUDETTO !
        E lo firmo e sottoscrivo , tu invece continua a farti le seghe con gli scudetti del bilancio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Dan - 11 mesi fa

          Uno scudetto in cambio di 10 anni di B. Ma manco morto. È come dire una notte di passione con una donna bellissima e poi l’Aids. Contento te…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. ddavide69 - 11 mesi fa

            Ma ti rendi conto che con cairo hai già fatto 4 anni in B e non vinto un cazzo !

            Ti sei divertito ? Ti stai divertendo ?

            Mi piace Non mi piace
          2. ddavide69 - 11 mesi fa

            … e aggiungo , io gli anni in B li ho vissuti tutti allo stadio purtroppo.

            Mi piace Non mi piace
          3. ddavide69 - 11 mesi fa

            Ma cosa c’entra ‘prima’ scusa , stiamo parlando di barattare ipoteticamente uno scudetto con 10 anni di b .

            Abbiamo fatto una finale Uefa nel 92 , una coppa italia nel 93 , ma negli anni di junior e dossena siamo anche arrivati secondi e quarti in campionato .

            Comunque ora non solo non vinciamo , non partecipiamo neppure alle competizioni europee…. bah

            Mi piace Non mi piace
        2. suoladicane - 11 mesi fa

          come non quotarti?
          SFT

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Dan - 11 mesi fa

            Perché prima quando abbiamo vinto qualcosa? Io ricordo una Coppa Italia 27 anni fa e uno scudetto 44 anni fa.

            Mi piace Non mi piace
        3. Dan - 11 mesi fa

          Ma scusa se uno non di basa sul “prima” con che lo fa il paragone? Coin le proprie speranze? Mah… leggendo alcuni qui sembra che fino a 15 anni fa ogni anno lottassimo per vincere tutto. A me la storia sembra un filo diversa.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. suoladicane - 11 mesi fa

            peccato che in quanto mente superiore non capisci che se vinci lo scudetto lo metti nel palmares sulle bandiere a futura memoria di tutti e tutto, se arrivi 7^ in campionato anche 10 anni di seguito non se lo ricorda nessuno e non godi mai, come dire non scopo mai però le ho toccato tanto i capelli…………

            Mi piace Non mi piace
          2. Dan - 11 mesi fa

            Mente inferiore com’è che sto scudetto non lo mettiamo nel palmares da 44 anni? E che il palmares è intonso, sperando che tu sappia che significa, da ben 27 anni?

            Mi piace Non mi piace
          3. suoladicane - 10 mesi fa

            ma ti rileggi, ma sei ridicolo ma cambia sito non fai nemmeno ridere………

            Mi piace Non mi piace
  48. Valceresio granata - 11 mesi fa

    E poi scusate ……paragonare preziosi a Cairo ce ne vuole di fantasia;anzi bisogna avere
    Un gran coraggio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 11 mesi fa

      Bisogna avere un gran livore professionale, immagino.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. Valceresio granata - 11 mesi fa

    Bravo Fabio sei un grande,peccato che alcuni pseudo tifosi non se ne accorgano.
    Continuate a leggere tuttosport e la stampa.
    Ma non vi accorgete che sono giornali che continuamente cercano di mettere zizzania?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 11 mesi fa

      A parte questo, immagino che quando Cairo gli pubblicava i libri, ho visto che sono stati 3, sto qua fosse sempre durissimo col suo editore. Credibile nelle critiche come una moneta da tre euro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. SiculoGranataSempre - 11 mesi fa

    Lui ha avuto più spazio e tempo per dire ciò che in tanti nei commenti da sabato sera ad oggi abbiamo scritto: contestate chi volete ma lasciate in pace i 20 uomini granata in campo. Grazie e FVCG, sempre!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. Conta7 - 11 mesi fa

    Se un pensiero costruttivo arriva addirittura da Cassardo, uno che non ha mai lesinato duri attacchi a destra e a manca, anzi, anzi… allora veramente siamo ad un livello di contestazione del tutto esagerata e che “ha da finire”…
    Su una cosa ahimé concordo: temo davvero che a giugno possa esserci un punto zero da cui ripartire… E purtroppo non verso l’alto!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. AUGUSTO - 11 mesi fa

    Assolutamente condivisibile. Applausi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. Toro Nel Cuore - 11 mesi fa

    Concordo in pieno con lei Cassardo , nient’altro da aggiungere purtroppo!
    Sempre FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. suoladicane - 11 mesi fa

    Cassardo la leggo sempre molto volentieri, anche quando come questa volta non sono d’accordo con Lei;
    su quale punto? lo staff ed i giocatori (almeno una parte di essi) hanno una responsabilità molto grande del malumore dei tifosi, che è rivolto contro Cairo per la maggior parte, ma anche contro Mazzarri (inascoltabile, la finisse una volta per tutto di piagnucolare) e contro alcuni giocatori il cui impegno pare al di sotto di qualunque standard minimo.
    La soluzione passerebbe per una comunicazione maggiormente efficace e per la possibilità di assistere almeno un giorno agli allenamenti, qui non si chiede la luna, si chiede un minimo di rispetto per le aspirazioni dei tifosi, ed una società che non risponde a questo, si becca la contestazione tutta durante le partite, esacerbata da questo atteggiamento puerile ed arrogante dello staff (che ha timore di 4 vecchietti al fila) e dei giocatori che si lamentano di quattro fischi quattro allo stadio.
    SFT

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. Fabio - 11 mesi fa

    Non facciamo confusione. Quando l’editore Cairo pubblicava i libri di Cassardo il Toro era in B, o faticava a restare nella massima serie. Poi ha smesso di pubblicarli ed è diventato un nemico, anche se la squadra è cresciuta. L’editore Cairo dà fastidio perché è il più bravo di tutti, difatti Tuttosport che è sempre più in crisi e perde copie con passivi da doppia cifra ogni mese gli fa la guerra. Ma se una persona mediamente intelligente vuol leggere un quotidiano sportivo compra la Gazzetta. Adesso ha cominciato anche La Stampa, il giornale che è tornato di proprietà della Famiglia: il Corriere della Sera edizione di Torino fa ombra ai poteri forti, quindi bisogna attaccare Cairo. Addirittura imponendogli di comprare lo stadio Olimpico,che impianto di calcio non è, dopo aver regalato il Delle Alpi ai soliti noti. Forse qualcuno se lo è già dimenticato, ma La Stampa è quel giornale così serio e amico del Toro da inventarsi il famoso mister X, il magnate che ci avrebbe fatti diventare la squadra più forte del mondo. Era solo Ciuccariello. Non facciamo confusione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dan - 11 mesi fa

      Non sapevo fosse stato Cairo a pubblicare qualche libro di sto qua e poi ha smesso. Ora è tutto più chiaro. Grazie.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Bischero - 10 mesi fa

      Quando Cassardo scrive a belli e dannati urbano Cairo portava ancora la borsa a Berlusconi… Perché bisogna scrivere stupidaggini?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. suoladicane - 10 mesi fa

        ah commento da mente illuminata! un vero genio, non mi stancherò mai ripetertelo

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. avvopal_14171626 - 11 mesi fa

    Siamo riusciti a mandare via sergio rossi per molto meno….riusciremo a mandare via anche cairo….tifoseria oculata e furba, niente da dire…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. Pimpa - 11 mesi fa

    Alla fine,come scrivo da anni,tutto si tiene.
    Discutere sul signor Mazzarri,sul valore di Verdi,sul ritorno di Iago,sulla responsabilità di un terreno di gioco indegno,non è altro che la cartina tornasole della nostra irredimibile miseria.
    Ci si meraviglia che siano in 38 a vedere le partite allo stadio? O che la società abbia un organigramma da polisportiva dilettantistica? O che il signor Mazzarri puntualmente dica cose in conferenza stampa che stanno a metà tra il ridicolo e il vergognoso? O che il Fila sia una struttura,per come si trova,totalmente inutile e contraria alla storia del Toro? O che si tentino esperimenti sociali sulla pelle dei nostri tifosi?
    E’ ovvio che accada questo,non può e non potrà accadere niente di diverso con questa presidenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  58. Il_Principe_della_Zolla - 11 mesi fa

    Come dice giustamente @OldBull qui sotto, mala tempora currunt.
    “Non facciamo confusione”, invoca l’ottimo Cassardo.
    Verità vuole che la confusione sia già stata fatta, sia in atto, e che sia funzionale al progetto Torino FC. Divide et impera, per restare alle citazioni latine. E come dicevo altre volte, alla fin fine chi è sul banco degli imputati: il tifoso! La chiusura del cerchio. Tifosi aggressivi, mai contenti, contestatori, che pretendono la luna… Hanno fatto bene Sirigu e Belotti a sollevare il problema, ma lo hanno sollevato anche con Cairo? Hanno chiesto udienza al datore di lavoro per segnalare, caso mai non se ne fosse accorto, che gli strumenti di base (il terreno di gioco) fanno schifo? Io non credo. E Mazzarri, che chiude il Filadelfia e agita stracci come se i fischi che riceve siano dovuti “a questioni che con il calcio non c’entrano”? Parli con tifosi, come ci parlo’ Radice durante lo sciopero del tifo, e restituisca ai tifosi quello che è loro innanzitutto, il Filadelfia, il contatto con i giocatori. Paura dei fischi? cambi mestiere.
    Si prendano ognuno le proprie responsabilità gli attori in commedia, e poi vedranno che il pubblico pagante e il tifoso appassionato capiranno meglio. E i puntini torneranno sulle i.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 11 mesi fa

      grande principe! grande!
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. FORZA TORO - 11 mesi fa

      hai sicuramente ragione la mancanza di trasparenza è deleteria,ma invocarla nel mondo ipocrita del calcio credo sia inutile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. sergiovatta70 - 11 mesi fa

      d’accordissimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  59. FuriaGRANATA - 11 mesi fa

    Marco dopo sto articolo occhio che ti daspano ah ah .sei un grande l’unico con le palle a scrivere la verità la cosa preoccupante e che a spiegare le cose come stanno sia un non giornalista questo fa pensare…FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  60. NEss - 11 mesi fa

    “Evitiamo di fare le portinaie rabbiose sempre pronte a spiare dal buco della serratura e a parlar male dei condomini”, si scrive con un occhio ben incollato alla porta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  61. fabio.tesei6_13657766 - 11 mesi fa

    Così non si va da nessuna parte,anzi si va indietro. Si è innescato un meccanismo molto strano, non so a chi convenga questa situazione,ma qualcuno lo fa per uno scopo ben preciso. Sicuramente i tifosi che vivono a Torino e che frequentano lo Stadio possono dare una risposta. Sono comunque convinto che Belotti sicuramente,ma anche sirigu a fine campionato se ne andranno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FuriaGRANATA - 11 mesi fa

      La risposta è nell articolo se andranno via Belotti e Sirigu sarà un grande dispiacere e una perdita a livello tecnico notevole ma si tirerà sempre Toro sperando che Cairo venda anche a uno con meno soldi ma più umano

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 11 mesi fa

        A uno con meno soldi ma almeno tifoso…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Ardi - 11 mesi fa

      Che Belotti e Sirigu andranno via per un mese di contestazione, ovviamente non rivolta a loro, è una favola a cui non posso credere. La realtà è che sanno che, oltre a non poter competere per un qualsiasi obbiettivo, la società è gestita a livello dilettantistico, mentre loro sono seri professionisti e grandi giocatori, inoltre hanno ben presente che mancano strutture adeguate ( sembra davvero una barzelletta che siano costrette a mangiare e riposarsi nelle loro auto, perché cairo non vuol mettere un milione per il secondo lotto). Assurdo, pure, che le condizioni scandalose del campo non vengano messe a posto. Detto questo è ovvio che non possano dire la verità e fare certe affermazioni davanti alla stampa

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  62. FuriaGRANATA - 11 mesi fa

    Finalmente un articolo degno.unico bersaglio della contestazione il presidente .Bravo Marco e che si vinca o si perda forza toro e Cairo m…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  63. pennina - 11 mesi fa

    poi ‘sta divisione società da una parte, tecnico/squadra dall’altra…
    quando la società non c’è, quando non è gradita, quando non paga, la squadra gioca contro, punto, ed è facile rendersene conto…
    succede sempre così – in questo momento a napoli, per esempio – mentre i ns, quanto a impegno e serietà, sono sempre ai limiti…
    e mai sentito mazzarri lamentarsi perché non è arrivato questo o quest’altro…
    gli allenatori fanno così, conte per esempio, mentre lui si lamenta perché ne abbiamo troppi, figurarsi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gud_74 - 11 mesi fa

      perchè trovare un “colpevole” aiuta a dare un senso, anche se un senso non ce l’ha (cit).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  64. LeoJunior - 11 mesi fa

    E aggiungo: se i contestati sono società e allenatore, i giocatori sono – al pari di noi – delle “vittime”. Quindi metterle palessemente dalla nostra parte evidenzierebbe ancora di più l’oggetto della contestazione. Buttarla in contestazione indistinta a tutto e tutti aiuta i contestati a nascondersi.
    Quindi, sosteniamo di più i giocatori e troviamo il momento e il modo giusto per contestare presidenza e allenatore.
    Il problema del campo è sintomatico della situazione. Leggo che è un problema legato al fatto che non è chiaro chi debba farlo (si legga: chi sostiene il costo).
    E’ come se si rompesse la caldaia della casa dove sono in affitto e non essendo chiaro chi ha l’onere di ripararla facessi stare i miei figli al freddo!!!! quasiasi padre di famiglia che ha a CUORE i propri figli la aggiusterebbe e poi andrebbe a batter cassa dal proprietario.
    Ma non a caso ho scritto in maiuscolo il CUORE ….
    Ditemi che ci sono altri motivi (non si trovano rotoli di erba, i giardinieri sono in sciopero, sullo stadio c’è una maledizione di qualche giardiniere risentito, ….)!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 11 mesi fa

      sul fatto del campo,la “tua” potrebbe essere una risposta,ma altre volte o almeno mi pare è già stato rizzollato e chi di dovere (si spera) ha dovuto pagare comune o Torino FC,io credo tocchi a quest’ultimo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  65. Pimpa - 11 mesi fa

    La questione fischi/non fischi è delicata e soggettiva,quindi per me vanno rispettate entrambe le scelte.
    Certo,vale una considerazione fondamentale della questione sottesa alla contestazione o meno:capisco lo schifo e la vergogna che si prova ogni volta che si vede giocare il Toro,però non dobbiamo dimenticare che non si può accusare,quindi fischiare,qualcuno per il fatto che è scarso,anzi scarsissimo,perché la colpa non è sua ma di chi lo compra.
    La unica e vera realtà è che oggi si fischiano questi calcianti,ieri se ne fischiavano altri e domani se ne fischieranno altri ancora perché la società da quindici anni è immersa in una polta mefitica di mediocrità dalla quale non esiste via di uscita.
    Abbiamo avuto tre allenatori da far vergognare e manciate di giocatori spacciati per grandi giocatori o addirittura fenomeni.
    Guardiamo la rosa attuale: tolto Sirigu,che potrebbe giocare in una qualsiasi delle squadre più forti d’Europa,e tolti Belotti Nkoulou e Ansaldi,che sono buoni giocatori e niente di più che non potranno mai giocare stabilmente in squadre migliori del Toro,gli altri sono totalmente inutili per raggiungere gli obbiettivi sbandierati perché sono giocatori modesti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. NEss - 11 mesi fa

      La gestione e’ un disastro, gli allenatori fanno vergognare e tolti 3 giocatori piu’ uno sempre infortunato gli altri sono troppo modesti per raggiungere gli obiettivi sbandierati, cioe’ il settimo posto la stagione scorsa e il sesto questa stagione.

      Viene da chiedersi come mai, allora, la squadra sia arrivata 7ema l’anno scorso, sia a 2 punti dall’obiettivo (ad oggi, ovviamente vedremo alla fine) e sia finita in EL anche con Ventura (situazione particolare, per carita’).

      Coerenza, onesta’ intellettuale e capacita’ di analisi sono merce rara di questi tempi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Dan - 11 mesi fa

        Non fare domande complicate su. Che poi i disadattati vanno in difficoltà.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  66. pennina - 11 mesi fa

    ma chi sarebbe ‘sto fenomeno…
    qualcuno gli ricordi che in questa “deriva inarrestabile” (cit), gradino dopo gradino, negli ultimi due anni si sta sui gradini più alti degli ultimi 30…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 11 mesi fa

      Basta accontentarsi e si manda giù di tutto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. pennina - 11 mesi fa

        non si tifa toro per i risultati – che poi come ho scritto quelli degli ultimi 2 anni sono i migliori dai tempi del mondo in qua…
        se te è a quelli che guardi, hai sbagliato squadra…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. miele - 11 mesi fa

          Mai parlato solo di risultati. Se vuoi conoscere il mio pemsiero, ti consiglio l’articolo di Manassero su Tuttosport di oggi.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  67. FS84 - 11 mesi fa

    Cassardo, sono d’accordo su tutto meno che su una cosa: con il potere che ha acquisito Cairo in Italia negli ultimi anni difficilmente si retrocederá.. il suo obiettivo é il centro classifica e questo ormai é chiaro, é ció che gli dá la giusta visibilitá come imprenditore senza mettere troppo mano al portafogli.. Cairo non é Preziosi, non é uno scemo, é un freddo calcolatore e proprio per questo rinforza sempre la squadra il giusto per farla galleggiare a metá classifica.. che poi questo non piaccia a noi tifosi é un altro discorso.. cosí come la contestazione allo staff tecnico e alla squadra che proprio adesso andrebbe assolutamente evitata.. Mazzarri, lo staff e i giocatori (molti dei quali con palesi limiti tecnici) fanno tutto quello che possono fare nei dintorni della mediocritá societaria.. FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  68. Toro Forever - 11 mesi fa

    Il Torino FC ha, tra gli altri, anche un enorme problema di comunicazione. Manca un vero “portavoce” capace di collegarsi con la stampa e con i tifosi, captando gli umori e le aspettative dell’ambiente Granata, interpretandone i sentimenti. Mutismo e rassegnazione non fanno che disorientare la tifoseria che si sente trattata come superflua se non anche “clandestina”. Il Toro è nostro. È bene che si sappia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  69. FORZA TORO - 11 mesi fa

    ma @ redazione si fanno alcuni articoli di cui francamente non si sente il bisogno,possibile non si possa cercare di chiarire,magari intervistando chi del mestiere, su quali sono o potrebbero essere le cause delle pessime condizioni del campo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 11 mesi fa

      mi scuso per essere andato fuori tema e preciso che l’articolo di questa pagina non è fra quelli che ritengo inutili

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 11 mesi fa

        Prendiamo atto , io invece lo ritengo utilissimo perchè mette ‘alla berlina ‘ le mancanze della società ancora una volta … visto che a quanto pare c’è gente che si ostina a non capire e non vedere cose che sono oggettive e sotto gli occhi di tutti .

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. FORZA TORO - 11 mesi fa

          hai letto male

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  70. OldBull - 11 mesi fa

    Certo quando il Toro era Il Toro, non c’erano questi problemi, la squadra era unita e i tifosi nemmeno si sognavano di dividersi in pro o contro… Quando il Toro era il Toro ogni tanto qualcuno poteva eventualmente dissertare su un cross leggermente lungo di Claudio Sala, su uno Zaccarelli un po’ troppo a testa alta… che il Giaguaro quel tiro magari poteva anche prenderlo, forse qualcuno si sarebbe cimentato in dissertazioni sul fatto che Casagrande contro il Real poteva anche farne un’altro o che Tarzan Annoni con quelle cavigliere bianche non era il massimo dell’eleganza sopratutto perchè di fianco aveva il Dandy Marchegiani. Erano personaggi questi normalmente molto eleganti che spargevano le loro “critiche” a una platea che li ascoltava distrattamente. Purtroppo il Toro ha smesso d’essere il Toro con la fine di Borsano, dopo una sequela di mezze calzette interessate solo al proprio tornaconto hanno via via dilapidato un patrimonio calcistico formidabile, unico. Siamo arrivati al punto che essere del Toro era diventato una disgrazia universalmente riconosciuta. Bisogna riconoscere a Cairo di avere ridato un minimo di dignità alla società, ma nulla più. Per forza la tifoseria è divisa, da una parte gli scontenti, normalmente i tifosi più anziani, quelli che il Toro vero l’hanno visto e non si rassegnano, dall’altra quelli che il Toro quando era il Toro non l’anno mai visto e allora si accontentano. Dato per certo che Cairo di più non farà mai e che la società non la venderà mai. Mala tempora currunt…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. suoladicane - 11 mesi fa

      hai scritto un bel commento! che quoto in toto, tranne il finale, il finale se vogliamo lo scriviamo noi e se vogliamo lo mandiamo via il presiniente ed i suoi inutili collaboratori (Benedetti e Tardito esclusi) SENZA VIOLENZA
      con la violenza e la forza delle idee, incominciando a non andare allo stadio, ed a non comprare le partite in tv, a non comprare i prodotti degli sponsor; vedi che se lo colpiscI nel denaro, si sveglia.
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  71. user-14554814 - 11 mesi fa

    Caro Cassardo. Lei rimane sempre una boccata d’aria seppure le sue parole riportino sempre e cque alla realtà delle cose. In merito alla sua nota in calce se fosse anche un attento osservatore del sito oltreché uno da me stimato contributore si accorgerebbe di una gestione a dire poco sovietica. Ma anche questo fa parte della mediocrità che attanaglia società e squadra. Per cui lo stupore è legittimo .

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  72. Mimmo75 - 11 mesi fa

    Condivido tutto tranne quando parla di puerilità di Mazzarri e dei giocatori. Sono vittime, punto. E tanti dovranno chiedere scusa. Fanno bene a chiudersi al Fila se il clima è questo. Mazzarri lo aveva aperto e alla prima occasione qualche fenomeno è entrato a rompere le palle. Giusto richiuderlo e tenercelo chiuso fino a quando i tifosi non la pianteranno di comportarsi, loro si, puerilmente. E bene fanno i ragazzi a non andar più sotto la curva, dopo essere stati fischiati ingiustamente per 90 minuti. Prendetevela con Cairo, è lui il problema. e chiedete scusa a mister e squadra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FS84 - 11 mesi fa

      Totalmente d’accordo.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. suoladicane - 11 mesi fa

      le vittime sono altro, poi non sai nulla di quello che è successo al FILA piantala di dire cagate, nessuno ha fischiato per 90 minuti; smettetela con questa sistematica disinformazione!!!!
      SFT

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Carlin - 11 mesi fa

      Mimmo,ma se Mazzarri venisse esonerato che fai? Siamo tutti curiosi di sapere,e,eventualmente aiutarti a superare la crisi

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. sergiovatta70 - 11 mesi fa

        Mimmo è Mazzarri. Se viene esonerato sarà uno tra i disoccupati più pagati al mondo ed avrà solo più tempo per scrivere qui….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Mimmo75 - 11 mesi fa

        Continuerà normalmente la mia vita. Stimo Mazzarri e lo dico ogni volta che posso così come fa chi non lo stima. Rasserenati. Conta il Toro, non Mazzarri o Mihajlovic o Cairo piuttosto che Cimminelli, Petrachi o Salvadori, Belotti o Sandor e chiunque altro ti possa venire in mente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. suoladicane - 11 mesi fa

          e allora perchè scrivi di cose con sai? perchè fai disinformazione?

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. sergiovatta70 - 11 mesi fa

      “alla prima occasione qualche fenomeno è entrato a rompere le palle” con questo cosa intendi, scusa? Definisci “rompere le palle”, prego.
      Chi va al Fila non può chiedere un confronto o anche lamentarsi di qualcosa?? Ma per favore….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. ddavide69 - 11 mesi fa

      beh… sono vittime….. mah

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. maisenzatoro - 11 mesi fa

      Buongiorno Mimmo75, io me la prendo con Cairo, e anche parecchio. Ma non è che se giochi partite indegne con squadre nettamente inferiori sia sempre e solo colpa di Cairo, della preparazione anticipata, della gestione ‘Nkoulu, del ds che manca, dei diesel euro 1/2/3/4 che inquinano. Forse qualche volta è anche colpa del mister e dei giocatori. Con tutte le colpe che ha Cairo ( e sono un Cairovatteneboys) non vorrei che diventasse il solo colpevole anche delle prestazioni orripilanti a cui abbiamo assistito. Sbagliano tutti ( e parlo di errori e non di scarso impegno) ma a quanto pare di errori ne fa solo e unicamente uno, Cairo. Scusa se mi permetto ma se scrivi che fa bene a chiudere il Fila se il clima è questo, io non credo che tu sia di Torino (e neanche vicino) perchè il clima (sportivo) che c’è a Torino per i nostri milionari beniamini ti assicuro che sia molto vivibile (non hanno la minima idea di cosa sia una contestazione). Concludo dicendo che Cairo, Mazzarri e i giocatori prendono i soldi dal Torino, i tifosi li danno. Fai un po’ tu chi siano le vittime. Punto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Mimmo75 - 11 mesi fa

        Certo che sbagliano anche i calciatori e Mazzarri ma chi ha mai detto il contrario? Ma un conto è gestire scientificamente in un certo modo la società, altro errare ogni tanto una scelta o una giocata in assoluta buonafede.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. maisenzatoro - 11 mesi fa

      Un’ ultima considerazione. Io pago abbonamento al Torino a prescindere (per lavoro non riesco ad andarci sempre), pago abbonamento tv, pago merchandising e spendo tempo per seguire la squadra.
      Dopo aver visto la presidenza di questi ultimi 15 anni, dopo aver visto partite perse indegnamente a causa di TUTTO il Torino Fc, e come me tanti altri tifosi, tu scrivi che tanti dovranno chiedere scusa….. Io da sostenitore del Torino vorrei sentire UNA VOLTA Cairo chiedermi scusa, UNA VOLTA Mazzarri chiedermi scusa e UNA VOLTA i giocatori chiedermi scusa. E questo, ripeto, vale per tutto il Torino fc.
      Se scrivi dopo aver fischiato ingiustamente per 90 minuti sono altresì sicuro che tu allo stadio non eri presente, perchè nessuno ha fischiato per 90 minuti nessuno e quindi alla fine della partita, caro giocatore del Torino fc. dopo che ho pagato per vederti giocare, e anche dopo un clima sportivo freddo verso di te, tu come giocatore stipendiato da me, ci vieni sotto alla curva, e ti prendi gli applausi o i fischi (hanno più palle gli attori a teatro, alla fine dello spettacolo la faccia la mettono sempre).
      Sirigu e Belotti : a me piacete tantissimo, vi adoro, ma fate due chiacchiere con Bucci e Ferrante. Loro venivano a chiarire faccia a faccia con noi tifosi alla Sisport, dopo contestazioni che voi manco sapete cosa significhino, e non davanti ai microfoni. Sono ancora vivi e vegeti tutti e due.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. Giaguaro 66 - 11 mesi fa

      Mimmo scusami ma in occasione di Torino Genova di coppa Italia mi hai risposto che non vai allo stadio a vedere il Toro perchè abiti (in Italia) a oltre 2000 km da Torino…e già qui mi viene da ridere visto che l’Italia è decisamente più corta…quindi a questo punto smettila di scrivere per sentito dire e abbi un po’ di rispetto per quegli anziani tifosi in pensione che vorrebbero andare a vedersi gli allenamenti al Filadelfia e che hanno tutto il diritto di criticare un allenatore che fa letteralmente cagare

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  73. FORZA TORO - 11 mesi fa

    apprezzo anche la precisiosazione finalema io non dubitavo fosse diversamente,pur non concordando sulla maggioranza dei suoi articoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. FORZA TORO - 11 mesi fa

      ahah precisazione ovviamente

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  74. OldBull - 11 mesi fa

    Certo quando il Toro era il Toro, non c’erano

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  75. FORZA TORO - 11 mesi fa

    si può essere o meno d’accordo con tutto ciò che è il “contorno” di ciò che dice Cassardo,ma sul nodo cruciale,mi pare che sia normale buon senso

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  76. Policano - 11 mesi fa

    Mazzarri fuori dai coglioni!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy