Media inglese

Media inglese

Prima che sia troppo Tardy / Torna la rubrica di Enrico Tardy: “Dobbiamo pragmaticamente abbandonare i vari “avremmo dovuto o avremmo potuto”, e rifugiarci nel cinico realismo del punticino al termine di una gara noiosa”

di Enrico Tardy

Quando Lazaroni – allenatore brasiliano della Fiorentina negli anni 90′ preso in giro dalla Gialappa ‘s – descriveva partite con poche emozioni come quella con il Cagliari, in uno mix di italo-portoghese, parlava di “parcitacica” che stava per partita tattica… Dobbiamo pragmaticamente abbandonare i vari “avremmo dovuto o avremmo potuto”, e rifugiarci nel cinico realismo del punticino al termine di una gara noiosa che solo nel finale grazie a qualche accelerazione ha generato delle pseudo occasioni.

In trasferta tutto sommato abbiamo un rendimento appropriato, d’accordo giochiamo un calcio nordico, fatto di molto fisico, poca fantasia e tecnica, ma abbiamo conseguito risultati in linea con le aspettative. È stata a tutti gli effetti la copia della gara di Bergamo. È tra le mura amiche che i nostri problemi risultano più evidenti. Pochi calciatori del Toro saltano l’uomo e questo limita le opportunità di superiorità numerica con la conseguenza di avere un numero esiguo di palle gol.

Spiace poi vedere Belotti non reggere i corpo a corpo con i difensori avversari e cadere sovente a terra, non riesco a capire, al di là dei limiti tecnici del calciatore, come mai l’atleta non sia più così esplosivo come nel recente passato. Che la forza sia con te, Gallo!


Avvocato penalista, appassionato di calcio (ha partecipato al corso semestrale di perfezionamento in diritto e giustizia sportiva presso Università di Milano), geneticamente granata, abbonato al Toro da circa trent’anni.

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Simone - 12 mesi fa

    Con l’Atalanta non abbiamo fatto un solo tiro in porta in 94′

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. prawn - 12 mesi fa

    IL problema non sono quelli che giocano che fanno pena/addormentare/incazzare, il problema e’ che vengono immancabilmente scelti, nonostante tutto.

    Bisognara’ aspettare la partita di coppa italia per vedere il gallo in panca? Con un attacco Zaza-Parigini-Edera?

    E poi cosa si dira’? Eh era una partita facile?

    Tra il sud tirol e il chievo ci passa veramente poco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. ciccio76 - 12 mesi fa

    Tutti a rimpiangere LIaljic ma quando giocava irritava tutti con i suoi chiari e scuri, luci ed ombre , più ombre che luci . Ora credo che il solo errore del Mister, se così si può definire, è il non osare mettere le 2 punte oppure giocare sule fascie con PArigini o Edera al posto di De SIlvestri. Queste soluzioni probabilmente non lo convincono in relazione all’equilibrio Che una squadra deve mantenere, Il Mister ha il polso della situazione lasciamolo lavorare per trovare la quadra, ancora nulla è perduto. In ultimo dico ciò pur non essendo un grandissimo estimatore di Mazzarri.FVCG

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Simone - 12 mesi fa

      Ljajic irritava solo te

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. toro69 - 12 mesi fa

    ritengo l’analisi sopra descritta che non fa una piega.
    Belotti sembra un’altro giocatore non riesce a tenere un corpo a corpo,non salta più di testa ma sopratutto non tiene più un pallone tra i piedi.
    involuzione completa speriamo che si riprenda con un gioco diverso, sulle fasce e con giocate in profondità.
    abbiamo bisogno della sua cresta alzata.
    FORZATORO SEMPRE

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. granata - 12 mesi fa

    Il problema del Toro è che si insiste su un modulo a una sola punta che ci rende “spuntati”. Ma è IL MODULO di Mazzarri, che non sembra saper adottare alterrnative. Sì, checcè ne dica qualcuno, col Calgiari è stata una partita noiosa, che si è accesa un pochinmo quando sono entrati Parigini e Zaza. E’ vero non si sa saltare l’ uomo, ma nemmeno giocare palla a terra con veloci triangolazioni. Si ricorre al pallone a campanile o lungo ,quasi imprendibile per l’ unica piunta, o corto, per cui il compagno non può fare lo stop a seguire, ma deve prima controllarla e metterla a terra, perdendo attimi preziosi. Oltre alla seconda punta manca un rifinitore dei piedi buoni e dal passaggio filtrante: c’ era, ma lo si è lasciato andare via. Colpa del tecnico che non ha fatto una piega e che quando il suddetto gli ha chiesto rassicurazioni circa il suo utilizzo non gliele ha date.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Claudio70 - 12 mesi fa

    Che Belotti non sia quello di un anno e mezzo fa lo abbiamo capito tutti.
    Quali siano i motivi, lo sa solo Belotti. Certo appare meno cattivo, non vorrei che i gol, la fama, lo status di simbolo del Toro non gli abbiano fatto malissimo. Non sarebbe cosi sbagliato fargli fare un po’ di panchina..

    Sul calcio nordico, non sono proprio d’accordo. Secondo me a Cagliari il Toro ha fatto una partita giusta, accelerando quando poteva dopo che il Cagliari (che comunque in casa non ha mai perso) si era chiuso bene nel 1° tempo.
    Ripetere gli errori di Parma e andare sotto nel 1º tempo sarebbe stato da stupidi.

    Poi nel calcio bisogna far gol, e quando tiri 10 volte verso la porta e non segni vuol dire che le colpe vanno ricercate là davanti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. PrivilegioGranata - 12 mesi fa

    Mi sa che il Gallo fa ben altri corpo a corpo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. giacki - 12 mesi fa

    Presidente Allenatore e giocatori si dichiarano soddisfatti. Evidentemente non ci sono ambizioni e voglia di vincere

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy