Le tre partite della verità

Editoriale / Amplissima forbice qualitativa tra rossoneri e granata. La salvezza del Torino passa dalle prossime tre giornate di campionato

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

Sarebbe molto limitante ricondurre l’esito di Milan-Torino ai due episodi da rigore/non rigore su cui l’arbitro Maresca ha cambiato idea – sempre a sfavore del Torino – dopo essere stato richiamato dal Var. Il risultato è figlio, più in generale, dell’enorme gap qualitativo tecnico e morale tra una squadra con struttura, autostima e identità, il Milan, e una che naviga a vista, come il Torino di oggi. Del resto dopo 17 giornate la classifica non mente. Non può non aver colpito in negativo il primo tempo dei granata, che hanno giocato senza personalità, compattezza e ordine tattico, fermo restando l’assoluto valore dell’avversario. Nel secondo tempo si è visto poi un Torino capace sì di alzare il baricentro e di mettere un po’ di pressione al Milan, ma praticamente mai in grado di calciare verso la porta. Il che può far sospettare che siano stati i rossoneri a decidere di allentare i ritmi, riuscendo a gestire i tentativi granata senza patire più di tanto.

LEGGI: Le pagelle di Milan-Torino 2-0

La cronica mancanza di qualità del Torino si è palesata ancora una volta. Ora è in vista il re-match tra Milan e Torino per una Coppa Italia che a questo punto dalla sponda granata – senza nulla togliere al valore della competizione – può essere vista quasi come un impiccio e uno spreco di energie, se si pensa che incombe il triplo scontro diretto contro Spezia, Benevento e Fiorentina che senza dubbio indirizzerà in modo determinante la corsa salvezza. Sarebbe bello, e utile, che il Torino giocasse queste partite con almeno un paio di acquisti in più tra centrocampo e attacco che siano in grado di dare un’iniezione di qualità a questa squadra.  La società è chiamata a fare qualcosa per aiutare il proprio allenatore e dimostrare alla propria piazza di voler fare tutto il possibile per evitare l’irreparabile: Spezia e Benevento sono più che vive, il Genoa con Ballardini si è rialzato, il Parma ha ritrovato D’Aversa che ha saputo già fare molto bene in quella piazza. Ci vogliono le contromosse anche da parte del Torino.

124 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Schiffer - 2 settimane fa

    Tre partite nelle quali se va bene, ma bene bene, faremo 4 punti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Angelo - 2 settimane fa

    pingi,condivido in pieno il tuo pensiero,quando leggo anche che un miliardario russo vuole comprare il pisa,mi vengono i brividi,ma perchè se di più non puoi fare non vuoi vendere.Cairo sei ipnotizzato?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Toroperduto - 2 settimane fa

    Purtroppo io per quest’anno mi sono già messo il cuore in pace, eravamo da retrocessione prima di iniziare come dissi a suo tempo e a maggior ragione lo siamo adesso.
    Si fa l’errore di continuare a dire che abbiamo gli uomini per salvarci.
    No non li abbiamo perché è una rosa viziata da dentro e non la raddrizzi quando hai problemi endemici che ti trascini dietro.
    Forse con 4 giocatori di livello o forse con un altro allenatore che tocchi i tasti giusti ma dopo il susseguirsi di allenatori non ci credo più.
    Per questo non accuso Giampaolo anche per non fare il gioco della proprietà di questa squadra, chiamarlo presidente mi fa abbastanza ribrezzo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. altoro - 2 settimane fa

    Personalmente condivido il pensiero del Direttore di ToroNews in quanto si tratta di un trittico verità che avrà un peso enorme per valutare le concrete possibilità di salvezza della formazione granata. Nel mio animo, allo stesso tempo innamorato e frustrato di inguaribile tifoso del Vecchio Cuore Granata auspico sette punti ossia la vittoria interna contro lo Spezia e gli altri quatto punti da conseguire assolutamente in modalità sostanzialmente indifferenti, in considerazione che la matricola Benevento è una buona squadra, compatta e organizzata, ma ha una difesa assolutamente vulnerabile per cui in Campania occorre puntare al successo pieno. Personalmente ritengo che un bilancio inferiore ai sette punti nelle prossime tre partite-verità rende assolutamente in salita e complicato l’intero girone di ritorno. Nel frattempo chissà se la Società granata sarà intervenuta sul mercato riparatore di Gennaio liberandosi dei rami secchi, nella fattispecie Zaza e Meitè, e ingaggiando il regista di centrocampo, a questo punto è auspicabile anche il trentaquatrenne danese ,lo svincolato Schone, infatti pare che l’uruguagio Torreira sia un sogno proibito … , e la nota punta da affiancare al “Gallo” Belotti, presumibilmente Kouamè della Viola … . La finestra invernale di mercato si chiude tra tre settimane, il prossimo 1° Febbraio, e di fronte al sostanziale immobilismo della Società granata registrato durante la prima settimana di mercato, è legittimo porsi la domanda se il patron Cairo abbia effettivamente compreso che per l’attuale organico a disposizione del tecnico Giampaolo lo spettro all’orizzonte di scivolare la prossima primavera in Serie B è assolutamente concreto e tangibile … . Amen. Alè TORO !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. anci - 2 settimane fa

    Non avrei MAI immaginato di dire : Vorrei tornasse Ventura …però è cosí

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. il mio idolo Agroppi - 2 settimane fa

      io non mi dimentico il gesto del tagliagole del water genovese e il tarttamento inferto a Bianchi nella partita del suo addio al Toro , ottimo conoscitore di calciatori tanto che potrebbe essere un ottimo uomo mercato ma pessimo elemnto e troppo pallone gonfiato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Bischero - 2 settimane fa

    Sartori… Ma quando inizi ad aprire gli occhi. Fai talmente tante bave con la lingua che serve una ciotola per raccoglierle…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 2 settimane fa

      Ha aperto altro…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. pingi - 2 settimane fa

    lettera aperta al presidente URBANO CAIRO, sig presidente è giunta ora di dirci cosa vuole fare del toro: è commissionato da qualcuno per far fare al toro unna brutta fine? guardi che la verità prima o poi verrà fuori e se cosi è non le poterà nessun vantaggio, oppure se è unna mia fantasia mi spiega perchè non si fa unna domanda ma ha senso continuare a sperperare denaro senza alcun ritorno ma perchè non molla il toro ci dica almeno perchè se le sue intenzioni sono di portare il toro almeno in EUROPA le devo dire che non ci ha capito nulla perchè è veramente assurdo il suo comportamento quindi o molla o rilancia questa volta sul serio altrimenti lasci il toro a chi il toro lo ama veramente, prego la redazione di recapitare questa lettera al presidente URBANO CAIRO il quale ci deve una risposta se si ritiene una persona seria e rispettabile in attesa di una sua cordiale risposta forza toro sempre

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. sandro - 2 settimane fa

    Ragazzi parliamoci chiaro: se gruppi come Suning o Elliot hanno problemi di liquidità Cairo è alla canna del gas(ma forse non ha pagato la bolletta e si salva) ed in più di suo nemmeno ci aggiunge nulla. A ciò aggiungiamoci un DS che comanda quanto il due di denari con bastoni a briscola….mentre si gioca a Ramino, poi un allenatore che francamente non ci sta a capire più nulla…….l’unica soluzione e vendere adesso il vendibile e retrocedere con il malloppo e qualche giovane….ma secondo voi un Singo in B rimane? Al limite Buongiorno, Segre e pochi altri il resto va in fuga immediata. Il Covid ci salva perchè nessuno ha soldi se no erano già tutti volati via.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. miele - 2 settimane fa

    La corsa alla salvezza, o più precisamente verso la B è già ben indirizzata. Come giustamente mi faceva notare ddavide ieri sera, tra girone di ritorno dello scorso campionato e l’andata di questo, si arriverà a malapena a 26/27 punti totalizzati che sarebbero una condanna indiscussa ad una retrocessione ignominiosa ed anticipata in ogni campionato. E verrebbe da aggiungere, ampiamente meritata da questa società inetta, inqualificabile, a danno degli appassionati tifosi. Come la scorsa stagione, anche adesso si rinviano decisioni fondamentali come il cambio di allenatore e l’adeguamento dell’organico, sempre in attesa della prossima partita. Ma non è sufficiente un intero campionato disastroso per constatare il livello penoso della squadra? Cosa deve ancora accadere? Purtroppo, penso che si seguirà il consueto copione, con la logica, scontata conseguenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 settimane fa

      Infatti è questo che fa incazzare. Decisioni zero. In oltre un anno non si è cambiato registro, come si possono mutare gli equilibri se non fai un cazzo per migliorare? Che mi serve Vagnati ammesso che sia bravo se non gli dai il budget necessario? Cosa serve prendere l ennesimo allenatore da 2 milioni a stagione se non gli prendi i giocatori? Da anni da noi , hanno lo stipendio più alto gli allenatori dei giocatori più pagati, ci vanno loro in campo? Sarà mica normale! In 2-3 arrivano a 2 milioni . Le merde pagavano allegri 7 milioni all anno , ora pirlo ne prende 2 e arriva 4. Come mai? Eppure loro continuano a vincere scudetti e non vincono la champions, perché? Perche in campo ci vanno i giocatori , e quelli li devi pagare e pure bene se vuoi i migliori.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ddavide69 - 2 settimane fa

        4 li prendeva sarri.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. pieffe6_12241756 - 2 settimane fa

    e sia chiaro che in Serie B lascerò che la “tifi” qualcun altro.
    Io ho già dato!

    saluti a tutti e FORZA TORO (possibilmente diverso da questo)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. pieffe6_12241756 - 2 settimane fa

    Terminare il girone di andata con almeno 16 punti e partire con una vittoria nel girone di ritorno.
    Questo è quello che ci serve per poter avere ancora qualche chance di salvezza.
    Ma ho paura che non sarà così e continueremo a sperare nella “prossima partita” fino a quando la matematica sancirà la nostra retrocessione e amen.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Contrabbasso Granata - 2 settimane fa

    Se si affrontano la prima e la terz’ultima il risultato è, generalmente, scontato.
    A meno che non si ritengano una, o enttambe le posizioni in classifica, bugiarde.
    Ieri abbiamo perso perchè loro sono un po’ più forti, molto più in fiducia e molto più in forma.
    E abbiamo perso perchè se gli episodi controversi volgono a sfavore, perdi. E basta. Non abbiamo giocato peggio di quanto non abbia fatto il Milan, perchè se loro in mezz’ora di dominio fanno 1 tiro in porta e un rigore dubbio, vuol dire che ti difendi bene, anche considerando l’effettiva difficoltà riscontrata.
    Il mercato per me deve portare un centrocampista e un attaccante (più il primo del secondo).
    Ma la rosa è da salvezza.
    L’unica cosa che imputo a Cairo è che deve farsi sentire con gli arbitri, perchè quest’anno abbiamo visto di tutto, e con questa cose (chr cominciano a essere inquietantemente frequenti) non è possibile salvarsi.
    Quest’anno serve a far partire un nuovo corso, dovevamo salvarci tranquillamente e pianificare la prossima. Purtroppo sta andando peggio, e non possiamo permetterci di essere sempre penalizzati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toroperduto - 2 settimane fa

      Purtroppo quando una squadra viene allenata da tre allenatori diversi ed il risultato è sempre lo stesso vuol dire che la rosa non è all’altezza, magari non come valori assoluti, ma per quello che può dare nel suo contesto si.
      Purtroppo retrocederemo come era ampiamente preventivabile

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Contrabbasso Granata - 2 settimane fa

        Il fatto è che la squadra è diversa.
        Noi abbiamo Singo, Rodriguez, Gojak, Bonazzoli, Vojvoda, Lyanco (non giocava mai) e Linetty. Abbiamo Segre e Murru. È un’altra squadra.
        Da quando abbiamo cambiato modulo concediamo poco. Ieri eravamo contro i primi in classifica e abbiamo preso una traversa e subito due episodi dubbi.
        Questa partita arriva dopo una serie positiva di 4 partite con 3gol presi.
        Ne usciremo, ma abbiamo bisogno di episodi veri, di un minimo di tutela e serietà

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Alfredo - 2 settimane fa

          Patetico

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. PotenzaGranata - 2 settimane fa

          Questa è la migliore della settimana….!!!

          Nel cosiddetto “palazzo” e a livello arbitrale considerano e stimano di più la donna delle pulizie che il mandrogno mercenario e farbautto al quale, perlatro, le cose stanno benissimo così.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        3. Toroperduto - 2 settimane fa

          Scusa ma stai scherzando?
          Rodriguez, bonazzoli, conocchia Vojvoda gojak sono titolari?
          E soprattutto pensi davvero siano forti?
          Ma la storia non ci insegna nulla?
          Vomitate tutto contro Giampaolo così come contro Mazzarri come contro Longo e contro il prossimo

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 2 settimane fa

      Noi non siamo mai in forma , da 2 anni quasi…chissà perché… e soprattutto chissà perché belotti è sempre in forma tolta qualche partita dove è un po stanco per dover difendere , cercarsi i palloni a centrocampo, farsi i cross e colpire di testa in area

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. sandro - 2 settimane fa

    Immagino stamattina in società: Cairo telefona a Comi ” Antonio che faccio lo esonero?” ” ma aspetta che chiamo Vagnati” abbassano e Comi chiama Vagnati” ehi tutto bene? Cosa facciamo?” ” Guarda io sono a Ferrara a comprare dei tortelli di zucca da fine del mondo ma ora chiamo GP e mi faccio sentire ” Vagnati chiama GP ” a giamp ma che stiamo combinando?” ” secondo me abbiamo dominato con il Milan ma gli episodi………sentiamoci dopo che sto comprando degli arrosticini fantastici” a quel punto Vagnati fa video call con Cairo e Comi” sentite vorrei esonerarlo ma azz mo torna con gli arrosticini io con i tortelli……che famo buttiamo tutto?” Cairo in pvt con Comi ” Antonio se troviamo 2 bignè…….ci risparmiamo una cena’ Comi ” adesso ricatto la Appendino e dico o i bignè o il Ronaldo!” E la storia continua……..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Nero77 - 2 settimane fa

    Ancora 3 partite?Se questa non è una retrocessione pilotata poco ci manca!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. sandro - 2 settimane fa

    Allora…mai pensato a male però adesso stop: società inesistente, giocatori che mangiano in auto quando il momento pranzo è un modo per fare gruppo. Sala relax inesistente : non dico Milanello o altri centri all’avanguardia ma azz un piccolo centro tipo Novarello o Collecchio e proprio impossibile da avere? Ma questi ragazzi tra di loro parlano e sai che risate che si fanno.Ciò che salva Cairo è che è puntuale con gli stipendi. Il Carpi ha un centro sportivo migliore del nostro…….d’altronde basta guardare il Robaldo:con la Gazzetta tua 2 prime pagine ed il comune smolla ma se tu sei il primo a cui non frega nulla nulla otterrai.In fondo le merde è vero che hanno ricevuto la continassa in omaggio ma 1 giorno dopo già costruivano noi se il comune libera il Robaldo staremo 10 anni per decidere dove comprare la sabbia ed il cemento, immaginate se poi bisogna progettare. Andiamo a chiedere i container alla Fatebenefratelli? I risultati di squadra poi alla lunga sono una conseguenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. abatta68 - 2 settimane fa

    Sartori l articolo è giusto, ma non si può credere che, anche arrivassero tre giocatori migliori di quelli che abbiamo, questi siano in grado di presentarsi in campo senza neanche aver avuto il tempo di disfare la valigia! Queste tre partite sono fondamentali per salvarci, ma le giocheremo con la solita formazione, priva delle cessioni di gennaio, edera, millico, meitè e probabilmente anche di zaza e nkoulou. Il piano di preparazione per la serie B è già iniziato e se non si riuscisse a fare almeno 7 punti nelle prossime 3 partite il piano diventerebbe quasi definito. Come dico ormai da tempo, ora siamo alla 54esima giornata di un incubo infinito, vedremo a febbraio se ci saranno ancora possibilità o se metteremo sopra la pietra tombale ad una serie A che non compete ad una società giovane come la Cairese.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. FORZA TORO - 2 settimane fa

    di queste due partite con il milan,l’unica cosa che mi spiace è che dobbiamo giocarle,il risultato è scontato visto la nostra pochezza e sommata a questa l’inutile stancarci potrebbe pesare contro lo spezia PS ci credevo così tanto che ho visto il risultato questa mattina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. nonnogranata - 2 settimane fa

    Temo che anche l’acquisto di 2/3 elementi, per quanto buoni se riusciremo (o vorremo) trovarli, non servirà più di tanto, perchè è già troppo tardi, avrebbero bisogno in ogni caso di ambientarsi con il resto della squadra e di tempo ormai ce n’è poco.
    Non stiamo a ricordare i motivi di questa classifica deficitaria (gli errori arbitrali, le incredibili rimonte avversarie etc…) l’attuale Toro è nel suo insieme, oggettivamente, di scarso livello tecnico, e anche sul piano del temperamento mi pare aver smarrito i connotati.
    Colpevolmente non ci siamo adeguati al calcio moderno, insistendo con giocatori semplicemente inadatti.
    Oltre tutto, se Il compito di un allenatore dovrebbe essere quello di cavare il buono possibile dalle rape, non ci siamo proprio : anche qui, lo ammetto a malincuore perchè finora ho sempre credito in Giampaolo, siamo in ritardo.
    Il primo tempo di ieri sera è una foto impietosa della nostra pochezza nel tenere il campo; spero ancora nei prossimi tre incontri, ma sia Spezia che Benevento suppliscono alla mediocrità dell’organico con l’applicazione, la corsa, e lo spirito di sacrificio.
    La differenza sta qui : qualcuno dice “saremo determinati, saremo concentrati sull’obiettivo, saremo…”, qualcun altro lo è.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Aca Toro - 2 settimane fa

    un mio amico milanista aveva previsto tutto con il maestro finite in b sicuramente. al di là del fatto che mi stia simpatico i numeri lo inchiodano. la rosa per quanto schifo faccia almeno mi aspettavo di giocarmela con il Benevento invece no … quest’ultimo ci stacca di ben 9 lunghezze … NOVE!!.. bei tempi quando si contestava (non io) i tre punti portati a casa ma giocati male.. ora per fare 3 punti bisogna affidarsi agli dei ma va bene così all’ambiente piacciono i perdenti nati e così sia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. fila70 - 2 settimane fa

    tanto vale andare in B e sperare che questa persona che ha rovinato tutto se ne vada, tanto cosa sperate che succeda a Gennaio? che arrivino giocatori forti? illusi….continueremo a fare figuracce in giro per l’Italia, a prendere schiaffi da chiunque grazie ad un Presidente incapace a cui del Toro frega poco o niente.
    Solo per fare un esempio….avete visto gli stadi vuoti? la maggior parte sono stati loghizzati con stendardi e bandieroni, il nostro abbandonato a se stesso, il re del marketing non sa neanche rendere “granata” la nostra storia.
    Un buffone patentato, maledico il giorno in cui è venuto al Toro, a renderci uno zimbello davanti a tutti.
    Che schifo!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. PotenzaGranata - 2 settimane fa

    Sartori, glielo dico un’ultima volta: cambi registo e dimostri di essere un giornalista con gli attributi, anzichè un lacchè del padrone.

    La storiella delle “partite della verità” è solo una squallida scusa, trita e ritrita da ormai un paio d’anni, per distogliere lo sguardo dal vero e unico responsabile di questo scempio inenarrabile, personaggio che lei non ha nemmeno il coraggio di pronunciare nei suoi articoli, MAI.

    Dunque mi faccia la cortesia: o ci mette gli attributi e punta il dito sul mandrogno e sui suoi servi in organogramma, oppure eviti di pubblicare questi articoli e, soprattutto, cambi mestiere.

    Saluti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Toronelcuore - 2 settimane fa

      Applausi al tuo commento. Ti stimo fratello. FVCG

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. PotenzaGranata - 2 settimane fa

        Grazie Fratello.

        Veramente non se ne può proprio più di leggere questi articoli squallidi e superficiali, i quali provengono sempre e solo dalla medesima persona.

        Va bene che un dipendente non deve certamente sputare nel piatto in cui mangia, ma alla pubblica decenza e all’evidente servilismo c’è un limite.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. rolandinho9 - 2 settimane fa

    Ci si salva con le vittorie, i pareggi non servono a niente, dobbiamo giocare spregiudicati come a inizio anno, dove raccoglievamo poco per fragilità mentale e calendario difficile, se siamo attendisti col 352 o é b o ci salviamo con 30 punti…
    Compriamo partner per Belotti di livello come Lasagna o Okaka e regista, passiamo a 4 possiamo vendere pure Izzo se ha mercato per finanziare il regista. Ma muoviamoci, le altre di muovono. Torregrossa alla Samp che ha già Quaglia Keita Gabbiadini La Gumina Ramírez in reparto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Mario66 - 2 settimane fa

    Cairo è sicuramente incapace ma il Toro in B vuol dire bussines finito. Allora perché tanto accanimento?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 2 settimane fa

      Ma tanto non spende nulla, lo tiene come passatempo, poi il giorno che qualcuno glie ne tira una sul grugno allora forse capirà che ha esagerato…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ddavide69 - 2 settimane fa

      Così vende belotti , si prende 50 milioni. E speriamo poi SI LEVI DAI COGLIONI!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Mario66 - 2 settimane fa

    Ieri si è visto molto chiaramente (ma in realtà lo sanno ormai anche i sassi) la mancanza di qualità globale della squadra. Ma l’atteggiamento imperturbabile di Cairo mi sconvolge più della mancanza di qualità.
    Qual’è il suo obiettivo vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 2 settimane fa

      Non è questione di obiettivo o chissà cosa. Come scrivo sotto, è uno che non sa decidere e non deciderà nulla. Per fare finta di avere fatto qualche cosa butterà altri soldi negli ultimi giorni come sempre fatto.
      Uno con un po’ di visione avrebbe fatto fuori Comi da almeno 5 anni, avrebbe preso il top dei DS e con lui deciso un allenatore in grado di programmare. Avete visto qualche cosa che si avvicini?
      Comi ancora lì a fare non si sa cosa.
      Il povero Moretti alza i cartelloni delle sostituzioni
      Abbiamo un DS semi sconosciuto e considerato zero nell’ambiente
      Cambiamo allenatori come calzini e non diamo loro fiducia, che vuol dire vendere e comprare secondo loro richieste.
      Zero assoluto!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. LeoJunior - 2 settimane fa

    Il nostro problema è che siamo finiti nelle mani di un finto imprenditore che, come tale, non sa prendere decisioni giuste, ne’ direttamente ma tanto meno scegliendo persone valide. Ma questo perché, attenzione, non è un vero imprenditore ma è figlio del nostro Paese e del settore in cui opera. Non siamo un Paese liberale e trasparente. L’editoria è sempre stata centro di potere e secondo voi il più grande gruppo editoriale italiano finisce nelle mani di un signor seminessuno, a caso? Hanno scelto uno che ci sapeva fare con i giornaletti e grande tagliatore di costi e l’hanno messo lì per evitare che ci finissero altri… Cairo non ha mai dato dimostrazione di saper sviluppare i business. I giornali così erano e così sono rimasti. La7 idem. Ma di cosa stiamo parlando? Idee zero, strategie zero. Con il Toro ci ha provato da solo e si vedono i suoi limiti.
    Non ci sono complotti o malafede, purtroppo è solo incapace. Non decide e se decide lo fa fuori tempo, male e senza strategia

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ddavide69 - 2 settimane fa

      Inoltre intorno a lui ci sono solo yes men del cazzo che servono come teste di legno superpagate.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  26. cmundic_13652393 - 2 settimane fa

    Secondo me uno dei problemi di questa squadra è rappresentato (detto chiaramente tra molte virgolette) da Belotti. Può sembrare un paradosso vista la generosità e la prolificità del Gallo (100 ed oltre goal sono a lì’ a dimostrarlo) ma solo fino a un certo punto e mi spiego meglio. Quante volte nel corso di una partita prendiamo punizioni per falli da dietro su di lui ? Tantissime e tutte queste sono frutto di scelte di passaggio sbagliate o forzate su di lui (sulla qualità di chi deve smistare il gioco si aprirebbe un altro capitolo a parte) e situazioni di gioco in cui siamo rivolti verso la nostra porta anziché quella avversaria. L’azione muore sul nascere o si riparte da dietro senza mai offendere. Le poche volte in cui ciò non accade e viene servito in verticale vengono fuori le lacune tecniche con passaggi e soluzioni sbagliate o cariche a testa bassa per andare a fare la guerra contro più avversari e cercare il tiro anche quando contrastato che vengono amplificate in questa fase di (giustamente dopo lo sbattersi di tutti questi mesi senza mai rifiatare) scarsa forma fisica. Con questa sua generosità (a volte mal spesa) si è diventati Belotti dipendente ed il gioco sempre incentrato su di lui. Così facendo la fluidità del gioco ne risente e forse, non troppo inconsciamente, in questi anni la squadra si è ripiegata su se stessa e deresponsabilizzata. Più nessuno fa un movimento senza palla ci si affida sempre su di lui nella speranza che prenda un fallo, porti su la palla, tenti il tiro, faccia insomma tutto lui. Questo non accade nelle poche occasioni in cui non gioca e tutti cercano (al di là di tutti i limiti qualitativi che la squadra palesemente ha) di dare il loro contributo. L’ottima ora giocata con l’Inter con uno sviluppo più verticale del gioco in cui lui era assente ne è una dimostrazione. Ora non si chiede di fare a meno del Gallo (che Dio ce lo preservi a lungo) ma solo di sfruttarlo come finalizzatore (così come accade peraltro in Nazionale) e non catalizzatore di tutto il gioco per far sì che tutta la squadra si muova in un certo modo e non solo e sempre rivolta alla nostra porta, e i suoi compagni non stiano fermi ad attendere che il capitano tolga sempre le castagne dal fuoco.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. LeoJunior - 2 settimane fa

      Non so se hai letto il mio post un bel po’ più sotto. Più o meno dico le stesse cose. Gallo è e sarebbe un valore aggiunto in una squadra comunque forte. Per noi è un lusso che diventa problema nel momento in cui tutto gira solo intorno a lui. Ovviamente non va messo in discussione lui ma lo squilibrio tra lui e il resto della squadra. Ed è talmente centrale per noi che non ci permettiamo nemmeno di sostituirlo quando sarebbe necessario.
      Io facevo anche una valutazione sull’opportunità economica di tenerlo. È doloroso ma sarebbe la decisione più giusta. Ma dei veri manager sono quelli che decidono, anche sbagliando. Non lo sono quelli che pur di non sbagliare non decidono. Ma da noi i manager non esistono.
      Nel mio post facevo una provocazione, anche se non realizzabile per diversi motivi: se ci prendiamo 50 milioni del Tottenham ci compriamo Milik, Papu e Torreira….
      Chiudo: tenere il gallo sembra il comportamento di quelle famiglie nobili ormai in disgrazia che non vogliono vendere il palazzo di famiglia per comprarsi trattori e macchinari per lavorare la terra. Doloroso ma va fatto altrimenti perdi la terra e il palazzo, comunque. E lo devi pure svendere….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. leggendagranata - 2 settimane fa

      Condivido la tua analisi. Anch’ io ammiro molto Belotti (e chi non lo ammirerebbe), ma ieri ad un certo punto della partita Tiribocchi, commentatore di Sky si è lasciato scappare: “Ma che ci fa lì Belotti? Se sta lì non serve…”. Non si può giocare con un Belotti che si spompa facendo il tuttofare (clamoroso il fatto che sul rigore sia intervenuto lui su Diaz nella nostra area) è come gettare una perla ai porci.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Toroperduto - 2 settimane fa

      Siamo Bellotti dipendenti non per scelte tattiche.
      Se hai giocatori scarsi in squadra non proveranno mai a fare giocate tra di loro ma passeranno sempre la palla al più forte che abbiamo Bellotti.
      Non solo ma questo non spiega certo le nostre prestazioni il pressing assente i gol subiti ecc.
      Quando ci si rassegnerà al fatto che la squadra è fatta male e con contenuti tecnici pietosi?
      Se Verdi non salta mai l uomo sarà già il problema tattico Belotti?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. abatta68 - 2 settimane fa

      Se vendi belotti questa società perde pure le mutande! Ad oggi è l unico che ci crede ancora, pensa a cosa gliene può fregare a papi Gomez di venire a giocare qui, se non per un mega contratto di un anno e via! Belotti è il capitano del toro ed è il motivo per il quale la gente andava allo stadio… quando sarà possibile tornarci, dubito che i tifosi lo faranno per andare a vedere bonazzoli centravanti. Se belotti parte vuol dire che si muore con tutti i filistei!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. suoladicane - 2 settimane fa

      Belotti con Lijaic e fFalque ha fatto 24 goal in campionato. E stato scientificamente smontato un attacco validissimo senza rinforzare adeguatamente il centrocampo e senza affiancargli un partner degno. Incompetenza menefreghismo superficialità ed improvvisazione questa è la cairese
      Cairo vattene

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mozzer - 2 settimane fa

        Mi hai rubato il commento!
        Con due a fianco a fargli l’assist rende al massimo, non ci vogliono Klopp o Guardiola a capirlo.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  27. leggendagranata - 2 settimane fa

    Temo le “contromosse” del Torino (inteso come società); ne ricordo alcune: dai lontani D’Aiello, Statella e Barusso, ai più recenti Ajeti e Carlao. C’ è qualche squadra disposta a disfarsi di un regista con i fiocchi, un terzino sinistro valido o una seconda punta veramente efficace? Purtroppo non è vero che di soldi non ne siano stati spesi per questa campagna acquisti; è vero che sono stati presi giocatori mediocri, mediocrissimi e che i due che andavano gettati subito nella mischia, uno ha scaldato la panchina per 7 giornate (Singo) e l’ altro (Segre) la scalda ancora. Poi ci sono quelli che probabilmente se ne andranno, ma se cedi ‘Nkoulou e Zaza devi sostituirli con giocatori migliori e abbiamo visto, ad esempio, come sia ancora acerbo Bonazzoli e a volte poco affidabile Lyanco. Ci vuole gente in grado farci fare il cosiddetto “salto di qualità”, da prendere in Italia o all’ estero, non è facile e i costi sono elevati. Vorrei tanto sbagliarmi, ma un amico fiorentino mi ha messo in guardia anche da Kouame, che dopo la rottura del crociato del ginocchio non sembra tornato quello di prima al Genoa. Adesso abbiamo le ennesime “partite della verità”, ma non lo erano anche quelle contro Bologna e Verona? Andando avanti così arriveremo alla fine del campionato con una sola verità: la retrocessione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  28. Junior - 2 settimane fa

    Le prossime tre partite non diranno sulla possibilità di salvarci, piuttosto se GP verrà esonerato per forza di cose o no.
    Non servono tre partite per capire cosa è la squadra e dove siamo indirizzati se le cose non cambiano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. abatta68 - 2 settimane fa

      Il problema è che dopo queste partite verrà chiamato longo e stavolta altri 11 punti non serviranno a nulla!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  29. DNAbul - 2 settimane fa

    Ma dovessero arrivare 2/3 nuovi acquisti, siamo certi che possano essere utili in una squadra così immotivata?
    Alla fine sono loro che scendono in campo e se non ci credono più neanche loro… credo siamo ai titoli di coda. The End.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Junior - 2 settimane fa

      Non credo la squadra sia immotivata, il secondo tempo di ieri lo ha dimostrato. Siamo solo troppo scarsi.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  30. rza78 - 2 settimane fa

    La verità è che quel porco incapace maledetto ci sta riportando da dove ci aveva presi. Speriamo che sia pervchiudere il cerchio della peggior gestione societaria della nostra storia. Se la b servisse per ripartire da zero e zero significa via anche questi 4 burattini che fanno finta di essere i dirigenti o merde inutili come vagnati io firmerei oggi stesso. Ma è un sogno che non si realizzerà. Di certo non ho mai odiato nessuno come questa nullità di che sgrsnocchia noccioline mentre il Toro affonda

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  31. roby.1974 - 2 settimane fa

    La barca sta affondando….si salvi chi può!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  32. BO - 2 settimane fa

    ho aspettato molte ore prima di esporre il mio pensiero ma questo non è cambiato: presidente da B, collaboratori da B, allenatore da B, mezza squadra da B TUTTI portano solo alla serie B

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  33. CLAUDIO - 2 settimane fa

    Ma da quanto tempo ormai le nostre partite sono sempre decisive? Per non retrocedere…… Grazie presiniente

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  34. Robertina - 2 settimane fa

    secondo me l’uomo non ha superato il trauma dell’esonero dal Milan……. le sue affermazioni sono farneticanti:

    questa sqaudra ha bisogno di un esorcista

    questa squadra ha la melma nella testa

    Zaza’ e’ un giocatore forte e si allena bene……

    siamo sicuri che sta bene? pover’uomo……………..

    che non abbia il carisma, l’atteggiamento e la garra dell’allenatore da Toro e’ palese…….. cosi’ dimesso, senza personalita’, in balia di un incubo che si chama esonero… che il cielo ci aiuti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  35. GlennGould - 2 settimane fa

    Abbiamo già la verità.
    La verità è il primo tempo di ieri sera.
    La verità sono i punti in classifica, i dati, ed ancora di più una squadra che non ha le palle per lottare per retrocedere, tantomeno la qualità per lottare per qualcos’altro.
    Serve correre ai ripari subito,
    comprando quantomeno una seconda punta forte e sostituire immediatamente l’allenatore.
    Andare in serie b quest’anno con il presidente che ci ritroviamo sarebbe estremamente pericoloso. Talmente pericoloso che il fatto in se della retrocessione sarebbe il meno.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  36. ...ed ora Silenzi !!! - 2 settimane fa

    Chi ha seguito la partita ieri avrà ben visto che la principale differenza fra le squadre è la capacità a centrocampo di riuscire a saltare il primo uomo che arriva a pressare. Purtroppo non abbiamo nessuno in grado di farlo. Per questo si vedono molti,troppi passaggi indietro perché è l’unica soluzione che soddisfa le richieste dell’ allenatore. Con il calcio attuale,fatto di pressing alto, se non hai la capacità di palleggio rapido o giocatori tecnicamente bravi nell 1c1, non imposti nulla. Quante giocate sono iniziate da un lancio lungo di Sirigu? Quante ne ha fatte il Milan con Donnarumma? Troppe a nulla….
    Solo 2 volte la squadra è riuscita a partire palla al piede e andare in verticale: la prima verso la fine del primo tempo con Lyanco che ha saltato 3 uomini forse 4 ed è arrivato nella metà campo del Milan, creando problemi ai giocatori del Toro perché non sanno cosa fare in situazione così, perché non capita mai!!!
    La seconda con Izzo nel secondo tempo, partito palla al piede e saltando degli avversari a metà campo.
    Sono situazioni sporadiche,fatte da difensori.Dovrebbe essere il centrocampo a farle, ma non abbiamo giocatori in grado di farlo.
    Ci vorrebbero centrocampisti con questa capacità. Ogni squadra ne ha,almeno uno.
    Tranne noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mirafiori64 - 2 settimane fa

      Non è così, oggi nel calcio moderno non è previsto saltare l’uomo al massimo lo salti in slancio, il Milan ci saltava con la rapidità di palleggio, la rapidità di palleggio dipende dalla tecnica individuale e dall’organizzazione di gioco, se un giocatore sa già cosa deve fare prima ancora che gli arriva il pallone è più veloce, vedrete che anche meite nel milan acquisira velocità, se quando ricevi il pallone hai due compagni che si smarcano il gioco è veloce e fluido, come succede all’atalanta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ...ed ora Silenzi !!! - 2 settimane fa

        Esatto,succede poche volte, soprattutto quando avviene da una palla recuperata o da intercetto di passaggio. Ma quando capita al Toro (che cmq palloni ne recupera) nessuno riparte e prova a saltare il primo avversario che arriva.
        In più,come spieghi bene tu,non si è pronti a ripartire con inserimenti efficaci o occupazione di spazi vantaggiosi.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. morantony - 2 settimane fa

          avete descritto perfettamente il nostro problema … che a differenza di altre squadre è palese e noto a tutti e quindi sarebbe anche relativamente facile porvi rimedio… e invece nulla ! L’ordine è andata in B il prima possibile!

          Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Leo - 2 settimane fa

      Concordo in parte con lei e mi limito soltanto ad alcune considerazioni che partono dal suo assunto. Anzitutto, se sono un allenatore, sono consapevole di quello che ho e che non ho a disposizione. Se vado a giocare a Milano con la prima in classifica, contro un Milan che mi si presenta a 4-2-3-1 con centrocampisti tecnici, rapidissimi e dotati di tiro micidiale mi preoccupo prima di tutto che il mio centrocampo regga l’assalto, faccia chiusure e scalate adeguate e, poi, che faccia interdizione. L’unica possibilità che ho è la ripartenza DOPO l’interdizione non l’impostazione. Spiace dirlo: come faceva Mazzarri. E infatti con Mazzarri il nostro Toro alle grandi squadre dava fastidio e le innervosiva fino ad indurle all’errore. Con centrocampisti scarsi come i nostri l’idea di portare il pallone palla al piede dalla nostra area e quella avversaria è pura UTOPIA. Ieri, a Milano, abbiamo giocato con due trequartisti (Gojak e Verdi) e una punta (Belotti). Sono sicuro che se avessimo giocato dall’inizio con un Linetty in più e un Gojak in meno quello spettacolo indecoroso del primo tempo lo avremmo evitato. Ne consegue anche una logica conseguenza per il calciomercato: se si vuole perseverare nel 3-5-2 e se, purtroppo, non è possibile comprare TORREIRA e WITSEL (magari !!!!), che si acquisti almeno qualche attaccante veloce nella ripartenza (alla GERVINHO).

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  37. Scott - 2 settimane fa

    Ridicola questa visione del futuro senza programmazione. Il futuro è solo in mano a cairo e alla sua volontà di salvare il salvabile, Ovvero prendere 3/4 calciatori di qualità ed inserirli domani stesso in una rosa imbelle, con un centrocampo da serie c, incapace di ipotizzare gioco e di eseguire anche solo un passaggio pulito, intelligente per punte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  38. Guevara2019 - 2 settimane fa

    Siamo costantemente all’ultima spiaggia,se è vero che le prossime tre partite sono fondamentali,Spezia,Benevento,Fiorentina,i mancati tre punti contro i liguri deprimeranno ulteriormente l’ambiente.

    È la partita che deciderà se ci sono ancora speranze,dopo ci potrà essere il cambio in panca e forse qualche giocatore dal mercato,che potrà incidere ben poco a mio parere.
    Sarò curioso di prendere atto del quarto salvatore in panca,se riuscirà a fare il miracolo.
    Lo sanno tutti quali siano i problemi del Toro,con la retrocessione arriverà la svendita e forse qualcuno si schioderà.
    Ci tocca sprofondare e incrociamo le dita per la rinascita.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  39. OldBull - 2 settimane fa

    Io non ho di certo la verità in tasca, mi baso sui fatti e sulle esperienze precedenti, per questo sono letteralmente terrorizzato dall’idea di una retrocessione perchè questo vorrebbe dire sparire come è successo alla Pro Patria, Alessandria ecc. Come si può pensare che con questo presidente oramai allo sbando, possa essere possibile una rifondazione per la serie cadetta e poi l’eventuale costruzione di una squadra che rimanga stabilmente in serie A? E’ impensabile…
    La retrocessione vorrebbe dire perdere quasi tutti i giocatori “validi” perdendoci anche un mare di soldi, e già questo sarebbe un dramma, certo a me se cairo perde dei soldi non me ne frega niente, ma il problema è che li perde la società, considerando poi che cairo non si affida a direttori sportivi validi ma accentra su di se ogni decisione, sia per la scelta dei giocatori che per le formule di pagamento, coi risultati che sono sotto gli occhi di tutti, e la frittata è belle che servita. A cairo gli è andata bene una volta, all’inizio quando è partito da zero acquistando il Toro per “niente” e la seconda quando ha preso Ventura, non c’è due senza tre si dice, ma questo “tre” ho paura che sarà il disastro completo.
    Ma poi, aldilà della questione calcio, e qui mi rivolgo ai torinesi, ma la città di Torino si merita tutto questo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bordeauxgranata - 2 settimane fa

      Se questo essere indegno avesse la decenza almeno di ascoltare le offerte che riceve, come la comprovata e certa di Taurinorum,allora avremmo un’alternativa da valutare su cui discutere. Ma UC si rifiuta di vendere, vuole continuare a farci del male senza motivo, io divento pazzo sapendo che una sola persona possa distruggere una società come il Toro senza che nessuno faccia nulla.
      Ma che sta succedendo all ambiente Toro?!?siamo stanchi di esistere?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Emilianozapata - 2 settimane fa

      Oldbull hai toccato il vero tasto dolente. Questa non sarà una retrocessione come le altre,ma il primo passo verso l’estinzione. Cairo venderà il vendibile e infine metterà all’asta la società. Un’asta non prevede trattativa dunque aspettiamoci il peggio.
      La città stessa non è più la Torino dell’ultima retrocessione. È una città in crisi, ripiegata su se stessa, che cerca riverberi positivi d’immagine dai vincenti, i gobbi di m…,i ronaldo e gli ovini. La crisi post Covid farà il resto. No, non ci sarà più spazio per il Toro in A. Ma io dico: meglio la c da, Toro che la a come vacca.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. OldBull - 2 settimane fa

        E’ un discorso che è stato già fatto anni addietro: “Meglio vedere i colori granata in un campo di serie C che l’estinzione” ma non funziona così. Il problema del Toro è l’essere stato una grande, e questo ci penalizza perchè, almeno finchè saranno in vita quelli che il Toro, quello vero l’hanno visto, non ci adatteremo a giocare il lega Pro, MAI!
        Probabilmente quando quelli come me non ci saranno più e nessuno si ricorderà più del Toro, allora quel discorso sarà accettato, ma adesso NO!
        E’ un po’ come la questione dell’Olocausto, finchè saranno ancora vivi quelli che nei campi ci sono stati, se ne parlerà e si ricorderà, quando quelli non ci saranno più, non si ricorderà più e magari si accetterà che non sia mai successo…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Emilianozapata - 2 settimane fa

          Ho molta stima per quanto esprimi e comprendo. Tra te e me forse non so chi sia il più “old”. Io sono nato 10 anni dopo Superga da una famiglia metà meridionale e metà torinese. Da entrambe le parti il Toro era venerato come un mito e vissuto come una fede. Una roba quasi cromosomica. Quindi ho fatto in tempo a vedere tutto il meglio e il peggio del Toro post Superga. Sino a un po’ di tempo fa anche io la pensavo come te. Ma ho visto tante cose nascere e molte altre finire in questi 61 anni, cose che non necessariamente hanno a che fare col calcio e con il Toro. Molte cose scomparse sono state letteralmente soppresse e tante di queste le stiamo già rimpiangendo. Ora temo che sia il nostro turno. Finiscono anche le religioni

          Rispondi Mi piace Non mi piace
        2. Emilianozapata - 2 settimane fa

          Spesso si paragonano questi nostri tempi alla fine dell’impero romano. Tra le altre cose, si sviluppo’ anche in occidente il monoteismo che in pochi secoli divoro’ il politeismo. Ma non solo. I più gravi danni alle arvhitetture e alle opere classiche non vennero causato dai cosiddetti barbari, bensì dai cristiani più fanatici quando la loro diventò l’unica religione ammessa. Furonp anche responsabili anche dell’incendio della Biblioteca di Alesssndria. Con orrore vedo che anche noi granata siamo ormai quasi ridotti alla clandestinità.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  40. Torello di Romagna - 2 settimane fa

    Ma cosa deve ancora succedere per rendersi conto che la situazione è drammatica . Numeri allucinanti (9 sconfitte su 17 , 35 gol subiti , 0,6 punti a partita) e soprattutto squadra spenta e alla deriva senza guida tecnica (GP ha il record anche in fatto di esoneri quindi non poi così un gran maestro) per questo”gran bel Toro che sta nascendo” .
    Se aspettiamo anche queste tre partite , probabilmente , la situazione sarà irreparabile .
    Il Genoa è intervenuto in tempo e sta raddrizzando la stagione noi invece nessun intervento sul mercato e mister in totale confusione … È vero che manchiamo di qualità da tempo ma credo che la rosa del Toro non sia paragonabile , con tutto rispetto , a quella del Crotone Spezia Genoa Benevento. La cosa più assurda è che WM (colpevole di aver avvallato l’indebolimento della squadra) con questi”brocchi ha fatto 90 (NOVANTA) punti in un anno e mezzo ….
    Serve una scossa prima possibile (Nicola , Longo , Guidolin) e calarsi già da domenica nella mentalità di dover lottare per salvarsi lasciando perdere la teoria e maestri vari ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  41. Sergio Sergio - 2 settimane fa

    La verità non c’entra nulla in queste 3 partite….perché sono mesi che manca DIGNITÀ da parte della società! Sempre e solo articoli per riempire pagine dove inserire pubblicità che non interessa a nessuno!! Ma BASTAAAAAAAA
    forza Toro……lasciatelo libero di correre grazie

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  42. bordeauxgranata - 2 settimane fa

    Pensate davvero che con Spezia e Benevento faremo prestazioni sfavillanti???il calcio é giusto, ti dà quello che meriti, concentriamo tutte le nostre “preghiere” e sforzi affinché il rifiuto si faccia da parte e ci dia modo di risorgere nuovamente.
    Non farà calciomercato,continuerà a disinteressarsi del nostro Toro e continuerà a prenderci per il naso. Non c’è più tempo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  43. michelebrillada@gmail.com - 2 settimane fa

    un luridume totale ti fanno passare la voglia persino di guardare la partita in abbonamento sky è una vergogna siamo allo sbando totale e sento un allenatore nel pallone dire che nel primo tempo non abbiamo giocato ma nel secondo che cosa è successo ,che il milan ha rallentato il pressing nella nostra metà campo e quindi abbiamo potuto giocare qualche pallone in piu ma senza mai tirare in porta è una disfatta totale via veloce gianpaolo altrimenti è serie B sicura

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  44. DNAbul - 2 settimane fa

    Purtroppo anch’io non ho soluzioni in merito e non riesco a vedere la luce per questa squadra. A parte la società…e preferisco non esprimermi…, abbiamo un allenatore che non è un motivatore…( e questa squadra ne avrebbe bisogno) ha le sue idee che non c’entrano nulla con questo Toro, abbiamo giocatori che nonostante l’impegno sono oramai scarichi e spesso giocano in ruoli diversi dai loro, non si parla di acquisti interessanti per il bene della squadra..che dire.. se non che Dio ce la mandi buona…!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  45. Granata69 - 2 settimane fa

    Sarebbe il caso che in nostro condottiero spieghi un po meglio ai suoi giocatori la questione del passaggio in più perché, ora come ora, ha come unico risultato il fatto che tutti passano la palla al compagno a fianco o indietro. Nessuno prova un dribbling, un uno contro uno, un inserimento senza palla. Quando lo fa un solo giocatore puoi pensare che sia mancanza di personalità di quel giocatore, ma quando lo fanno tutti io una domanda me la farei.
    Goyak anonimo? Finora lo ha schierato trequartista, interno destro, seconda punta e ieri interno sinistro. Alla faccia di affiatarsi con i compagni vicini. E non gli ha mai fatto fare 90 minuti. Poi se il giocatore non rende è colpa sua ovviamente perché è poco grintoso e senza personalità.
    Il gallo è un grosso problema. Catalizza tutti i palloni, molti compagni si sentono in obbligo di dare la palla a lui ,anche quando dovrebbero evidentemente optare per un’altra soluzione, che sia un’azione personale, un tiro o un passaggio ad un altro compagno. Si fa dare palla e poi ,con tre avversari davanti, prova ugualmente il tiro , colpendo ovviamente gli stinchi di chi è davanti. Sulla qualità dei suoi stop e sulle punizioni battute sorvolo. Encomiabile per la grinta,ma un capitano non si comporta così. Ma del resto ,con un allenatore così moscio, difficile sia messo in riga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Contrabbasso Granata - 2 settimane fa

      Su Belotti sembra un’eresia, ma dovrebbe fare un po’ di panchina. Non si può tenere sempre in campo uno che sistematicamente sbaglia gli stop.
      La squadra non esce mai perchè non sa dare il tempo di uscita, non sa quando tenerla e quando invece appoggiare sul compagno vicino.
      Probabilmente è solo stanco ultimamente, ma ne sta azzeccando poche (a parte gli assist di Parma)

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. abatta68 - 2 settimane fa

        Certo, come no! L acqua non arriva e la colpa è del rubinetto! Ma per favore…. dove siete stati negli ultimi 30 anni da non capire che la cosa più semplice per fare soldi quando le cose vanno male è vendere chi ti fa fare soldi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  46. Contrabbasso Granata - 2 settimane fa

    Non sono d’accordo, come al solito tutti i commenti sulla partita esulano completamente da analisi calcistiche, che poi essendo lo sport in questione il calcio, è quantomeno strano.

    Purtroppo la partita aveva solo una chiave tattica possibile: il Milan poteva esclusivamente provare a chiudere la partita nel primo tempo, perchè l’11 titolare in campo ieri era tutto tranne che scarso, ma senza riserve non potevano che mollare presto. Noi siamo effettivamente entrati molli, ma credo sia anche una questione fisica, perchè si nota che nessuno dei nostri riesce mai a essere più veloce dell’avversario. Nonostante ciò, per l’ennesima volta loro hanno fatto 1 tiro e 1 gol.
    Per me Giampaolo ha toppato nel mettere Gojak titolare, non è una mezzala che sappia difendere basso. Il Milan l’ha chiusa con un rigore che è più che dubbio. Poi hanno smesso completamente di giocare, cone era ovvio.
    ARBITRO pessimo. Perchè ha sbagliato tutto, punto. Uno così tra gli amatori esce con un occhio nero, arrogante e incapace.
    Voglio ricordare poi che il Milan è primo, e partite così senza episodi non le vinci (traversa, decisioni dubbie).
    Statistiche: non si può commentare senza giardarle: abbiamo tirato di più (io personalmente mi rifiuto di conteggiare il tiro di Kessie nato da un contropiede lanciato dall’ARBITRO, mai visto prima).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  47. Messere Granata - 2 settimane fa

    Questa Squadra, per salvarsi, non avrebbe bisogno di alcun rinforzo. Ma di idee chiare. Tutte le altre hanno un modulo, una formazione base e un gioco. Noi stiamo ancora pasticciando alla ricerca di non si sa di cosa, di chi e di come. Il Genoa con Ballardini è migliorato, Spezia e Benevento hanno un’identità e noi ancora a chiederci chi “siamo”? Tempo scaduto. Giampaolo è pagato non per commentare le gare, questo lo facciamo noi “a gratis”, ma per evitare che il Torino giochi un primo tempo vergognoso come ieri sera. E in questo non è bravo. Direi male. Direi basta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Contrabbasso Granata - 2 settimane fa

      Infatti i commenti “ a gratis” sono di solito illeggibili per i contenuti senza senso.
      E non mi riferisco al tuo in particolare, mi sono solo collegato al tema.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Toroperduto - 2 settimane fa

      Verissimo.
      Il terzo che toppa non vi fa sollevare qualche dubbio sulla responsabilità della guida tecnica?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  48. aimo.marc_150 - 2 settimane fa

    Con un presidente cosi cialtrone e un Direttore sfigato perdente cosa si poteva sperare di più. Sarà una lunga agonia fino alla serie B. Spero che ci rimettano un mucchio di soldi. Magari arriverà qualcuno che comprerà e cominceremo a giocare dei giovani che hanno voglia di farlo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  49. AleC. - 2 settimane fa

    Ragazzi buongiorno , da stanotte che ci penso perchè non riesco a trovare una soluzione, spero che qualcuno che sappia qualcosa in più mi aiuti .
    Non riesco a capire l’immobilismo del presidente, qui siamo con un piede e mezzo in b e lui e il direttore sportivo cincischiano come se fossero a metà classifica.
    Ma ha capito che se va in B per lui sarà un bagno di sangue?
    Ha capito che dei 27 giocatori in rosa ne dovrà vendere almeno 10 con minusvalenze spaventose?
    Ho capito che prenderà il paracadute, ho capito che venderà Belotti , ma a quanto lo venderà ?
    Ha capito che quando riapriranno gli stadi farà 3 abbonamenti se va bene ?
    Ha capito che sta rischiando di buttare alle ortiche quel pochissimo che ha costruito?
    Io non mi capacito.
    Gli acquisti dovevano farli il 4 Gennaio e questo parla di fine mercato.
    A fine mercato sarai di nuovo ultimo .
    Questione allenatore.
    Brav’uomo, ma Giampaolo in questo Toro non c’entra nulla.
    Hai voglia di conferenze stampa , questo oramai sta aspettando il benservito , in attesa a Giugno di trovare qualche neopromossa , perchè oramai quello è .
    Farà la fine di tutti gli allenatori passati da noi .
    Qualcuno che mi illunimi please

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  50. robinhood_67 - 2 settimane fa

    Torino – Fiorentina, 29 gennaio, è la prima di ritorno. Da qui a fine mese, lo si sapeva, si decide la stagione. Di Giampaolo, di Vagnati, del Toro. Dopo Millico, è in uscita Meite’ verso il Milan. Seguiranno Edera, uno fra Zaza e Bonazzoli, Nkoulou (Bologna?), forse anche altri. Krunic non arriverà e la società sembra escludere giocatori da altri campionati, come Gabriel Neves (purtroppo). Resta l’incrocio pericoloso fra classifica drammatica, difficoltà nel trovare giocatori adatti al gioco di Giampaolo e scarsa convinzione del tecnico in un gioco che sostanzialmente non sente suo, con questi interpreti. Sono le conseguenze della rifondazione mancata in estate, e c’è da pregare che non portino a una situazione simile alla scorsa stagione, con distonia fra società, ds, e tecnico, per arrivare al cambio in panchina a mercato chiuso. Se c’è fiducia nell’attuale staff tecnico, è il momento di agire bene e presto sul mercato, in modo coerente. Se così non sarà, vedremo altre operazioni Gojak o lastminute della disperazione, spia evidente dello scollamento societario. Le parole del dopo partita di Giampaolo sono eloquenti sulle carenze a centrocampo segnalate da mesi. Incluse quelle sui tempi di recupero di Baselli.
    Speriamo di non rivedere un film già visto la scorsa stagione a gennaio. Il finale potrebbe essere diverso e molto più amaro.
    Forza (quel che resta del ) Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  51. gian - 2 settimane fa

    Buongiorno.
    Ottanta anni, ho vissuto tutte le retrocessioni del Toro. La prima decisa dalla Famiglia, un affronto che ci si fosse imparentati e rinforzati con Talmone, azienda torinese, senza chiedere il permesso. Le altre per demeriti vari. Quando avevo i quattrini in treno dalla riviera.
    Da tempo avrei voluto scrivere d’altro, di ricordi lontani, spesso entusiasmanti, spesso amari.
    Ho vissuto l’esordio di Ferrini, Rosato, Cella, Gerbaudo, Francini,ecc. La prima con mio figlio Claudio: Torino Como ultima di campionato, esordio di Cravero con Bertoneri, talento perso per strada. Confusamente, il pianto di Denis Law a Ferrara, massacrato da Cervato, indifeso dall’arbitro, l’ultima della Farfalla, il mattino seguente sulle prime pagine la fine. Il talento umile di Moschino, il piede delicato di Bui che smistava di testa a Pupi i cross di Serino, una indimenticabile cena a tre con N.Rocco, ospiti del parroco di Cristo Re in Alba, ovviamente cuore granata.
    Lo scudetto vinto, altri rubati dai soliti ladri. Assistemmo increduli a Genova, sotto un diluvio alla vergogna di Barbaresco…
    Tornando per un attimo su questo sito mi rendo conto, con disagio, di aver vissuto in un’altra era, senza insulti, offese, aggressioni verbali. Eravamo tifosi, non odiatori seriali protetti spesso dall’anonimato di una sigla. Terrò per me montagne di ricordi, belli, brutti ma del TORO, rifiuto i quindici anni di vergogna di questa proprietà.
    Un abbraccio, un saluto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 2 settimane fa

      Grazie per le sue parole Gian.
      Fvcg

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. lake - 2 settimane fa

      Grazie!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. policano67 - 2 settimane fa

      Gian hai detto tutto.hai visto tutto del toro ma se ripudi cairo avrai mille ragioni.nn ho la tua memoria storica ma seguo il toro da pianelli presidente e con giocatori bertoneri ermini sclosa mariani e via dicendo.cairo e lo scempio diventato presidente.ha distrutto il toro come nemmeno cimminelli vi e riuscito.ci ha usato per scopo personale disimpegnandosi dall aspetto calcistico.ha sempre e solo improvvisato tranne in poche eccezzioni e i nodi so tt al pettine ora.a plusvalenze esaurite si e esaurito anche l aspetto economico.di suo nn ha mai messo un euro.anche cedendolo in b e l unico a guadagnarci e nn fara nulla per farci restare in a.questo e cairo

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. robinhood_67 - 2 settimane fa

      Gian, il suo dolore è quello di tutti i veri tifosi del Toro. La foga disordinata di alcuni è solo rabbia per la demolizione di un club, una storia, un’identità. Eravamo diversi, Gian. Vorremo restare diversi. Io fatico perfino ad accettare un Toro vestito d’azzurro a San Siro, perché la maglia granata è sacra. Forza Gian, forza Toro sempre!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    5. mirafiori64 - 2 settimane fa

      Bellissimo post, complimenti.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    6. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

      Qualche anno in meno, ma suma lì, caro e grande @gian.
      Il tuo nick mi ha fatto venire in mente che un anno abbonato nei distinti avevo il posto vicino a @ric, cuore granata del duo Ric e Gian. Guardava le partite con un piccolo binocolo da teatro, in campo andava in scena uno spettacolo. Oggi è uno scempio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. robinhood_67 - 2 settimane fa

        bella foto, @principedellazolla.Incontrati più volte allo stadio. Una volta, dopo un Toro-Milan al Comunale, incrociati fuori che scherzavano con noi tifosi. Gian rossonero, Ric granata. Una battuta dopo l’altra.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    7. faina76 - 2 settimane fa

      Grazie per quello che lei ha scritto e forza Toro.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    8. PotenzaGranata - 2 settimane fa

      Perfetto caro gian, i miei sono 10 meno dei suoi ma i concetti e i ricordi sono gli stessi.

      Mi permetto soltnto di aggiungere che il nostro TORO è morto nel momento in cui questo mascalzone fafabutto mandrogno mercenario lo ha “acquistato” per un pugno di noccioline e lo ha poi caricato di vergogna, onta, disonore, squallore, da servo, lacchè e zerbino della “famigghia”.

      Il TORO, in quelle nostre montagne di ricordi, belli e brutti, resterà per sempre indelebile e imperituro nella memoria. mentre questa società di merda chiamata cairese, guidata da un farabutto arricchito, zimbello e macchietta del campionato italiano e di tutti i campionati europei (e, perchè no, anche continentali), morirà insieme a lui e spero molto presto.

      Ossequi e un forte abbraccio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    9. gigioscal - 2 settimane fa

      Un post da brividi Gian, grazie

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    10. pandaniels - 2 settimane fa

      Grazie Gian, grazie al PrincipeDellaZolla a PotenzaGranata, i vostri post sono balsamo in queste giornate
      Io Granata del 67 di Roma, diventato tifoso di questa maglia grazie ai Gemelli del Gol e ai racconti di mio nonno romanista sul Grande Torino
      FVCG Non mollerremo mai!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  52. fabio.tesei6_13657766 - 2 settimane fa

    Cosa aspettiamo a prendere Donadoni? Stiamo solo perdendo tempo, l’esonero è inevitabile!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bacigalupo1967 - 2 settimane fa

      Cosa aspetta a prendere giocatori di qualità e sostanza.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. fabio.tesei6_13657766 - 2 settimane fa

        Ma scusa il Benevento e il Verona hanno una squadra più forte della nostra? Secondo me hanno allenatori che sanno sfruttare i giocatori che hanno.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Bacigalupo1967 - 2 settimane fa

          Secondo me si.
          Hanno giocatori sopratutto a centrocampo migliori e soprattutto hanno alle spalle una società che ha degli obiettivi precisi e definiti.
          E altra cosa non ci sono nello spogliatoio questioni in sospeso con la società

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. robinhood_67 - 2 settimane fa

            Bacigalupo1967 verità sacrosante. La società, purtroppo è retrocessa da tempo

            Mi piace Non mi piace
    2. policano67 - 2 settimane fa

      E solo un problema economico.nn puo permettersi piu di paga due allenatori e poi si smentirebbe da solo.ha preso un maestro e poi lo caccia?no.economicamente cairo manco piu la a puo mantenere.come deue farcelo capire ancora?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  53. tric - 2 settimane fa

    Abbiamo imparato da Conte (quello del Governo) la tecnica del rinvio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. policano67 - 2 settimane fa

      infatti cairo fara mercato salvo intese

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Bacigalupo1967 - 2 settimane fa

        Aspetterà il MES (male e sempre)?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. policano67 - 2 settimane fa

          MES..SI MALE DIREI

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Bacigalupo1967 - 2 settimane fa

            Non nominare Messi altrimenti il nostro presidente da 7 inizia a trattarlo x il 2029

            Mi piace Non mi piace
    2. Bacigalupo1967 - 2 settimane fa

      Speriamo la insegni anche al nostro portiere e ai nostri difensori

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  54. policano67 - 2 settimane fa

    Quando il magnate prese giampaolo in tempi nn sospetti dissi che avevamo preso un allenatore troppo alchimista e che se qualcosa andava storto ci avrebbe portato in b.poi ce stato l arrivo dei prodi rinforzi e presidente e maestro si elogiavano a vicenda.quando alcuni di noi dicevamo che sta squadra con sto mister rischiava la b venivamo derisi.ora invece?pessimisti noi o incompetente la societa?si spera in queste ultime partite ma per cosa.spezia e benevento faremo un punto e chiuderemo a 13 punti e anche se chiuderemo a 15 cambia poco.siamo alla frutta in tt i sensi.nn mi aspetto rinforzi perche le plusvalenze so finite.cairo nn mettera un euro perche nn ne ha e nn credo nemmeno piu che siamo una societa solida anzi.io penso nn abbiamo speranze di restare in a.ma senza cairo a me pure la c andrebbe bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  55. Gigiotto - 2 settimane fa

    E basta dare alibi ai giocatori partendo dal commento sulla partita di coppa italia. Si torna a San Siro per passare il turno altro che una partita ingombrante, e basta con le prossime tre partite sono quasi decisive, quante volte dobbiamo sentirlo dire ,per poi dimostrare in campo l’esatto contrario.
    Ora basta su tutto!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  56. Il_Principe_della_Zolla - 2 settimane fa

    Va beh! Sartori se la cava con poche righe, per andare all’essenziale: Cairo sveglia, e con te quell’imbarazzante dormiglione di Vagnati. Il che è cosa buona e giusta. Analisi tecniche e cavilli tattici se ne sono già sprecati a sufficienza, anche qui raramente con la lucidità e la competenza necessaria, ma al tifoso è anche permesso. Inutile tra l’altro soffermarsi sui singoli, anche se è e sarebbe un discorso importante perché proprio per “certi singoli” (che prima non giocano, poi rigiocano, poi si scoraggione e via discorrendo) abbiamo perso punti per strada, così come certi intoccabili che all’enorme quantità associano una qualità discutibile.
    Nonostante tutto, io ero e resto dalla parte di Giampaolo, l’unico con un po’ di testa in una banda di squinternati. C’è chi vede in lui la fonte di ogni male, senza accorgersi che avendo ereditato un disastro e essendo capitato in un manicomio gli ci vorranno molti mesi per rimettere le cose in piedi, con quasi certo passaggio dalla serie inferiore.
    Ci sarebbe bisogno di un Ritorno Al Futuro granata, e qui mi fermo. Giornate amare ne vivremo ancora, e tante, fino a quando resteremo in mano al finto papa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  57. LeoJunior - 2 settimane fa

    Pronto a prendermi insulti. Amo il Gallo come tutti noi. Ma temo che sia il ns problema. Una squadra scarsa non può permettersi un giocatore tanto più forte degli altri. Perché?
    1) in campo è indisciplinato perché vuole fare da solo e pensa di poter risolvere tutti I problemi. Lo fa per generosità ma non può essere in area a difendere, non può vagare per il campo a prendersi palle ingiocabili
    2) la squadra non è spronata a fare qualche tentativo di giocare perché pensa che lui risolva
    3) non può essere sostituito e fatto rifiatare
    Non facciamoci confondere dal fatto che è l’unico che fa qualche cosa, temo che l’effetto netto sia negativo.
    Quasi sempre per risolvere una situazione drammatica devi avere il coraggio di sparigliare le carte. Il cuore va messo da parte da parte e servirebbe coraggio, tanto.
    Atteso che non sono operazioni fattibili perché i giocatori non vengono da noi, ma se a gennaio ci pagassero il Gallo 50 milioni e noi comprassimo:
    Milik, Papu, Torreira… saremmo meglio o peggio di adesso?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. lake - 2 settimane fa

      Quello che scrivi è interessante e condivisibile.Tradotto in soldoni(purtroppo sono solo quelli al giorno d’oggi che regolano il calcio e quasi tutto il resto),Cairo ha tenuto il gallo come vessillo per sbandierare il suo finto coinvolgimento nella res granata,facendo con tutti gli altri manovre da plusvalenze come si è ben visto.Questo non fa altro che imputargli un’altra grave colpa,forse la peggiore per un imprenditore,il non capire quando è il momento di assumersi impopolari responsabilità con decisioni forti e coraggiose per il bene della società,anche e soprattutto a livello economico.Non è la prima volta che lo vedo sbandierare più vessilli per non scontentare nessuno,col risultato che tutti abbiamo sotto gli occhi.Una mentalità opposta a quella che mi piacerebbe incarnasse il Toro,cioè coraggio,abnegazione,vera partecipazione alla causa,anche italianità attraverso squadre giovanili che forgiano uomini,non solo calciatori.Proprio perchè al giorno d’oggi questi valori sono quasi scomparsi si crea una vasta “nicchia ecologica” a livello sociale e di immaginario che sarebbe bello fosse la nuova casa dell’essere Granata,al di là delle speculazioni.Cairo è forse il bipede meno adatto della Via Lattea.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Luciano gem - 2 settimane fa

      Concordo.
      Un Belotti così, pur grande giocatore non ci serve!
      Scoppiato e con l’ansia e la presunzione di dover/voler fare tutto Lui!
      I limiti della squadra sono lampanti.
      Gli errori di Cairo sono enormi! (Non concordo assolutamente con chi, in buona fede o strumentalizzato parla di malafede).
      Ottimo Milan, ma il primo tempo dei nostri è stato vergognoso!
      Rigore non dato ma dato, rigore concesso ma non dato, traversa…
      La prossima sarà la gara della verità! Nel 2020 l’abbiamo detto millanta volte!
      Non so cosa succederà nel mercato, non penso che buoni giocatori accettino di infilarsi in questo Bailamme!
      Penso che ci salveremo! Ne sono certo, lo spero!
      Ricordo ai più giovani ed a quelli che non hanno memoria che di periodi come questo ne abbiamo passati e superati tanti, tantissimi.
      FORZA VECCHIO CUORE GRANATA.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. Pau - 2 settimane fa

      Beh, proprio IL problema forse no, ma ho notato ieri che una volta uscito lui Verdi ha iniziato a giocare per come dovrebbe, soprattutto come movimenti e idee, ma anche come corsa e proposizione. Stessa cosa Zaza, sembrava che senza il gallo finalmente fossero liberi di giocare per come sanno. Qualcosa di simile l’ho visto anche in nazionale, Belotti esce e l’attacco inizia a girare meglio in tutti gli elementi. Lui ha questa caratteristica come dici tu, vuole fare reparto da solo e spesso svaria in quelli degli altri, spesso riesce a fare la differenza ma a volte è dannoso per troppa generosità. E’ un fuoriclasse e lo amo anche io, ma vorrei vedere qualche partita senza di lui in campo, quella di coppa italia potrebbe essere la prima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    4. Mav - 2 settimane fa

      Purtroppo vende il gallo e si mette i soldi in tasca questo è un ladrone . Pensavo di aver visto il peggio con calleri ,vidulich, goveani e Cimminelli ma al peggio non c’è mai limite, bisogna levarcelo dai coglioni a costo di retrocedere in serie C .
      Il toro è come tutte le sue aziende 2 buoni (Belotti,sirigu) la7 (Mentana,Gruber) giornali idem …il resto una marea di comparse …sta svaccando dappertutto presto finirà nell’anonimato da dove è venuto non basta spacciarsi per milanese quando uno è provinciale nell’anima.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  58. Mav - 2 settimane fa

    Il Toro è stata la fortuna ma sarà anche la tomba di Cairo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  59. CUORE GRANATA 44 - 2 settimane fa

    Caro Sartori,a mio parere,sino alla fine continueremo a ripeterci le stesse cose.Ieri sera però ho ammirato un Urbano un pò “sinistro in versione dark”.Sono certo che con tale grinta ci darà una mano per…beh..non anticipiamo il finale di questa “telenovela”carica di suspense.Sempre FVCG!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  60. g.ollin_583 - 2 settimane fa

    Indubbia la superiore qualità del Milan, anche se ieri gli mancavano almeno 4 titolarissimi, mentre il Toro era praticamente al completo. Restano questi primi o secondo tempi di blackout inspiegabili, in cui tutta la squadra si assenta. Se nelle prossime 3 partite, sulla carta alla nostra portata, non dovessero arrivare 9 punti vedo veramente come un miraggio la salvezza. Oltre ai 9 punti sarebbe bene che arrivassero un terzini sinistro come si deve, un centrocampista coi piedi molto più che buoni e una seconda punta (Kouame sarebbe ottimo, ma è già iniziato il tira e molla sulle cifre). Possibilmente gli acquisti dovrebbero essere fatti questa settimana

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy