Toro bravo fino all’ultimo minuto, i granata escono con onore dall’Europa

L’Editoriale di Gino Strippoli / Davvero un peccato uscire sconfitti contro il Wolverhampton e dare così l’addio all’Europa

di Gino Strippoli

Davvero un peccato uscire sconfitti contro il Wolverhampton e dare così l’addio all’Europa, perché la partita giocata ieri in Inghilterra ha dimostrato come il Toro non sia stato per nulla inferiore agli inglesi. I granata hanno disputato un’ottima partita dal punto di vista tattico, senza subire mai timore referenziale. Anzi, nei primi 20 minuti, il Torino ha fatto la partita senza paura conducendo le danze a centrocampo; peccato che mai sia riuscito a portare un uomo nella situazione di segnare e impegnare Rui Patricio, eccezion fatta sui calci da fermo.

E proprio nel momento più intenso per i granata, che stavano conducendo la gara, il Wolves ha iniziato a svegliarsi con un doppio Traoré; che al 23′ ha lasciato sul posto sia Bonifazi che Bremer. Una accelerazione tremenda e tiro potente che Sirigu ha respinto, poi al 30′ un cross rasoterra che Jimenez da posizione difficile – marcato dai due centrali granata – riesce con un guizzo a beffare sul suo palo Sirigu. Inevitabile capire come il duo Bremer-Bonifazi abbia sulla coscienza il gol per inesperienza. Ma la difesa ha poi ballato anche dopo il meritato pareggio di Belotti. Infatti, nel giro di pochi secondi, i ‘lupi’ si sono trovati nuovamente in vantaggio vanificando il bellissimo gol del ‘Gallo’ su bel servizio di Baselli direttamente su punizione. Il numero 8 granata è stato più volte protagonista in questa partita sui calci da fermo sfiorando anche il gol al 50′ con Rui Patricio che riesce a salvar in angolo l’insidioso tiro a giro.

Una difesa distratta come è successo nell’andata ed è davvero un peccato per quello che poteva essere e non è stato. Il Toro si è battuto bene con un Belotti in versione internazionale e un Zaza sempre più carattere indomabile. Peccato che quest’ultimo abbia avuto nel primo tempo su lancio di De Silvestri la possibilità di fare gol di testa, ma la sua incocciata senza alcun contrasto è stata debole. Mazzarri ha fatto bene così come in generale tutti i giocatori. Fino al 94′ i granata hanno tentato il tutto per tutto con Zaza che con un siluro ha sfiorato ancora il gol al 79′. Poi ancora Meité di destro a sfiorare il palo. Nulla si può dire sull’impegno dei giocatori. Certo è che il reparto difensivo nelle due partite ha fatto vedere gravi carenze. Bremer e Bonifazi a livello internazionale sono apparsi davvero acerbi e ingenui, e ciò è normale. Poi a questo Toro manca comunque un giocatore che sappia dare rifornimenti ai due attaccanti granata, non si può sperare sempre nel calcio da fermo o nei lanci lunghi. I granata danno così l’addio all’Europa, ma escono a testa alta perdendo contro una squadra molto più avanti nella preparazione. Poi, se vogliamo sottolineare il problema Nkoulou e il fatto che questo Toro non è stato rinforzato, allora il rammarico diventa davvero grande. Adesso la società granata deve ripartire acquistando quei giocatori di cui ha bisogno Mazzarri per fare un campionato importante.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. tororussia - 1 anno fa

    strippoli leccaculo come sartori

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. verarob_701 - 1 anno fa

    Sono contento per tutti coloro che avendo sempre meno spazio per criticare , si possono sfogare…
    Secondo loro il problema è il mancato rafforzamento VOLUTO da parte della società..
    prima sciocchezza…se i giocatori adesso li prendi spendi poco o tanto senza ricavare qualcosa dalle coppe…
    Domenica scorsa le prime squadre del campionato italiano hanno giocato praticamente con le formazioni della scorsa stagione, nonostante gli acquisti effettuati , questo vistala difficoltà al giorno d’oggi di inserire nuovi giocatori in poco tempo…In pratica contro il Toro i wolves hanno fatto lo stesso…
    oltre a questa “presunta colpa” societaria, andiamo ad analizzare le altre componenti di una doppia sfida equilibrata..
    Due squadre che sono brave ad adattarsi al gioco avversario con difese migliori degli attacchi, meglio giocare in trasferta la prima tocca a loro…(da sorteggio, non per regolamento)
    loro arrivano senza assenze noi senza Iago Lyanco e Djidji all’andata più Ansaldi e con la situazione N’Koulou che pesa su andata e ritorno.
    Tutte le decisioni arbitrali disciplinari che riguardano noi sono correttamente valutate dagli arbitri, e i nostri giocatori ammoniti e quindi ” calmati”..a loro mancano 1/2 ammoonizioni a Rui Patricio ( richiamato 5 volte in 2 partite , è stao permesso soprattutto a Vallejo il fallo sistematico su Belotti con ammonizione a fne partita all’andata, graziati , all’andata Jimenez che ha scagliato lontano il pallone a gioco fermo e contro segnalazione dell’assistente, Vinagre seul rigore , e Boly per intervento su Belotti nel primo tempo dell’andata, sul pallone ma con entrata spropositata…e ieri Moutinho dopo 15 minuti per chiara trattenuta su ripartenza e Jonny per entrata decisa su De Silvestri…giocatore ammonito in seguito…
    Hanno segnato 5 goals di cui il primo autorete “casuale” , il terzo dell’andata che con il calcio non ha nulla a che vedere per l’errore di N’Koulou, a cui si somma l’errore di Izzo saltato troppo facilmente , Izzo che ieri ha sbagliato decisamente l’uscita sul secondo gol, e parliamo di 2 intoccabili…
    Volete criticare la società, fate pure del resto ho letto commenti sulla partita di domenica in cui senza Sirigu avremmo preso 3 pere e perso la partita…peccato che senza il clamoroso errore di testa di De Silvestri e le parate di Consigli su DeSi nel primo tempo e su Belotti nel secondo ( paragonabili a quelle di Sirigu) il loro gol sarebbe arrivato su 5 a 0…..ma come dicevo all’inizio…
    non potete lamentarvi per la serie B, perche i giocatori sono tutti in prestito o sconosciuti ,perchò ogni anno vengono venduti i più forti ,…fate proprio una vita grama…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. miele - 1 anno fa

      A fine dello scorso campionato fu lo stesso Cairo a promettere 3 rinforzi di qualità e Mazzarri ribadì che al Toro quei giocatori erano necessari. Inoltre, sempre Cairo, dichiarò di voler seguire l’esempio del Grande Torino, aggiungendo ogni anno qualche pedina necessaria per migliorare l’organico. Io penso che se quello che sta cercando di fare adesso, affannosamente, l’avesse fatto ad inizio mercato, ci sarebbe stato il tempo per inserire i nuovi. Poi. certo, la jella ha fatto la sua parte con infortuni vari, ma anche in questo caso ci sarebbe stato tempo per rimediare. Se leggi i quotidiani di oggi, vedrai che non sono solo io a pensarla così, ma anche giornalisti che non possono certo essere sospettati di anticairismo. Padrone di pensarla come vuoi, ma io rimango dell’idea che se si fosse agito tempestivamente, la sfida con gli inglesi si sarebbe potuta superare, pur considerando tutte le circostanze avverse che, come al solito, si sono accanite contro. Sul fatto, poi della tua idea che quelli come me cerchino solo e sempre le magagne per criticare, non ritengo necessario rispondere.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. sylber68 - 1 anno fa

    Escono con onoreeeee!!!! Ma fatemi il piacere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. galvano - 1 anno fa

    maddai siamo seri… abbiamo giocato 20 minuti senza mai tirare in porta… due partite due sconfitte e non saremmo inferiori agli inglesi? non ci hanno surclassato perché non ne hanno avuto bisogno: mai visto i Wolves in affanno, hanno passato il turno in scioltezza cosa potevano volere di più?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Yu2 - 1 anno fa

    …solo 2 pensieri…
    1) se Meité segna il rigore in movimento del 2-2 all’86esimo ci sarebbe stato da un finale per così dire “pirotecnico”…
    2) mi manca “nonno” Moretti… potete pensarla come volete, ma con la sua esperienza non avremmo preso 5 gol dal Wolverhampton… e avrebbe preso a schiaffi Nkoulou (sempre che non lo abbia già fatto…) FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. miele - 1 anno fa

    È vero: il Toro squadra ha fatto tutto quello che gli consente il suo livello attuale, con grande impegno e poca fortuna. Di più non si può chiedere a questa squadra. La sola componente negativa ed ahimè, la più importante, è stata il comportamento di Cairo. La volpe del Monferrato ha consapevolmene evitato di rinforzare la squadra in quei ruoli noti a tutti. A queste carenze si sono sommate quelle degli infortuni e della “strana” vicenda Nkoulou che ha praticamente disarticolato la difesa già priva di Lyanco e Djidji. Ora, in due o tre giorni, cercherà di tappare qualche buco, ma sempre con estrema parsimonia, per non rischiare di organizzare una squadra troppo forte che possa puntare all’Europa. Stiamo a vedere cosa combinerà questa volta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. zaccarelli - 1 anno fa

      Vi prego spiegatemi/ci oh Voi che mettete i pollici versi al post di Miele, le motivazioni di tale gesto.
      Veramente, magari spiegando, motivando potrei vederla diversamente, ma pollice così A cazz**, non capisco…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. miele - 1 anno fa

        Ti ringrazio di cuore. È diritto di tutti dare giudizi, ma se fossero anche spiegati, sarebbe più opportuno e leale.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy