Le pagelle di Milan-Torino 2-0: Belotti stanco e senza adeguato supporto

I voti di TN / Rodriguez sfortunato, di Singo gli unici lampi. Centrocampo granata ancora una volta senza qualità

di Gianluca Sartori, @gianluca_sarto

PAGELLE

MILAN, ITALY – JANUARY 09: Rafael Leao of Milan celebrates with teammate Jens Petter Hauge after scoring their sides first goal during the Serie A match between AC Milan and Torino FC at Stadio Giuseppe Meazza on January 09, 2021 in Milan, Italy. Sporting stadiums around Italy remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Termina Milan-Torino, gara valida per il 17° turno di Serie A, ed è il momento delle pagelle. Prima sconfitta del 2021 per il Torino, che cade meritatamente per 2-0 sul campo della capolista e, complice la vittoria del Genoa, torna in zona retrocessione. Decidono le reti di Leao e Kessie: partita mai veramente in discussione.

QUI LA CRONACA DI MILAN-TORINO 2-0

Per quanto riguarda i singoli, la palma del migliore granata va probabilmente a Sirigu per aver ridotto il passivo. Il peggior granata è forse Gojak, assolutamente in ombra nel primo tempo, ma tanti suoi compagni offrono una prestazione piuttosto mediocre.

DI SEGUITO LE PAGELLE DI MILAN-TORINO

40 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. FVCG - 2 settimane fa

    Belotti a bisogno di una spalla in attacco che non è Verdi (e se la scelta è Verdi come raccordo serve un terzo là davanti). Questa non è tanto un opinione quanto ormai una certezza suffragata dai numeri o a tre davanti oppure a due. Da solo non ha mai dato il suo meglio
    Ora sotto con lo Spezia!!!!
    FV❤️G

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Doc.Falstaff - 2 settimane fa

    Cairo è soprattutto un venditore di spazi pubblicitari, quindi per non perdere clienti non deve far indispettire le varie caste che detengono il potere economico.
    Questo discorso vale sia per la sua TV sia per il nostro Toro.
    LA7 per lui è vendita di pubblicità e tra uno spazio pubblicitario e l’altro intermezza con un po’ di programmi compiacenti e a basso costo come riempitivi.
    Stesso discorso con il Toro, lui è un venditore di spazi pubblicitari e non può dare dispiaceri ai grandi e piccoli che gli commissionano pubblicità, pena perdere clienti.
    Questa è la realtà di fatto, questo è il suo fine principale che ne condiziona le scelte da uomo piccolo piccolo del tipo che ben rappresentava Alberto Sordi nei suoi personaggi italici dell’uomo mediocre pieno di difetti stereotipati.
    Noi granata siamo finiti in mano a un soggetto così!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Gigiotto - 2 settimane fa

    Tanto di capello per il Gallo, per tutto che ha fatto per il Toro,ma personalmente penso che anche lui, tolta la grinta che ha sempre messo, è scarso tecnicamente,quindi quando viene a mancare la sua parte agonistica è un attaccante che non fa la differenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Doc.Falstaff - 2 settimane fa

    Se si ripete un gennaio come l’altro anno (aspettare per il cambio dall’alletore dopo la fine della campagna acquisti di gennaio per non comprare nessuno), allora è giunto il momento di andare veramente a buttare nel secchio dell’immondizia questo speculatore da quattro soldi di presiniente.
    Ma d’altronde cosa possiamo aspettarci da uno che ha comprato il Toro con 6500€.
    Stessa misera speculazione dell’acquisto del canale televisivo LA7 ( canale nel quale ha epurato i cavalli puro sangue di battaglia, come ad esempio Crozza, per non dispiacere ai ” palazzi che contano da sempre”, rendendo quel canale appiattito e senza ambizione per non dare fastidio a chi manovra dietro alle quinte il nostro Paese da decenni.
    Stesso discorso vale in ambito calcistico, come una fotocopia.
    Stessa mano stesso modus operandi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Doc.Falstaff - 2 settimane fa

    Partire rinunciatari è un suicidio, in particolar modo in una partita dove non avevamo nulla da perdere.
    Nell’occasione del rigore contro vedere Belotti in posizione di centrale difensivo e Verdi terzino spaesati entrambi la dice lunga su come siamo messi in campo.
    Tutto ciò a prescindere dai valori in campo tra noi e la prima in classifica.
    Napoli- Spezia
    Sampdoria-Inter
    Zebrati- Fiorentina
    Dovete…!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Doc.Falstaff - 2 settimane fa

      Docet, non ” dovete”.
      Mannaggia al correttore automatico e a me che non rileggo prima di inviare!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Alex70 - 2 settimane fa

    Tre nomi: Pulgar, Duncan, Ramirez. Almeno uno di questi tre va preso, meglio due. Le partite si vincono (e si perdono) a centrocampo, e il nostro è scarso. Il Milan vuole Meité? Vendiamoglielo, e con quei soldi compriamo uno di quei nomi sopra. Altrimenti se non compriamo giocatori dobbiamo comprare un altro allenatore. Ma a questo punto della stagione non so quanto sia conveniente. Giampaolo ha fatto 4 risultati utili consecutivi prima di cadere con la capolista in trasferta. Adesso abbiamo Spezia in casa e Benevento in trasferta, poi la Fiorentina in casa. A mio avviso la salvezza ce la giochiamo in queste tre partite più che con il Milan, che in questo momento è un’altra categoria rispetto a noi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Frenck - 2 settimane fa

    GP non vuol capire che è un artista. E tale deve fare. Dipingere scolpite la pietra. Ecc ecc. Ma non allenare. Soprattutto il toro. Ma una società seria lo prendeva e lo metteva dipingere i muri dello spogliatoio. E bon. Oggi nel primo tempo i ragazzi dovevano essere tutti incazz. Con il coltello tra i denti. E se voleva essere aggressivo subito con due punte. Belotti e Zaza. Magari verdi fare il centrocampista e smistare palle. Ma bisogna osare non abbiamo nulla da perdere. Se no metti due portieri in porta e 9 difensori. Saresti capace anche di questo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Old style - 2 settimane fa

    Il centrocampo senza Meite è ancora più spaesato e non sanno far girar palla e verticalizzare. Poi i suoi difetti li conosciamo. Ma lo rimpiangeremo come Soriano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Athletic - 2 settimane fa

    Al netto delle decisioni arbitrali, la partita l’abbiamo persa nel primo tempo, e l’abbiamo persa a centrocampo, dove ci hanno asfaltati. Ma d’altra parte con un centrocampo di qualità non eccelsa e con 2 giocatori fuori ruolo su 3, non è che ci si potesse aspettare miracoli. Lo so che sono noioso, ma se avessimo un play, Rincon potrebbe tornare nel suo ruolo, e magari era lui che poteva dare il cambio a Linetty e non Goyak che per il momento può solo fare il trequartista, perchè ha buona tecnica ma in fase di copertura è quasi nullo, non può fare l’interno di centrocampo o la mezzala che dir si voglia. Abbiamo un centrocampo da retrocessione, magari non il più scarso della serie A in quanto a qualità dei giocatori, ma decisamente il peggiore del campionato perchè male assortito. Detto questo, se non si interviene sul mercato in tempi rapidi, la retrocessione è un’eventualità che si fa sempre più concreta, partita dopo partita. Ma tanto a mister “direi bene” piace rischiare, a quanto pare.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Old style - 2 settimane fa

      Analisi perfetta, oltre ad un allenatore che gioca solo per non perdere inesorabilmente perde. Voglio farmi insultare da un po di tifosi.. Ma l’unico che riesce a verticali zare il gioco, al di là dei suoi difetti basici,è Meite. In qualche modo sa far girar la squadra. Viceversa la squadra gira su se stessa e basta. Saluti

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. inf_693 - 2 settimane fa

    sempre le solite cose centrocampo inesistente non fanno filtro non costruiscono non tengono palla… boh chissà cosa si aspetta
    cmq forza Toro cmq..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Madama_granata - 2 settimane fa

    E il dramma peggiore è che tra 72 ore (martedì sera) si ripete!!

    Detto ciò, a mio parere:
    – 6+ a Capitan Belotti. Stanco, deluso e demoralizzato, ma sempre e comunque più che sufficiente.
    Nel commento si dice che gioca troppo arretrato: chissà perché???
    Come se fosse una sua scelta, e non una necessità causata dall’imperizia dei compagni!
    – Sirigu: 6, ma i miracoli non li sa più fare!
    – Izzo 6½. In difesa esce dal campo il migliore, anche come grinta: onore a lui!
    – Bremer e Lyanco 5½: il primo fa poco, quasi non si vede; il secondo fa molto, ma spesso commette errori.
    – Rodriguez:6, non fosse altro che x le punizioni che sa tirare bene e x la sfortuna che lo perseguita! Nell’insieme: non male.
    – Singo:6+. Farà anche degli errori, ma è l’unico (Capitano escluso) che “corre, e corre veloce”, insegue gli avversari, tenta di riprendersi la palla e di ripartire! A me piace tantissimo: avessero tutti la sua voglia e il suo carisma, ed ha solo 20 anni!
    – Lukic 4½: ma era in campo? Non me ne sono accorta!
    – Gojak 4½: male, deludente, inesistente pure lui.
    – Rincon 5: fa peggio del solito, ma è stanco pure lui, e fa un lavoro che non è il suo. Con la squalifica si guadagna una settimana di riposo.
    – Segre 6+: 6 per la prestazione più che dignitosa, e (+) per il gran tiro parato purtroppo da Donnarumma
    – Linetty 6: meglio del solito, entra bene e convince.
    – Verdi 5-: 4½ per la prestazione non convincente: ha disimparato a tirare punizioni e angoli??
    Aggiungo un quarto di punto in più perché ha guadagnato il rigore, poi negato al Toro.
    – Zaza 6: non male per il poco tempo che gioca. Almeno corre e si danna sperando di riuscire a fare qualcosa.
    – Bonazzoli: 5. Entra e non si vede.
    Perché la Redazione si ostina a non dargli il voto?
    Ha di nuovo giocato 10 minuti (4+6), e un quarto d’ora la partita scorsa, ed in entrambi i casi non ha fatto nulla! Quindi, per me, due prestazioni insufficienti.

    Giampaolo:
    1) se è stato lui ad ordinare di non giocare nel primo tempo, ma solo di cercare di difendere e basta: 4
    2) se non è stato lui ad impartire quell’ordine (come pare dalle sue dichiarazioni), ma sono i suoi giocatori che sono impazziti: 6, con tutta la mia comprensione

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 27766fvcg - 2 settimane fa

      Cara Madama, molte volte sn stato d’accordo con lei, ma questa volta non riesco!!!!
      Dopo la prestazione vista ieri x un’ora, lei riesce a trovare 8 sufficienti????
      Al netto del fatto che è impossibile cambiare 5/6 giocatori a Gennaio, bisogna cambiare l’allenatore…. Sarà pure una brava persona, ma nn riesce a caricare la squadra, nn ho mai visto i nostri entrare in campo con la bava alla bocca.
      Per me è serie B sicura… ma l’allenatore è da esonerare subito.
      Se poi pure il gallo da segni di “scazzo” è proprio finita

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 2 settimane fa

        Buonasera!
        – Per ciò che riguarda i voti io tendo più a dare insufficienze “serie” (3-4-4½) a chi ha giocato veramente male, o non ha proprio avuto voglia di giocare, e 6 a chi ha comunque fatto qualcosa, impegnandosi, o dimostrando qualche giocata decente anche nelle peggiori partite.
        Non condivido il 5-5½ politico a tutti, livellando i giudizi pur di non offendere, mortificare o irritare qualche giocatore.
        Non si è mai soffermato a constatare che i 3 e i 4 non compaiono mai?
        E che, anche quelle rare volte che uno fa veramente bene (in pratica solo Belotti in certe partite) non si va mai oltre al 7-7½?
        Il divario c’è, ed io vorrei che fosse fatto notare!
        – Sull’allenatore condivido con lei, se non altro x dare una scossa alla squadra.
        Stasera ero pronta a “sparare” su Giampaolo,convinta che su suo ordine la squadra si fosse “solo” difesa nel primo tempo.
        Poi però mi ha fatto pena quando ha detto che non per suo volere la squadra non ha giocato: evidentemente non lo seguono più, non hanno piu fiducia in lui, sono demoralizzati!
        Per me servirebbe un allenatore più concreto, ed anche più carismatico ed autorevole.
        Meno “voli pindarici”, meno “Università del calcio”; più giocate semplici, concrete, ma efficaci.
        E i calciatori schierati ognuno nel ruolo che gli è più congeniale.
        Sono convinta che un buon allenatore debba comunque saper “far fuoco” con la legna di cui dispone. E la legna del Toro nel complesso non è poi così male, se la si sa o la si vuole usare al meglio!
        Mi irrita sentir dire “quello è un buon giocatore, ma non si adatta alla mia idea di calcio”. Se è un buon giocatore, tu allenatore devi servirtene e saperlo valorizzare!
        Ribadisco: per me a questo Toro che non ha fiducia in se stesso serve un allenatore meno insicuro, più spavaldo, che non parta già lui con paura di non fare risultato, e che non schieri la squadra “per non perdere”, bensì x vincere.
        Quando però ho detto queste cose ho ricevuto dissensi e bacchettate da molti co-tifosi, che mi chiamano la fustigatrice, la castigatrice degli allenatori granata!
        Ora: se altri la pensano come me, e visti i risultati (non solo il 2-0, ma proprio il gioco prodotto in campo), allora forse non avevo tutti i torti!

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Kieft - 2 settimane fa

      Giampaolo ha ordinato ai giocatori del Torino di non giocare ? O i giocatori del Torino sono entrati rinunciatari ? Mi viene da ridere …. il toro è entrato in campo concentrato e con grinta come tutte le partite di quest’anno ( tranne con il Crotone dove erano cotti dalla partita con il Genoa) …..la verità è che la nostra squadra è modesta come lo era con Mazzarri…..una volta tolti Ljiaic iago falque e baselll siamo tornati ad essere una squadra che fatica a fare 40 punti a campionato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Madama_granata - 2 settimane fa

        Normalmente i giocatori fanno in campo ciò che il Mister ha loro ordinato.
        1, 2,3 possono non ascoltare, sbagliare, fare di testa loro, ma tutta la squadra mi sembra impossibile!
        Detto ciò, giusto credere a ciò che sostiene Giampaolo (primo tempo sterile, gioco solo in difesa, assurdo e suicida non per suo volere), ma la cosa, mi permetta, è quanto mai singolare, rara, anomala.
        E, se le cose stanno così, si avvalora ancor più la tesi di quelli che dicono che ormai la squadra non segue più i “dictat” dell’allenatore

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Kieft - 2 settimane fa

          La squadra non è in grado si seguire i tictat di Giampaolo perché non ha ne qualità ne caratteristiche adatte a fare quello che vorrebbe l’allenatore ….. ci sono giocatori forti e giocatori mediocri …i nostri non sono forti

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Granatadoc - 2 settimane fa

    E se si provasse il 4321?
    Al netto del fatto che manca un regista, si avrebbero 2 risultati:
    1. Belotti che fa la punta
    2. Verdi e Gojak nei loro ruoli.

    P.S. Al Genoa hanno cambiato solo l’allenatore ….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Athletic - 2 settimane fa

      Se non sistemano la squadra facendo mercato puoi anche fare il famoso 5-5-5, ma i risultati non cambierebbero.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. ALELUX777 - 2 settimane fa

    I risultati venuti col 352 sono il frutto di buone prove difensive ma con la palla al piede non sanno che fare, sono fermi e quando vedi Belotti che viene a prender palla a metà campo e cerca di scartare tutti sembra di vedere la squadra della parrocchia che gioca al campetto Dell oratorio… Nel secondo tempo il Milan è calato e qualcosa in più abbiam fatto ma non era serata dai. Servirebbero almeno 3 vittorie consecutive, ma senza una vera spalla per Belotti e almeno un uomo d’ordine a centrocampo è difficile anche se gira la difesa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. leggendagranata - 2 settimane fa

    Ancora una volta Giampaolo sbaglia formazione: ripropone a centrocampo la coppia-fotocopia Gojak-Lukic (ribadisco fotocopia, ha lo spesso passo, cioè abbastanza lento, discreta tecnica, ma mai un assist, mai un’ incursione efficace, mai un tiro), sfrutta Belotti come tuttofare (che così arriva alla quinta giornata consecutiva senza gol) e non gli dà una spalla vera (non è sicuramente Verdi, ma semmai Zaza), tiene in panchina Segre, Ansaldi, Zaza e ‘Nkoulou (che, lo ripeto per l’ ennesima volta, è meglio di Lyanco). E così’ contro un Milan, che senza Ibrahimovic e Chalanoglu è una squadra “normale”, nei primi 45′ facciamo pena. Lo ammette anche Giampaolo ai microfoni di Dazn: “Non si può giocare come abbiamo fatto nei primi 45′, troppi palloni indietro al portiere, nessuna iniziativa, per vincere bisogna saper essere propositivi”. Dichiarazioni che lasciano sbalorditi: ma chi è l’ allenatore di questa squadra, chi deve dare le indicazioni di gioco e farle rispettare a quelli che vanno in campo? Ho l’ impressione che Giampaolo abbia perso il polso della situazione, che si sia fatto imporre dallo spogliatoio il nuovo modulo (5-3-1-1) e che ora dica ai suoi uomini: “Vedete così non si va lontano”. Dichiarazioni analoghe le aveva già fatte dopo la partita col Verona. Oggi questo Toro dovrebbe affidarsi ai meno peggio – ‘Nkoulou, Zaza, Segre, Ansaldi – dare a Belotti la possibilità di fare quello che sa fare meglio, l’ attaccante, mettere Verdi sula fascia a servizio di due punte come aveva fatto la scorsa stagione Longo. E’ possibile che nell’azione del rigore dato al Milan, Diaz sia scappato a Verdi che faceva il terzino e sia stato urtato in area da Belotti che faceva il difensore centrale? Troppe cose non quadrano e i guai affondano le radici nella campagna acquisti suggerita da Giampaolo, che ci ha voluto uomini privi di particolari qualità (Murru, Rodriguez, Lynetti, Bonazzoli). Giampaolo ha la colpa di essere arrivato al Toro senza sapere nulla dei problemi e delle carenze di questa squadra, che comunque ha una rosa superiore alla attuale classifica. La situazione è molto complicata, si invoca una campagna acquisti di riparazione ,ma si fanno nomi di “scommesse”, come Kouame, che dopo il grave infortunio al ginocchio non sembra avere recuperato una condizione accettabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bischero - 2 settimane fa

      Minchia…. Ogni settimana sbaglia formazione secondo te. Ha fatto 3 moduli e fatto giocare cani e porci tolto millico e segre. Mi spieghi come puoi ogni gara dire che sbaglia formazione?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. robinhood_67 - 2 settimane fa

    Non è una sconfitta a San Siro con la prima in classifica che cambierà il campionato del Toro. Ad agosto ho detto che questa è una squadra da 6-7 vittorie in stagione, e non certo contro il Milan. L’analisi di Giampaolo è perfetta, e oltre al dato caratteriale sull’approccio fin troppo subito, dice altre cose significative.
    1) il Belotti generoso che si sdoppia, si trasforma anche in terzino, a questa squadra non serve, a prescindere dal rigore procurato. Serve che il Gallo lavori in altre zone del campo e abbia forza e lucidità negli ultimi 16 metri. Dove, nelle ultime due partite, ha inciso poco
    2) il calcio fin qui giocato dal Toro, Giampaolo non lo sente suo. Non ci crede neppure. Ma sa di non avere gli uomini per farlo né ora, né con il solo recupero di Baselli, che peraltro dopo un anno di inattività sarà graduale
    3) la preoccupazione per la squalifica di Rincon in una partita fondamentale per la stagione dice, piaccia o no, che Giampaolo vede poco e mal volentieri Segre in quel ruolo. Se il mercato non dovesse condizionarlo, rimetterà Meite’
    4) la palla, se qualcuno aveva dubbi, è nelle mani della società, sperando di non sprecare energie in Coppa Italia per non sbagliare la partita con lo Spezia, fondamentale come quella con il Benevento. Se la società crede in questo allenatore, o semplicemente non vuole o non può buttare 5 milioni di ingaggi dello staff tecnico, allora deve trovare sul mercato 2 centrocampisti in grado di portare qualità, palleggio e geometrie alla squadra.
    4) se così non fosse, e arrivasse il leggendario Kouame a salvare la patria, lasciando gli stessi interpreti a centrocampo, con il chiaro invito a ‘palla lunga e pedalare’, lo scollamento fra società e tecnico sarebbe evidente.
    Forza (quel che resta del) Toro!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. leggendagranata - 2 settimane fa

      Caro robinhood 67, su Belotti Giampaolo dice esattamente il contrario. Alla domanda se al Torino non manchi uno che faccia l’ attaccante vero, risponde (questo il virgolettato):”“Belotti è un generoso, ha nelle caratteristiche quel tipo di gioco. Non è che sta lì e aspetta, è un giocatore generoso. Se lo mandi sempre in profondità è un casino perché ti allunghi, per me bisogna fare sempre un passaggio in più. Non è necessario andare sempre in profondità con la palla lunga…”.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. robinhood_67 - 2 settimane fa

        Ecco, appunto. Vediamo chi arriva. Per me Giampaolo è sicuro che con questi uomini a centrocampo il passaggio in più non lo troverà mai, a prescindere dal modulo (come da dichiarazioni nel dopo partita) e lo ha detto chiaro a Vagnati e Cairo. Ora lo dice anche ai microfoni. Le parole di ieri sera mi sono sembrate chiare, così come l’elogio di Linetty per i movimenti senza palla che nel secondo tempo hanno consentito di migliorare le uscite.

        Su Belotti, a me è sembrato non gradire che si sfianchi per coprire 70 metri e dire che il suo gioco in fase difensiva e senza palla deve essere altro.
        Il che porta a due considerazioni: Belotti per la fatica accumulata ha difficoltà ora a fare salire la squadra, e cmq, secondo Giampaolo, dovrebbe ricevere palla dopo una manovra più articolata. Fra l’altro questa squadra, persi Berenger e Aina, ha sostanzialmente il solo Singo capace di strappi sulla corsa. Altri giocatori con caratteristiche di corsa, tipo Edera, Giampaolo non li ha mai visti. Sfido chiunque, d’altronde, a ricordare un’azione delle ultime partite in cui Belotti lanciato nello spazio ha rubato metri al suo difensore sulla corsa.
        L’analisi di Giampaolo a me sembra un messaggio alla società per il mercato: questi mi avete dato, ora li metto in campo come mi avete chiesto, ma vedete che di più con questi è difficile fare. Il rischio è che il club punti le poche fiches che ha non dove Giampaolo avverte la carenza ma davanti, cercando una scorciatoia che Giampaolo non sente sua perché non è quello del lancio lungo e pedalare’ il suo calcio. Se così fosse, e nella malaugurata ipotesi che nel frattempo i risultati non arrivino, leggendagranata, ci troveremmo nella stessa situazione della scorsa stagione. Cambio disperato di allenatore, appello al granatismo come medicina di ogni male, e mercato già chiuso. Spero di sbagliarmi

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Gianluca - 2 settimane fa

    Le mie pagelle: Sirigu 6; Izzo 5,5, Lyanco 5,5, Bremer 5,5; Singo 6, Lukic 5, Rincon 5,5, Gojak 5, Rodriguez 6; Verdi 5; Belotti 5. Subentrati: Murru 5,5, Segre 6, Zaza 5,5, Bonazzoli sv

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  17. Gianluca - 2 settimane fa

    Io seguo abbastanza il Milan e dico che questa sera ci siamo complicati la vita da soli. L’analisi di Giampaolo è impeccabile (45′ e 45’…io direi 40′ e 50′, perché già a fine primo tempo eravamo migliorati). Siamo partiti troppo rinunciatari, ma ci può stare in teoria come atteggiamento, però devi prendere gol su corner o su altra palla inattiva, magari su rigore. Non ti possono perforare al centro, se tu scegli di chiuderti così “a tre”, lì in mezzo. Follia! Oltretutto non c’era bisogno, perché noi ci chiudevamo così ai tempi di NK che non sa recuperare in campo aperto ed er molto breve in spazi stretti, ma adesso Bremer e Lyanco danno buone garanzie sotto l’aspetto dei recuperi in campo aperto e bisogna rischiare di più! Non si può giocare “a cinque” senza che Izzo e Bremer (mio pupillo, ma meno disinvolto a sinistra) si sgancino mai in avanti a supporto della manovra. Il Milan non era così pericoloso da doverselo portare in area in quel modo. Non appena Bremer ha messo la testa fuori al 40’… punizione di Rodriguez (dopo tiro di Bremer stesso) e traversa. Loro due tiri (uno dal dischetto) e due gol, ma un dominio assoluto, non ci piove. A quel punto abbiamo giocato con meno inutile soggezione e il Milan non è che abbia mollato, perché il terzo gol lo avrebbero segnato volentieri, ma Sirigu non so se si è sporcato i guanti nella ripresa. Io mi auguro che martedì e contro lo Spezia si possa ripartire da qui. Da una migliore occupazione della metà campo altrui, da maggiore disinvoltura e piglio. In Coppa bisogna giocarsela per qualificarsi e imparare l’atteggiamento propositivo in vista dello Spezia. E faremo anche risultato, se ci girerà un minimo bene. Ci sono anche i soliti gravi problemi offensivi sui quali non mi dilungo più, li ha spiegati bene l’ex Parma Gobbi in tv e Giampaolo ha ovviamente glissato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  18. Garnet Bull - 2 settimane fa

    Difesa non sufficiente, centrocampo molto male, attacco molto male, mister non sufficiente. Per motivi diversi oggi abbiamo giocato molto male, come troppo spesso accade

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  19. Leovigildo - 2 settimane fa

    Una domanda: solo io ho notato un atteggiamento completamente differente dei giocatori rimasti in campo una volta uscito il nostro capitano?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gianluca - 2 settimane fa

      In che senso?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Leovigildo - 2 settimane fa

        Mah, come se giocassero con piú voglia, sono stati pochi minuti, é vero, ma hanno fatto scambi di prima, si sono presi piú responsabilitá, hanno rischiato passaggi e combinazioni piú difficili…ripeto, forse é stata solo una mia impressione, FVCG

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  20. Simone - 2 settimane fa

    Rincon ha giocato meglio di Lukic. I voti dovrebbero essere invertiti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  21. Sergio Sergio - 2 settimane fa

    Premesso che il divario tecnico è importante è che il nostro rigore era UGUALE al loro….mi preoccupano 3 cose
    1: non puoi essere rinunciatario così dall’inizio sperando in un assedio senza subire reti
    2: Belotti stanco e anche un po’ sfiduciato
    3: assenza totale di spirito di gruppo , grinta e fame (per sopperire alla mancanza di tecnica)
    Con queste squadre esce il divario tecnico bassissimo del nostro centrocampo e ne soffrono tutti!
    Quindi presidente se aspetta la fine di gennaio (come ha detto) per capire cosa deve fare vuol dire che non ha nessun AMORE PER IL TORO!!!! Altrimenti mano al portafoglio e 3/4 acquisti importanti dove serve….ma purtroppo serve AMORE E PASSIONE GRANATA e sinceramente non la vedo.
    Stasera sono incazzatissimo!
    Forza Toro

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  22. GiaguaroGranata - 2 settimane fa

    Verdi 3: lui della ciambella, è il buco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pikabu - 2 settimane fa

      Buco per certo, non avrei detto della ciambella ma tu sei un signore

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  23. Frenck - 2 settimane fa

    Verdi lyanco da 4. Rodriguez 5. Belotti si stanco ma del toro6. Rincon 5.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  24. Granata nel cuore - 2 settimane fa

    Verdi non più di 4
    Rincon non più di 4
    Lyanco e Bremer non più di 5
    Tutto il resto 5
    L’unico che spicca sempre???
    CAIRO, VOTO 0

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  25. claudio sala 68 - 2 settimane fa

    Verdi 5,5? Il giocatore dovrebbe fare la differenza, stasera come sempre ha fatto pena.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Pikabu - 2 settimane fa

      Pienamente d’accordo. Irritante e perfettamente nutile. Non lo voglio più vedere!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy